Saggi

La scimmia che vinse il Pulitzer

Bruno Nicola

Descrizione: In queste settimane, il mondo della politica internazionale è in subbuglio: sono stati pubblicati numerosi e compromettenti documenti diplomatici riservati, provenienti dal Dipartimento di Stato americano. A farlo è stato Julian Assange, l’attivista Internet che con il suo sito, Wikileaks, ha aperto una nuova era nel giornalismo investigativo, svelando on line scandali e fenomeni di corruzione politica ripresi da decine di testate. Quello di Wikileaks è uno dei tanti e significativi esempi della rivoluzione dei modi e delle forme in atto nel giornalismo, internazionale e italiano, che vengono trattati nell’originale e interessantissima inchiesta di Bruno e Mastrolonardo, due giornalisti di crescente visibilità impegnati nella divulgazione dei temi legati ai nuovi media e alla cultura digitale. In un viaggio tra le divisioni online dei media più innovativi, centri universitari all’avanguardia, minuscole agenzie di comunicazione che uniscono design, tecnologia e, talvolta, guardano alla controinformazione, il libro osserva da vicino l’universo dei creativi e dei rivoluzionari della notizia, raccontandoci le loro storie, invenzioni e progetti.

Categoria: Saggi

Editore: Mondadori Bruno

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788861594777

Recensito da Giulia

Le Vostre recensioni

 

Il testo brioso e scorrevole è stato scritto a quattro mani. Gli autori, infatti, sono Nicola Bruno e Raffaele Mastrolonardo, co-fondatori di effecinque, agenzia giornalistica, nata nel 2010, che si occupa di tecnologia e cultura digitale sia su carta sia sul web.
Il libro racconta -in otto capitoli- lo sviluppo dell’informazione avvenuto in questi anni grazie alle nuove tecnologie, e dà una visione concreta anche sul prossimo futuro. Si inizia quindi con la storia di http://politifact.com/ , sito nato nel 2007, il cui obiettivo è fare informazione politica attraverso il fact-checking: l’abitudine di verificare almeno due volte la stessa notizia prima di pubblicarla, per finire poi con il capitolo dedicato ai journo-hacker, ovvero a quei giornalisti con elevante competenze tecnologiche sempre più richieste dalle grandi redazioni.

Si tratta di un vero e proprio viaggio che il lettore compie fra più mondi: l’Europa, l’Africa e l’America. Tra gli altri argomenti trattati  vi sono, difatti, quello della piattaforma Ushaidi, nata in seguito ai disordini delle elezioni in Kenya nel 2007; il fenomeno della trasparenza messo in atto a livello globale da WikiLeaks e il suo creatore Julian Assange; il caso di Stats Monkey, la famosa “Scimmia delle statistiche”, un software capace di scrivere notizie sulle partite di baseball alla velocità della luce e in un inglese impeccabile che, sul finire del 2008, ha scatenato il panico in molte redazioni giornalistiche europee e d’oltre oceano. Da qui il titolo del libro, “La scimmia che vinse il Pulitzer”. 

A conclusione di ogni capitolo vi è poi la parte riservata ai “Retroscena”, in cui gli autori ci svelano il cosiddetto “dietro le quinte” dei loro incontri o, semplicemente, aggiungono ulteriori informazioni di approfondimento.
Tuttavia, non esiste guru che possa esprimersi con certezza sul futuro dell’informazione, l’unica cosa che si può fare, oltre ad avallare ipotesi più vicine al nostro pensiero, è aggirare la censura in tutti i modi possibili.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicola

Bruno

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bruno Nicola

Dall’incontro di due personalità eccezionali nasce un libro unico e prezioso, che affianca a trentasei racconti di Erri De Luca altrettanti disegni (in bianco e nero e a colori) dell’artista Alessandro Mendini. Un duetto che rimanda a una nostra tradizione forte – basti pensare al connubio fra Rodari e Munari – e che qui comincia sempre con un’illustrazione, da cui poi il racconto prende liberamente l’abbrivio. “Quello che scrivo,” dice De Luca, “dipende dal riflesso di uno che è preso alla sprovvista.” E a stupire, a spiazzare sono quei disegni che fanno spalancare gli occhi come uno strappo nel cielo, fanno sentire nudi “come quei due nel primo giardino, dopo l’assaggio scippato dall’albero della conoscenza”, perché “la suggestione è una manifestazione della verità”. Erri De Luca e Alessandro Mendini iniziano quasi per gioco – ispirandosi ai disegni di un bambino caro a entrambi – e poi via via stabiliscono fra loro un dialogo di forme e parole serrato e ricco di senso, tracciano sulla pagina le proprie paure, le tentazioni, le fiere ostinazioni, e tutto un vivace campionario di “mostruosità terrestri”. Compongono dunque un libro di eroismi quotidiani che scandaglia, attraverso percorsi tutt’altro che logici e prevedibili, il nostro più profondo sentire: facendoci avvertire il fiato dei mostri dietro le nostre spalle e al contempo consegnandoci le chiavi del serraglio dentro cui tenerli a bada. I mostri sono i diavoli custodi dell’infanzia, nessun angelo può tenerli a bada.

Diavoli custodi

De Luca Erri - Mendini Alessandro

Emilio gironzola ogni giorno nel cimitero semiabbandonato dietro casa, cercando il proprio nome tra quelli ancora leggibili sulle lapidi scolorite. E un bambino con una memoria prodigiosa e anomala che non può fare a meno di "comprimere tutti i nomi dei morti nel pantheon portatile della sua testa". Il suo nome però non può pronunciarlo se prima non lo trova, perché i defunti lo sentirebbero e, pur di appropriarsene, cercherebbero di farlo morire. Nei vialetti invasi dalle erbacce, Emilio incontra una donna che ha l'età di sua madre e il richiamo del sesso si fa potente, è una forza scontrosa, incontrollabile, che lo consegna all'irrequietezza della pubertà, giocosa e morbosa. Mentre Emilio affronta le ansie dell'adolescente e flirta con la morte, la narrazione sembra voler conservare a oltranza quel modo di conoscere proprio dell'infanzia e che ha nella fantasia il suo cuore pulsante, come se fosse possibile portarselo dietro, intatto, quel mondo nutrito dall'incanto.

Nessun nome per Emilio

Morabito Fabio

Bergen, 1528. Ha fatto un lungo viaggio, ma alla fine è riuscito a trovare la sua vittima. Il monaco è pronto a vendicarsi... Trondheim, oggi. Gunn Brita Dahle viene trovata morta nella biblioteca dell'università, nel deposito in cui si conservano i volumi più preziosi. L'assassino l'ha scuoiata e le ha tagliato la testa. E ha rubato il Libro di Johannes, un antico trattato di anatomia risalente ai primi del Cinquecento. Un trattato che da secoli è considerato maledetto.

La biblioteca dell’anatomista

Brekke Jørgen

Maria Antonia, la madre, è padrona della storia nonostante la dannazione della guerra, è vicina al fermento del mondo. I suoi giorni combaciano con temi epici ma anche scabrosi: Maria Antonia affronterà lutti e miseria, fuggirà come profuga da Spalato, perderà il primo marito nelle foibe, vedrà i fratelli condannati ai campi di lavoro. Darà anche scandalo pur di assecondare la voglia disperata di continuare. Resta in una gioventù permanente, proprio perché ha affrontato la Storia Grande del mondo e l’ha vinta. Ena, sua figlia, è una donna vecchia costretta a letto dalla rottura del femore. La vita di Ena è stata sazia, pigra, non priva di danni. Ma già prima di giugno è un romanzo che accosta i toni della saga alla voce della contemporaneità. La narrazione procede a capitoli alternati. Le vicende di una madre da giovane, Maria Antonia, che vanno dal periodo che precede il secondo conflitto mondiale fino agli anni Sessanta, si affiancano al racconto-monologo di una figlia, Ena, giunta all’ultimo periodo della sua vita.

Ma già prima di giugno (con la partecipazione dell’autrice)

Rinaldi Patrizia