Saggi

La seconda lettera

Bellotti Laura

Descrizione: «In questo ultimo quarto di secolo 15.384 volte la Comunità di Sant’Egidio, direttamente e con l’aiuto di tanti, ha favorito l’incontro con un condannato a morte. […] Chi scrive? Anche giovanissimi, quindicenni, studenti e classi intere che scoprono già da teenager un mondo complesso, meno in bianco e nero. È l’empatia. Studenti universitari, ma anche famiglie in cui genitori e figli leggono e scrivono insieme le lettere. E diventa come un’adozione a distanza, un pezzo di famiglia che sta in un punto oscuro del mondo.» Dalla prefazione di Mario Marazziti. James Aren Duckett è detenuto nell'FSP (Florida State Prison) dal 30 giugno 1988, a seguito della condanna per lo stupro e l'uccisione di una bambina di 11 anni. In questi 33 anni, Jim, così lo chiamano gli amici e i suoi cari, lotta con i suoi legali per affermare la propria innocenza e per evidenziare le incongruenze e i malfunzionamenti del sistema giudiziario (e carcerario) degli Stati Uniti d'America. Oltre alla sua storia, la corrispondenza con l'autrice, iniziata nel 2012 e tuttora attiva, svela pensieri, paure e riflessioni di Jim, eternamente sospeso tra l'attesa di un responso e la vita in un carcere di massima sicurezza. Una preziosa testimonianza, la sua, che impone il rifiuto dell'idea che la Giustizia passi attraverso la pena di morte.

Categoria: Saggi

Editore: Ianieri

Collana: Fuori collana

Anno: 2021

ISBN: 9791280022486

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Laura BellottiLa seconda lettera, Ianieri edizioni 2021.

Laura Bellotti pubblica con la casa editrice Ianieri un saggio molto delicato e toccante, intitolato La seconda lettera. Corrispondenza con un condannato a morte.

Nel suo titolo questo testo ricorda, con ben diversi contenuti, Le lettere dei condannati a morte della Resistenza Italiana, dove ci sono “lettere che ci hanno avvicinato alle vittime combattenti nei due fronti, vittime di qua e di là, dentro una grande carneficina operata dalle stesse vittime.”

A Sant’Egidio a Roma, nel 2002 è nata la Coalizione Mondiale contro la Pena di Morte. L’autrice di questo saggio, Laura Bellotti, opera in questa struttura e, in tale ambito, inizia una fitta corrispondenza con James Duckett, che “è detenuto nell’FSP DAL 30  GIUGNO 1988, a seguito della condanna per lo stupro e l’uccisione di una bambina di 11 anni.  In questi 33 anni, Jim, così lo chiamano gli amici e i suoi  cari, lotta con i suoi legali per affermare la propria innocenza e per evidenziare le incongruenze e  i malfunzionamenti del sistema giudiziario (e carcerario) degli Stati Uniti. Oltre alla sua storia, la corrispondenza con l’autrice, iniziata nel 2012 e tuttora attiva, svela pensieri, paure e riflessioni di Jim, eternamente sospeso tra l’attesa di un responso e la vita in un carcere di massima sicurezza. Una preziosa testimonianza, la sua, che impone il rifiuto dell’idea che la Giustizia passi attraverso la pena di morte.”

Nella prima corrispondenza James ribadisce la propria innocenza, a fare da contraltare è l’incredulità di Laura. Ebbene questa corrispondenza durerà quasi dieci anni. Laura va in carcere a trovare il condannato, aprendo così un rapporto di amicizia e di simpatia che non ha eguali.

Il libro è appunto la trascrizione di queste lettere, la loro evoluzione, il loro intimo costituirsi. Lo scopo è in primis quello “di aiutare a capire quanta violenza c’è nel privare delle cure ovvie ed elementari persone impotenti destinate solo a subire.

Una lettura impegnativa, non facile, ma di grande spessore narrativo ed emotivo. La lettura induce a riflessioni su molti temi quali la giusta detenzione, il recupero, la morte. Al  centro c’è sempre e solo un unicum: l’uomo e la sua libertà.

Da leggere!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laura

Bellotti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bellotti Laura

INTENSITY

Koontz Dean

Testamento spirituale del maggiore poeta finlandese. i "Canti di Pentecoste", raccolta di ballate, leggende e miti, sono le tappe di un viaggio in un immaginario intimo e primitivo e un maestoso sforzo poetico di sintesi tra coscienza europea, tradizione balto-finnica e simbolo universale. Redatti in due tomi (1903 e 1916) ed ispirati alle "cerimonie liriche di Pentecoste" o helkajuhla di Ritvala, rito pagano della fertilità permeato da elementi del cristianesimo medioevale, i ventinove poemi sono riflessioni originali e profonde sulle questioni centrali del pensiero moderno: il superuomo e la volontà eroica di fronte alla morte, lo slancio faustiano e la magia come riscatto cosmico dell'io, l'identità nazionale, l'interpretazione romantica e la dimensione tragica, vero sigillo d'equilibrio tra forze apollinee e dionisiache.

Canti di Pentecoste

Leino Eino

La Sardegna degli anni Cinquanta è un mondo antico sull’orlo del precipizio. Maria ha sei anni ed è appena diventata «figlia d’anima» dell’anziana Bonaria Urrai, secondo l’uso campidanese che consente alle famiglie numerose di compensare le sterilità altrui attraverso una adozione sulla parola; il patto tacito è che la figlia acquisirà lo status di erede, ma in cambio promette di prendersi cura della madre adottiva nei bisogni della vecchiaia. La bambina è inizialmente convinta che Bonaria Urrai faccia la sarta, e infatti le giornate sono segnate dallo scorrere nella bottega casalinga di una umanità paesana, fatta di piccole miserie e di relazioni costruite di gesti e di sguardi, molto piú che di parole. Accettata come normale dal paese, l’adozione solidale tra la vecchia e la bambina si consolida malgrado lo sfaldarsi circostante delle antiche certezze. Attraverso lo sguardo privilegiato della bambina che cresce, le contraddizioni tra il vecchio e il nuovo emergono via via piú evidenti: nell’esperienza della scuola dell’obbligo, e in quella del confronto tra la fede cristiana e i retaggi di una religiosità assai piú antica nel tempo. Sarà l’imprevista rivelazione del segreto peccato collettivo dell’accabadura – la fine violenta e pietosa a cui Bonaria è incaricata di sottoporre gli agonizzanti in fin di vita – a infrangere l’armonia tra le due donne, costringendo entrambe a fare i conti tra l’etica millenaria di una società morente e i nuovi valori che l’incalzano.

Accabadora

Murgia Michela

Succedono cose nella vita in grado di ferirci terribilmente, cose per le quali non sempre esiste una spiegazione. Accadono e basta. Jennifer, tutto questo, lo sa fin troppo bene. Sono passati quasi tre anni dal giorno in cui la sua vita è cambiata drasticamente. Nulla è mai più tornato come prima, nemmeno lei è la stessa di un tempo. Sì è chiusa a riccio, in un silenzio ostinato dal quale si sente protetta. In pochi sanno la sua storia, in molti la giudicano, la prendono in giro, l'allontanano. Nessuno vuole una "sfigata" come lei nella propria cerchia di amici, come se frequentarla fosse la peggiore delle condanne. Jennifer non può fare a meno di sentirsi di troppo, inadatta e fuori luogo. Si sente incompresa e diversa da tutti, o meglio... è così che gli altri la fanno sentire. È sola e ha paura di esserlo per sempre, ma un giorno alla sua porta si presenta Cedric, un ragazzo pronto ad aiutarla. Riuscirà a fidarsi di lui?

Ascolta il mio silenzio

Cassie L.