Narrativa

La sfida

Vichi Marco

Descrizione: Uno strano rapporto, quello che lega il protagonista e io narrante di questo romanzo, uno scrittore scorbutico e arrabbiato con il mondo, in crisi creativa, e Davide Yalta, un paralitico dotato di un senso dell'umorismo molto particolare, e a tratti sinceramente sgradevole. Un'amicizia, se tale si può definire, nata da un incontro casuale in un bar in un giorno di temporale e vissuta tra cene e situazioni imbarazzanti, soprattutto per il narratore. Davide Yalta infatti non fa nulla per rendersi simpatico: usa il suo handicap come un'arma contro le persone "normali", se ne fa scudo e ci gioca prendendo in giro tutto e tutti, alla faccia di ogni correttezza politica, vera o presunta. Quando tra i due uomini si mette di mezzo una donna, un'affascinante vicina di casa di Yalta da lui corteggiata, la situazione si complica...

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Microcosmi

Anno: 2014

ISBN: 9788823507487

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Marco Vichi immagina “La sfida” tra un paralitico ebreo, Davide Yalta, e lo scrittore-sceneggiatore Trotti. Oggetto de “La sfida” è la conquista della bella Elena.

I due sfidanti si conoscono in un bar: Davide s’impone subito all’attenzione per il suo modo di fare irritante e antipatico (“Non ha mai visto un paralitico? M’interruppe lui, con un tono di voce insopportabile”). L’atteggiamento dissacrante (“Voglio desiderare quanto posso, buttarmi nella mischia, voglio sentirmi dire di no, voglio picchiare ed essere picchiato. Come fanno tutti”) e l’intelligenza dell’uomo menomato esercitano su Trotti una reazione mista: di repulsione e di attrazione (“Gliel’ho già detto, non mi piace il suo teatrino, lo trovo macabro e volgare”). Quando la conoscenza tra i due si fa più intima, Davide confessa all’altro di essere innamorato della bella vicina, Elena. Trotti s’introduce nella relazione tra i due e comincia a frequentare Elena…

Chi vincerà la sfida?
Davide?
Trotti?
O, come dice il proverbio, “tra i due litiganti il terzo gode”?

La narrazione viene condotta sempre in bilico tra provocazione e volontà di superare l’imbarazzato approccio all’handicap. Il metodo proposto attraverso i personaggi è istrionico, sopra le righe e ciò compromette il coinvolgimento e l’emozione…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Vichi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vichi Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Laura Monteleone presenta Nidi di periferia. Milano, 11 marzo 2017

Una madre parla alla figlia tra le mura di una clinica serba. Al di là di una porta stanno preparando la sala operatoria. Eva ha appena compiuto diciotto anni e da quando è nata aspetta questo momento. Vuole cambiare sesso sottoponendosi all'intervento che la renderà come si è sempre sentita: uomo. Sua madre le parla col corpo, perché è il corpo ad essere sbagliato, ingannevole, traditore, un corpo come il suo che la natura stessa vuole negare. In un dialogo senza risposte, sospeso tra l'immaginato e il reale, la madre racconta la loro vita fino a quel momento, ne ripercorre i sentieri come muovendosi in una terra straniera. La sua voce è concreta, toccante, vivida e parla di una lotta che non ha vincitori né vinti, per cui non esiste resa, in cui la forma più pura dell'amore diventa bifronte e feroce.

La madre di Eva

Ferreri Silvia

IL LIBRO DELL’INQUIETUDINE

Pessoa Fernando

Barcellona, XIV secolo. Nel cuore dell'umile quartiere della Ribera gli occhi curiosi del piccolo Arnau sono catturati dalle maestose mura di una grande chiesa in costruzione. Un incontro decisivo, poiché la storia di Santa Maria del Mar sarà il cardine delle tormentate vicende della sua esistenza. Figlio di un servo fuggiasco, nella capitale catalana Amau trova rifugio e quella sospirata libertà che a tutt'oggi incarna lo spirito di Barcellona, all'epoca in pieno fermento: i vecchi istituti feudali sono al tramonto e mercanti e banchieri in ascesa, sempre più influenti nel determinare le sorti della città, impegnata in aspre battaglie per il controllo dei mari. Intanto l'azione, dell'Inquisizione minaccia la già non facile convivenza fra cristiani, musulmani ed ebrei... Personaggio di inusuale tempra e umanità, Arnau non esita a dedicarsi con entusiasmo al grande progetto della "cattedrale del popolo". All'ombra di quelle torri gotiche dovrà lottare contro fame, ingiustizie e tradimenti, ataviche barriere religiose, guerre, peste, commerci ignobili e indomabili passioni, ma soprattutto per un amore che i pregiudizi del tempo vorrebbero condannare alle brume del sogno...

LA CATTEDRALE DEL MARE

Falcones Ildefonso