Narrativa

La Sposa giovane

Baricco Alessandro

Descrizione: Arriva la sposa giovane e lo sposo non c'è. Comincia un'attesa che coincide con la magia dell'educazione alla bellezza, all'erotismo, all'intelligenza dei sensi. La sposa giovane, la ragazza che ha fatto la solenne promessa di unirsi in matrimonio con il figlio. Il figlio però non c'è. È in Inghilterra, a visitare opifici tessili. Il maggiordomo modesto si aggira, esatto e cristallino come la sua lingua non verbale, a garantire i ritmi della comunità. Lo zio agisce e delibera dentro la nebbia di un sonno che non lo abbandona neppure durante le partite di tennis. La figlia porta la sua bellezza dentro un corpo di storpia.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2015

ISBN: 9788807031311

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel romanzo di Alessandro Baricco, “La Sposa giovane” giunge nella casa ove vive la metafisica famiglia del promesso sposo (il Figlio).
L’accoglie il maggiordomo (“Modesto… serve in quella casa da cinquantanove anni, ne è dunque il sacerdote”), che la introduce alle abitudini e ai riti dei familiari (“Il Padre, la Madre, la Figlia, lo Zio”) del grande assente: il Figlio, conosciuto tre anni prima, quando il matrimonio venne rimandato in attesa che la Sposa giovane raggiungesse la maggiore età.
La ragazza si addentra così nei meccanismi di una convivenza soggiogata da una grande paura (“Da centotredici anni, va detto, tutti sono morti di notte, nella nostra famiglia”), che viene esorcizzata con quotidiano senso di sollievo nelle immense colazioni, alle quali seguono le altre fasi della giornata (“Quando le incombenze del giorno erano finite e già si annunciava il tradizionale fuggi fuggi serale”).
Le viene detto che il Figlio è in Inghilterra (“Ecco. Il Figlio è in Inghilterra. Ma del tutto provvisoriamente. Nel senso che tornerà?”), ma questa assenza nasconde un mistero (“Disse che il Figlio era sparito”), dissimulato con invii di oggetti (“le spedizioni inglesi”) che sembrano preannunciare un imminente ritorno in quel nucleo ove vigono alcune regole:
“Ci sono delle regole…
… la prima… temere la notte.
… secondo: l’infelicità non è gradita.
… lei legge libri? … Non lo faccia.
… il Padre porta un’inesattezza nel cuore… Non si aspetti da lui distrazioni da una generica, necessaria pacatezza. Né le pretenda…” 

Durante l’attesa, la Sposa giovane conosce anche nell’intimità la Figlia storpia, l’incantevole Madre (“La leggenda della Madre”), la fragilità (“Qualcosa di irreparabile si era scheggiato nel suo muscolo cardiaco, quando ancora era ipotesi in costruzione nel grembo della madre, e così era nato con un cuore di vetro…”) e il ruolo del Padre (“Mi sforzo di mettere in ordine il mondo… Non dico il mondo intero, ovviamente dico quella piccola porzione di mondo che mi è stata assegnata”). Per penetrare le mistificazioni dietro alle quali si nasconde un’altra realtà: il Figlio non è figlio, lo Zio non è zio…
Quando la famiglia – secondo una cadenza annuale – deve partire per la villeggiatura (“Particolare cura era riservata al prezioso rito di lasciare, disseminati per casa, gesti interrotti: sembrava essere sicura garanzia del fatto che si sarebbe tornati a completarli”), la Sposa giovane ottiene di rimanere a casa, perché sente che il Figlio deve arrivare (“Pensò che il Figlio sarebbe davvero tornato se solo lui avesse permesso a quella ragazza di aspettarlo veramente”).
Il campanello suona, ma è un falso allarme.
L’epilogo è all’insegna dei corsi e ricorsi storico-familiari.

Riedizione dei “Sei personaggi in cerca d’autore” di Pirandello (nella nomenclatura dei protagonisti, nella funzione svolta dal bordello) e in parte ricalcando la trama del “Teorema” di Pasolini (al pari dell’ospite di Teorema, anche la Sposa giovane conosce sessualmente tutti i componenti della famiglia), “La Sposa giovane” mantiene la propria autonomia sviluppando con originalità i temi del materialismo erotico (“Stava insegnandomi che sono i corpi a dettare la vita… non conosco storia… che non sia iniziata nella mossa animale di un corpo – un’inclinazione, una ferita, una sghembatura, alle volte un gesto brillante, spesso istinti osceni che vengono da lontano… I pensieri vengono poi, e sono sempre una mappa tardiva, a cui attribuiamo, per convenzione e stanchezza, una qualche precisione. Probabilmente era ciò che il Padre aveva in mente di spiegarmi, facendo il gesto apparentemente assurdo di portare una ragazzina in un bordello…”), del soggettivismo (“Abbiamo questa forza incredibile con cui diamo un senso alle cose, ai luoghi, a tutto: eppure non riusciamo a fissare nulla, torna tutto subito neutrale, oggetti presi in prestito, idee di passaggio, sentimenti fragili come cristallo”) e della precarietà esistenziale (“Nella ripetizione dei gesti fermiamo il mondo: è come tenere per mano un bambino perché non si perda”).

Lo stile abbonda di virtuosismi, di sperimentalismi letterari, di spericolate interpretazioni autoriali (“… Scrivendo della Sposa giovane mi succede di cambiare più o meno bruscamente la voce narrante, per ragioni che lì per lì mi sembrano squisitamente tecniche, e tutt’al più blandamente estetiche, con l’evidente risultato di complicare la vita al lettore, cosa di per sé trascurabile, ma anche con un fastidioso effetto di virtuosismo…”) sulle quali incombe l’atmosfera ansiogena dell’attesa (“Dite a mio figlio che la notte è finita”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Baricco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Baricco Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Può una vendetta realizzarsi nell’arco di un’intera esistenza? Amélie Nothomb torna con una storia d’amore nero in cui tocca le corde più intime del desiderio, là dove è difficile distinguere l’amore dal suo riflesso malato, e dove vincere o perdere diventano l’unica ragione per cui vale la pena vivere. Il 12 settembre 1970 Dominique conosce Claude sulla terrazza di un caffè a Brest, e non sa ancora che la sua vita sta per cambiare per sempre. Il destino ha fatto incontrare due persone dai nomi epiceni, maschili e femminili insieme. Lui la seduce con un bicchiere di champagne, un flacone di Chanel n° 5 e la promessa di trasferirsi a Parigi. La nascita della figlia tanto desiderata, Epicène, suscita tuttavia in Claude un incomprensibile disinteresse che, col passare degli anni, spinge la ragazza a odiare il padre e a desiderare di ucciderlo…

I nomi epiceni

Nothomb Amélie

Una figlia appena maggiorenne annuncia al padre che si trasferirà all'estero. Questo lo spunto per avviare una riflessione sulla paternità, sulle sue inadeguatezze, sull'amore che ne guida ogni slancio. E in particolare sul rapporto intenso e fuori da ogni definizione che lega un padre a una figlia femmina. Un viaggio intimo e ironico di un uomo che si mette sempre in discussione riconoscendo i propri errori e le contraddizioni della sua generazione. Parole non dette e recuperate, gesti mai completati, in un dialogo che si fa confessione. Un padre che torna a essere figlio, che inciampa ma che non smette mai di tenere per mano la sua bambina anche quando è ormai una donna dal sorriso disarmante.

Quando ridi

Terruzzi Giorgio

Due racconti sul diverso modo di vivere l'attesa della Vigilia di Natale, introdotti da una poesia di Edmond Rostand. "Il dono di Natale" di Grazia Deledda è ambientato nella Sardegna dei primi del Novecento. Dopo la messa della Vigilia, i cinque fratelli pastori festeggiano, davanti al focolare dell'umile casa, il fidanzamento dell'unica sorella consumando carne arrosto, focacce e una torta di miele. "A.D. 2953" è un racconto distopico in cui un nuovo ordine mondiale ha preso il potere sulla Terra. La razza umana, sfidando le leggi di natura e sostituendosi a Dio, è diventata immortale. C'è ancora, però, una frangia dissidente e una luce di speranza. Seppur così apparentemente lontani, un filo rosso lega i due racconti che, nel finale, ci svelano che il dono più grande è il miracolo della vita.

Luci di Natale

Deledda Grazia

Pubblicato nel 1836, il romanzo - che narra l"iniziazione" del giovane Grinev sullo sfondo della rivolta di Pugacev - sfugge a classificazioni precise, perché sospeso tra generi diversi. Prevalgono tuttavia in esso l'ironia, il superamento delle convenzioni romantiche e un interesse così acuto per la storia che sembra presupporre, da parte dello scrittore, una presa di posizione di tipo ideologico. Ma Puskin non era un rivoluzionario, né un ammiratore del popolo russo in quanto forza progressista. Nel "Capitolo omesso", qui riportato in Appendice, si legge infatti: "Quelli che da noi progettano impossibili rivolte o sono giovani e non conoscono il nostro popolo oppure sono persone dal cuore crudele, per le quali la testa altrui vale un quarto di copeco e la propria pelle ne vale uno". Con buona pace della critica "sociale", Puskin non era schiavo di alcuna ideologia.

La figlia del capitano

Puškin Aleksandr Sergeevič