Giallo - thriller - noir

LA SABBIA NON RICORDA

Scerbanenco Giorgio

Descrizione: Sulle spiagge dell'Adriatico un uomo giace sulla sabbia con la gola squarciata. Segue a breve un altro omicidio. L'assassino attende con pazienza che passi la tempesta ma non sa che il proprio nome è stato scritto sulla sabbia.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Garzanti

Collana:

Anno: 1963

ISBN: 9788811669395

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

La sabbia non ricorda, romanzo di Giorgio Scerbanenco, rappresenta in pieno la duplice anima dello scrittore: da un lato, un serratissimo intreccio giallo, strutturato con precisione millimetrica; dall’altro, un piano sentimentale che guida il lettore nella progressiva comprensione dei personaggi, tratteggiati nelle loro più intime sfumature.

La trama ruota intorno all’omicidio di Giovanni Masetta, meridionale emigrato in Friuli per fare fortuna, trovato morto sulla sabbia di Lignano Sabbiadoro. Le indagini, condotte dal funzionario Silvestro Lorè e dall’agente della scientifica Alberto Missaglia, sveleranno il lato oscuro dei protagonisti, portandoli verso scoperte tragiche e dolorose.

La forza del romanzo consiste nella capacità, da parte di Scerbanenco, di analizzare la psicologia dei suoi personaggi, approfondendo le loro personalità e le loro crisi, con particolare attenzione verso Michela Lorè, figlia del poliziotto Silvestro, ragazza fragile e perciò protetta dal padre e dall’amico Alberto, da sempre innamorato di lei. Una delle più belle pagine del libro è dedicata proprio alla sua sofferenza, provocata da una delusione amorosa che l’ha lasciata in uno stato di prostrazione profonda. Vale la pena di riportarla, almeno in parte: “Pensava raramente. Era quasi divenuta incapace di pensare, di leggere, di scrivere, e anche per questo non parlava. E quando pensava era peggio, perché pensava una sola cosa: alla miseria di essersi ridotta così per una tanto misera causa, un falso amore. E per un tanto misero uomo, un falso uomo. Non era stato neppure un grande, profondo, sconvolgente amore: era stata una storia penosa e ridicola, e frusta come un vecchio abito, perché accade ogni giorno, a centinaia di donne sciocche o inesperte”.

La scrittura dell’autore, secca e ripetitiva, porta il lettore quasi ad identificarsi con Michela, riuscendo a coinvolgere e appassionare. Per contro, altri personaggi sono ritratti con ferocia e disgusto: basti pensare ad Irene Prasin e a suo padre, il pregiudicato Romeo, esempi di un’umanità quasi bestiale e per questo immediatamente identificabili come polo negativo.

L’immediatezza del romanzo e la sua semplicità, unite alla grande attenzione per i più piccoli dettagli espressivi, rendono La sabbia non ricorda un’opera degna di essere ricordata.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Scerbanenco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scerbanenco Giorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Il turno" anticipa le prove più mature di Pirandello romanziere. E' un perfetto congegno narrativo in cui il caso, nel ruolo di protagonista, vanifica puntualmente le iniziative dei personaggi ridotti ad automi della "sciocca fantocciata che chiamiamo vita".

Il turno

Pirandello Luigi

Attraverso le avventure di Gulliver l'autore si sfogò contro una congiuntura sociale e politica dell'Inghilterra del primo Settecento e soprattutto contro l'intolleranza, la corruzione, l'avidità, l'ipocrisia della cieca fiducia nella scienza.

I viaggi di Gulliver

Swift Jonathan

Tra la laguna di Venezia e Bolzano si susseguono strani accadimenti: un uomo muore in un incidente in mare, un altro precipita da una scarpata, una donna viene aggredita e minacciata di morte. C'è un filo a collegare i fatti o questi sono solo frutto di coincidenze? No, le coincidenze non esistono. Almeno così la pensa Rollo Weber, scanzonato commissario che da quando è stato trasferito alla questura di Bolzano ancora non ha avviato un'indagine seria. Forse ora avrà l'opportunità di dimostrare tutta la sua capacità investigativa. L'incontro con la psicologa Helena Ziegler, ex poliziotta dal passato pieno di ombre, gli farà scoprire dettagli importanti per far luce su oscuri scenari. Le intricate vicende arriveranno a increspare le acque della laguna e scolorire la variopinta isola di Burano, dove una verità terribile affiorerà a sconvolgerne l'afosa quiete. Tra misteriosi intrighi, sensi di colpa e giochi di potere, Massimo Rossi ci immerge in una storia in cui thriller, noir e spy story si fondono.

La luce nera della paura

Rossi Massimo

È una fredda, grigia, nebbiosa giornata di novembre degli anni Trenta a Londra e Miss Pettigrew, il cappotto di un indefinibile, orrendo marrone, l'aria di una spigolosa signora di mezza età e un'espressione timida e frustrata negli occhi, è alla porta di un appartamento al 5 di Onslow Mansions, in uno dei quartieri più eleganti della capitale inglese. Stamani si è presentata come sempre al collocamento e l'impiegata le ha dato l'indirizzo di Onslow Mansions e un nome: Miss LaFosse. L'edificio in cui si trova l'appartamento è tanto esclusivo e ricercato da metterle soggezione. Miss Pettigrew coi suoi abiti logori, il suo mesto decoro e il coraggio perduto nelle settimane trascorse con lo spauracchio dell'ospizio dei poveri, suona ripetutamente prima che la porta si spalanchi e appaia sulla soglia una giovane donna. È una creatura così incantevole da richiamare subito alla mente le bellezze del cinematografo. Miss Pettigrew sa tutto delle dive del cinematografo: ogni settimana per oltre due ore vive nel mondo fatato del cinema, dove non ci sono genitori prepotenti e orridi pargoli a vessarla. Miss LaFosse la fa entrare e poi scompare nella camera da letto, per ricomparire poco dopo seguita da un uomo in veste da camera, di una seta dalle tinte così abbaglianti che Miss Pettigrew deve socchiudere gli occhi. In preda all'ansia, stringendo la borsetta fra le dita tremanti, Miss Pettigrew si sente sconfitta e abbandonata prima ancora che la battaglia per l'assunzione cominci, ma anche elettrizzata.

UN GIORNO DI GLORIA PER MISS PETTIGREW

Watson Winifred