Saggi

La scimmia che vinse il Pulitzer

Bruno Nicola

Descrizione: In queste settimane, il mondo della politica internazionale è in subbuglio: sono stati pubblicati numerosi e compromettenti documenti diplomatici riservati, provenienti dal Dipartimento di Stato americano. A farlo è stato Julian Assange, l’attivista Internet che con il suo sito, Wikileaks, ha aperto una nuova era nel giornalismo investigativo, svelando on line scandali e fenomeni di corruzione politica ripresi da decine di testate. Quello di Wikileaks è uno dei tanti e significativi esempi della rivoluzione dei modi e delle forme in atto nel giornalismo, internazionale e italiano, che vengono trattati nell’originale e interessantissima inchiesta di Bruno e Mastrolonardo, due giornalisti di crescente visibilità impegnati nella divulgazione dei temi legati ai nuovi media e alla cultura digitale. In un viaggio tra le divisioni online dei media più innovativi, centri universitari all’avanguardia, minuscole agenzie di comunicazione che uniscono design, tecnologia e, talvolta, guardano alla controinformazione, il libro osserva da vicino l’universo dei creativi e dei rivoluzionari della notizia, raccontandoci le loro storie, invenzioni e progetti.

Categoria: Saggi

Editore: Mondadori Bruno

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788861594777

Recensito da Giulia

Le Vostre recensioni

 

Il testo brioso e scorrevole è stato scritto a quattro mani. Gli autori, infatti, sono Nicola Bruno e Raffaele Mastrolonardo, co-fondatori di effecinque, agenzia giornalistica, nata nel 2010, che si occupa di tecnologia e cultura digitale sia su carta sia sul web.
Il libro racconta -in otto capitoli- lo sviluppo dell’informazione avvenuto in questi anni grazie alle nuove tecnologie, e dà una visione concreta anche sul prossimo futuro. Si inizia quindi con la storia di http://politifact.com/ , sito nato nel 2007, il cui obiettivo è fare informazione politica attraverso il fact-checking: l’abitudine di verificare almeno due volte la stessa notizia prima di pubblicarla, per finire poi con il capitolo dedicato ai journo-hacker, ovvero a quei giornalisti con elevante competenze tecnologiche sempre più richieste dalle grandi redazioni.

Si tratta di un vero e proprio viaggio che il lettore compie fra più mondi: l’Europa, l’Africa e l’America. Tra gli altri argomenti trattati  vi sono, difatti, quello della piattaforma Ushaidi, nata in seguito ai disordini delle elezioni in Kenya nel 2007; il fenomeno della trasparenza messo in atto a livello globale da WikiLeaks e il suo creatore Julian Assange; il caso di Stats Monkey, la famosa “Scimmia delle statistiche”, un software capace di scrivere notizie sulle partite di baseball alla velocità della luce e in un inglese impeccabile che, sul finire del 2008, ha scatenato il panico in molte redazioni giornalistiche europee e d’oltre oceano. Da qui il titolo del libro, “La scimmia che vinse il Pulitzer”. 

A conclusione di ogni capitolo vi è poi la parte riservata ai “Retroscena”, in cui gli autori ci svelano il cosiddetto “dietro le quinte” dei loro incontri o, semplicemente, aggiungono ulteriori informazioni di approfondimento.
Tuttavia, non esiste guru che possa esprimersi con certezza sul futuro dell’informazione, l’unica cosa che si può fare, oltre ad avallare ipotesi più vicine al nostro pensiero, è aggirare la censura in tutti i modi possibili.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicola

Bruno

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bruno Nicola


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'esperto di simbologia di Harvard, Robert Langdon, viene chiamato a sorpresa come conferenziere al Campidoglio. In pochi istanti, però, la serata prende una piega bizzarra: Langdon assiste al ritrovamento di un misterioso manufatto, decorato con cinque simboli. Langdon capisce che l'oggetto è un invito a seguire le tracce del mondo perduto della saggezza esoterica. Quando il suo amato maestro Peter Solomon - importante membro della Massoneria nonché filantropo - viene brutalmente rapito, Langdon realizza che l'unica speranza di salvare Peter è di accettare l'invito dell'oggetto misterioso e seguirlo ovunque lo porti. Langdon si ritroverà immediatamente immerso in un mondo clandestino di segreti Massonici che sembrano trascinarlo verso una sola, inconcepibile verità. 'Il simbolo perduto' è un capolavoro di narrazione - una corsa mortale attraverso un vero labirinto nel mondo dei codici, dei segreti e delle verità invisibili nei templi di Washington, DC.

IL SIMBOLO PERDUTO

Brown Dan

In una Parma innevata, il marcio sembra nascondersi ovunque: la corruzione dilaga, il crimine è fuori controllo e la rabbia cresce. Soneri è il più arrabbiato di tutti perché crede ancora nella giustizia e se la vede sfuggire. Il commissario, infatti, segue una serie di piste confuse: un telefonino abbandonato sul greto del fiume; un vecchio morto di freddo nei sotterranei di un ospizio; la misteriosa scomparsa del sindaco. Sembrano indizi scollegati, eppure Soneri sente che dietro tutti quei casi si cela un'unica strategia. La strategia della lucertola, che depista i predatori lasciandosi dietro la coda. Ma questa volta l'inseguitore non si fa ingannare.

Il commissario Soneri e la strategia della lucertola

Varesi Valerio

L'erotismo morboso e ossessivo, l'atmosfera di mistero e di angoscia, il gusto per il perverso e il sinistro, che caratterizzano l'opera, specie quella giovanile, del grande scrittore giapponese, sono magistralmente rappresentati in questo racconto del 1912. Il demone ci mostra l'influenza che ebbero su Tanizaki i grandi maestri del decadentismo europeo, da Poe a Wilde, e ci illumina sulle origini del tema decisivo di tutta la sua produzione: l'attrazione per la donna bella e crudele il cui desiderio piú forte è umiliare e annientare l'uomo, il quale a sua volta trova in questo il piacere piú estremo.

IL DEMONE

Jun'ichirō Tanizaki

Protetti e intoccabili. Sono 2 milioni di italiani divisi nelle 25 sacche di privilegio degli ordini professionali. Avvocati, ingegneri, psicologi, medici, farmacisti, notai, giornalisti, chimici, commercialisti... Rappresentano il 12,5 per cento del Pil. Hanno enti previdenziali propri, che gestiscono un tesoro di 40 miliardi di euro investiti in immobili e titoli finanziari. Il solo patrimonio dell'ordine dei medici vale 9,3 miliardi di euro. 4,5 quello degli avvocati; 4,3quello di architetti e ingegneri. Il presidente della Cassa dei medici guadagna circa 10.000 euro lordi al mese più 600 euro a ogni riunione a cui partecipa. L’élite al comando annovera 18,000 persone, impegnate in quotidiani giochi di potere, lotte interne, investimenti occulti, vere e proprie azioni di spionaggio e controspionaggio. Questo libro entra per la prima volta dentro gli ordini, ne racconta il funzionamento, i soldi e i traffici finanziari, gli scandali e le inchieste, i poteri forti che li animano, tra logge massoniche e gruppi religiosi come Opus Dei e Comunione e Liberazione, la presenza in Parlamento. Un sistema che risale a più di un secolo fa. Ancora oggi potentissimo e mai raccontato.

I veri intoccabili

Stefanoni Franco