Saggi

La società eccitata

Türcke Christoph

Descrizione: La «società eccitata», estrema propaggine della «società dello spettacolo» di cui parlavano Guy Debord e i situazionisti, ha trasformato il sensazionale in regime di vita, oltre che in industria. La sovraesposizione agli stimoli, producendo assuefazione a ciò che impressiona, magnetizza e sconvolge, ha inciso profondamente sull’assetto antropologico, e la lingua ha registrato lo smottamento sociale: la sensazione, da fenomeno percettivo, si è intensificata, ed è ormai sinonimo di shock, emozione al limite del tollerabile. Proprio al «far sensazione», al fenomeno del sensazionale, è dedicato il saggio di Christoph Türcke, che tuttavia non si spinge a predicare l’astinenza mediatica, l’ascetismo emotivo. Il suo sguardo si volge piuttosto all’indietro, risale la modernità dal Rinascimento all’Illuminismo a oggi, per mostrare come la situazione odierna sia la conseguenza di una evoluzione secolare.

Categoria: Saggi

Editore: Bollati Boringhieri

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788833915333

Recensito da Riccardo Melito

Le Vostre recensioni

Lentamente nel corso dei secoli il concetto e la prassi della sensazione sono scivolati drasticamente verso una accezione specifica del termine. Con il progredire dell’intrattenimento o meglio dell’industria culturale, com’era definita dalla Scuola di Francoforte la produzione di materia culturale, la sensazione, il sentire, da attributo riguardante la mera percezione, i sensi appunto, è divenuto sinonimo di sensazionale. Nell’era digitale, con l’aumento esponenziale dell’informazione, una notizia fatica a raggiungere la visibilità, deve competere con una quantità immane di altri input e solo la sua spettacolarità può garantirgli la sopravvivenza e la ricezione. Con La società eccitata, Christoph Türcke, professore di filosofia a Lipsia, esperto di teologia e Nietzsche, traccia un’archeologia della sensazione che, attraverso un percorso storico e scientifico, approda all’infotainment (information + entertainment, n.d.r.), come il filosofo definisce l’attuale epoca dell’informazione spettacolarizzata.

Partendo dai punti di rottura presenti nella storia della sensazione come la diffusione delle notizie della Rivoluzione Francese, le Wunderkammern rinascimentali o le grandi fiere medievali, sulle spalle di Aristotele, Cusano, Locke e Berkeley, Türcke si spinge ancora più avanti tentando di risalire a un momento preistorico, si potrebbe quasi dire primigenio, in cui la sensazione, lo shock, diventa la causa prima della formazione del sistema nervoso e delle primitive istanze del sacro. Da questo fenomeno preistorico, la trasformazione in sacrificio e poi in commercio è facile. La società eccitata intreccia così il capitale con il sacro e fa dialogare Freud e Marx nelle loro interpretazioni postmoderne, mentre sullo sfondo si staglia l’influenza costante e sottesa, quanto palese e dichiarata, di Michel Foucault.

L’immagine che Türcke tratteggia dell’attuale situazione sociale è a dir poco inquietante, ma non per questo meno rappresentativa. Attraverso la fotografia prima e il cinema poi, si è pervenuti alla sovraesposizione della e alla immagine e alla creazione del mercato assoluto e del suo contraltare la sensazione assoluta, costantemente frustrata dall’impossibilità del suo raggiungimento in alienazione e depersonalizzazione. Se questa pulsione verso il sensazionale assoluto è instancabilmente instillata negli individui dal mercato assoluto, ma è allo stesso tempo costantemente frustrata, allora ci si rivolgerà a qualche surrogato per poterla blandire. Türcke individua nella diffusione di massa degli alcolici e delle droghe i palliativi atti a saziare questo ardente desiderio indotto, la tossicodipendenza, nella sua accezione più ampia e etimologica, sarebbe quindi il sintomo di questa dipendenza trans-erotica indotta dal capitale.

Benché la prospettiva de La società eccitata sia, a ragion veduta, pessimistica, tanto da fargli affermare: “La tendenza in corso è quella di ridurre i sensi a riflessi condizionati, di far disimparare loro la capacità di aggregare le sensazioni in modo da conservare immagini rappresentative interiori”. Nonostante la sua analisi della tossicodipendenza sia sbilanciata da istanze di carattere morale, il saggio mostra anche una possibile via d’uscita dalla deriva sensazionalistica, una serie di controfuochi da opporre alla grande macina molare del capitale. Secondo Türcke una delle possibili soluzioni sarebbe di rallentare il consumo e diminuire l’esposizione alla macchina spettacolare o come scrive: “Il gesto di azionare il freno d’emergenza compiuto a suo tempo dall’arte in maniera spettacolare, diventa ora compito elementare composto di piccole chiare azioni quotidiane di pronto soccorso, che però, nonostante tutta la loro banalità, ottengono un peso significativo inconsueto”. Azionare il freno d’emergenza è però solo una fase perché anche la salvezza, perché sia reale, non può essere assoluta, deve quindi essere accompagnata da una serie di azioni costruttive capaci di ricreare dopo la terra bruciata scaturita dalla società dello spettacolo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Christoph

Türcke

Libri dallo stesso autore

Intervista a Türcke Christoph


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Antonello Centanin, in arte Aldo Nove, ha trascorso tutte le estati, dall’infanzia alla prima adolescenza, in Sardegna, un’isola che nel suo immaginario poetico si è trasformata in una terra magica e misteriosa, popolata dalle presenze ancestrali di antichi isolani. Il racconto di Nove segue un doppio registro narrativo, realistico e fantastico allo stesso tempo. Da un lato il giovanissimo Antonello, bambino alla scoperta di una terra lontana e in parte sconosciuta, dall’altro il piccolo Sartàlo, giovane di una tribù indigena perennemente in lotta per la sopravvivenza. Una vicinanza curiosa e inaspettata legherà per sempre le esistenze fragili dei due protagonisti, separati dal tempo, ma non dal destino. Il nonno di Antonello e un vecchio Sikh, Giò, faranno da guida al piccolo. Un romanzo poetico ed evocativo, fantastico e almeno in parte autobiografico.

Un bambino piangeva

Nove Aldo

È la storia di due ragazze, Maria (che narra in prima persona) e Tsugumi. A diciannove anni Maria lascia il piccolo paese sul mare per trasferirsi a Tokyo e iscriversi all'università. Anni dopo, decide di tornare al paese per le vacanze, dove ritrova Tsugumi, l'eroina del romanzo, bellissima e dispotica ragazza. Tutti tentano di essere indulgenti con lei, sperando di renderle migliore la vita che le resta. Infatti le è stata diagnosticata dalla nascita una malattia incurabile. Terminate le vacanze, Maria sta per tornare a Tokyo ma le condizioni di Tsugumi peggiorano e pare non ci sia più niente da fare. All'ultimo momento Tsugumi si salva, sentendosi vicina alla morte però aveva scritto a Maria una lettera-testamento e con questa si chiude il romanzo.

TSUGUMI

Yoshimoto Banana

Pubblicato per la prima volta nel 1959, Una vita violenta venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane. Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Con la prefazione di Vincenzo Cerami.

UNA VITA VIOLENTA

Pasolini Pier Paolo

Ferite d’oro. Quando un oggetto di valore si rompe, in Giappone, lo si ripara con oro liquido. È un’antica tecnica che mostra e non nasconde le fratture. Le esibisce come un pregio: cicatrici dorate, segno orgoglioso di rinascita. Anche per le persone è così. Chi ha sofferto è prezioso, la fragilità può trasformarsi in forza. La tecnica che salda i pezzi, negli esseri umani, si chiama amore. Questa è la storia di Irina, che ha combattuto una battaglia e l’ha vinta. Una donna che non dimentica il passato: lo ricorda, lo porta al petto come un fiore. Irina ha una vita serena, ordinata. Un marito, due figlie gemelle. È italiana, vive in Svizzera, lavora come avvocato. Un giorno qualcosa si incrina. Il matrimonio finisce, senza traumi apparenti. In un fine settimana qualsiasi Mathias, il padre delle bambine, porta via Alessia e Livia. Spariscono. Qualche giorno dopo l’uomo si uccide. Delle bambine non c’è più nessuna traccia. Pagina dopo pagina, rivelazione dopo rivelazione, a un ritmo che fa di questo libro un autentico thriller psicologico e insieme un superbo ritratto di donna, coraggiosa e fragile, Irina conquista brandelli sempre più luminosi di verità e ricuce la sua vita. Da quel fondo oscuro, doloroso, arriva una luce nuova. La possibilità di amare ancora, l’amore che salda e che resta. Concita De Gregorio prende i fatti, semplici e terribili, ed entra nella voce della protagonista. Indagando a fondo una storia vera crea un congegno narrativo rapido, incalzante e pieno di sorprese. Scandisce l’esistenza di questa madre privata dei figli – qual è la parola per dirlo? – in lettere, messaggi, elenchi. Irina scrive alla nonna, al fratello, al giudice, alla maestra delle gemelle, abbozza ritratti, scava nei gesti, torna alle sue radici, trova infine un approdo. Dimenticare significa portare fuori dalla mente, ricordare è tenere nel cuore. Il bisogno di essere ancora felice, ripetuto a voce alta, una sfida contro le frasi fatte, contro i giudizi e i pregiudizi.

Mi sa che fuori è primavera

De Gregorio Concita