Giallo - thriller - noir

LA SABBIA NON RICORDA

Scerbanenco Giorgio

Descrizione: Sulle spiagge dell'Adriatico un uomo giace sulla sabbia con la gola squarciata. Segue a breve un altro omicidio. L'assassino attende con pazienza che passi la tempesta ma non sa che il proprio nome è stato scritto sulla sabbia.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Garzanti

Collana:

Anno: 1963

ISBN: 9788811669395

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

La sabbia non ricorda, romanzo di Giorgio Scerbanenco, rappresenta in pieno la duplice anima dello scrittore: da un lato, un serratissimo intreccio giallo, strutturato con precisione millimetrica; dall’altro, un piano sentimentale che guida il lettore nella progressiva comprensione dei personaggi, tratteggiati nelle loro più intime sfumature.

La trama ruota intorno all’omicidio di Giovanni Masetta, meridionale emigrato in Friuli per fare fortuna, trovato morto sulla sabbia di Lignano Sabbiadoro. Le indagini, condotte dal funzionario Silvestro Lorè e dall’agente della scientifica Alberto Missaglia, sveleranno il lato oscuro dei protagonisti, portandoli verso scoperte tragiche e dolorose.

La forza del romanzo consiste nella capacità, da parte di Scerbanenco, di analizzare la psicologia dei suoi personaggi, approfondendo le loro personalità e le loro crisi, con particolare attenzione verso Michela Lorè, figlia del poliziotto Silvestro, ragazza fragile e perciò protetta dal padre e dall’amico Alberto, da sempre innamorato di lei. Una delle più belle pagine del libro è dedicata proprio alla sua sofferenza, provocata da una delusione amorosa che l’ha lasciata in uno stato di prostrazione profonda. Vale la pena di riportarla, almeno in parte: “Pensava raramente. Era quasi divenuta incapace di pensare, di leggere, di scrivere, e anche per questo non parlava. E quando pensava era peggio, perché pensava una sola cosa: alla miseria di essersi ridotta così per una tanto misera causa, un falso amore. E per un tanto misero uomo, un falso uomo. Non era stato neppure un grande, profondo, sconvolgente amore: era stata una storia penosa e ridicola, e frusta come un vecchio abito, perché accade ogni giorno, a centinaia di donne sciocche o inesperte”.

La scrittura dell’autore, secca e ripetitiva, porta il lettore quasi ad identificarsi con Michela, riuscendo a coinvolgere e appassionare. Per contro, altri personaggi sono ritratti con ferocia e disgusto: basti pensare ad Irene Prasin e a suo padre, il pregiudicato Romeo, esempi di un’umanità quasi bestiale e per questo immediatamente identificabili come polo negativo.

L’immediatezza del romanzo e la sua semplicità, unite alla grande attenzione per i più piccoli dettagli espressivi, rendono La sabbia non ricorda un’opera degna di essere ricordata.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Scerbanenco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scerbanenco Giorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Oggi vede suo padre per la prima volta. Sono diciotto anni che aspetta questo momento. Una settimana fa l'ha visto in televisione, l'ha cercato e ora eccola lì, che sposta il peso da un piede all'altro nella portineria di uno studio televisivo. Lui ha qualcosa da finire, le chiede soltanto un attimo; diciotto anni e un attimo. "Hai fatto bene a cercarmi tu, perché io non l'avrei mai fatto" le dice poi. Non ci sono abbracci. Gelido freddo invernale, dentro e fuori di lì. Ha un bel salire e scendere da autobus e tram, Lidia, per andarlo a trovare. Passano i mesi e non c'è disgelo. Ma il destino è disegnato nel cielo, ha un cappello bianco da cowboy, è da anni che la cerca dappertutto e ancora non l'ha trovata. Aspettami, non ti muovere, gli dice Lidia, ti troverò io. Va a cercarlo lontano, su una montagna a duemila metri, dove il lavoro principale è sorridere, e non fermarsi mai. E proprio lì, di colpo, una pioggia di sms cambia tutto. Per tanto tempo la vita non ha fatto che dirle no no no, dopo dopo dopo, e ora finalmente le dice sì sì sì, ora! ora! ora! Suo padre le scrive sono cambiato, prima non ero pronto e adesso sì. Adesso vuole stare con lei. Ha trovato il grande amore ed è pronto a cominciare una nuova fase della vita. Ecco come si stanno mettendo le cose. Davvero molto bene. Talmente bene che Lidia ogni due minuti si chiede: ma sarà vero? Non ci sarà qualcosa che non va? "Il mio regalo sei tu" è la storia di un amore negato: l'avventura di una piccola donna coraggiosa nelle spire di un padre serpente.

IL MIO REGALO SEI TU

Spinazzola Sarah

Nel 1987 “Presunto innocente” ha inaugurato un nuovo genere letterario, il legal thriller, destinato ad avere un grandissimo successo di pubblico. Vent’anni dopo, “Innocente” segna il ritorno di Rusty Sabich, indimenticato protagonista del primo romanzo e ora sessantenne. In queste nuove pagine di Turow un fatto terribile, la misteriosa morte della moglie di Sabich, trovata cadavere nel letto coniugale, costringerà quest’ultimo a confrontarsi con Tommy Molto, il suo accusatore di un tempo. Si tratta di suicidio o assassinio? Ancora una volta Sabich si proclama innocente, ma molte sono le ombre che si addensano sulla sua versione dei fatti e oscuri risultano i ruoli del figlio e della giovane amante di Sabich in tutta la vicenda.

INNOCENTE

Turow Scott

Yambo, il protagonista del romanzo, si risveglia dopo un incidente e scopre di aver perso la memoria. Non la memoria che i neurologi chiamano “semantica” (egli ricorda tutto di Giulio Cesare e sa recitare tutte le poesie che ha letto in vita sua), bensì quella “autobiografica”: non sa più il proprio nome, non riconosce la moglie e le figlie, non ricorda nulla della sua infanzia. La moglie lo convince a tornare nella casa di campagna, dove ha conservato i libri e i giornali letti da ragazzo, i quaderni di scuola, i dischi ascoltati allora. Così, in un immenso solaio, l’uomo rivive la storia della propria generazione, arrestandosi soltanto di fronte a due vuoti ancora nebbiosi: le tracce di un’esperienza atroce vissuta negli anni della resistenza e l’immagine vaga di una ragazza amata a sedici anni e poi perduta.

La misteriosa fiamma della regina Loana

Eco Umberto

Gli uomini muoiono e non sono felici. Un'opera teatrale di estrema tensione, in cui il delirio del potere e l'utopia della verità vengono esemplificati dal tragico destino di un imperatore pazzo e crudele.

Caligola

Camus Albert