Giallo - thriller - noir

LA SABBIA NON RICORDA

Scerbanenco Giorgio

Descrizione: Sulle spiagge dell'Adriatico un uomo giace sulla sabbia con la gola squarciata. Segue a breve un altro omicidio. L'assassino attende con pazienza che passi la tempesta ma non sa che il proprio nome è stato scritto sulla sabbia.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Garzanti

Collana:

Anno: 1963

ISBN: 9788811669395

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

La sabbia non ricorda, romanzo di Giorgio Scerbanenco, rappresenta in pieno la duplice anima dello scrittore: da un lato, un serratissimo intreccio giallo, strutturato con precisione millimetrica; dall’altro, un piano sentimentale che guida il lettore nella progressiva comprensione dei personaggi, tratteggiati nelle loro più intime sfumature.

La trama ruota intorno all’omicidio di Giovanni Masetta, meridionale emigrato in Friuli per fare fortuna, trovato morto sulla sabbia di Lignano Sabbiadoro. Le indagini, condotte dal funzionario Silvestro Lorè e dall’agente della scientifica Alberto Missaglia, sveleranno il lato oscuro dei protagonisti, portandoli verso scoperte tragiche e dolorose.

La forza del romanzo consiste nella capacità, da parte di Scerbanenco, di analizzare la psicologia dei suoi personaggi, approfondendo le loro personalità e le loro crisi, con particolare attenzione verso Michela Lorè, figlia del poliziotto Silvestro, ragazza fragile e perciò protetta dal padre e dall’amico Alberto, da sempre innamorato di lei. Una delle più belle pagine del libro è dedicata proprio alla sua sofferenza, provocata da una delusione amorosa che l’ha lasciata in uno stato di prostrazione profonda. Vale la pena di riportarla, almeno in parte: “Pensava raramente. Era quasi divenuta incapace di pensare, di leggere, di scrivere, e anche per questo non parlava. E quando pensava era peggio, perché pensava una sola cosa: alla miseria di essersi ridotta così per una tanto misera causa, un falso amore. E per un tanto misero uomo, un falso uomo. Non era stato neppure un grande, profondo, sconvolgente amore: era stata una storia penosa e ridicola, e frusta come un vecchio abito, perché accade ogni giorno, a centinaia di donne sciocche o inesperte”.

La scrittura dell’autore, secca e ripetitiva, porta il lettore quasi ad identificarsi con Michela, riuscendo a coinvolgere e appassionare. Per contro, altri personaggi sono ritratti con ferocia e disgusto: basti pensare ad Irene Prasin e a suo padre, il pregiudicato Romeo, esempi di un’umanità quasi bestiale e per questo immediatamente identificabili come polo negativo.

L’immediatezza del romanzo e la sua semplicità, unite alla grande attenzione per i più piccoli dettagli espressivi, rendono La sabbia non ricorda un’opera degna di essere ricordata.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Scerbanenco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scerbanenco Giorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Moby Dick non è soltanto il mirabile romanzo che tutti sanno: è un libro totale, dove la Balena («the Whale») sta appunto per il tutto («the Whole»). Così è una cronaca di avventure marine e un trattato esoterico, un epos dell’orrore e della meraviglia, un libro arioso e un’enciclopedia. In Italia, quest’opera inesauribile ha avuto la sorte di essere tradotta per la prima volta da uno dei nostri più importanti scrittori: Cesare Pavese. E si tratta di una traduzione che ebbe una notevole influenza su Pavese stesso e tutta la cultura italiana dei suoi anni.

Moby Dick

Melville Herman

Victoria ha paura del contatto fisico. Ha paura delle parole, le sue e quelle degli altri. Soprattutto, ha paura di amare e lasciarsi amare. C'è solo un posto in cui tutte le sue paure sfumano nel silenzio e nella pace: è il suo giardino segreto nel parco pubblico di Portero Hill, a San Francisco. I fiori, che ha piantato lei stessa in questo angolo sconosciuto della città, sono la sua casa. Il suo rifugio. La sua voce. È attraverso il loro linguaggio che Victoria comunica le sue emozioni più profonde. La lavanda per la diffidenza, il cardo per la misantropia, la rosa bianca per la solitudine. Perché Victoria non ha avuto una vita facile. Abbandonata in culla, ha passato l'infanzia saltando da una famiglia adottiva a un'altra. Fino all'incontro, drammatico e sconvolgente, con Elizabeth, l'unica vera madre che abbia mai avuto, la donna che le ha insegnato il linguaggio segreto dei fiori. E adesso, è proprio grazie a questo magico dono che Victoria ha preso in mano la sua vita: ha diciotto anni ormai, e lavora come fioraia. I suoi fiori sono tra i più richiesti della città, regalano la felicità e curano l'anima. Ma Victoria non ha ancora trovato il fiore in grado di rimarginare la sua ferita. Perché il suo cuore si porta dietro una colpa segreta. L'unico capace di estirparla è Grant, un ragazzo misterioso che sembra sapere tutto di lei. Solo lui può levare quel peso dal cuore di Victoria, come spine strappate a uno stelo. Solo lui può prendersi cura delle sue radici invisibili. Solo così il cuore più acerbo della rosa bianca può diventare rosso di passione.

IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI FIORI

Diffenbaugh Vanessa

Le stazioni del vento

Nicoletta Vinciguerra

"Io sono per il finale aperto. Diciamo che sono uno strenuo difensore dei puntini sospensivi. [...] Sono perle predisposte a diventare girocollo e ruota panoramica da Luna Park quando gli scrittori si incontrano nello stesso libro, anche se alcune storie puzzano di zolfo prevale l'essenza di zucchero filato. Un'essenza che passando per le narici arriva 'dritto al cuore'. [...] Puntini sospensivi non sono solo canzonette questi racconti. Se scrivi solo di 'testa' ti può venire un'emicrania, se scrivi di 'pancia' rischi la pancreatite, se scrivi di 'cuore' hai un fine, non una fine." (dalla prefazione di Andrea G. Pinketts) "Molti potranno pensare che sia di cattivo gusto pubblicare racconti di morti, delitti e misteri a favore dei bambini, ma abbiamo voluto indirizzare l'antologia non a chi conosce e vive l'Ospedale Bambino Gesù, ma ai lettori accaniti di un genere che non ha età. Non ci interessa che siano i genitori dei supereroi ad acquistare una copia di Dritto al Cu ore, ma speriamo che siano soprattutto i lettori che non hanno idea di cosa significhi vivere mesi e anni nell'attesa che la medicina risponda a silenziose domande di speranza." (dall'introduzione di Sira Terramano)

Dritto al cuore

Autori vari