Recensioni

La sposa nel lago

Cocco & Magella

Descrizione: Alle prime luci dell'alba di una gelida giornata d'inverno, nella suggestiva cornice dell'abbazia cistercense di Piona, sul ramo orientale del lago di Como, un monaco di nome Bassano rinviene il cadavere di una giovane donna avvolto in un lenzuolo bianco. Si tratta di Ginevra Bassi, una studentessa di diciannove anni. La ragazza è stata uccisa in circostanze misteriose, e il corpo presenta numerose ferite inflitte post-mortem. Le prime indagini, che vedono contrapposte le procure di due province, mettono in luce la doppia personalità della ragazza, le sue ambigue relazioni e il complicato rapporto che la legava a un uomo di vent'anni più anziano, il milanese Sergio Tagliaferri, pilota di linea per una nota compagnia di voli low cost. Chi ha ucciso Ginevra? Per quale motivo? Chi ha gettato il suo corpo nelle fredde acque del lago? Qualche settimana più tardi, a Como, nell'area industriale abbandonata dell'ex Ticosa, all'interno del tunnel che conduce alla frazione di Santa Marta, viene ritrovato il corpo senza vita di un anziano clochard. "Il Professore" è stato ucciso - apparentemente senza movente - nell'ambiente che gravita intorno al mondo dei senzatetto della fabbrica dismessa. I due efferati delitti segnano l'inizio di una nuova indagine del commissario Stefania Valenti che, insieme ai fidi Piras e Lucchesi e al commissario capo Giulio Allevi, dovrà far luce su un'intricata vicenda di passioni ed eredità contese, promesse tradite e miserie umane, in cui la soluzione del caso, come il diavolo, si annida nei dettagli...

Categoria: Recensioni

Editore: Marsilio

Collana: Farfalle

Anno: 2019

ISBN: 9788829701810

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Cocco & Magella, coppia inossidabile del giallo italiano, tornano nelle librerie con una nuova fatica letteraria dal titolo La sposa nel lago. Un noir ben congegnato, che tiene il lettore incollato alla pagina fino alla soluzione finale, inaspettata. Protagonista dell’investigazione è, ancora una volta, il commissario Stefania Valenti, che è “una giovane donna separata e con una figlia adolescente, più testarda e determinata di tanti suoi colleghi maschi.

Due sono i casi di cui si deve occupare: uno vede il ritrovamento di un anziano clochard all’interno di una fabbrica abbandonata. Lui era molto conosciuto a Como, chiamato con il soprannome “Il Professore” per il rispetto e la delicatezza dei modi con i quali si rivolgeva al prossimo. E’ forse stato vittima dei litigi scoppiati tra consimili o c’è dell’altro?

Il secondo caso è alquanto ricco di un fascino che inquieta, ed è il ritrovamento di un “corpo senza vita della donna era lì, immobile e bellissimo, avvolto in un lenzuolo bianco, cullato dal movimento leggero delle onde.”

Si scopre presto che il cadavere è quello di una giovane studentessa di diciannove anni, che si chiama Ginevra Bassi, morta in circostanze misteriose. Chi ha voluto porre fine a una così giovane vita? Cosa lega le due morti? Quali fili invisibili terribili e inquietanti collegano i due fatti?

Un giallo dall’ambientazione ricca di un incanto particolare come può essere quello del lago d’inverno, avvolto in quelle brume che tutto nascondono e celano, anche i peccati più gravi e innominabili. Un testo che segue con minuzia le caratteristiche del genere al quale appartiene, con profondità e sapienza narrativa. Una storia che scava nel torbido e nell’indicibile, ma che trascina il lettore in un vortice emozionale di grande spessore. Un libro che è “una conveniente e attualissima versione del romanzo poliziesco deduttivo classico reso celebre da Agatha Christie e Sir Arthur Conan Doyle.”

Vivamente consigliato agli amanti del giallo classico, scritto con grande charme ed eleganza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Magella

&

Cocco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cocco & Magella


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'opera e il pensiero di Fabrizio De André sono ininterrottamente e spontaneamente richiamati in incontri, convegni e dibattiti tesi non solo ad analizzare la sua poetica ma anche ad approfondire le tematiche trattate nelle sue canzoni. "Ai bordi dell'infinito", titolo che si riferisce a un verso del brano cantico dei drogati, riprende il percorso antologico cominciato da Fondazione Fabrizio De André Onlus con il volume "Volammo davvero" proponendo a cinque anni di distanza una nuova raccolta di scritti nati da interventi di artisti letterati, appassionati della sua opera, ma non solo, che in varie occasioni si sono confrontati con il pensiero di De André, spesso servendosene come lente attraverso la quale leggere problematiche ancora attuali e che riguardano gli ultimi, i più deboli, gli emarginati. Un coro di più toni e linguaggi, siano essi letterari o della testimonianza, che guarda a quell'"ansia di giustizia sociale" , per usare le sue parole, principale binario su cui ha camminato il lavoro di De André. Una raccolta di scritti inediti, anche di autori inaspettati, che aiuta ad approfondire la molteplicità dello sguardo di uno degli artisti italiani più spesso richiamato per l'intelligente ironia, la profondità delle idee e l'autentica coerenza.

Ai bordi dell’infinito

Valdini Elena

Nel luglio 1845, Henry Thoreau lasciava la sua cittadina natale per andare a vivere in una capanna nei boschi del vicino lago di Walden. Il suo voleva essere un esperimento, che assumeva però risvolti politici e sociali insieme: era una scelta di "disobbedienza civile" verso una società di cui non condivideva gli ideali mercantili. Nell'introduzione Piero Sanavio spiega come il vagabondo di Walden, nel suo solitario rapporto con la natura, ricercasse un alfabeto segreto: quello del mitico New England di due secoli prima, dimensione morale, estetica e metafisica, prima ancora che semplice territorio geografico.

Walden. Vita nei boschi

Thoreau Henry D.

Il ritorno innamorato delle farfalle

Si può sparire nel nulla a undici anni? Si può far pagare a un bambino per le colpe degli adulti? No che non si può, pensa il commissario Sergio Striggio al suo primo incarico a Bolzano. Ha chiesto lui di essere mandato in una sede abbastanza lontana da Bologna – ma non troppo, perché nella sua città natale vive ancora l’anziano padre, da poco rimasto vedovo per la seconda volta. Per i due uomini è giunto il momento di riaprire un contenzioso antico: Pietro, che è stato a sua volta poliziotto, non perdona al figlio di averlo voluto imitare. Aveva per lui una prospettiva diversa, e ora tra loro si è insinuato il peso di tutte le cose che non sono mai riusciti a dirsi veramente. La ricerca del bambino scomparso per il commissario Striggio è qualcosa di più che lavoro: diventerà ben presto un viaggio dentro se stesso, in cui fare i conti con la sua identità. Perché al centro di ogni indagine c’è un punto oscuro, e nell’animo di ogni indagatore un luogo inesplorato.

Del dirsi addio

Fois Marcello