Narrativa

La scuola cattolica

Albinati Edoardo

Descrizione: Il quartiere Trieste è un posto tranquillo, in apparenza anonimo, e nel 1975 il "San Leone Magno" è il suo fiore all'occhiello: un istituto religioso in cui crescono i figli della nuova borghesia romana. Un mondo innocuo che diventa d'improvviso inquietante, quando alcuni di quei ragazzi diventano protagonisti di uno degli omicidi più tristemente noti della storia italiana, in una villa del Circeo. Intorno a questo evento simbolo, il romanzo ruota e oscilla raccontando decine di fatti, di premesse e di conseguenze che ci svelano, pagina dopo pagina, in una caduta sempre più travolgente, come e quando è nata la nostra anima crudele, quella disposta a tutto pur di sopravvivere.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: La Scala

Anno: 2016

ISBN: 9788817086837

Recensito da Daniela Frascati

Le Vostre recensioni

La Scuola Cattolica di Edoardo Albinati è un romanzo di 1300 pagine che attraversa cinquant’anni della storia di questo paese; una storia con la “s” minuscola allo stesso tempo corale e personale.  Un romanzo dalla lingua perfetta, ripulita da ogni artificio, esattamente aderente a qualsiasi piega della narrazione.
Racconta una Roma circoscritta dentro uno spazio privilegiato, tra il quartiere Trieste  e il quartiere Nomentano dove ha sede il San Leone Magno, la scuola che dà il titolo al libro,  nella quale i figli di quella borghesia romana per bene, sparita come la Roma borgatara e davoliana di Pasolini che ne è la faccia speculare, negli anni settanta,  imparavano a diventare classe dirigente.
L’Istituto si trovava e si trova tuttora sulla Nomentana all’altezza della basilica di Santa Costanza, quindi sul confine orientale del Quartiere  Trieste, che appunto è segnato dalla Nomentana, il lungo asse alberato denso di traffico e di romanticismo che sbocca a Porta Pia, da dove entrarono a Roma i bersaglieri.”
Il San Leone Magno, in quel momento, è un’isola che isola e salva dal mondo mentre un’epoca si sta sgretolando sotto la spinta di quel ‘68 frikkettone arrivato dagli States, e che in Europa e in Italia diventa subito contestazione politica e ideologica. Ma è anche l’incubatore di una generazione destinata a esercitare un’egemonia  intellettuale ed economica nella società.
Molta parte del romanzo è il racconto di questa educazione tutta al maschile, in una scuola dove l’unica presenza femminile era la signora che vendeva le pizzette e la Vergine Maria a cui l’Istituto era dedicato. Un’educazione nella quale  la donna, e  il suo corpo misterioso e desiderato, è fantasma senza identità, abitata dai deliri  di un’educazione pretesca e di una morale familiare sessuofobica e perbenista.

La scuola cattolica è un libro difficile da raccontare perché non è solo un romanzo; è una narrazione fatta di molte storie personali, legate e incastrate dai ricordi, i pensieri, i ragionamenti, le interlocuzioni con il lettore che Albinati non dimentica mai, in un filo diretto, un’interattività con chi legge, che trattiene e interpella, ma allo  stesso tempo è analisi sociale, speculazione filosofica, che si disperde per rivoli inaspettati fatti di citazioni dotte ma anche di storielle leggere e aneddoti familiari.  Un memoir che corre parallelo alla biografia di  una generazione, di una società borghese già esangue che si  sbriciola sotto la pressione di un altro tempo, di un’altra Roma che preme ai margini e ne inquina  l’esistenza benestante e facile.
Ma è anche un romanzo di formazione con i suoi conflitti familiari, la scoperta del sesso, il modo in cui si intessono e si saldano amicizie quando ancora l’adolescenza era un’età reale, un passaggio di vita, un discrimine tra la fanciullezza e il mondo degli adulti in cui ci si interrogava e si incontrava il proprio lato oscuro, l’ombra che ci accompagnerà per il resto della vita.
“In fondo l’adolescenza è uno dei rari momenti della vita anzi forse l’unico in cui si abbia il coraggio o si sente l’inesorabile necessità di avventurarsi nel labirinto di una ricerca interiore, che per il resto dell’esistenza quasi tutti rifuggono per paura di quello che vi hanno intravisto (…)”

È Edoardo l’io narrante, tutt’uno con la dimensione collettiva del San Leone Magno tanto che la prima persona singolare diventa spesso un noi che incorpora  tutti gli altri, i ragazzi educati tra le mura dell’Istituto,  tra i quali sembra acquistare singolarità solo Albus, l’allievo sfuggente e geniale, una sorta di alter ego dello stesso Albinati che nel nome, così assonante con quello dell’autore, sembra evocare la suggestione misteriosa con cui forzare l’ossessiva ricerca di oggettività negli accadimenti e nella sovrabbondanza di ricordi riversati in queste pagine.
È un raccontare che dagli anni ‘70 procede avanti e indietro dentro un tempo perduto ma non passato del tutto,  disseminato come una  Recherche post novecentesca di  Maddaleine sentimentali che di quegli anni restituiscono l’atmosfera e le attese.
L’acconciatura contava, l’abbigliamento era decisivo, eccome. Un paio di scarpe a punta o una borsa a tracolla hanno segnato il destino di parecchi ragazzi del quartiere, negli anni Settanta. La moda non c’entrava niente, non esisteva la moda, erano divise quelle e come tali venivano indossate. Tra le scene più amate di allora è quella iniziale del film Electra Glide, la vestizione del motociclista (…)”
Procedendo nella lettura scopriamo, quasi improvvisamente,  come tutto questo narrare meticoloso  e inglobante,  a volte persino eccessivo,  sia sottomesso a un’idea primaria: mettere a nudo il grumo che sottende e accomuna la condizione maschile sfigurandola fino a quella violenza che  ora chiamiamo femminicidio e che nella parte centrale de La Scuola Cattolica è il racconto del delitto del Circeo in cui vennero massacrate, violentate, fino alla morte Rosaria Lopez e, miracolosamente uscita viva almeno nel corpo, Donatella Colasanti.
I tre massacratori,  Angelo Izzo, Gianni Guido e Andrea Ghira (Angelo, Subdued e il Legionario, nel libro) erano stati compagni di classe dello stesso Albinati, allievi  di questa scuola elitaria e figli privilegiati della buona borghesia romana e di quel quartiere per bene.
Tutto il romanzo La Scuola Cattolica è la ricerca del grumo  di questa violenza, che non è solo la violenza fascista di Izzo e dei suoi camerati, ma è il sottofondo latente che Albinati  avverte appartenere minacciosamente  a lui stesso  e a tutta una generazione di uomini che arriva fino all’oggi.
Perché il problema della verità è se dirla o non dirla.”
Dov’era incistato il verme che ha covato e fatto esplodere questa violenza? Forse nella  stessa brutalità esercitata per gioco sul corpo di un giovane allievo del San Leone Magno fustigato fino alle lacrime senza alcuna pietà dai suoi stessi compagni di classe?
“Appartengo al genere di chi ha commesso il delitto, di chi fa violenza.” – dice Albinati in un’intervista di Bia Sarasini  per Letterate Magazine – “ Sono coinvolto fino al collo. Credo che il conflitto tra donne e uomini sia quello che riguarda tutti, più di quello tra le generazioni o quello di classe. Nessuno ne rimane fuori, o quasi. Se guardo freddamente il delitto del Circeo lo vedo come una rappresaglia, e come nella rappresaglia c’e’ un’intercambiabilità delle vittime. E anche degli stupratori.”
E allora La Scuola Cattolica, tutta la narrazione  di Albinati, intellettuale borghese e privilegiato a cui il femminismo e  il pensiero della differenza di genere ha insegnato a partire dalla propria esperienza e persona, diventa una costruzione di senso nella quale non cerca giustificazioni, ma fa pesare l’indifferenza con cui la società condanna o assolve senza mai avere orrore di sé.
Noi viviamo dunque in una società dello stupro. Ostilità rapacità e potenza trovano una manifestazione sessuale. Il sesso è il linguaggio, non la cosa. È il modo di volere, non l’oggetto voluto. Si declina attraverso il sesso qualsiasi pulsione: vendicativa, rivendicativa, esibizionistica, identitaria. I ragazzini stuprano le loro compagne di classe e le filmano col cellulare. Libertà intesa come facoltà di nuocere. Libertà = delitto. Una piena realizzazione di se stessi può avvenire solo se si è pronti a prevaricare gli altri, e capaci di farlo. L’io coincide in pieno con la potenza.

Un libro imponente e di forte valore etico La Scuola Cattolica, che rimanda alla dimensione dei grandi romanzi universali  e per il quale calzano a pennello le parole di Tomas Mann:
“Spesso la nostra letteratura contemporanea, nei suoi prodotti più alti e raffinati, mi pare come una presa di congedo, come un rapido rammemorare, un evocare ancora una volta e ricapitolare il mito occidentale prima che cada la notte, forse una lunga notte e un oblio profondo.” (T.Mann)
Sempre che la notte non sia già caduta o Albus, nella sua levità e capacità di dimenticare, non sia il chiarore di un’alba di riscatto, soprattutto per gli uomini.

Daniela Frascati

_________________________________________________

Daniela Frascati è attualmente in libreria con il romanzo “La passeggera”, (qui potete leggere il nostro commento: http://www.i-libri.com/libri/la-passeggera/).

Con Daniela abbiamo dialogato a questo link: http://www.i-libri.com/scrittori/intervista-a-daniela-frascati-autrice-de-la-passeggera/

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

La i-settimana dei premi letterari – i-LIBRI

[…] La scuola cattolica di Edoardo Albinati, premio Strega 2016 (http://www.i-libri.com/libri/la-scuola-cattolica/) […]

Premio Strega 2016: classifica e commenti – i-LIBRI

[…] 1) Edoardo Albinati, La scuola cattolica, Rizzoli, 143 voti http://www.i-libri.com/libri/la-scuola-cattolica/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Edoardo

Albinati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Albinati Edoardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Finalista al Booker Prize 2010, “In una stanza sconosciuta” prende il titolo da una frase di William Faulkner: "In una stanza sconosciuta ti devi svuotare per il sonno. E prima che tu sia svuotato per il sonno, che cosa sei." Il protagonista del romanzo legge questo passaggio mentre riposa sulla riva di un fiume durante uno dei suoi viaggi tra Europa, Africa, Asia e tra ricerca, irrequietezza e passione. Il protagonista è lui, il giovane Damon, che strada facendo resta segnato nel profondo dalle intense vicende che vive. Cambiano gli ambienti e i paesaggi, ma al centro resta la persona, i rapporti umani che nascono e muoiono, il tentativo di stabilire un contatto e lo sforzo contro le condizioni, le circostanze avverse, le persone stesse che lo ostacolano. I sentimenti sono forti, ma nello stesso tempo c'è il distacco, che consente al protagonista narratore di raccontare fatti e moti dell'anima da due punti di vista differenti, da dentro e da fuori. E il racconto si divide in due, e segue in parallelo viaggio fisico e viaggio dello spirito con una lingua tersa, asciutta, essenziale che è stata paragonata a quella di John M. Coetzee e dello stesso William F aulkner. “In una stanza sconosciuta” esalta la grande intelligenza e l'acuta sensibilità di uno scrittore straordinario e straordinariamente umano.

IN UNA STANZA SCONOSCIUTA

Galgut Damon

L’io narrante, un professore di letteratura che festeggia i suoi sessant’anni di carriera universitaria, riceve da studenti e colleghi un volume in suo onore, e si accorge che in quella biografia manca un elemento che ha invece rappresentato la più significativa e determinante esperienza emotiva e sentimentale di tutta la sua vita, mai confessata a nessuno. Torna così ai suoi anni giovanili e studenteschi e all’incontro fondamentale con un collega da cui era rimasto totalmente affascinato e intellettualmente sedotto, e il quale, a sua volta, segretamente omosessuale, si era innamorato di lui. L’altalenante rapporto di tenerezza e repulsione con il suo maestro provoca nel giovane angoscia, sofferenza e confusione che lo conducono dolorosamente nella vita adulta. Come spesso nei racconti di Zweig, un elemento imprevedibile e incontrollabile, quel sovvertimento dei sensi, turbamento delle zone più oscure della coscienza, è in grado di travolgere e sconvolgere istantaneamente la vita di un essere umano; ed è ciò che avviene sia nell’animo del giovane e ingenuo protagonista che in quello del vecchio docente, i cui sentimenti omosessuali per lo studente lo gettano in una profonda disperazione e nello smarrimento di quelle convenzioni borghesi in cui la sua vita si era fino a quel momento faticosamente conservata. Racconto che rispecchia perfettamente la poetica di Zweig, Sovvertimento dei sensi analizza la dualità, le ossessioni, i sensi di colpa, i desideri inconfessati e i conflitti interiori del personaggio con l’usuale finezza psicologica dell’autore, e ci offre un’ulteriore rappresentazione della passione vissuta come forza oscura e irreprimibile.

Sovvertimento dei sensi

Zweig Stefan

Molte inchieste ci hanno parlato della famosa "zona grigia" tra criminalità e finanza, fatta di banchieri accondiscendenti, broker senza scrupoli, politici corrotti, malavitosi di seconda generazione laureati in Scienze economiche e ricevuti negli ambienti più lussuosi e insospettabili. Ma è difficile dar loro un volto, immaginarli nella vita quotidiana. Walter Siti, col suo stile mimetico e complice, sfrutta le risorse della letteratura per offrirci un ritratto ravvicinato di Tommaso: ex ragazzo obeso, matematico mancato e giocoliere della finanza; tutt'altro che privo di buoni sentimenti, forte di un edipo irrisolto e di inconfessabili frequentazioni. Intorno a lui si muove un mondo dove il denaro comanda e deforma; dove il possesso è l'unico criterio di valore, il corpo è moneta e la violenza un vantaggio commerciale. Conosciamo un'olgettina intelligente e una scrittrice impegnata, un sereno delinquente di borgata e un mafioso internazionale che interpreta la propria leadership come una missione. Un mondo dove soldi sporchi e puliti si confondono in un groviglio inestricabile, mentre la stessa distinzione tra bene e male appare incerta e velleitaria. Proseguendo nell'indagine narrativa sulle mutazioni profonde della contemporaneità, sulle vischiosità ossessive e invisibili dietro le emergenze chiassose della cronaca, Siti prefigura un aldilà della democrazia: un inferno contro natura che chiede di essere guardato e sofferto con lucidità prima di essere (forse e radicalmente).

Resistere non serve a niente

Siti Walter

Da anni, George Saunders è riconosciuto come una delle voci più originali e influenti della narrativa americana contemporanea; senza aver mai scritto un romanzo, ma solo racconti, ha ricevuto elogi unanimi dalla critica. Ora, giunto alla sua quarta raccolta, ha definitivamente ottenuto anche il grande successo di pubblico. "Dieci dicembre" è la sua opera che, senza rinunciare alla vena surreale e immaginifica, si avvicina di più al realismo. Accanto a racconti ambientati in laboratori dove si creano improbabili psicofarmaci, o in sobborghi residenziali dove donne moldave o filippine in abiti bianchi penzolano da fili tesi fra gli alberi come decorazioni, ci sono storie di famiglie comuni la cui normalità è turbata dal ritorno di un figlio dalla guerra o dall'irruzione di un malintenzionato: in tutti i casi, i personaggi si trovano a dover scegliere fra l'egoismo e la compassione, l'orgoglio e il sacrificio.

DIECI DICEMBRE

Saunders Georges