Libri per ragazzi

LA SCUOLA E’ FINITA

Grevet Yves

Descrizione:

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Sonda

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788871066752

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

 

L’ambientazione del nuovo romanzo di Yves Grevet, “La scuola è finita” è solo apparentemente futuristica. Ad un primo approccio, l’anno a cui si riferisce lo scrittore, il 2028, trasporterebbe il lettore direttamente nel futuro, eppure leggendo queste brevi ma intense pagine, ci si accorge, ahimè, che in realtà la situazione della nostra scuola non è poi così lontana. Chi la scuola la vive, e Grevet lo fa in prima persona, sa bene che l’istruzione è un servizio, anzi è il servizio pubblico per eccellenza, continuamente minacciato e alla mercé di chi, in qualche modo, deve far quadrare i conti dello Stato.

È il 2028: Alberto e Lila sono due ragazzi, poveri, le cui famiglie hanno “venduto” la loro istruzione a sedicenti aziende, in cambio di servigi e servitù. Alberto è il factotum della “Bricogarden”, Lila del “Fast food”… Il programma didattico? Calcolare con precisione la somma da pagare, saper applicare lo sconto del 5% per i possessori della carta fedeltà, calcolare il numero di rotoli che il cliente dovrebbe comprare per tappezzare un’intera stanza di casa. Il maestro? Figura desueta…oggi c’è il “promoter pedagogico”. Obiettivo trasversale? Impegno e impegno…per raccogliere le promozioni e i buoni acquisto.

Scappa una risata, lo so. È surreale, eppure a tratti tanto realistico. Si parla di LIM, multimedialità, know how, TIC, Clil ma poi gli edifici sono ancora pericolanti, manca la carta, il riscaldamento non funziona.

La scuola è di tutti e per tutti. Deve essere così, ora come nel 2028.

Possibile salvezza? La “scuola della Resistenza”, nomen omen

P.S.: ho letto con amarezza ogni pagina di questo libro, e così dovrebbe fare chi, come me, tenta ogni giorno di imparare ad insegnare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yves

Grevet

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grevet Yves

È una fredda, grigia, nebbiosa giornata di novembre degli anni Trenta a Londra e Miss Pettigrew, il cappotto di un indefinibile, orrendo marrone, l'aria di una spigolosa signora di mezza età e un'espressione timida e frustrata negli occhi, è alla porta di un appartamento al 5 di Onslow Mansions, in uno dei quartieri più eleganti della capitale inglese. Stamani si è presentata come sempre al collocamento e l'impiegata le ha dato l'indirizzo di Onslow Mansions e un nome: Miss LaFosse. L'edificio in cui si trova l'appartamento è tanto esclusivo e ricercato da metterle soggezione. Miss Pettigrew coi suoi abiti logori, il suo mesto decoro e il coraggio perduto nelle settimane trascorse con lo spauracchio dell'ospizio dei poveri, suona ripetutamente prima che la porta si spalanchi e appaia sulla soglia una giovane donna. È una creatura così incantevole da richiamare subito alla mente le bellezze del cinematografo. Miss Pettigrew sa tutto delle dive del cinematografo: ogni settimana per oltre due ore vive nel mondo fatato del cinema, dove non ci sono genitori prepotenti e orridi pargoli a vessarla. Miss LaFosse la fa entrare e poi scompare nella camera da letto, per ricomparire poco dopo seguita da un uomo in veste da camera, di una seta dalle tinte così abbaglianti che Miss Pettigrew deve socchiudere gli occhi. In preda all'ansia, stringendo la borsetta fra le dita tremanti, Miss Pettigrew si sente sconfitta e abbandonata prima ancora che la battaglia per l'assunzione cominci, ma anche elettrizzata.

UN GIORNO DI GLORIA PER MISS PETTIGREW

Watson Winifred

"Una delle poche cose, anzi forse la sola ch'io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal', è l'incipit del romanzo più noto di Luigi Pirandello: Il fu Mattia Pascal (1904). In esso è contenuta la cellula generativa dell'intero libro. Quando lo scrisse, lo scrittore siciliano ne sapeva quanto chi, scorse queste prime righe, si predispone alla lettura. Scelti nome e cognome, cominciano le peripezie del personaggio, il quale presto si trova in una situazione simile a quella dell'autore: deve lui stesso dare vita a "un uomo inventato". Durante questa vera e propria avventura dei nomi, il libro assume la sua forma pienamente novecentesca, nella quale autobiografia e biografia immaginaria si confondono. Consanguineo di quelli che saranno i sei personaggi in cerca d'autore, Mattia Pascal sembra a tratti lanciare messaggi al lettore perché lo liberi dal vincolo cartaceo e dunque dalla sua muta solitudine.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

L'amore coniugale è la storia di un uomo che cerca al tempo stesso di essere buon marito e buon scrittore, finendo col fallire entrambi gli obbiettivi: il fallimento erotico-sentimentale da un lato e il fallimento letterario dall'altro. Il contrasto tra vita affettiva e vita culturale è affrontato in tutta la sua crudezza, con la tipica capacità di Moravia di raccontare, senza reticenze, e di fare emergere un discorso civile e morale. Pubblicato per la prima volta nel 1949, è tra i romanzi più vivi e impegnati di Moravia.

L’amore coniugale

Moravia Alberto

In un tranquillo villaggio del Berkshire viene trovato il cadavere di una donna. Principale sospettato è un ospite del professor Kate Fansler, detective per caso e necessità, alter ego dell'autrice e protagonista di una serie di racconti gialli in cui le indagini coinvolgono sempre un mostro sacro della letteratura inglese. Il caso in questione sembrerebbe riguardare un inedito manoscritto di James Joyce...

Un delitto per James Joyce

Cross Amanda