Romanzo storico

La spia del doge

Loredan

Descrizione: Venezia,1762. La città della Laguna è uno sfavillio di palazzi sontuosi e balli in maschera. La bellissima Leonora Pucci, cresciuta in un convento di suore a Vicenza, viene richiamata in città da suo padre. Il suo destino è di andare in sposa, un matrimonio concordato per fini politici. Ma lontano dalle feste di Carnevale e dalle cerimonie per l’elezione del Doge, qualcuno trama nell’ombra... Il giorno delle nozze il padre di Leonora verrà arrestato e rinchiuso nelle segrete di Palazzo Ducale e presto la giovane si accorgerà che anche la sua stessa vita è in pericolo. Nel perverso gioco di maschere che la circonda, Leonora dovrà imparare a distinguere gli amici dai nemici. Fino a scoprire che nel dedalo di vicoli bui della città si nasconde un terribile segreto…

Categoria: Romanzo storico

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2011

ISBN: 9788854123434

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Leonora è una ragazza giovanissima che sin da piccola ha vissuto presso un convento di Orsoline. Qui si è sempre distinta dalle altre compagne per la particolare propensione dimostrata nell’investigare e risolvere piccoli misteri, ultimo dei quali la sparizione di un consistente numero di reliquie. Brillante e piena di vita, Leonora ha sempre sognato il giorno in cui i suoi genitori, dei quali non conosce l’identità, si sarebbero presentati per portarla via con loro.

Il convento e’ popolato da giovani (nella maggior parte dei casi, figlie illegittime) di famiglie illustri che, chi per un motivo e chi per l’altro, non possono rimanere nelle case dei propri genitori. Le ragazze sono affidate alle cure delle religiose, che le introducono alle buone maniere, formandole attraverso un piano di studi che dovrebbe un giorno metterle in condizione di vivere nell’alta società dalla quale provengono e alla quale, in taluni casi, sono destinate a tornare. Se la maggior parte degli ospiti del convento sono giovani di buona famiglia, le suore, proprio im virtu’ dello spirito di carità che dovrebbe guidare la loro vita, accolgono anche quei bambini che spesso vengono abbandonati dai propri genitori davanti la porta della piccola comunità religiosa.

 

Un giorno qualsiasi, mentre le ragazze sono intente a frequentare le lezioni quotidianamente impartite, un religioso si presenta alle porte del convento, chiedendo di parlare con la madre badessa. L’uomo porta con sé una lettera dei genitori di Leonora, con la quale questi la richiamano presso la loro residenza in Venezia.

La giovinetta oltrepassò il portico confusa, come avvolta in una nebbia. Il lungo percorso a piedi attraverso le strade di Vicenza l’aiutò a riacquistare la calma. Adesso sapeva con certezza che tutte quelle allusioni e cose non dette non portavano che a un’unica conclusione: le si prospettava un futuro incerto, forse il migliore o forse anche il peggiore che potesse immaginare“.

 

E’ facile immaginare quale possa essere lo smarrimento di Leonora e l’emozione all’idea di conoscere finalmente i suoi genitori. Una nuova città (e non una città qualsiasi, parliamo della Venezia del ‘700), una nuova casa e una nuova famiglia. Partita con le migliori intenzioni ed aspettative, Leonora si rende presto conto di quanto lontana la realtà sia dall’ideale focolare di famiglia che aveva dipinto nella propria mente…

 

Cosa puo’ capitare ad una ragazza, particolarmente acuta e abile coi misteri? Un mistero da risolvere, ovviamente. Si tratta di un complotto ordito per incastrare (almeno questo è ciò che Leonora ritiene) il padre ostacolando cosi’ la sua elezione alla massima carica di Doge.

Un giallo storico abilmente ambientato nella Serenissima. Per gli amanti della città lagunare, quale migliore libro di quello che sviluppa la propria trama tra campi e calli?

 

L’autore, Frédéric Lenormand, che si presenta con il nome d’arte Loredan, ha saputo elaborare una storia che scorre piacevolmente e rapidamente e che rappresenta un  ottimo compromesso per chi sa godere delle ambientazioni storiche ed e’ affascinato dai gialli.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Loredan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Loredan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sulla tua parola. Letture della messa per vivere la parola di Dio. Settembre-ottobre 2014

Germania, ottobre 1938. Uno straniero passeggia tra i vicoli di una città di provincia. Sono da poco passate le nove di sera e la città è irrealmente deserta e silenziosa, si odono solo il fruscio di bandiere appese alle finestre, l’abbaiare di un cane che si confonde con l’eco di una voce di un uomo. Lo straniero siede ai piedi di un monumento, guarda il cielo, assapora la quiete e la serenità della notte. Non sa che la voce lontana è quella di Adolf Hitler che parla al suo popolo, non sa che da lì a poco tempo dalla Germania partirà l’offensiva che darà inizio alla Seconda guerra mondiale. In Germania, molti intellettuali e artisti sono fuoriusciti da anni, scegliendo o dovendo scegliere l’esilio come autodifesa. Una di loro vuole far capire che cosa sta succedendo, che cosa è già successo e soprattutto quello che ancora potrebbeessere fatto. Quando si spengono le luci, volume di racconti brevi scritti in presa diretta da Erika Mann in pochi mesi, è testimonianza e appello. L’autrice racconta di gente comune, non di eroi né di criminali al servizio del Terzo Reich: sono viaggiatori, medici, commercianti, contadini, professori universitari, operai, sacerdoti, giornalisti, madri di famiglia e marinai i protagonisti delle sue «storie vere». In un racconto, il professor Habermann conduce per mano i suoi allievi all’insubordinazione in pectore, durante una lezione, col solo ragionare correttamente di diritto in un’aula universitaria. In un altro, due giovani ragazzi innocenti, non certo avversi al regime, si suicidano per colpa della leggerezza incompetente di un medico nazista, in un contesto di ubbidienza cieca a cui loro per primi si sono volontariamente uniformati. Per i due giovani il processo post mortem si chiude con una vuota frase di circostanza e il rammarico che al Terzo Reich sia stata tolta «forza lavoro»: di certo un futuro fedele soldato e, con tutta probabilità, una buona fattrice di bambini. Nella postfazione «Un nuovo tipo di scrittrice», Agnese Grieco scende dietro le quinte dell’opera di Erika Mann, mettendo in luce la delicatezza illuminista e la misura perfetta con cui Quando sispengono le luci analizza la doppia natura faustiana dell’anima tedesca, per cercare di capire e affrontare il presente hitleriano e testimoniare, al tempo stesso, un’altra Germania.

Quando si spengono le luci

Mann Erika

È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l'intera vita, da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'uno accanto all'altra, nell'alba di una vita nuova. Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell'industria dello spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. Ma ogni 15 luglio c'è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme...

UN GIORNO

Nicholls David

Il piccolo libri del Natale; dal nascere al mondo e alla vita; l'enorme mistero della maternità. Una lettura della storia di Maria che restituisce alla madre di Gesù la meravigliosa semplicità di una femminilità coraggiosa, la grazia umana di un destino che la comprende e la supera.

In nome della madre

De Luca Erri