Narrativa

La Sposa giovane

Baricco Alessandro

Descrizione: Arriva la sposa giovane e lo sposo non c'è. Comincia un'attesa che coincide con la magia dell'educazione alla bellezza, all'erotismo, all'intelligenza dei sensi. La sposa giovane, la ragazza che ha fatto la solenne promessa di unirsi in matrimonio con il figlio. Il figlio però non c'è. È in Inghilterra, a visitare opifici tessili. Il maggiordomo modesto si aggira, esatto e cristallino come la sua lingua non verbale, a garantire i ritmi della comunità. Lo zio agisce e delibera dentro la nebbia di un sonno che non lo abbandona neppure durante le partite di tennis. La figlia porta la sua bellezza dentro un corpo di storpia.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2015

ISBN: 9788807031311

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel romanzo di Alessandro Baricco, “La Sposa giovane” giunge nella casa ove vive la metafisica famiglia del promesso sposo (il Figlio).
L’accoglie il maggiordomo (“Modesto… serve in quella casa da cinquantanove anni, ne è dunque il sacerdote”), che la introduce alle abitudini e ai riti dei familiari (“Il Padre, la Madre, la Figlia, lo Zio”) del grande assente: il Figlio, conosciuto tre anni prima, quando il matrimonio venne rimandato in attesa che la Sposa giovane raggiungesse la maggiore età.
La ragazza si addentra così nei meccanismi di una convivenza soggiogata da una grande paura (“Da centotredici anni, va detto, tutti sono morti di notte, nella nostra famiglia”), che viene esorcizzata con quotidiano senso di sollievo nelle immense colazioni, alle quali seguono le altre fasi della giornata (“Quando le incombenze del giorno erano finite e già si annunciava il tradizionale fuggi fuggi serale”).
Le viene detto che il Figlio è in Inghilterra (“Ecco. Il Figlio è in Inghilterra. Ma del tutto provvisoriamente. Nel senso che tornerà?”), ma questa assenza nasconde un mistero (“Disse che il Figlio era sparito”), dissimulato con invii di oggetti (“le spedizioni inglesi”) che sembrano preannunciare un imminente ritorno in quel nucleo ove vigono alcune regole:
“Ci sono delle regole…
… la prima… temere la notte.
… secondo: l’infelicità non è gradita.
… lei legge libri? … Non lo faccia.
… il Padre porta un’inesattezza nel cuore… Non si aspetti da lui distrazioni da una generica, necessaria pacatezza. Né le pretenda…” 

Durante l’attesa, la Sposa giovane conosce anche nell’intimità la Figlia storpia, l’incantevole Madre (“La leggenda della Madre”), la fragilità (“Qualcosa di irreparabile si era scheggiato nel suo muscolo cardiaco, quando ancora era ipotesi in costruzione nel grembo della madre, e così era nato con un cuore di vetro…”) e il ruolo del Padre (“Mi sforzo di mettere in ordine il mondo… Non dico il mondo intero, ovviamente dico quella piccola porzione di mondo che mi è stata assegnata”). Per penetrare le mistificazioni dietro alle quali si nasconde un’altra realtà: il Figlio non è figlio, lo Zio non è zio…
Quando la famiglia – secondo una cadenza annuale – deve partire per la villeggiatura (“Particolare cura era riservata al prezioso rito di lasciare, disseminati per casa, gesti interrotti: sembrava essere sicura garanzia del fatto che si sarebbe tornati a completarli”), la Sposa giovane ottiene di rimanere a casa, perché sente che il Figlio deve arrivare (“Pensò che il Figlio sarebbe davvero tornato se solo lui avesse permesso a quella ragazza di aspettarlo veramente”).
Il campanello suona, ma è un falso allarme.
L’epilogo è all’insegna dei corsi e ricorsi storico-familiari.

Riedizione dei “Sei personaggi in cerca d’autore” di Pirandello (nella nomenclatura dei protagonisti, nella funzione svolta dal bordello) e in parte ricalcando la trama del “Teorema” di Pasolini (al pari dell’ospite di Teorema, anche la Sposa giovane conosce sessualmente tutti i componenti della famiglia), “La Sposa giovane” mantiene la propria autonomia sviluppando con originalità i temi del materialismo erotico (“Stava insegnandomi che sono i corpi a dettare la vita… non conosco storia… che non sia iniziata nella mossa animale di un corpo – un’inclinazione, una ferita, una sghembatura, alle volte un gesto brillante, spesso istinti osceni che vengono da lontano… I pensieri vengono poi, e sono sempre una mappa tardiva, a cui attribuiamo, per convenzione e stanchezza, una qualche precisione. Probabilmente era ciò che il Padre aveva in mente di spiegarmi, facendo il gesto apparentemente assurdo di portare una ragazzina in un bordello…”), del soggettivismo (“Abbiamo questa forza incredibile con cui diamo un senso alle cose, ai luoghi, a tutto: eppure non riusciamo a fissare nulla, torna tutto subito neutrale, oggetti presi in prestito, idee di passaggio, sentimenti fragili come cristallo”) e della precarietà esistenziale (“Nella ripetizione dei gesti fermiamo il mondo: è come tenere per mano un bambino perché non si perda”).

Lo stile abbonda di virtuosismi, di sperimentalismi letterari, di spericolate interpretazioni autoriali (“… Scrivendo della Sposa giovane mi succede di cambiare più o meno bruscamente la voce narrante, per ragioni che lì per lì mi sembrano squisitamente tecniche, e tutt’al più blandamente estetiche, con l’evidente risultato di complicare la vita al lettore, cosa di per sé trascurabile, ma anche con un fastidioso effetto di virtuosismo…”) sulle quali incombe l’atmosfera ansiogena dell’attesa (“Dite a mio figlio che la notte è finita”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Baricco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Baricco Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Guidata dal vecchio giardiniere che curava in Persia le terre della sua casa d’infanzia, Marjan Aminpour ha imparato sin da bambina a coltivare le piante. A Ballinacroagh, il villaggio dell’Irlanda occidentale dove, dopo essere scappata dall’Iran khomeinista, si è stabilita assieme a Bahar e Layla, le sue sorelle più piccole, Marjan ha aperto il Caffè Babilonia, un locale ricavato dall’ex panetteria di Estelle Delmonico, la vedova di un fornaio italiano. Col cardamomo e l’acqua di rose, il basmati, il dragoncello e la santoreggia, Marjan prepara le sue speziate ricette persiane, e la gente di Ballinacroagh accorre ogni giorno numerosa al Caffè Babilonia, attratta dalle pareti vermiglie, dalle zuppe di melagrana e dal samovar del tè sempre pronto. Marjan potrebbe finalmente godere dei suoi meritati piccoli trionfi se un perfido scherzo del destino non si fosse preso la briga di turbarla profondamente: Layla, la sorellina che si è conquistata subito la simpatia dell’intera Ballinacroagh, si è innamorata, ricambiata, di Malachy McGuire, uno dei figli di Thomas McGuire, il boss del villaggio che possiede un’infinità di pub e ambirebbe volentieri a mettere le mani sul Caffè Babilonia...

CAFFE’ BABILONIA

Mehran Marsha

Il libro di Antonella Rizzo è ora sincopato e ironico, ora triste e pensoso ma sempre leggibile. Prende alla gola. Una poesia che non dà spazio a fraintendimenti, la sua. Dice Antonio Veneziani nella prefazione: “Il punto di convergenza…incatena alla pagina”. Un libro che va letto e assaporato come un vino d’annata, perché Plethora racconta il mondo odierno con i suoi cinismi (tanti) e con la sua poca poeticità.

Plethora

Rizzo Antonella

Nei villaggi delle Alpujarras è esploso il grido della ribellione. Stanchi di ingiustizie e umiliazioni, i moriscos si battono contro i cristiani che li hanno costretti alla conversione. È il 1568. Tra i rivoltosi musulmani spicca un ragazzo di quattordici anni dagli occhi incredibilmente azzurri. Il suo nome è Hernando. Nato da un vile atto di brutalità – la madre morisca fu stuprata da un prete cristiano –, il giovane dal sangue misto subisce il rifiuto della sua gente. La rivolta è la sua occasione di riscatto: grazie alla sua generosità e al coraggio, conquista la stima di compagni più o meno potenti. Ma c’è anche chi, mosso dall’invidia, trama contro di lui. E quando nell’inferno degli scontri conosce Fatima, una ragazzina dagli immensi occhi neri a mandorla che porta un neonato in braccio, deve fare di tutto per impedire al patrigno di sottrargliela. Inizia così la lunga storia d’amore tra Fatima ed Hernando, un amore ostacolato da mille traversie e scandito da un continuo perdersi e ritrovarsi. Ma con l’immagine della mamma bambina impressa nella memoria, Hernando continuerà a lottare per il proprio destino e quello del suo popolo. Anche quando si affaccerà nella sua vita la giovane cattolica Isabel...

LA MANO DI FATIMA

Falcones Ildefonso

Al centro del romanzo troviamo Milo, un'anima davvero antica: ha già vissuto 9.995 volte e non ha nessuna intenzione di smettere. Anziché cercare di raggiungere la perfezione, il nirvana, che gli sembra una cosa piuttosto noiosa, egli preferisce infatti continuare a vivere una vita dopo l'altra rimanendo nel ciclo della reincarnazione, così da poter continuare la sua relazione con la Morte (o "Suzie", come preferisce essere chiamata). Ciò che ancora Milo non sa è che le anime non sono eterne: si sta rapidamente avvicinando il momento in cui il suo ciclo si esaurirà e lui sarà cancellato per sempre se non raggiungerà la perfezione. Avrà solo altre cinque vite per provarci, e gli serviranno tutte per riuscire a salvare se stesso e, forse, l'intero genere umano. Reincarnation Blues ci porta ovunque, dall'antica India a una colonia penale posta su una lontana galassia del futuro, con soste a Vienna, sul Sole e nell'Ohio. Vivendo ogni tipo di esistenza immaginabile, Milo avrà la possibilità di scoprire cosa renda perfetta una persona. Neil Gaiman incontra Kurt Vonnegut in questa dark comedy profondamente fantasiosa sui segreti della vita, della morte e dell'amore.

Reincarnation blues

Poore Michael