Fantascienza

LA SECONDA MEZZANOTTE

Scurati Antonio

Descrizione: 2092. L'Europa mediterranea è sprofondata in un clima equatoriale, i suoi antichi Stati nazionali hanno ceduto all'egemonia cinese. Venezia abbandonata dopo una terribile alluvione, poi acquistata e ricostruita da un'azienda di Pechino - è la perversa Las Vegas del declino europeo. Piazza San Marco è stata trasformata in un'arena: il Colosseo del terzo millennio. Il carnevale si avvicina, i padroni cinesi preparano lussi sfrenati e spettacoli sanguinari. La popolazione autoctona è confinata nel Castello. Nessuno sembra più volersi sottrarre alla violenza e alla lussuria di questo bordello della fine dei tempi. Eppure, perfino in questo parco giochi orwelliano, ci sono due uomini in rivolta che si levano contro l'orgia del potere. "Il Maestro", guida dei nuovi gladiatori che addestra sull'isola di San Giorgio, e Spartaco, il suo allievo più valoroso. Ciascuno ha imboccato per proprio conto la via della ribellione ma vivono entrambi per il mondo che verrà, uno per divenire padre, l'altro per tornare libero. Antonio Scurati torna all'ispirazione degli esordi con un romanzo visionario e insieme realista. Una grande avventura epica, che si fa carico della crisi del nostro mondo narrando di uomini in marcia dentro e contro l'onda distruttrice della storia, in un libro non solo ambientato nel futuro ma rivolto al futuro.

Categoria: Fantascienza

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria Italiana

Anno: 2012

ISBN: 9788845267758

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“La seconda mezzanotte” di Antonio Scurati è un fantasy difficilmente collocabile nelle declinazioni che il genere conosce. Per commentarlo, decido allora di affrontare il romanzo dal fondo: dai ringraziamenti, nei quali l’autore afferma di aver avuto come modello “le distopie”.

Le distopie, quali rappresentazione di una società fittizia e prospettica nella quale le tendenze sociali sono portate a estremi apocalittici (una per tutte: 1984 di George Orwell), si contrappongono alle utopie e ne sono la negazione.

E vediamo allora come Scurati dipinge la sua distopia dell’anno 2092.

La vicenda

Il mondo è stato travolto da uno tsunami senza precedenti:

Ricorda la grande onda. Esattamente vent’anni prima … La città sorta dagli acquitrini preistorici, accettando lo sposalizio col mare.”

Venezia è una colonia dei cinesi, che hanno invaso il mondo. In particolare, i colonizzatori – nella loro strategia imperialista – hanno trasformato la città in una specie di casinò a cielo aperto. Nell’occasione del Carnevale, a Nova Venezia si organizzano scontri cruenti tra gladiatori e tra animali. I tori vengono liberati per le strade in una corrida reale, tra massacri, orge, ubriacature. La città è una specie di circo ove riecheggia il ruggito di belve sbarcate per dare spettacolo: “Le carcasse dei predatori delle foreste – orsi, lupi, faine – giacciono accanto ai cadaveri degli erbivori ai quali qualche attimo prima ancora stavano straziando le carni.” Le scene, a volte, sono di rara crudeltà: “… una leonessa sbudellata, sebbene già riversa nel proprio sangue, si ostina ad addentare il femore di un asino.”

In questo anfiteatro urbano, si muovono il Maestro e i suoi gladiatori, protagonisti tragici di un dramma surreale e allucinato.

Ancorché la distopia di Scurati si concretizzi anche lungo la dimensione socio-politica, in questo commento cercherò di mostrarne le valenze ecologiche e urbanistiche.

Il clima e l’ambiente: la distopia ecologica

E’ un vero incubo: “… guarda le tempeste termiche avanzare sulla città al di sopra delle dighe che separano le acque interne da quelle esterne. Provengono dalle paludi morte. Il loro cielo è giallo, rognoso.” Malattia e morte, colori da inquinamento irreversibile. Per assonanza, si pensi a come Thomas Mann ha rappresentato la sua “Morte a Venezia”.

Peraltro, si tratta di un’involuzione non difficile da immaginare: “L’intera area mediterranea presto sarà africanizzata. … L’Africa … è ormai un continente morto.” Come dicevo, la distopia non fa altro che portare alle estreme conseguenze una tendenza in atto. Immaginandone anche le fasi successive.

Le scene sono da apocalisse anticipata: “ … i bracci delle gru sospesi a mezz’aria sugli scheletri dei grattacieli raggelati dallo scoppio della bolla edilizia o della bolla climatica …” Ma noi queste fotografie, in fondo, quante volte le abbiamo già viste?

A volte, le immagini sono ottenute ibridando mitologia e fantascienza. Magari capovolgendone sintassi e struttura: “… distese sconfinate di melma verde dove si risucchia l’ossigeno dalle acque costiere … l’agonia di milioni d’insetti bruciati da molecole complesse che distruggono il loro sistema nervoso centrale e di lì, fluendo nei canali di scolo, appestano le risorse idriche della falda terrestre …”

Altre volte manca l’aria e l’autore raggiunge il suo obiettivo, che credo sia: spaventare, per far reagire: “… il destino mondiale dei pesci, le creature boccheggianti degli abissi e quelle delle secche, quasi percependo il rantolo salire dall’esofago delle tartarughe marine ingolfato da sacchetti di plastica scambiati per meduse fosforescenti.

Venezia, la distopia urbanistica

La negazione di Venezia come città d’arte rappresenta, per chi – come me – ama la città più bella del mondo, perché magari lì ha lasciato ricordi e sogni, è un autentico choc:

“… L’effluvio mefitico delle velme, delle barene infinite, dei fitteti di canne, dei fondali composti solo di limi e di argille … l’anossia delle ore notturne, il deserto di torbide dove la biomassa secerne soltanto sostanze tossiche … i molluschi bivalvi, la sua unica vita.” Ma adesso siamo noi che annaspiamo nell’anossia!

Chi conosce la città per l’impareggiabile atmosfera lagunare, dolce e decadente al tempo stesso, ravvisa nelle descrizioni di Scurati una sapiente variazione di tema:

Il bacino di San Marco … brilla di riflessi aranciati a causa dei quintali di sostanze fosforose, anticrittogamici e fungicidi … Dall’onda sale un aroma di malva sintetica.”

Per non parlare delle tinte, degne della transavanguardia figurativa più provocatoria:

Il rosso tubercolotico, il colore del marmo corroso dall’acidità dell’aria,il colore di tutte le chiese di Nova Venezia.”

A un certo punto ho mentalmente esclamato: “Giù le mani da Venezia!” Poi ho aggiunto: “E dal cielo. E dalle stelle.” Stavo leggendo:

Grazie a un sistema di proiettori, il Superdome di San Marco gode così di un’eterna bella giornata nelle ore diurne e di un cielo invariabilmente stellato in quelle notturne. Grazie all’impianto di climatizzazione, gode poi di un’altrettanto eterna falsa primavera.”

E se davvero Venezia fosse la Berlino del terzo millenio? Così la immagina Scurati, rappresentando il simbolo di ogni frattura: il Muro. “Non ci sono garrite, sentinelle, codici cifrati d’accesso o dispositivi di videosorveglianza. E’ invalicabile ma sguarnito … Non deve difendere dagli assalti esterni, a quello ci pensa la laguna divenuta palude. E’ solo un guscio che nutre la vita dall’interno. Stando alla versione ufficiale, dall’altro lato non c’è nulla di vivo. Soltanto zanzare.”

Così ha temuto … 

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Scurati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scurati Antonio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

Enon

Harding Paul

La vista di un quadro di Rembrandt, esposto in una mostra a New York, è la scintilla che innesca una reazione a catena nella vita di Andrea Luna, trentasette anni, insegnante di storia dell'arte in crisi con la moglie Agnese. Arrabbiato con la vita, Andrea non si riconosce più nell'idea di mondo che i suoi genitori, morti anni prima, gli avevano insegnato ad amare. Comincia cosi, per lui, un viaggio nell'esistenza, nelle sue miserie e nella sua infinita ricchezza, che lo tiene lontano dall'Italia e gli regala memorabili incontri, come quelli con Walter, afroamericano addetto alla sicurezza del Met, con Unique e Rita, due ragazze arrivate da Portland cariche di sogni, con Elisabeth, che suona la viola in un quartetto d'archi, e soprattutto con la famiglia Patterson, composta da Ary, la madre, e da due gemelli di tredici anni, Benjamin e Allison. Tra Ary e Andrea nasce una storia d'amore che dura finché lui, all'improvviso, decide di tornare in Italia. Ma quello che aveva lasciato non esiste più. Agnese aspetta un bambino da un altro uomo e Andrea capisce, infine, che "casa" sono i Patterson. Per tornare da loro è disposto a tutto, anche a passare clandestinamente il confine del Messico affidandosi a un coyote, un contrabbandiere di uomini.

Se la vita che salvi è la tua

Geda Fabio

A Rabat, sullo sfondo di splendidi paesaggi marocchini, Maria ha sei anni e subisce ripetuti abusi da parte del padre, un diplomatico italiano temporaneamente di stanza all'estero. Una mattina, la madre Zaira, tornando verso casa nella Ville Nouvelle dov'è la residenza, dietro un muro di gente e polizia scopre il corpo del marito a terra, caduto dalla finestra e morto presumibilmente suicida mentre era solo in casa con la bambina. Alcuni anni dopo, a Roma, Maria è un'adolescente chiusa, aggressiva e turbata, che risente delle violenze passate tanto da rifarsi sulla madre con fare dispotico. Al culmine di una serie di provocazioni nei confronti di Zaira, sta la scena di seduzione del suo nuovo compagno, scena che avviene volutamente sotto gli occhi della donna, legata indissolubilmente al proprio passato e ai fantasmi in comune con la figlia.

La figlia femmina

Giurickovic Dato Anna

Un ragazzino di tredici anni che è ancora bambino, ma che comincia ad avvertire la pulsione di scoprire la vita; una madre, vedova, che è ancora fiorente e desiderosa di vivere; L'inquietudine, la difficoltà dei rapporti, la scoperta del sesso. I turbamenti sessuali ed esistenziali di un adolescente che scopre la vita in un grande romanzo che ha segnato un'epoca: un libro scritto nel 1941 ma giudicato troppo scabroso dalla censura fascista, uscito in libreria solo nel 1944.

Agostino di Alberto Moravia

Moravia Alberto