Letteratura femminile

LA SPOSA NUDA

Gemmell Nikki

Descrizione: Trentacinquenne londinese, la protagonista di questo romanzo è considerata una brava moglie. Devota e innamorata, vive in modo consapevole la nuova vita coniugale con i suoi alti e bassi, mai però dimentica del passato da single. Ma un giorno la brava moglie incappa in un sospetto. Un sospetto indicibile, che fa crollare in un soffio le certezze conquistate a fatica e il legame ventennale con la migliore amica. Il momento di crisi le dischiude però una possibilità, le apre una strada che lei percorre con coraggio e che la porta a scendere nel profondo di se stessa, a tu per tu con i desideri inconfessabili, con la più sincera scoperta del sesso. Passo dopo passo, sino a quel fondo che molte donne riescono solo a intravedere, seguiamo la protagonista nelle sue tappe più scabrose. Dopo aver ammesso di non essere mai riuscita a raggiungere l'orgasmo con il marito, di essere stata pavida nella scelta professionale, di riconoscere nel proprio compagno un uomo ordinario e un po' noioso, rivela di sognare un amante che la leghi al letto e donne che la tocchino. Risponde "voglio fare sesso" a un taxista che le domanda la destinazione, si tuffa in una relazione clandestina con un ragazzo più giovane... Esplorando l'universo femminile nelle sue pieghe più segrete, dando voce a quello che molte donne non riescono a dire, nemmeno a se stesse, questo romanzo raggiunge esiti di particolare, persuasiva verità.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2013

ISBN: 9788823503816

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Pubblicato in forma anonima in Inghilterra nel 2003 e ripubblicato lo scorso anno con la firma di Nikki Gemmell, nota autrice australiana, “La sposa nuda” é diventato subito un bestseller. In Italia ce lo fa scoprire Guanda, con una bella traduzione a cura di Eva Kampmann.

Il tema, riassumibile nel classico “matrimonio = tomba del sesso e della passione”, é quasi un cliché, e anche la trama non può certo dirsi innovativa: la brava moglie, delusa nelle sue certezze più profonde, finalmente si ribella e decide per la prima volta di dare spazio e libero sfogo ai propri desideri nascosti. Eppure “La sposa nuda” é un libro eccitante e soprattutto seducente, che in più passaggi saprà travolgere i vostri sensi.
Si compone di 138 lezioni, che però non hanno la pretesa di istruire nessuno: la trentacinquenne protagonista del romanzo semplicemente si confessa per curare le proprie ferite, denudando (appunto) un’anima che non vanta purezza e innocenza ma mira a conoscersi e accettarsi.
Tuo marito non sa che stai scrivendo queste cose. É abbastanza facile scrivere sotto il suo naso. Probabilmente facile come andare a letto con altri uomini. Ma nessuno saprà mai chi sei, né quello che hai fatto, perché sei sempre stata considerata la brava moglie“.Placida e arrendevole, “attenta a non ferire” anche quando viene ferita, si crede appagata e ama Cole “di un amore tranquillo, che arde come la fiamma di una candela anziché luccicare” e ha una migliore amica, Theo, dalla cui sfrontatezza è attratta e imbarazzata al tempo stesso.

Quando il classico scossone sconvolge il suo piccolo, perfetto universo, riesce finalmente ad aprire gli occhi e reagire alla propria insoddisfazione: “Per la prima volta dopo anni ti sei smaltata le unghie: te ne dimentichi sempre e con la coda dell’occhio cogli quei tentacoli ricurvi che sembrano dotati di vita propria. Ti fanno scrivere con una calligrafia più nitida e mangiare di meno e con più eleganza. Stai dimagrendo, adesso hai un buon motivo per farlo, e ti sei tagliata i capelli corti perché vuoi che la gente veda la nuova luminosità del tuo viso. T procuri lenti a contatto. Senza occhiali ti senti più alta, più audace. Per molti versi sei diventata pigra, hai smesso di affannarti. Ti senti in forma smagliante, da capo a piedi, quando cammini un tenue splendore ti avvolge“.

Dall’avventura con un uomo più giovane e inesperto arriverà alle pericolose orge anonime, e la narrazione qui sfiora l’inverosimile… Ma non è criticabile per questo, anzi: la fantasia, si sa, per essere eccitante deve conservare aspetti surreali. Vivere appieno la sessualità non significa necessariamente mettere in pratica ogni perversione, bensì lasciar fluire liberamente l’energia che essa genera accantonando vergogna e pudore. Sognare di essere picchiate o legate, ad esempio, non equivale a desiderare davvero un rapporto violento: la Gemmell si fa interprete delle fantasie femminili e libera le proprie; la sua non è una storia vera, non vuole essere credibile, ma solleticare sensazioni calde nelle sue lettrici.

“La sposa nuda” invita a conoscersi, a parlare col partner in maniera schietta e sincera, a condividere con lui anche pensieri “sconci”, senza temere di turbare l’idea che si è costruito di noi o, peggio, quella che noi abbiamo di noi stesse. La Gemmell descrive finemente la trasgressione erotica come forma di espressione, di comunicazione, di libertà.

Consigliato a chi non ha pregiudizi, ama il sesso e sa lasciarsi andare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nikki

Gemmell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gemmell Nikki

L'aria tersa tremola per la calura di giugno. Judith, in piedi all'ombra di un albero ai bordi della spiaggia di Narbonne, si guarda intorno. Niente è come dovrebbe essere. È tutto falso. È tutta una menzogna. Sul sentiero non c'è anima viva. È su questa strada che Judith, uno zaino in spalla e tanta confusione in testa, sta per ricominciare la sua vita. Ha appena perso il marito Arne, e non ha che una certezza: per chiudere con il passato deve ripercorrere i passi di lui, seguendo gli appunti del diario che Arne aveva scritto durante il suo ultimo viaggio verso Santiago de Compostela. Con lei ci sono le amiche più care, quelle del martedì: la selvaggia Kiki, la fredda Caroline, l'eccentrica Estelle e la perfetta Eva. Per loro quello è un viaggio ribelle e scanzonato, come ai vecchi tempi quando dormivano sotto lo scintillio notturno delle costellazioni. Ma per Judith quel viaggio assume immediatamente una dimensione diversa. Sconvolgente. Bastano pochi chilometri per capire che nel diario di Arne c'è qualcosa di strano: le indicazioni sono sbagliate, nulla di quello che lui descrive corrisponde a ciò che lei vede. È tutto inventato o copiato da internet. Judith non riesce ad accettare che l'uomo che le è stato accanto non era quello che credeva. Eppure deve imparare a leggere dietro quelle parole per capire cosa nascondesse Arne. E deve imparare a leggere anche dietro le parole delle sue amiche. Judith non si può più fidare di niente e di nessuno. A guidarla adesso c'è solo una stella, solo una costellazione, quella del suo cuore. Solo così potrà finalmente imparare a credere in sé stessa.

LA QUINTA COSTELLAZIONE DEL CUORE

Peetz Monika

Una sera, un affermato regista turco, che vive a Roma da alcuni anni, prende in gran fretta un aereo per Istanbul, la città dov'è nato e cresciuto. L'improvviso ritorno a casa scatena una serie di ricordi che sembravano sopiti: oltre alla madre affascinante ed elegantissima, il padre, misteriosamente scomparso per dieci anni (in Italia?), e altrettanto misteriosamente ricomparso; le zie zitelle, assetate di vita e di Martini, e i loro giovani amanti; e poi i fratelli, la fedele cuoca. E un amore, un amore perduto. Ma mai dimenticato. Stanza dopo stanza, i ricordi diventano più reali e la Istanbul della sua infanzia e adolescenza sembra riprendere forma. Ma con il passato il protagonista dovrà anche fare i conti. A questa storia se ne intreccia, imprevedibilmente, un'altra. Perché sullo stesso aereo Roma-Istanbul c'è, insieme al marito e a una coppia di amici, una donna. Il loro è un viaggio d'affari e di piacere, per festeggiare un evento importante. Finché accade qualcosa, e il loro futuro cambia direzione. Tra caffè e hammam, amori irrisolti e tradimenti svelati, melanconia e voluttà, il regista e la donna si sfiorano e, alla fine, si incontrano. Proprio come in un film di Ozpetek. Solo che stavolta è lui - forse - il protagonista.

Rosso Istanbul

Ozpetek Ferzan

«Ventisei racconti, ventisei sguardi sulla pandemia.» Corriere della Sera TUTTI I PROVENTI DELLA VENDITA DI QUESTO E-BOOK SARANNO DEVOLUTI IN BENEFICENZA ALL’OSPEDALE PAPA GIOVANNI XXIII DI BERGAMO Oggi la paura ha un nuovo nome: Covid-19. Per sconfiggerlo l’unica strada è rimanere a casa. Tra le quattro mura che ci hanno sempre protetto e che ora, però, sono diventate confini invalicabili. Sono diventate quasi un nemico. E invece, giorno dopo giorno, chi da sempre lavora con le parole ha scoperto che le stanze, le finestre, anche gli angoli più remoti di casa sono ali verso il mondo. Ognuno di loro ha così scelto il modo per dare vita a questa magia. Dalle loro case, ventisei scrittori tra i più importanti del panorama italiano hanno dato un senso a questi giorni scegliendo di fronteggiare l’emergenza anche con le armi della letteratura. Per portare la loro quotidianità ai lettori che li amano. E hanno deciso di farlo insieme alla casa editrice Garzanti, devolvendo tutto il ricavato all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. C’è chi ha voluto parlare delle sue giornate, delle routine consolidate, delle novità che strappano un sorriso. Delle lacrime che non si riescono a fermare, ma anche della forza della natura che scioglie il nodo in gola. Di convivenze forzate, come di distanze dalle persone care che sembrano insormontabili. C’è chi racconta di vicini sconosciuti che non lo sono più e del lavoro che cambia nei suoi strumenti ma non nella sua sostanza. Alcuni ammettono l’errore di aver pensato che non poteva essere tutto vero o danno voce agli animali che, invece, sono felici che sia tutto vero. Altri affidano le riflessioni su questi strani giorni alla voce dei personaggi amatissimi che hanno creato. Tutti sono sicuri che usciremo più consapevoli di quello che è davvero importante e che ci incontreremo, ci abbracceremo e passeggeremo presto tutti insieme. Sono sicuri che la solidarietà sarà il valore che porteremo con noi senza poterne più fare a meno.

Andrà tutto bene

AA.VV.

Si può sparire nel nulla a undici anni? Si può far pagare a un bambino per le colpe degli adulti? No che non si può, pensa il commissario Sergio Striggio al suo primo incarico a Bolzano. Ha chiesto lui di essere mandato in una sede abbastanza lontana da Bologna – ma non troppo, perché nella sua città natale vive ancora l’anziano padre, da poco rimasto vedovo per la seconda volta. Per i due uomini è giunto il momento di riaprire un contenzioso antico: Pietro, che è stato a sua volta poliziotto, non perdona al figlio di averlo voluto imitare. Aveva per lui una prospettiva diversa, e ora tra loro si è insinuato il peso di tutte le cose che non sono mai riusciti a dirsi veramente. La ricerca del bambino scomparso per il commissario Striggio è qualcosa di più che lavoro: diventerà ben presto un viaggio dentro se stesso, in cui fare i conti con la sua identità. Perché al centro di ogni indagine c’è un punto oscuro, e nell’animo di ogni indagatore un luogo inesplorato.

Del dirsi addio

Fois Marcello