Narrativa

LA RICERCA DEL LEGNAME

Magliani Marino

Descrizione: «Ricordo i ragazzi con cui giocavo sui bordi del vecchio tubo di cemento che usciva dallo sfiatatoio e a noi sembrava uscisse dal mare. Cos’era un mare, allora non lo sapevamo mica. Ce ne parlavano i vecchi a ridosso, alzavano lo sguardo e noi giovani associavamo quello sguardo al mare. Era sopra di noi, di questo avevamo la certezza, e per raggiungerlo si andava attraverso le fessure fino allo sfiatatoio e lassù c’era il tombino e da qualche parte il mare.»

Categoria: Narrativa

Editore: Duepunti

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788889987780

Recensito da Stefano Costa

Le Vostre recensioni

 

L’atipica collana “Zoo ||| Scritture animali” diretta da Giorgio Vasta e Dario Voltolini, edita da :duepunti, s’arricchisce del racconto di un Autore che si conferma fondamentale per poter cogliere quella delicatezza di cui la nostra lingua letteraria è capace, Marino Magliani.

Lo scrittore ligure – olandese d’adozione – intavola una vicenda dai contorni noir-polizieschi ricreando un mondo in cui a esser vivi, sgomitanti e soprattutto narratori sono topi in grado di parlare non per interposta persona bensì in merito a quel dono che la letteratura offre sovente agli animali: quello di farsi allegoria e simbolo insieme del variare umano.

Protagonista è Fernando, topo e investigatore, al quale viene affidato l’incarico di ritrovare Rudy, giovane roditore scomparso a causa di non precisati – almeno non subito – motivi, che s’indovinano appartenere contemporaneamente alle sfere privata e sociale.

Rudy è fuggito dal suo angolo sociale per scelta consapevole e responsabile oppure è la società cui apparteneva ad averlo allontanato dai suoi stessi confini? Rudy è diventato altro da sé oppure è sempre stato “qualcosa di diverso” cui non si poteva relazionare una risposta coerente?

Per comprendere il valore di questi interrogativi Fernando avvierà indagini a tutto tondo spingendosi in ambienti legati al traffico del legname, merce pregiata per questi roditori, per arrivare oltre, fuori, in luoghi in cui la società non esiste se non come trasfigurazione del ferino: è qui che s’è stabilito un Rudy ormai neanche più topo ma essere deforme. Verrebbe da gridare, come fece Adolfo Bioy Casares, che c’è “Un leone nel parco di Palermo”. Solo che qui il “leone” di Magliani ribalta il proprio incombere sugli elementi “sani” attraverso un movimento che dal dentro (la società) procede verso il fuori (la sua stessa realizzazione nell’alienazione). È come una caccia al contrario, quella di Fernando, chiamato a ritrovare il deforme che è già oltre i confini della società nel momento in cui inizia la caccia stessa.

Su tutta la vicenda, allegorica, aleggia il nume tutelare di Bolaño che “regala” a Magliani l’input per inserire in trama il personaggio di Pepe El Tira, qui topo ex poliziotto che aiuterà Fernando – seppur da lontano, come spesso è costume dei maestri – nel momento in cui si troverà faccia a faccia con il nuovo Rudy. Senza Pepe El Tira, Fernando non riuscirebbe nell’impresa. Senza Bolaño, capiamo dalle parole di Magliani, molto di quanto qui viene raccontato avrebbe avuto un altro sapore, magari altrettanto significativo e forte ma comunque diverso.

“La ricerca del legname” è un ottimo racconto (tutta la collana ospita, seppur pubblicati in singola, racconti e non veri e propri romanzi) in cui il lettore affezionato alla penna di Magliani può ritrovare quel gusto ligure che sta negli interstizi e in immagini vivide, icastiche:

Un giorno da lassù era caduto un serpente. Scappammo via, e quando da dietro i ripari ci voltammo a guardare tirammo un sospiro perché il serpente era morto. Le ruote delle macchine gli erano passate addosso mentre tentava d’infilarsi tra le sbarre e gli avevano spezzato la frusta che hanno dentro i serpenti. Le ultime forze la usava per trascinarsi e cadere tra noi. Prima di avvicinarci e mangiarlo, aspettammo che anche i suoi nervi si quietassero e la bocca non mordesse più l’aria.

Magliani modella la comunità di questi roditori disseminando il contesto letterario di citazioni che vanno da Kafka a Biamonti – stupenda la figura del topo-passeur che non può non ricordarmi almeno i diafani orizzonti di “Vento largo” – dando prova di come nella semplicità stia il risultato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marino

Magliani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Magliani Marino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Se il cancro che ti hanno diagnosticato a dodici anni, a sedici sembra in regressione è un miracolo. Ciò che la giovane Hazel ha imparato a proprie spese, però, è che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto ai coetanei, con una vita in frantumi i cui pezzi non si incastrano più. Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure, che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione per stare insieme è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.

Colpa delle stelle

Green John

Il protagonista del nuovo romanzo di Cassani è un uomo solo che non ha saputo fare i conti con il passato. E quando nella sua vita compare la giovane Iaia, che lo corteggia smaccatamente, tutti i pezzi di una quotidianità incoerente vanno a comporsi attorno a lui come in una morsa. Si può provare a nascondere il passato, ma non è il tipo di tentativo che possa andare a buon fine.

UN PO’ PIU’ LONTANO

Cassani Massimo

Napoli, così, non l'avevamo vista mai. Una città borghese, inospitale e caotica, cupa e distratta, dove ognuno sembra preso dai propri affari e pronto a defilarsi. È esattamente questo che permette a un killer freddo e metodico di agire indisturbato, di mischiarsi alla folla come fosse invisibile. "Il Coccodrillo" lo chiamano i giornali: perché, come il coccodrillo quando divora i propri figli, piange. E del resto, come il coccodrillo, è una perfetta macchina di morte: si apposta, osserva, aspetta. E quando la preda è a tiro, colpisce. Tre giovani, di età e provenienza sociale diverse, vengono trovati morti in tre differenti quartieri, freddati dal colpo di un'unica pistola. L'ispettore Giuseppe Lojacono è l'unico che non si ferma alle apparenze, sorretto dal suo fiuto e dalla sua stessa storia triste. È appena stato trasferito a Napoli dalla Sicilia. Un collaboratore di giustizia lo ha accusato di passare informazioni alla mafia e lui, stimato segugio della squadra mobile di Agrigento, ha perso tutto, a cominciare dall'affetto della moglie e della figlia. Un paria, ecco cos'è diventato, un uomo inutile e inutilizzato, seduto a una scrivania vuota e impegnato in sanguinose sfide a scopa con il computer. È il giovane sostituto procuratore incaricato delle indagini, la bella e scontrosa Laura Piras, a decidere di dargli un'occasione, colpita dal suo spirito di osservazione. E così Lojacono, a dispetto di gerarchie e punizioni, l'aiuterà a trovare il collegamento, apparentemente inesistente, tra i delitti. A scorgere il filo rosso che conduce a un dolore bruciante, a una colpa non redimibile, a un amore assoluto e struggente: perché con il suo volto luminoso o con la sua maschera più terribile, è l'amore a racchiudere il senso dei nostri giorni. In una Napoli sempre più nera e indecifrabile, si fronteggiano due figure solitarie, mosse da una determinazione incrollabile. Come in uno specchio, l'investigatore e il killer. Un nuovo capitolo dell'eterna lotta tra il bene e il male. Maurizio de Giovanni, noto al grande pubblico per le indagini del commissario Ricciardi, dà vita a un nuovo personaggio, tenebroso e umanissimo, destinato a far breccia nel cuore dei lettori, e a una storia che si inoltra con passo spedito nei meandri di una città splendida e dannata. Una storia che sembrava attendere la sua scrittura tesa, il suo sguardo coraggioso, la sua abilità di narratore per essere raccontata.

Il metodo del coccodrillo

De Giovanni Maurizio

In seguito a un terribile lutto famigliare e allo scopo di superare il suo dolore, il dottor Kurt Krausmann accetta di accompagnare un amico in un viaggio alle isole Comore. La loro barca viene attaccata dai pirati al largo della Somalia, e il viaggio "terapeutico" del medico si trasforma in un incubo. Preso in ostaggio, picchiato, umiliato, Kurt scopre un'Africa traboccante di violenza e intollerabile miseria, dove "gli dèi non hanno più pelle sulle dita a furia di lavarsene le mani". Insieme al suo amico Hans e a un compagno di sventura francese, Kurt troverà la forza per superare questa prova? Guidandoci in un viaggio sorprendentemente vivido e realistico che, dalla Somalia al Sudan, ci mostra un'Africa orientale di volta in volta selvaggia, irrazionale, saggia, fiera e infinitamente coraggiosa, Yasmina Khadra conferma ancora una volta il suo immenso talento di narratore. Magistralmente costruito e condotto, L'equazione africana descrive la trasformazione lenta e irreversibile di un europeo i cui occhi si apriranno a poco a poco alla realtà di un mondo fino ad allora sconosciuto.

L’equazione africana

Khadra Yasmina