Libri per ragazzi

LA SCUOLA E’ FINITA

Grevet Yves

Descrizione:

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Sonda

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788871066752

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

 

L’ambientazione del nuovo romanzo di Yves Grevet, “La scuola è finita” è solo apparentemente futuristica. Ad un primo approccio, l’anno a cui si riferisce lo scrittore, il 2028, trasporterebbe il lettore direttamente nel futuro, eppure leggendo queste brevi ma intense pagine, ci si accorge, ahimè, che in realtà la situazione della nostra scuola non è poi così lontana. Chi la scuola la vive, e Grevet lo fa in prima persona, sa bene che l’istruzione è un servizio, anzi è il servizio pubblico per eccellenza, continuamente minacciato e alla mercé di chi, in qualche modo, deve far quadrare i conti dello Stato.

È il 2028: Alberto e Lila sono due ragazzi, poveri, le cui famiglie hanno “venduto” la loro istruzione a sedicenti aziende, in cambio di servigi e servitù. Alberto è il factotum della “Bricogarden”, Lila del “Fast food”… Il programma didattico? Calcolare con precisione la somma da pagare, saper applicare lo sconto del 5% per i possessori della carta fedeltà, calcolare il numero di rotoli che il cliente dovrebbe comprare per tappezzare un’intera stanza di casa. Il maestro? Figura desueta…oggi c’è il “promoter pedagogico”. Obiettivo trasversale? Impegno e impegno…per raccogliere le promozioni e i buoni acquisto.

Scappa una risata, lo so. È surreale, eppure a tratti tanto realistico. Si parla di LIM, multimedialità, know how, TIC, Clil ma poi gli edifici sono ancora pericolanti, manca la carta, il riscaldamento non funziona.

La scuola è di tutti e per tutti. Deve essere così, ora come nel 2028.

Possibile salvezza? La “scuola della Resistenza”, nomen omen

P.S.: ho letto con amarezza ogni pagina di questo libro, e così dovrebbe fare chi, come me, tenta ogni giorno di imparare ad insegnare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yves

Grevet

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grevet Yves


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La storia di un ragazzino che cresce in un piccolo paese del Centro Italia. Dalla guerra partigiana al Sessantotto.

Saltatempo

Benni Stefano

"Non è vero che la patria si difende senza discutere; la si difende discutendola, così come è discutendo la nostra società borghese e denunziandone noi stessi i difetti e le debolezze che la si puntella”. Per il principe del giornalismo nostrano, Indro Montanelli, era questa “l’unica manifestazione veramente producente di patriottismo e di solidarietà”. Per un atto di profondo amore nei confronti di questa Italia malandata, Mariano Sabatini è andato in ricognizione di quel mondo parallelo, e per lo più sconosciuto ai lettori italiani, che è rappresentato dai corrispondenti stranieri che vivono nelle nostre città. L’ampia rassegna de L’Italia s’è mesta compone un ritratto sentimentale, o se si vuole emotivo, della nostra nazione attraverso i racconti dei giornalisti d’oltreconfine: qual è stata la prima impressione che hanno avuto arrivando in Italia, come ci vivono, quali motivi di scontento o di entusiasmo li anima; che giudizio danno di Berlusconi e del berlusconismo o dell’invadenza della Chiesa nella politica italiana; se pensano che la sinistra saprà trovare una fortunata via di risalita. Le “firme” di Itar-Tass, Arte, The Herald, Business week, Frankfurter Allgemeine Zeitung, El Mundo, Le Figaro, CNN, BBC, Nouvel Observateur, etc., dicono la loro sulle affezioni del Palazzo; le aberrazioni di una tv sempre più becera, volgare, faziosa; i tagli alla cultura e gli attacchi dei ministri Brunetta e Bondi ai cineasti italiani; il baratro su cui pencolano scuola, università e ricerca italiane… E se davvero l'Italia s’è mesta perché dell’elmo di Silvio s’è cinta la testa avremo, forse, alla fine di questo ideale viaggio anche la medicina per tornare a destarla.

L’Italia s’è mesta

Sabatini Mariano

Gideon Cross. Innamorarmi di lui è stata la cosa più semplice che mi sia mai capitata. È successo istantaneamente. Completamente. Irrevocabilmente. Sposarlo è stato un sogno. Rimanere con lui sarà la sfida della mia vita. L’amore è trasformazione. Il nostro è sia un rifugio che la più violenta delle tempeste. Due anime ferite legate insieme. Abbiamo condiviso i più profondi e inconfessabili segreti. Gideon è lo specchio che riflette tutte le mie debolezze e tutta la bellezza che non riesco a vedere in me. Lui mi ha dato tutto. Ora devo essere io quella forte, devo dimostrare di essere per lui un sostegno come lui lo è stato per me. Insieme possiamo affrontare chi sta cercando di mettersi così crudelmente tra di noi. Anche se la battaglia più dura sarà quella che intraprenderemo per mantener fede alle nostre promesse. Giurarsi amore è stato solo l’inizio. Lottare per il nostro amore ci renderà liberi o ci dividerà per sempre.

Insieme a te. The crossfire series Vol. 5

Day Sylvia

Pedro Páramo è un'opera al meno. È il lavoro della sottrazione continua.Una narrazione senza le astuzie del romanzo.Un brano di Storia senza date e senza eroi.Un tempo immobile.Una metafisica senza mondo. E anche per questo sta, come un sentiero di crinale, alla svolta della narrativa ispanoamericana del Novecento.

PEDRO PARAMO

Rulfo Juan