Narrativa

LA RICERCA DEL LEGNAME

Magliani Marino

Descrizione: «Ricordo i ragazzi con cui giocavo sui bordi del vecchio tubo di cemento che usciva dallo sfiatatoio e a noi sembrava uscisse dal mare. Cos’era un mare, allora non lo sapevamo mica. Ce ne parlavano i vecchi a ridosso, alzavano lo sguardo e noi giovani associavamo quello sguardo al mare. Era sopra di noi, di questo avevamo la certezza, e per raggiungerlo si andava attraverso le fessure fino allo sfiatatoio e lassù c’era il tombino e da qualche parte il mare.»

Categoria: Narrativa

Editore: Duepunti

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788889987780

Recensito da Stefano Costa

Le Vostre recensioni

 

L’atipica collana “Zoo ||| Scritture animali” diretta da Giorgio Vasta e Dario Voltolini, edita da :duepunti, s’arricchisce del racconto di un Autore che si conferma fondamentale per poter cogliere quella delicatezza di cui la nostra lingua letteraria è capace, Marino Magliani.

Lo scrittore ligure – olandese d’adozione – intavola una vicenda dai contorni noir-polizieschi ricreando un mondo in cui a esser vivi, sgomitanti e soprattutto narratori sono topi in grado di parlare non per interposta persona bensì in merito a quel dono che la letteratura offre sovente agli animali: quello di farsi allegoria e simbolo insieme del variare umano.

Protagonista è Fernando, topo e investigatore, al quale viene affidato l’incarico di ritrovare Rudy, giovane roditore scomparso a causa di non precisati – almeno non subito – motivi, che s’indovinano appartenere contemporaneamente alle sfere privata e sociale.

Rudy è fuggito dal suo angolo sociale per scelta consapevole e responsabile oppure è la società cui apparteneva ad averlo allontanato dai suoi stessi confini? Rudy è diventato altro da sé oppure è sempre stato “qualcosa di diverso” cui non si poteva relazionare una risposta coerente?

Per comprendere il valore di questi interrogativi Fernando avvierà indagini a tutto tondo spingendosi in ambienti legati al traffico del legname, merce pregiata per questi roditori, per arrivare oltre, fuori, in luoghi in cui la società non esiste se non come trasfigurazione del ferino: è qui che s’è stabilito un Rudy ormai neanche più topo ma essere deforme. Verrebbe da gridare, come fece Adolfo Bioy Casares, che c’è “Un leone nel parco di Palermo”. Solo che qui il “leone” di Magliani ribalta il proprio incombere sugli elementi “sani” attraverso un movimento che dal dentro (la società) procede verso il fuori (la sua stessa realizzazione nell’alienazione). È come una caccia al contrario, quella di Fernando, chiamato a ritrovare il deforme che è già oltre i confini della società nel momento in cui inizia la caccia stessa.

Su tutta la vicenda, allegorica, aleggia il nume tutelare di Bolaño che “regala” a Magliani l’input per inserire in trama il personaggio di Pepe El Tira, qui topo ex poliziotto che aiuterà Fernando – seppur da lontano, come spesso è costume dei maestri – nel momento in cui si troverà faccia a faccia con il nuovo Rudy. Senza Pepe El Tira, Fernando non riuscirebbe nell’impresa. Senza Bolaño, capiamo dalle parole di Magliani, molto di quanto qui viene raccontato avrebbe avuto un altro sapore, magari altrettanto significativo e forte ma comunque diverso.

“La ricerca del legname” è un ottimo racconto (tutta la collana ospita, seppur pubblicati in singola, racconti e non veri e propri romanzi) in cui il lettore affezionato alla penna di Magliani può ritrovare quel gusto ligure che sta negli interstizi e in immagini vivide, icastiche:

Un giorno da lassù era caduto un serpente. Scappammo via, e quando da dietro i ripari ci voltammo a guardare tirammo un sospiro perché il serpente era morto. Le ruote delle macchine gli erano passate addosso mentre tentava d’infilarsi tra le sbarre e gli avevano spezzato la frusta che hanno dentro i serpenti. Le ultime forze la usava per trascinarsi e cadere tra noi. Prima di avvicinarci e mangiarlo, aspettammo che anche i suoi nervi si quietassero e la bocca non mordesse più l’aria.

Magliani modella la comunità di questi roditori disseminando il contesto letterario di citazioni che vanno da Kafka a Biamonti – stupenda la figura del topo-passeur che non può non ricordarmi almeno i diafani orizzonti di “Vento largo” – dando prova di come nella semplicità stia il risultato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marino

Magliani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Magliani Marino

Questa è la terza avventura per l’investigatrice Stella Spada, apparsa sulla scena con “L’Ombra della Stella”, ritrovata poi in “Terra alla Terra”. Questo romanzo si svolge nella periferia estrema di Bologna, in un enorme palazzo grigio cemento, in una zona trascurata e degradata. In questo grande condominio, troppe persone negli ultimi anni sono rimaste vittime di incresciosi incidenti. Stella viene chiamata da una inquilina per indagare su queste morti, apparentemente non collegate tra loro. E Stella indaga, in quel suo modo così personale, fino alla soluzione del mistero. Nel suo percorso si appoggia al commissario Marconi, con il quale ha un rapporto di amore e odio, ma che le è indispensabile per le informazioni che le occorrono nell’indagine. Ritroviamo anche la precedente proprietaria dell’agenzia investigativa, Silvia, uccisa da Stella nel primo romanzo, che continua ad apparire accanto a lei nei momenti meno prevedibili. Molti sono i personaggi che ruotano attorno a Stella, portati all’estremo nella loro caratterizzazione, facenti parte del sottobosco di una grande città.

Grigio come il sangue

Lusetti Lorena

Al tenue chiarore della luna, le paludi che circondano la cittadella medievale di Aigues-Mortes restituiscono alle autorità il cadavere di una donna: si tratta di Deanne Bréchet, una giornalista parigina. La polizia concentra subito i sospetti su Fabienne Lacati, una giovane ricercatrice della Sorbona che si trova nel sud della Francia per un convegno sulle crociate. Le due donne, infatti, si conoscevano bene e la sera dell'omicidio molti testimoni le hanno viste litigare furiosamente nella hall dell'albergo. Determinata a provare la propria innocenza, Fabienne scopre che, nelle settimane precedenti, la giornalista era andata spesso in quella enigmatica e affascinante città-fortezza per documentarsi sui Penitenti Grigi, un antico ordine caritatevole che esiste ancora oggi. Ma l'aspetto più inquietante della vicenda è che pure Fabienne è interessata a quella confraternita, e forse non è una coincidenza se, da mesi, le negano il permesso di visitare il luogo dove sono raccolti i registri della congregazione: la Cappella dei Penitenti Grigi. È possibile che Deanne avesse scoperto un segreto scottante, custodito proprio in quella chiesa inaccessibile? La drammatica conferma arriva quando, l'uno dopo l'altro, tutti coloro che Deanne aveva contattato muoiono in circostanze misteriose. Fabienne intuisce quindi di essere in pericolo e, con l'aiuto di Daniele Ferrara, un collega italiano, si convince che l'unico modo per salvarsi la vita è andare a caccia della verità...

La cappella dei penitenti grigi

Luini Lilli

Natalia, bellezza prorompente, ribelle per natura ma madre giovanissima. Suo marito, chiuso "per indole naturale o per disperazione nei confronti di quella moglie bambina troppo bella e altrettanto indomabile, dedito al gioco e al bere". Loro figlio Renzo, sempre serio ma felice, con il privilegio di avere una madre tutta per sé quando i genitori si separano. Cominciamo a conoscerli dall'album di famiglia, quando ancora abitavano in Istria, immortalati in tanti istanti di vita felice. Poi, per tutti, viene l'esilio, che porta i loro corpi a trasferirsi in un luogo alieno, mentre la vita non vuole saperne di staccarsi dall'Istria, angolo incantato di Adriatico. Ecco, quindi, che Natalia, Renzo e gli altri personaggi si ritrovano muti nell'animo e paralizzati nei sentimenti. La voce narrante passa così prima alle case testimoni di vita ormai lontana e di desolazione presente -, poi addirittura agli oggetti - una credenza, un pettine, un orologio... -, divenuti unici depositari della memoria. Perché le anime sono rimaste altrove.

L’anima altrove

Mori Anna Maria

"Dunque realismo! - proclama l'autore nella premessa al suo romanzo - E realismo vuol dire verità, vuol dire ricerca di ciò che veramente succede, sia pur doloroso e brutto; vivisezione, fisiologia palpitante, studio della vita quale essa si mostra, senza rispetti umani e senza reticenze." E l'esortazione è decisamente messa in atto nelle pagine del volume, che sono dense di vividi personaggi - primo fra tutti, la camaleontica protagonista Nanà, che, partita da Parigi, Arrighi fa capitare "per caso a Milano sullo scorcio del 1869" - e che fotografano un mondo, quello della Milano della seconda metà dell'Ottocento, con la lucidità di chi non è disposto a nascondere proprio nulla. "...Nanà giunta a Milano non era più né poteva essere più la stessa donna ch'ella era a Parigi. Io l'ho conosciuta nei pochi mesi che stette nella mia città, l'ho studiata e ho trovato che il mutamento avvenuto in lei era cosa degnissima di studio attento e profondo, e che il mondo milanese che s'aggirava intorno a lei sarebbe stato un vero peccato mortale se lo si fosse trascurato e non si fosse pensato da alcuno a portarlo innanzi ai lettori, fotografato a caldo in una fisiologia di costumi contemporanei."

NANA’ A MILANO

Arrighi Cletto