Saggi

La scimmia che vinse il Pulitzer

Bruno Nicola

Descrizione: In queste settimane, il mondo della politica internazionale è in subbuglio: sono stati pubblicati numerosi e compromettenti documenti diplomatici riservati, provenienti dal Dipartimento di Stato americano. A farlo è stato Julian Assange, l’attivista Internet che con il suo sito, Wikileaks, ha aperto una nuova era nel giornalismo investigativo, svelando on line scandali e fenomeni di corruzione politica ripresi da decine di testate. Quello di Wikileaks è uno dei tanti e significativi esempi della rivoluzione dei modi e delle forme in atto nel giornalismo, internazionale e italiano, che vengono trattati nell’originale e interessantissima inchiesta di Bruno e Mastrolonardo, due giornalisti di crescente visibilità impegnati nella divulgazione dei temi legati ai nuovi media e alla cultura digitale. In un viaggio tra le divisioni online dei media più innovativi, centri universitari all’avanguardia, minuscole agenzie di comunicazione che uniscono design, tecnologia e, talvolta, guardano alla controinformazione, il libro osserva da vicino l’universo dei creativi e dei rivoluzionari della notizia, raccontandoci le loro storie, invenzioni e progetti.

Categoria: Saggi

Editore: Mondadori Bruno

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788861594777

Recensito da Giulia

Le Vostre recensioni

 

Il testo brioso e scorrevole è stato scritto a quattro mani. Gli autori, infatti, sono Nicola Bruno e Raffaele Mastrolonardo, co-fondatori di effecinque, agenzia giornalistica, nata nel 2010, che si occupa di tecnologia e cultura digitale sia su carta sia sul web.
Il libro racconta -in otto capitoli- lo sviluppo dell’informazione avvenuto in questi anni grazie alle nuove tecnologie, e dà una visione concreta anche sul prossimo futuro. Si inizia quindi con la storia di http://politifact.com/ , sito nato nel 2007, il cui obiettivo è fare informazione politica attraverso il fact-checking: l’abitudine di verificare almeno due volte la stessa notizia prima di pubblicarla, per finire poi con il capitolo dedicato ai journo-hacker, ovvero a quei giornalisti con elevante competenze tecnologiche sempre più richieste dalle grandi redazioni.

Si tratta di un vero e proprio viaggio che il lettore compie fra più mondi: l’Europa, l’Africa e l’America. Tra gli altri argomenti trattati  vi sono, difatti, quello della piattaforma Ushaidi, nata in seguito ai disordini delle elezioni in Kenya nel 2007; il fenomeno della trasparenza messo in atto a livello globale da WikiLeaks e il suo creatore Julian Assange; il caso di Stats Monkey, la famosa “Scimmia delle statistiche”, un software capace di scrivere notizie sulle partite di baseball alla velocità della luce e in un inglese impeccabile che, sul finire del 2008, ha scatenato il panico in molte redazioni giornalistiche europee e d’oltre oceano. Da qui il titolo del libro, “La scimmia che vinse il Pulitzer”. 

A conclusione di ogni capitolo vi è poi la parte riservata ai “Retroscena”, in cui gli autori ci svelano il cosiddetto “dietro le quinte” dei loro incontri o, semplicemente, aggiungono ulteriori informazioni di approfondimento.
Tuttavia, non esiste guru che possa esprimersi con certezza sul futuro dell’informazione, l’unica cosa che si può fare, oltre ad avallare ipotesi più vicine al nostro pensiero, è aggirare la censura in tutti i modi possibili.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicola

Bruno

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bruno Nicola

Peter abbandona poco più che ragazzo il paese natale per scoprire il mondo; impara a osservare con distacco gli esseri umani e arriva ad auspicare il ritorno a un mondo primordiale, pre-urbano. Introduzione di Chiusano I. A.

PETER CAMENZIND

Hesse Hermann

Charlotte Simmons, bella e intelligente, ha vinto una borsa di studio e si ritrova catapultata dal paesino nelle montagne del North Carolina dove ha sempre vissuto nella prestigiosa Dupont University. Scoprirà presto che dietro la facciata di eccellenza culturale si agita un mondo corroso da una feroce competizione per il predominio, accademico, razziale, sociale, sessuale. La ragazza si sente lusingata quando scopre di essere stata "adottata" dai principali esponenti dell'élite studentesca. Entrare nelle loro grazie è per Charlotte una meravigliosa sorpresa, qualcosa che dà alla testa e rischia di farle tradire completamente i valori in cui è cresciuta, prima di arrivare a capire la grandezza del suo essere diversa e la forza che le dà la sua innocenza.

Io sono Charlotte Simmons

Wolfe Tom

«Intimità e controllo sulla propria vita non c’erano piú. Alice per la maggior parte del tempo portava vestiti dell’ospedale. Si svegliava quando glielo dicevano, si lavava e si vestiva quando glielo dicevano, mangiava quando glielo dicevano. Alice si sentiva in prigione, come se l’avessero messa dentro per vecchiaia». Atul Gawande descrive e discute le principali difficoltà dei servizi assistenziali per gli anziani nell’Occidente industriale attraverso le storie paradigmatiche degli ultimi anni di vita di alcuni personaggi conosciuti personalmente. E propone alternative. La sua tesi è che lo stesso sistema sanitario che ha trasformato le nostre vite allungandole straordinariamente è però anche responsabile di una medicalizzazione della vecchiaia, in un’ottica concentrata esclusivamente sul binomio «sicurezza e salute» a discapito della centralità – soprattutto per le persone molto anziane – del controllo sulle proprie scelte di vita, anche di fronte alla morte.

Essere mortale

Gawande Atul

Il volume contiene il ciclo completo inaugurato dalla "Guida galattica per gli autostoppisti", che comprende "Il ristorante al termine dell'universo", "La vita, l'universo e tutto quanto", "Addio e grazie per tutto il pesce" più un racconto inedito. Una gigantesca autostrada cosmica sta per essere costruita dalle parti del sistema solare. E una banale diramazione deve essere aperta proprio dove ora c'è la terra. Di conseguenza quel vecchio e inutile pianeta va rimosso. Lo viene a sapere Ford Perfect, redattore extraterrestre in incognito che deve aggiornare la monumentale "Guida galattica per gli autostoppisti", il manuale che insegna ai turisti come destreggiarsi in un cosmo selvaggio, di multinazionali e viaggi organizzati.

Guida galattica per autostoppisti

Adams Douglas