Narrativa

LA RICERCA DEL LEGNAME

Magliani Marino

Descrizione: «Ricordo i ragazzi con cui giocavo sui bordi del vecchio tubo di cemento che usciva dallo sfiatatoio e a noi sembrava uscisse dal mare. Cos’era un mare, allora non lo sapevamo mica. Ce ne parlavano i vecchi a ridosso, alzavano lo sguardo e noi giovani associavamo quello sguardo al mare. Era sopra di noi, di questo avevamo la certezza, e per raggiungerlo si andava attraverso le fessure fino allo sfiatatoio e lassù c’era il tombino e da qualche parte il mare.»

Categoria: Narrativa

Editore: Duepunti

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788889987780

Recensito da Stefano Costa

Le Vostre recensioni

 

L’atipica collana “Zoo ||| Scritture animali” diretta da Giorgio Vasta e Dario Voltolini, edita da :duepunti, s’arricchisce del racconto di un Autore che si conferma fondamentale per poter cogliere quella delicatezza di cui la nostra lingua letteraria è capace, Marino Magliani.

Lo scrittore ligure – olandese d’adozione – intavola una vicenda dai contorni noir-polizieschi ricreando un mondo in cui a esser vivi, sgomitanti e soprattutto narratori sono topi in grado di parlare non per interposta persona bensì in merito a quel dono che la letteratura offre sovente agli animali: quello di farsi allegoria e simbolo insieme del variare umano.

Protagonista è Fernando, topo e investigatore, al quale viene affidato l’incarico di ritrovare Rudy, giovane roditore scomparso a causa di non precisati – almeno non subito – motivi, che s’indovinano appartenere contemporaneamente alle sfere privata e sociale.

Rudy è fuggito dal suo angolo sociale per scelta consapevole e responsabile oppure è la società cui apparteneva ad averlo allontanato dai suoi stessi confini? Rudy è diventato altro da sé oppure è sempre stato “qualcosa di diverso” cui non si poteva relazionare una risposta coerente?

Per comprendere il valore di questi interrogativi Fernando avvierà indagini a tutto tondo spingendosi in ambienti legati al traffico del legname, merce pregiata per questi roditori, per arrivare oltre, fuori, in luoghi in cui la società non esiste se non come trasfigurazione del ferino: è qui che s’è stabilito un Rudy ormai neanche più topo ma essere deforme. Verrebbe da gridare, come fece Adolfo Bioy Casares, che c’è “Un leone nel parco di Palermo”. Solo che qui il “leone” di Magliani ribalta il proprio incombere sugli elementi “sani” attraverso un movimento che dal dentro (la società) procede verso il fuori (la sua stessa realizzazione nell’alienazione). È come una caccia al contrario, quella di Fernando, chiamato a ritrovare il deforme che è già oltre i confini della società nel momento in cui inizia la caccia stessa.

Su tutta la vicenda, allegorica, aleggia il nume tutelare di Bolaño che “regala” a Magliani l’input per inserire in trama il personaggio di Pepe El Tira, qui topo ex poliziotto che aiuterà Fernando – seppur da lontano, come spesso è costume dei maestri – nel momento in cui si troverà faccia a faccia con il nuovo Rudy. Senza Pepe El Tira, Fernando non riuscirebbe nell’impresa. Senza Bolaño, capiamo dalle parole di Magliani, molto di quanto qui viene raccontato avrebbe avuto un altro sapore, magari altrettanto significativo e forte ma comunque diverso.

“La ricerca del legname” è un ottimo racconto (tutta la collana ospita, seppur pubblicati in singola, racconti e non veri e propri romanzi) in cui il lettore affezionato alla penna di Magliani può ritrovare quel gusto ligure che sta negli interstizi e in immagini vivide, icastiche:

Un giorno da lassù era caduto un serpente. Scappammo via, e quando da dietro i ripari ci voltammo a guardare tirammo un sospiro perché il serpente era morto. Le ruote delle macchine gli erano passate addosso mentre tentava d’infilarsi tra le sbarre e gli avevano spezzato la frusta che hanno dentro i serpenti. Le ultime forze la usava per trascinarsi e cadere tra noi. Prima di avvicinarci e mangiarlo, aspettammo che anche i suoi nervi si quietassero e la bocca non mordesse più l’aria.

Magliani modella la comunità di questi roditori disseminando il contesto letterario di citazioni che vanno da Kafka a Biamonti – stupenda la figura del topo-passeur che non può non ricordarmi almeno i diafani orizzonti di “Vento largo” – dando prova di come nella semplicità stia il risultato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marino

Magliani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Magliani Marino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È un annuncio surreale quello che un lunedì come tanti compare sul Metroquadro, rivista milanese di inserzioni immobiliari: una vecchia contessa caduta in miseria mette in vendita un loculo cimiteriale della tomba di famiglia al Monumentale di Milano. Il cliente ideale? Secondo lei il pendolare che, intrappolato ogni giorno sui treni sovraffollati che fanno la spola tra Milano e l'hinterland, troverà in quell'offerta la soluzione ai suoi problemi. Almeno fino a quando l'anziana morirà. Allora, e solo allora, l'inquilino dovrà restituirle la dimora del suo eterno riposo. Colpevole della svista che ha permesso la pubblicazione dell'inserzione è Federico Plomb, impiegato alla redazione del Metroquadro e pendolare lui stesso. Dopo aver rischiato il licenziamento per questo errore, Federico assiste inerme alle reazioni a catena che ha innescato, a partire dall'atteggiamento dei media che, dapprima interessati al lato folkloristico della vicenda, ne fanno poi oggetto di serie discussioni nei talk show. Ha inizio un nuovo fenomeno: i milanesi che possiedono un loculo trovano l'idea della contessa ottima per guadagnare, e i pendolari, stanchi delle risse quotidiane per un posto sul treno regionale, rispondono alle inserzioni. E comprano. Le leggi di mercato fanno il resto. È il boom di un nuovo mercato immobiliare.

Comodo, silenzioso, vicinanze metrò

Spinaci Antonio

Quando nel 1985 Robert Ward pubblicò Red Baker, romanzo accolto da un enorme successo di critica e vincitore del Pen West, non sapeva che il libro fosse destinato a scomparire dalle librerie per un bel po’ di tempo. Riapparve più avanti, sull’onda di un feroce passaparola. Red Baker era divenuto una sorta di oggetto di culto fra scrittori come Robert Stone, Richard Price, Michael Connelly, Cristopher Hitchens, James Crumley, Laura Lippman. Oggi Ward è autore di undici romanzi e un libro di nonfiction. Red Baker è stato paragonato a Il grande Gatsby di Fitzgerald e soprattutto a Furore di Steinbeck, per la capacità di dare voce alle classi più svantaggiate e meno rappresentate.

Io sono Red Baker

Ward Robert

Diego De Silva fa un passo a lato, si allontana dalle irresistibili vicende di Vincenzo Malinconico e ci regala una semplice storia d'amore. Semplice per modo di dire, perché la scommessa è tutta qui: nel nascondere la profondità in superficie, nel tratteggiare desideri e dolori, speranze e rovine, con poche parole essenziali, dritte e soprattutto vere. Perché, come diceva Fanny Ardant ne La signora della porta accanto, solo i racconti scarni e le canzoni dicono la verità sull'amore: quanto fa male, quanto fa bene. Solo lí si cela l'assoluto. Cosí De Silva prende i suoi due personaggi e li osserva con pazienza, li pedina, chiedendoci di seguirlo - e di seguirli - senza fare domande. La perfetta storia d'amore di due persone che si sfiorano senza incontrarsi mai. Nicola e Irene sono fatti l'uno per l'altra, ma non lo sanno. Probabilmente se ne accorgerebbero, se s'incrociassero anche solo una volta. Non dovrebbe essere difficile, visto che frequentano regolarmente lo stesso bistrot...

MANCARSI

De Silva Diego

L’imprenditrice del sesso

Fabio Brigazzi