Narrativa

LA RAGAZZA GIGANTE DELLA CONTEA DI ABERDEEN

Baker Tiffany

Descrizione: C’è la misteriosa eredità di Tabitha Dyerson, la guaritrice – o maga – del paese, che sposò il Dr. Robert Morgan, un disertore della guerra civile. Gli infermi della città si radunavano attorno a Tabitha, i cui rimedi a base di erbe curavano molti più pazienti di quanto i metodi scientifici di suo marito avessero mai fatto. Si diceva che Tabitha avesse lasciato un ‘‘libro delle ombre’’, un libro da strega con le ricette di tutte le sue pozioni. Nonostante in molti lo avessero cercato, nessuno era mai riuscito a trovarlo... fino ad ora. Il lettore segue la vita di Truly, la figlia di Tabitha, i suoi tempi e le sue avventure. Le sottotrame abbondano, così come le risate, le lacrime, gli intrighi, le bugie e la magia.

Categoria: Narrativa

Editore: Zero91

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788895381374

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

 

La ragazza gigante della contea di Aberdeen di Tiffany Baker.

La vita di Truly è segnata dalla sua straordinaria dimensione fisica: già durante la gravidanza, le sue massicce rotondità hanno deformato la madre, uccidendola nel parto.

Venuta al mondo orfana, diversa e molto spesso incompresa, scoprirà dentro di sé una forza d’animo e un’indole coraggiosa che le permetteranno di affrontare le quotidiane avversità della sua semplice vita.

Cresciuta in provincia con la sorella Serena Jane, che per converso è meravigliosa e aggraziata, non riuscirà mai a superare l’ignoranza della sua insegnante delle elementari, che per prima la definisce gigantessa.

Costretta a vivere in una povera fattoria con la famiglia di una coetanea, Amelia, che l’accoglie all’abbandono del padre, segnato irrimediabilmente dall’alcol e dalla perdita della moglie, Truly impara i lavori più pesanti, riuscendo comunque a trovare una sua serenità.

 

Ma il cambiamento è dietro l’angolo, e se la sua fisicità ha segnato il suo destino, non da meno l’aspetto fisico condizionerà l’esistenza della bella Serena Jane, costretta dagli eventi a sposare il figlio del medico locale.

Una Truly giovanissima osserva “Durante tutta la mia vita, la gente non si era mai spiegata come una persona come Serena Jane potesse avere una persona come me come sorella, ma la risposta era molto semplice se ci pensate. La ragione per cui noi eravamo due opposti come l’acqua di scarico e quella di sorgente è che la bellezza non può esistere senza la bruttezza. Persino senza guardare i miei occhi color pozzanghera chiunque avrebbe notato che gli occhi di Serena Jane erano di quell’azzurro promettente dell’oceano Atlantico a luglio, ma io lo rendevo comunque una vincita sicura. Io rendevo bella mia sorella senza che lei neppure ci provasse.

La gente di Aberdeen poteva anche pensare che io fossi uno spettacolo da tener celato, ma naturalmente mi guardavano tutti. Dovevano farlo“.

In una dimensione semi onirica, la vicenda inizia a mescolare superstizione medica e un alone di magia, generato dalla leggenda delle streghe che secoli prima giunsero, edotte dei poteri delle erbe, nel villaggio, lasciando per sempre agli abitanti la consapevolezza che non solo la scienza può interferire sulla salute e la vita degli uomini.

Senza arrendersi ai pregiudizi di chi la vede diversa, Truly saprà accettare la propria unicità, cambiando le vite di chi la circonda e raccontando sempre con sguardo lucido la vita della piccola città, fino a scoprire, proprio lei, i misteri della strega Tabitha.

La storia di un’intera vita, a tratti commovente, in alcuni passaggi divertente, per nulla scontata, La ragazza gigante della contea di Aberdeen, pubblicato in Italia da Zero 91 è una lettura piacevole, adatta a tutti, ma soprattutto a chi desidera una riflessione serena sull’accettazione e sull’unicità di ciascun destino.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tiffany

Baker

Libri dallo stesso autore

Intervista a Baker Tiffany

Lino Mastromarino dialoga con Lilly

Sospettando che ci sia qualcosa di strano nella sepoltura del padre, l'adolescente Kenneth Tyler e sua sorella Corrie fanno una terribile scoperta: la bara è stata profanata. Ma scoperchiando altre tombe, capiscono che c'è di peggio: cadaveri evirati, morti composti in fogge oscene. A dedicarsi alle perverse pratiche necrofile è l'impresario funebre, Fenton Breece. Mentre sua sorella vorrebbe ricattare il becchino, Tyler è invece ossessionato dall'idea di consegnarlo al giudizio della legge e degli uomini. Deve però sfuggire a Granville Sutter, un criminale assunto da Fenton Breece per recuperare - ad ogni costo - le prove incriminanti raccolte dal ragazzo. Comincia così l'avventurosa fuga per la salvezza del giovane Tyler, un inseguimento per le tortuose lande dell'Harrikin, oscura terra di nessuno e di confine.

CREPUSCOLO

Gay William

Roma, via Puccini, 30 agosto 1970. L’avvocato Cesare Previti, all’epoca trentaseienne, arriva con la polizia sulla scena di un triplice omicidio. Tre corpi, tre vite: un viveur, una arrampicatrice sociale, un miliardario. Tre storie avvitate l’una all’altra, strette intorno a un unico asse patrimoniale. Il giovane e rampante legale romano capisce subito che a quel delitto è agganciata una delle più grandi collezioni di beni della storia d’Italia: l’eredità Casati Stampa. Luca Telese ha inseguito, con il fiuto e la tenacia del vero cronista d’inchiesta, le tracce del mega business (per Berlusconi e i suoi, naturalmente) che fu l’acquisto della villa nel 1974. Ne è uscito uno spaccato inquietante e decisamente esemplare della modalità di “condurre gli affari” da parte dell’avvocato di fiducia del Cavaliere, Previti, e del Cavaliere stesso. Sin da quei lontani anni Settanta che videro l’inizio delle loro fortune, delle loro ascese irresistibili e strettamente intrecciate.

La marchesa, la villa e il Cavaliere

Telese Luca

Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto