Romanzo storico

La spia del doge

Loredan

Descrizione: Venezia,1762. La città della Laguna è uno sfavillio di palazzi sontuosi e balli in maschera. La bellissima Leonora Pucci, cresciuta in un convento di suore a Vicenza, viene richiamata in città da suo padre. Il suo destino è di andare in sposa, un matrimonio concordato per fini politici. Ma lontano dalle feste di Carnevale e dalle cerimonie per l’elezione del Doge, qualcuno trama nell’ombra... Il giorno delle nozze il padre di Leonora verrà arrestato e rinchiuso nelle segrete di Palazzo Ducale e presto la giovane si accorgerà che anche la sua stessa vita è in pericolo. Nel perverso gioco di maschere che la circonda, Leonora dovrà imparare a distinguere gli amici dai nemici. Fino a scoprire che nel dedalo di vicoli bui della città si nasconde un terribile segreto…

Categoria: Romanzo storico

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2011

ISBN: 9788854123434

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Leonora è una ragazza giovanissima che sin da piccola ha vissuto presso un convento di Orsoline. Qui si è sempre distinta dalle altre compagne per la particolare propensione dimostrata nell’investigare e risolvere piccoli misteri, ultimo dei quali la sparizione di un consistente numero di reliquie. Brillante e piena di vita, Leonora ha sempre sognato il giorno in cui i suoi genitori, dei quali non conosce l’identità, si sarebbero presentati per portarla via con loro.

Il convento e’ popolato da giovani (nella maggior parte dei casi, figlie illegittime) di famiglie illustri che, chi per un motivo e chi per l’altro, non possono rimanere nelle case dei propri genitori. Le ragazze sono affidate alle cure delle religiose, che le introducono alle buone maniere, formandole attraverso un piano di studi che dovrebbe un giorno metterle in condizione di vivere nell’alta società dalla quale provengono e alla quale, in taluni casi, sono destinate a tornare. Se la maggior parte degli ospiti del convento sono giovani di buona famiglia, le suore, proprio im virtu’ dello spirito di carità che dovrebbe guidare la loro vita, accolgono anche quei bambini che spesso vengono abbandonati dai propri genitori davanti la porta della piccola comunità religiosa.

 

Un giorno qualsiasi, mentre le ragazze sono intente a frequentare le lezioni quotidianamente impartite, un religioso si presenta alle porte del convento, chiedendo di parlare con la madre badessa. L’uomo porta con sé una lettera dei genitori di Leonora, con la quale questi la richiamano presso la loro residenza in Venezia.

La giovinetta oltrepassò il portico confusa, come avvolta in una nebbia. Il lungo percorso a piedi attraverso le strade di Vicenza l’aiutò a riacquistare la calma. Adesso sapeva con certezza che tutte quelle allusioni e cose non dette non portavano che a un’unica conclusione: le si prospettava un futuro incerto, forse il migliore o forse anche il peggiore che potesse immaginare“.

 

E’ facile immaginare quale possa essere lo smarrimento di Leonora e l’emozione all’idea di conoscere finalmente i suoi genitori. Una nuova città (e non una città qualsiasi, parliamo della Venezia del ‘700), una nuova casa e una nuova famiglia. Partita con le migliori intenzioni ed aspettative, Leonora si rende presto conto di quanto lontana la realtà sia dall’ideale focolare di famiglia che aveva dipinto nella propria mente…

 

Cosa puo’ capitare ad una ragazza, particolarmente acuta e abile coi misteri? Un mistero da risolvere, ovviamente. Si tratta di un complotto ordito per incastrare (almeno questo è ciò che Leonora ritiene) il padre ostacolando cosi’ la sua elezione alla massima carica di Doge.

Un giallo storico abilmente ambientato nella Serenissima. Per gli amanti della città lagunare, quale migliore libro di quello che sviluppa la propria trama tra campi e calli?

 

L’autore, Frédéric Lenormand, che si presenta con il nome d’arte Loredan, ha saputo elaborare una storia che scorre piacevolmente e rapidamente e che rappresenta un  ottimo compromesso per chi sa godere delle ambientazioni storiche ed e’ affascinato dai gialli.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Loredan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Loredan

Sin da ragazza Dalia ha lavorato come dattilografa, attraversando il ventesimo secolo sempre accompagnata dalla sua macchina da scrivere portatile, una Olivetti mp1 rossa. La macchina da scrivere ha percorso con Dalia gli anni dell’ascesa fascista, il secondo conflitto mondiale, il dopoguerra, il boom economico, sino a giungere agli anni Novanta, quando le macchine da scrivere stanno cadendo in disuso a causa dell’avvento dei personal computer, e l’ormai anziana dattilografa viene colpita da un ictus che, pur non rivelandosi letale, offusca parte della sua memoria. I ricordi di Dalia non si sono tuttavia dissolti, essi sopravvivono nella memoria tattile dei suoi polpastrelli, dai quali possono essere liberati soltanto grazie al contatto con i tasti della sua Olivetti rossa. Attraverso la macchina da scrivere, Dalia ripercorre la propria esistenza: gli amori, i lutti e i mille espedienti attuati per sopravvivere, procedendo sempre a testa alta con dignità e buonumore. Un unico ricordo, tuttavia, legato al suo grande amore, le sfugge, ma Dalia è decisa a ritrovarlo grazie agli indizi che qualcuno, o forse qualcosa, ha disseminato lungo il suo percorso.

La ragazza con la macchina da scrivere

Icardi Desy

Un ufficiale che diserta e intraprende un viaggio attraverso l'Italia devastata dalla guerra. Una ragazza di buona famiglia che diventa una partigiana pronta a uccidere un fascista dopo l'altro. Un ingegnere aeronautico che si nasconde in attesa che passi la bufera. Matteo, sua sorella Adele, il cognato Aldo: sono i personaggi di "In territorio nemico", tre giovani separati dalla guerra che, dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, cercano di ritrovarsi in un paese in preda al caos. Nei venti mesi terribili dell'occupazione nazista, i tre protagonisti faranno esperienza della battaglia, dell'isolamento, dell'amore, del conflitto con se stessi, fino ad affrontare la prova più difficile: scegliere da che parte stare mentre la morte li minaccia a ogni passo. "In territorio nemico" è una nuova epica della Resistenza. Un'epopea corale resa possibile dal lavoro di oltre cento scrittori e ispirata alle testimonianze di chi la guerra l'ha vissuta e non ha cessato di raccontarla. Un romanzo vivo e toccante che, tenendo ben presente l'eredità di Fenoglio, Malaparte e Calvino, apre una rinnovata prospettiva sull'esperienza tragica e fondativa della seconda guerra mondiale in Italia.

In territorio nemico

Un padre che rientra a casa dalla caserma in cui lavora, a Siracusa, e chiede alla moglie, impegnata a far quadrare i conti di casa cucinando piatti semplici: "Stasera cosa mangiamo, grilli?". E una ragazzina di tredici anni, alta, magra, con i capelli a caschetto, che fraintende lo scherzo e immagina un'invasione di insetti sulla tavola intorno alla quale siedono insieme a lei i fratelli Rosario, Beppe e Anna. Comincia così questo libro intimo, commovente, esilarante in cui Catena Fiorello racconta attraverso ricordi personali - legati ai sapori e ai profumi tipici della cucina siciliana e di una tradizione povera del gusto - la sua visione non soltanto dell'arte gastronomica, ma dei valori che si apprendono mangiando. Un libro per riscoprire l'incanto di stare insieme e di condividere il calore della tavola e della famiglia.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano

Fiorello Catena

RISVEGLIO

Rice Anna