Romanzo storico

LA REGINA MALEDETTA

Kalogridis Jeanne

Descrizione: La sovrana è sola nei suoi appartamenti. Ha congedato anche le dame di compagnia, contravvenendo a ogni etichetta di corte: l’incontro che sta per avvenire non deve avere testimoni. Perché l’ospite di Caterina de’ Medici, quell’ometto zoppicante dai lunghi capelli grigi, è messer Nostradamus, maestro dell’occulto. A lui Caterina vuol chiedere l’interpretazione dei sogni di morte che la tormentano sin dall’infanzia, a lui vuol chiedere una rassicurazione per il futuro dei propri figli, ma soprattutto da lui vuole una spiegazione sulla trentacinquesima quartina delle Profezie, che, ne è sicura, riguarda suo marito, Enrico II di Francia, destinato a morire giovane «di crudele morte». La risposta dell’astrologo è criptica, come le sue quartine: lui scrive quello che deve, ma non pretende di comprenderne il significato. Dentro di sé però Caterina conosce la verità, chiusa in quella perla insanguinata posata sul suo cuore: il destino non può essere ingannato, e il sangue versato chiama solo altro sangue...

Categoria: Romanzo storico

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2010

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Era solo una bambina quando fu costretta a fuggire di casa con la zia Costance, sua tutrice sin dalla morte prematura dei genitori. La latitanza non ebbe però lunga durata. La notte stessa fu catturata dagli uomini che le davano la caccia.

Il suo nome è Caterina de’ Medici e il suo bisnonno era il grande Lorenzo il Magnifico.

Caterina non era una bambina come le altre: vedeva qualcosa nel sonno, aveva visioni oscure e piene di sangue e di morte.

Cosimo Ruggeri, un astrologo fiorentino che aveva previsto con settimane di anticipo il pericolo cui andava incontro la famiglia de’ Medici, fu in grado di vedere anche il glorioso futuro che attendeva Caterina e, allo stesso tempo, ebbe sentore delle grandi sofferenze che avrebbe necessariamente dovuto sopportare. Legato indissolubilmente a Caterina, Ruggeri l’accompagnerà per tutto il corso della sua vita.

Jeanne Kalogridis è molto brava a narrare le mille difficoltà che Caterina deve affrontare sia in giovinezza che dopo l’ascesa al trono di Francia.

La storia ha sempre (o almeno per molti secoli) considerato Caterina una regina oscura e sanguinaria, origine del massacro della notte di San Bartolomeo durante la quale migliaia di ugonotti furono massacrati per le strade di Parigi.

L’autrice dà una propria lettura alla vita di Caterina, descritta come una donna fortemente attaccata alla propria famiglia, per la quale è disposta addirittura a tramare col demonio.

Furono propria le sue scelte macchiate dal sangue a tormentare la vita della regina, continuamente combattuta tra il senso di colpa per le morti causate e i benefici ottenuti per la propria famiglia.

Specializzata nello scrivere romanzi storici ambientati nel rinascimento, l’opera dell’autrice risulta molto ben riuscita, sortendo l’effetto di coinvolgere il lettore nella ricerca delle verità storiche celate dietro agli eventi narrati.

Un libro consigliato agli appassionati del genere romanzo storico.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeanne

Kalogridis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kalogridis Jeanne


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Leonardo Sciascia pubblico questo romanzo nel 1961. Allora, nelle parole dell'autore stesso, . La stessa parola mafia era usata con tutte le cautele e quasi di malavoglia. Eppure noi sappiamo che proprio in quegli anni avveniva la radicale trasformazione che sposto la mafia dal mondo agrario a quello degli appalti, delle commesse e di altre realta , non piu regionali ma nazionali e internazionali. Lo scrittore Sciascia irrompe dunque in questa realta come nominandola per la prima volta. Basta leggere la pagina iniziale del Giorno della civetta per capire che essa finalmente cominciava a esistere nella parola. Sciascia sottopose il testo a un delicato lavoro di limatura, riducendolo ai tratti essenziali con l'arte del : e, visto a distanza di anni, tale lavoro si rivela piu che mai un'astuzia dell'arte. Qui infatti Sciascia ha scoperto, una volta per tutte, quel suo inconfondibile modo di narrare che non si concede ambagi e volute, ma fissa lo sguardo sempre e soltanto sulle nervature del significato, fossero anche in un minimo gesto o dettaglio. In questo senso, se Il giorno della civetta e diventato il romanzo piu popolare di Sciascia, e anche perche lo rappresenta in una forma che, nel piu piccolo spazio, raggiunge la massima densita.

Il giorno della civetta

Sciascia Leonardo

Ventiquattro racconti che ci conducono verso il nucleo più profondo della poetica di Murakami, dove piccoli fatti, all'apparenza insignificanti, rivelano universi sconosciuti eppure stranamente, magicamente famigliari.

I SALICI CIECHI E LA DONNA ADDORMENTATA

Haruki Murakami

Claudio Volpe, giovane scrittore, dialoga con una delle più note e apprezzate intellettuali italiane nel mondo, Dacia Maraini, sull’attuale e complesso tema del fine vita. Attraverso un confronto su eutanasia, suicidio assistito, testamento biologico e accanimento terapeutico, questo testo cerca di comprendere il “diritto di morire”, antitesi al “dovere di vivere”, che finisce spesso per dimenticarsi della sacralità della vita umana. Emergono riflessioni profonde e ad ampio raggio: dalla concezione odierna della morte fino al dogma scientifico della curabilità di qualunque malattia e, dunque, dell’immortalità; dalla carenza normativa italiana alle soluzioni adottate dalla Svizzera, che già da settant’anni riconosce la pratica legale dell’eutanasia; dal racconto della propria visione della morte fino alla narrazione dei casi di cronaca più attuali come quello di dj Fabo e della scrittrice francese Michèle Causse che, a settantaquattro anni, ha praticare il suicidio assistito pur non essendo malata.

Il diritto di morire

Maraini Dacia

Il canto della balena

Sobrero Corrado