Giallo - thriller - noir

La rete ombra

Ziccardi Giovanni

Descrizione: In un'aula del Tribunale di Milano, Alessandro Correnti è pronto per discutere il processo più importante della sua carriera. Ha abbandonato i panni di Deus, uno degli hacker più famosi al mondo, e ha indossato di nuovo la toga per difendere la sua cliente Lara da un'incredibile accusa di omicidio. Al momento della sentenza, però, irrompe in aula Nemesys, il più noto e inafferrabile ladro d'identità cinese, che gli consegna una busta e uno strano rotore e poi scompare di nuovo nel nulla. Mentre Deus e il suo nuovo collaboratore, Massimo Foresta, cercano di comprendere un enigma che li porterà nella parte più buia e pericolosa della rete, uno stalker vendicativo e di grande esperienza li prende di mira. Fra droni che volano sui tetti di Milano e hacker cinesi in fuga, spie straniere e criminali senza scrupoli, poliziotti dal cuore buono e ricercatori di virus informatici, ex agenti del Mossad, visionarie studiose di diritto internazionale e affascinanti criminologhe, Correnti deve sfuggire a minacce mortali e proteggere a ogni costo informazioni che potrebbero cambiare il destino del mondo. Innescherà una guerra elettronica che colpirà senza pietà tutta la città e le sue infrastrutture critiche: la metropoli diventerà ben presto terreno di caccia per i più spietati hacker del pianeta. Questa volta Deus avrà bisogno di tutta la sua abilità di hacker per sopravvivere. Soprattutto, dovrà chiedere aiuto a personaggi che riteneva sepolti per sempre nel suo oscuro passato.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marsilio

Collana: Farfalle

Anno: 2018

ISBN: 9788831729888

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La rete ombra di Giovanni Ziccardi ha per protagonista Alessandro Correnti, in arte Deus (“Faccio l’avvocato di giorno e l’hacker di notte”).
L’eroe, già protagonista de L’ultimo hacker, vive con l’inseparabile cane (“Bonanza, il mio beagle dal passato turbolento”) e ha per vicino un giudice in pensione (“Si è specializzato in tatuaggi giudiziari. Frasi e brocardi tatuati sulle braccia di operatori del diritto”).

Le sue frequentazioni risentono del profilo professionale: avvocatesse affascinanti – come Sophie, che ha una vocazione animalista (“Sto indagando sullo scandalo delle fonti segrete delle forniture di cibo per cani e per gatti usate dalle multinazionali”) – e nerd come il cinese Wang (“È lui che mi ha costruito il drone detector che tengo sempre in borsa”), e molti altri.

In una Milano ipertecnologica sorvolata da droni (“Il drone arriva volando, dall’alto come un dio o un supereroe. E vede tutto”), nel corso delle fasi finali di un processo Deus viene incaricato dal cinese Nemesys (“Uno dei ladri d’identità più famosi al mondo”) di una complicata missione: sostituire un custode (“Custode di un nodo, e di una stazione radio, della rete ombra”) della rete ombra (“Una rete chiusa, con pochi utenti, che opera all’ombra della rete principale…”).
Le avventure cyber-giuridiche di Deus si sventagliano per catturare Il Predatore, che opera tra il Bosco Verticale e piazza Gae Aulenti, e scardinare una misteriosa regia che ha obiettivi globali e inquietanti.

Per certi versi futuribile (“L’autopsia digitale del drone”) e per altri versi fantascientifico (“Il tatuaggio di un codice a barre… identifica i migliori agenti dell’esercito elettronico giapponese. Di solito ci viene tatuato quando siamo bambini, quando dimostriamo inequivocabilmente la nostra attitudine all’hacking”), il romanzo pone il lettore di fronte a inquietudini (“Il drone era… l’apoteosi della possibilità di violazione della privacy”), nuovi reati (“Oggi gran parte delle truffe in rete vengono perfezionate creando dei siti gemelli, identici in tutto e per tutto a quelli di banche, poste, assicurazioni…”) e cambiamenti di scenari (“Un esercito elettronico che potrà rivelarsi ancora più letale di quello tradizionale”) in una realtà mutante (“Oggi le nostre cantine e le nostre soffitte sono diventate digitali”) sempre più vulnerabile e manipolabile (“Tutto il mondo digitale, per i più curiosi, ha oggi le porte spalancate”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giovanni

Ziccardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ziccardi Giovanni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Io mi chiamo Silvano ma la provincia è sempre pronta a trovare un soprannome. E da Silvano a Silver la strada è breve". Con la sua voce dimessa e magnetica, sottolineata da una nota sulfurea e intrisa di umorismo amaro, il protagonista ci porta dentro una storia che, lette le prime righe, non riusciamo piú ad abbandonare. Con "Tre atti e due tempi" Giorgio Faletti ci consegna un romanzo composto come una partitura musicale e teso come un thriller, che toglie il fiato con il susseguirsi dei colpi di scena mentre ad ogni pagina i personaggi acquistano umanità e verità. Un romanzo che stringe in unità fili diversi: la corruzione del calcio e della società, la mancanza di futuro per chi è giovane, la responsabilità individuale, la qualità dell'amore e dei sentimenti in ogni momento della vita, il conflitto tra genitori e figli. E intanto, davanti ai nostri occhi, si disegnano i tratti affaticati e sorridenti di un personaggio indimenticabile. Silver, l'antieroe in cui tutti ci riconosciamo e di cui tutti abbiamo bisogno.

TRE ATTI E DUE TEMPI

Faletti Giorgio

RINASCIMENTO PRIVATO

Bellonci Maria

“Con Cairo Automobile Club, ‘Ala al-Aswani firma il suo terzo romanzo e senza dubbio la sua opera più riuscita. Fedele al principio che ha fatto il successo dei suoi libri precedenti, dipinge con maestria, tenerezza e humour un mondo che cambia e stravolge i destini individuali che, a loro volta, trasformano il mondo.” Marwan Chahine, Libération

Cairo Automobile Club

Al-Aswani Ala

Mario e Cristiana hanno superato i sessant'anni e sono divorziati da quindici. Lui è un ingegnere idraulico che si è appena trasferito a Rio de Janeiro con una giovane moglie e un figlio di poco più di un anno. Lei è rimasta a Roma con i loro due figli ormai grandi e un secondo, felice matrimonio. Un giorno, Cristiana riceve una strana lettera di Mario dal Brasile. Le scrive che si sta sentendo vecchio, che vorrebbe ritrovare un po' della perduta giovinezza scambiandosi delle lettere con lei. Dice che solo così, tornando indietro con chi si è stati giovani davvero, si può esserlo ancora. Ma quali sono, in realtà, le sue intenzioni? Attraverso le risposte di Cristiana, il lettore vedrà sfilare davanti ai suoi occhi, insieme alla storia del loro amore naufragato, i tic e i malesseri di un'intera generazione: le false utopie, la crisi del rapporto tra uomo e donna, le rivoluzioni fallite, il terrorismo, la fede politica, i molti ideali sfumati per non lasciare spazio ad altro che alla banale concretezza. E poi i rancori, i tradimenti reciproci, tutte le cose non dette che finalmente tornano a galla in modo violento, brutale, sempre senza pietà. Fino a una vera e propria resa dei conti nella quale tutte le carte, ormai, sono in tavola.

Ti spiego

Petri Romana