Narrativa

LA RUOTA DEL CRICETO – di Lukas Milani

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

La ruota del criceto

Titolo: La ruota del criceto
Autore: Lukas Milani
Editore:  Edizioni Saecula
Anno: 2009 

Noi siamo così,” disse tra sé. “Brutti storti e strapazzati. Ma chi riesce ad arrivare a primavera, è per sempre.”

Piacevole e garbato romanzo, La ruota del criceto, ci regala il racconto vivace ed ironico della varia umanità che abita Kastemos, un paesino che ha la fortuna di trovarsi in una delle isole più belle della Grecia: Creta.

E’ con immediata simpatia che ci troviamo catapultati in un piccolo mondo dove la Storia, quella con la S maiuscola, quella che si racconta nei libri, si fonde indissolubilmente con le usanze, le tradizioni e le leggende locali. Kastemos è stato importante crocevia di popoli: arabi, bizantini, genovesi, veneziani, turchi hanno lasciato in questo angolo della Grecia tracce profonde, intessute nella cultura e nella vita delle persone. “Questo significava che le case erano costruite con i pezzi della storia: un capitello dorico a destra, un fregio veneziano a sinistra, qualche frammento di vaso minoico tra le pietre dei muri“.

Kastemos è un luogo dove un’umanità un poco ‘sghemba’ e senza dubbio ‘originale’ attraversa la vita con ironia e leggerezza. Dove le tradizioni e le consuetudini sono talmente radicate da diventare ‘legge'; per cui è ovvio e indiscutibile che “quando due fratelli fidanzavano due sorelle, il matrimonio andava celebrato lo stesso giorno. E nella stessa chiesa. Punto e basta“.

Il caldo torrido dell’estate attira frotte di turisti che attraversano distrattamente Kastemos; passando oltre, si immergono nella Grecia più mondana, lasciando i kastemiti alle proprie vite.

Gli abitanti di Kastemos ruotano, come in ogni piccolo centro, intorno al kafenaio (più o meno il nostro bar) dove gli uomini tracannano tsigudià (una sorta di grappa) e le donne può darsi s’incontrino a farsi leggere le carte da una strana indovina giunta al paese dall’America.

Ma Kastemos è anche un luogo di santi e di miracoli: da lì, circa duemila anni fa, è passato Aghios Ghiannis il Battista e, da allora, “nessuno cambia nome ai bambini”. Ci troviamo così di fronte ad una carrellata di indimenticabili personaggi che hanno, prima di tutto, la caratteristica comune di chiamarsi tutti, o quasi, in modo identico: Ghiannis il Pazzo, alla perenne ricerca di qualcuno da salutare, Ghiannis Pallina, che deve trovare il modo di sposare la sua amata nel più breve tempo possibile, Ghiannis Farmacopio, Ghiannis Pescatore, Ghiannis Lira…

Non si può non cogliere il profondo affetto con cui l’autore, che ha vissuto qualche anno a Kastemos, ci porta a scoprire questo angolo di paradiso dove nel mare cristallino si specchiano le sagome contorte degli ulivi; dove il sole dell’estate cuoce la pelle e la salsedine trasportata dal vento invernale corrode le porte. E’ una Creta, quella descritta da Milani, lontana dalle traiettorie del turismo di massa che tiene legati a sé i suoi figli, che lasciano l’isola “per non perdere l’appuntamento con la modernità“, ma che poi ritornano vinti da una nostalgia profonda che toglie il sonno e la gioia di vivere.

Il romanzo La ruota del criceto è risultato vincitore del Premio Microeditoria di Qualità – Sezione Narrativa, organizzato nell’ambito dell’ottava edizione della Fiera della Microeditoria di Chiari (13-15 novembre 2010) ed indetto in collaborazione con l’Associazione l’Impronta e il Sistema Bibliotecario Sud Ovest Bresciano.

{jcomments on} {nice1}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

The poetry of Menotti Lerro

Mangham Andrew

Al termine di un drammatico iter processuale durato dal 1988 al 2003 i giudici italiani hanno condannato a ventidue anni i militanti di Lotta continua Ovidio Bompressi, Giorgio Pietrostefani e Adriano Sofri per l'omicidio del commissario Luigi Calabresi avvenuto nel 1972. Eppure in Italia una parte larga e talvolta autorevole dell'opinione pubblica continua a credere nell'estraneità totale di Lc a quel delitto. Ventimila pagine di atti processuali documentano un'altra storia, un'azione che per Giampiero Mughini è nata «dalle viscere di Lotta continua», a cominciare dalla campagna implacabile condotta contro Calabresi, indicato senza alcuna verità come capro espiatorio della tragedia di piazza Fontana. Fondatore e direttore di «Giovane critica», una delle riviste che hanno modellato l'anima del Sessantotto, ex direttore responsabile di giornali provenienti dall'area di Lotta continua, a lungo lui stesso un innocentista, Mughini percorre in queste pagine un itinerario doloroso in nome della «verità» e del bilancio ideale della sua generazione.

GLI ANNI DELLA PEGGIO GIOVENTU’

Mughini Giampiero

Roma, 1605. Il giovane e sconosciuto pittore Michelangelo Merisi da Caravaggio arriva nella città delle sfarzose cattedrali e dei favolosi palazzi nobiliari per cercare fortuna. Frequenterà i bassifondi della città, le bettole più sudicie e le compagnie più violente, fino a quando gli sarà commissionata una straordinaria opera: il ritratto del Papa. Da allora, Caravaggio sarà accolto nell'entourage dei Borgia e diventerà il più acclamato artista di Roma. Ma quando si innamora di Lena, una fruttivendola, e la ritrae nei suoi dipinti come la Madonna, l'alta società ne è indignata. Rifiutandosi caparbiamente di rinunciare al suo amore, Caravaggio è costretto a lasciare la città e a cercare rifugio a Malta. Ma proprio quando si prepara a fare ritorno a Roma per sposare finalmente la sua amata, del grande pittore si perdono misteriosamente le tracce...

La profezia di Caravaggio

Rees Matt

Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García