Saggi

La seconda lettera

Bellotti Laura

Descrizione: «In questo ultimo quarto di secolo 15.384 volte la Comunità di Sant’Egidio, direttamente e con l’aiuto di tanti, ha favorito l’incontro con un condannato a morte. […] Chi scrive? Anche giovanissimi, quindicenni, studenti e classi intere che scoprono già da teenager un mondo complesso, meno in bianco e nero. È l’empatia. Studenti universitari, ma anche famiglie in cui genitori e figli leggono e scrivono insieme le lettere. E diventa come un’adozione a distanza, un pezzo di famiglia che sta in un punto oscuro del mondo.» Dalla prefazione di Mario Marazziti. James Aren Duckett è detenuto nell'FSP (Florida State Prison) dal 30 giugno 1988, a seguito della condanna per lo stupro e l'uccisione di una bambina di 11 anni. In questi 33 anni, Jim, così lo chiamano gli amici e i suoi cari, lotta con i suoi legali per affermare la propria innocenza e per evidenziare le incongruenze e i malfunzionamenti del sistema giudiziario (e carcerario) degli Stati Uniti d'America. Oltre alla sua storia, la corrispondenza con l'autrice, iniziata nel 2012 e tuttora attiva, svela pensieri, paure e riflessioni di Jim, eternamente sospeso tra l'attesa di un responso e la vita in un carcere di massima sicurezza. Una preziosa testimonianza, la sua, che impone il rifiuto dell'idea che la Giustizia passi attraverso la pena di morte.

Categoria: Saggi

Editore: Ianieri

Collana: Fuori collana

Anno: 2021

ISBN: 9791280022486

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Laura BellottiLa seconda lettera, Ianieri edizioni 2021.

Laura Bellotti pubblica con la casa editrice Ianieri un saggio molto delicato e toccante, intitolato La seconda lettera. Corrispondenza con un condannato a morte.

Nel suo titolo questo testo ricorda, con ben diversi contenuti, Le lettere dei condannati a morte della Resistenza Italiana, dove ci sono “lettere che ci hanno avvicinato alle vittime combattenti nei due fronti, vittime di qua e di là, dentro una grande carneficina operata dalle stesse vittime.”

A Sant’Egidio a Roma, nel 2002 è nata la Coalizione Mondiale contro la Pena di Morte. L’autrice di questo saggio, Laura Bellotti, opera in questa struttura e, in tale ambito, inizia una fitta corrispondenza con James Duckett, che “è detenuto nell’FSP DAL 30  GIUGNO 1988, a seguito della condanna per lo stupro e l’uccisione di una bambina di 11 anni.  In questi 33 anni, Jim, così lo chiamano gli amici e i suoi  cari, lotta con i suoi legali per affermare la propria innocenza e per evidenziare le incongruenze e  i malfunzionamenti del sistema giudiziario (e carcerario) degli Stati Uniti. Oltre alla sua storia, la corrispondenza con l’autrice, iniziata nel 2012 e tuttora attiva, svela pensieri, paure e riflessioni di Jim, eternamente sospeso tra l’attesa di un responso e la vita in un carcere di massima sicurezza. Una preziosa testimonianza, la sua, che impone il rifiuto dell’idea che la Giustizia passi attraverso la pena di morte.”

Nella prima corrispondenza James ribadisce la propria innocenza, a fare da contraltare è l’incredulità di Laura. Ebbene questa corrispondenza durerà quasi dieci anni. Laura va in carcere a trovare il condannato, aprendo così un rapporto di amicizia e di simpatia che non ha eguali.

Il libro è appunto la trascrizione di queste lettere, la loro evoluzione, il loro intimo costituirsi. Lo scopo è in primis quello “di aiutare a capire quanta violenza c’è nel privare delle cure ovvie ed elementari persone impotenti destinate solo a subire.

Una lettura impegnativa, non facile, ma di grande spessore narrativo ed emotivo. La lettura induce a riflessioni su molti temi quali la giusta detenzione, il recupero, la morte. Al  centro c’è sempre e solo un unicum: l’uomo e la sua libertà.

Da leggere!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laura

Bellotti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bellotti Laura

Un romanzo, attentamente documentato, che conserva l'immediatezza e l'emozione di una storia vera. Che cosa significa essere una geisha lo apprendiamo così dalla voce di Sayuri che ci racconta la sua storia: l'infanzia, il rapimento, l'addestramento, la disciplina, tutte le vicende che, sullo sfondo del Giappone del '900, l'hanno condotta a diventare la geisha più famosa e ricercata.

Memorie di una geisha

Alle origini del romanzo contemporaneo la vicenda interiore di un personaggio segnato dalla psicanalisi.

La coscienza di Zeno

Svevo Italo

Una storia sul Risorgimento, dalle delusione del 1848 alla riscossa del '59, attraverso il dramma di un fervente cattolico modernista e di sua moglie, liberale e tiepida credente.

Piccolo mondo antico

Fogazzaro Antonio

Come ogni anno, un «padre che è anche un nonno» va in Svezia a curare i suoi interessi e visitare la famiglia che ha abbandonato. Il padre ha cultura e tradizioni che si scontrano con la «svedesità» dei figli. E il suo atteggiamento borioso non facilita di certo i rapporti. Un tacito accordo vincola il figlio a occuparsi di lui a ogni penoso ritorno. Ora che a sua volta ha dei figli, un lavoro che odia e una vita da cui vuole fuggire, forse in fondo non sopporta di vedersi riflesso nel padre. Anche sua sorella è già madre e incinta di un altro bambino che non è sicura di voler tenere: la sorte del feto sarà affidata a una singola connessione telefonica. Ma dieci giorni possono influenzare in modo inatteso le dinamiche di una famiglia tormentata dai fantasmi del passato e dai non detti del presente. Se per questi buffi personaggi, che potrebbero essere scappati dal set di un film di Wes Anderson, esiste una possibilità di riscatto, può venire solo dall’innocenza e dalla freschezza delle nuove generazioni.

La clausola del padre

Khemiri Jonas Hassen