Narrativa

La squola – di storie ce ne sono tante

Oliva Marilù

Descrizione: Un romanzo rivolto, soprattutto, ai ragazzi e ai giovani adulti. E’ la storia di quattro studenti, Fil, Miluna, Cecio e Pauline che frequentano il liceo artistico di Bologna, la Squola: detta così per la scritta che campeggia sul muro esterno dell’edificio dove qualcuno ha volutamente sbagliato a scrivere il termine. L’istituto liceale è la cornice narrativa dentro cui nascono le storie inventate da Marilù Oliva, scrittrice di riferimento in Italia per la narrativa noir e fantastica al femminile. Le vicende dei quattro protagonisti sono una perfetta rappresentazione della vita dei giovani alle porte dei vent’anni, tra eccessi, passioni, conflitti sociali e famigliari, sesso. La difficoltà di diventare grandi, la diversità sociale tipica degli studenti, è il tema vincente che l’autrice mette in gioco. La trama si sviluppa su cinque piani narrativi: le quattro voci dei ragazzi più quella della scuola. Fil è un ragazzo belloccio, subordinato al bullo della scuola, Sauro, con il quale trafuga le preziose tavole di fumetti, giunte dall’America, per esporle in una mostra nel liceo. La bravata, che finirà male, renderà Fil un ragazzo più consapevole grazie anche all’amore per la più bella della scuola: Miluna. La ragazza ha una situazione famigliare difficile, senza padre e con una madre allo sbando al punto da acconsentire che la figlia si prostituisca. Miluna, infatti, conduce una squallida doppia vita, alterna weekend con clienti di lusso ai sogni strampalati e romantici di una adolescente. Gli altri due protagonisti, e voci narranti sono Cecio e Pauline. Cecio fa il primo anno, è un ragazzino minuto, insicuro, pieno di debolezza ma anche di tenerezze. Pauline, invece, è la classica ragazza geniale ma svogliata, arrabbiata con il mondo e sempre in lotta con genitori e professori. Quando si rende conto di essersi innamorata di Fil lo seduce…

Categoria: Narrativa

Editore: LiberAria

Collana: C'era due volte

Anno: 2016

ISBN: 979-88-97089-90-2

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Avevo deciso di leggere questo libro da profana, allontanando per un attimo dalla testa i malumori e lo scetticismo di chi, in questo momento, fa parte dei tanti proff che – gioco forza – rientrano nella “buona scuola”. Impresa quasi impossibile. Già dalle prime pagine è inevitabile come la mente riesca perfettamente a immaginare un grande edificio, un tempo bianco, adesso grigio selciato, i lunghi corridoi, le aule e i laboratori di questo liceo artistico della periferia bolognese. La Squola: proprio così, la immagino come i ragazzi hanno scritto sul muro di questo edificio, scritta con la q, “perchè la scuola di oggi è imprecisa… vilipesa, male interpretata”; “un processo di demolizione che arriva dall’alto ed è una manovra di controllo: se la popolazione è meno istruita e se – in generale – ha meno strumenti per comprendere la realtà, allora diventa più malleabile”.

Fanno capolino, ordinatamente, poi, i personaggi: Fil, Cecio, Miluna, Pauline. Le vicende di questi quattro adolescenti si intrecciano, si scontrano e, insieme, costruiscono le trame di questo romanzo corale, sotto l’egida della Squola.

Il tenebroso Fil, innamorato di Miluna e braccio destro di Sauro, il bullo della scuola; il piccolo Cecio, un Pollicino dei nostri tempi, abile fabbro ma con il cruccio di essere troppo basso; la paroliera Pauline, che traduce Catullo in uno slang che farebbe sorridere anche il più impenitente dei latinisti; e poi c’è Miluna, tanto bella e perfetta dall’esterno, quanto fragile e debole dentro, coinvolta dalla madre in un “gioco” che sfuggirà di mano a entrambe.

E allora le pagine diventano un pugno allo stomaco per ogni genitorje: c’è chi fuma, chi sniffa, chi ruba, chi è costretto a prostituirsi e a ogni particolare svelato ci si chiede se anche il proprio di figlio ha fatto, fa o farà anche una sola di queste cose.

È l’eterno scontro adolescenti-adulti, che siano proff o semplicemente genitori, ma ugualmente incapaci a volte di comprendere e ascoltare le grida silenziose dei propri figli-alunni.

Impossibile non prendere a cuore la supplente, la prof.ssa Verni, “finita in una graduatoria ad esaurimento che la qualifica ancora come precaria: lavora dieci mesi all’anno e, ogni volta, a settembre, si gioca il terno al lotto delle assegnazioni”; o simpatizzare per il dirigente scolastico, il prof. Ugo Rivolta, che conosce bene i ragazzi, uno dei pochi che ne ha a cuore la vita e non solo il rendimento scolastico e non può che constatare, amaramente, il processo di sfaldamento della scuola, fra conti da far quadrare e ore da ridurre.

E così, tra Catullo e Fedez, Coolio e Dante, si arriva alla fine del libro e della scuola, la Venere è tornata al suo posto e ognuno sembra aver trovato il proprio.

Un libro per ragazzi, ma anche “istruzioni per l’uso” destinate ad adulti; una prosa volutamente semplice, ma agile e coinvolgente; un pregevole intrasio di personaggi.

Ps: ovviamente sarà il libro di apertura del “mio” prossimo anno scolastico : )

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marilù

Oliva

Libri dallo stesso autore

Intervista a Oliva Marilù


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Giudicando la propria vita di uomo e l'opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell'umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. "Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo" afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la felicità e il metodo, fra l'intelligenza e la volontà. I "Taccuini di appunti" dell'autrice (annotazioni di studio, lampi di autobiografia, ricordi, vicissitudini della scrittura) perfezionano la conoscenza di un'opera che fu pensata, composta, smarrita, corretta per quasi un trentennio.

MEMORIE DI ADRIANO

Yourcenar Marguerite

Nella comunità di San Mathias il male sembra essere più forte degli uomini... La tranquillità degli abitanti della valle di Stille, un altopiano isolato e di difficile accesso, è stata turbata. Qualcuno ha violato una delle regole millenarie del Metodo imposto dal fondatore san Mathias. Il parroco don Basilius, guida spirituale dei valligiani, è preoccupato: un pericolo sconosciuto sta per abbattersi sulla comunità. Come se non bastasse, un bambino scompare misteriosamente nel bosco. Qualcuno lo riporterà a casa apparentemente in buone condizioni ma ostaggio di un mutismo che sembra essere senza via di uscita. Cosa è successo nel buio di quel bosco? Il bambino si è solo perso o qualcuno lo ha rapito? I suoi occhi hanno forse visto qualcosa che doveva rimanere nell'ombra? Indizi e sospetti si stringono intorno a una vecchia auto e al maso Becker, proprietà di un famoso e piuttosto eccentrico stilista svizzero. La psicologa Helena, una ex poliziotta scelta per il recupero del piccolo, con pazienza traccia un percorso nelle indagini mettendo a nudo lati oscuri del luogo e dei suoi abitanti, segreti inimmaginabili. Tutto e tutti possono essere il contrario di quello che sembrano.

L’OMBRA DEL BOSCO SCARNO

Rossi Massimo

Un albergo isolato, tre insegnanti, il problema della gestione della classe. Sono questi gli elementi che danno vita ai dialoghi rappresentati in questo libro, nel quale Tuffanelli immagina tre insegnanti rinchiusi per una settimana in un albergo a discutere su come gestire la classe. Ogni giorno viene affrontato un nuovo argomento: il ruolo e della responsabilità sociale dell’insegnante, i problemi di stress e di autostima, l’autorevolezza dell’insegnante, la programmazione e i diversi modi di fare lezione, le dinamiche di classe e le strategie per governarle, i saperi, le abilità e le competenze, i modi diversi di valutare e i rapporti che intessono la funzione docente. I tre attori — un giovane laureato, un’insegnante di scuola secondaria di primo grado ottimista e fiduciosa e un professore di filosofia che ha perso l’entusiasmo per il suo lavoro — aiuteranno insegnanti e educatori a riflettere su un tema difficile e poco affrontato come la gestione della classe in modo ironico e leggero.

La gestione della classe

Tuffanelli Luigi Ianes Dario

Questo saggio nasce dalla passione dell'autrice per la psicoanalisi e per il canto, ed esplora la voce nel suo valore di legame sociale, di capacità inventiva e sublimatoria. È uno sguardo attento sulla voce mentre fa arte, in un'epoca, quella attuale, controversa e per molti cospetti anestetica, cioè sfavorevole all'estetica e alla sensibilità. All'interno di un discorso dominante in cui "la sicurezza è il bene supremo e l'unica audacia ammessa è quella del consumo", cantare può divenire un modo per affermare la propria unicità e contrastare la spinta all'omologazione del mondo contemporaneo. Come si manifesta nel canto la dimensione pulsionale che contraddistingue ogni atto creativo? In che senso un corpo che dà voce è metaforicamente femminile? Qual è il rapporto tra canto e godimento? A queste e altre domande il volume risponde spaziando dalle "voci narcise" a quelle sperimentali, da Tom Waits a Demetrio Stratos a Mina, dai castrati alla death voice (nata nell'universo heavy metal), dalle diplofonie al rumore bianco, al silenzio. Non mancano una rivisitazione del mito di Orfeo e l'esame coraggioso di tematiche quali la dislessia e le voci stonate, la relazione tra canto e anoressia, il vissuto del cambio della voce negli adolescenti, le voci trans.

Voci smarrite

Pigozzi Laura