Giallo - thriller - noir

LA STANZA DEL MALE

Eriksson Jerker

Sundquist Hakan Axlander

Descrizione: In tutta la sua carriera, l'ispettore di Polizia Jeanette Kihlberg non ha mai visto niente di simile: il corpo giace seminascosto in un cespuglio in uno squallido quartiere periferico di Stoccolma. Un ragazzo, una vittima di un omicidio brutale, un cadavere perfettamente mummificato. Jeanette capisce che da sola non può farcela, il suo intuito investigativo non basta per capire quali abissi nasconde la mente che ha concepito questa messa in scena. Chiede aiuto a Sofia Zeltelund. psichiatra, esperta di personalità multipla. Al primo omicidio ne seguono altri, tutti con le stesse modalità. Jeanette e Sofia incominciano insieme un viaggio all'inferno, alla ricerca di un serial killer. Tutte e due si pongono le stesse domande: quanto deve soffrire una persona per trasformarsi in un mostro? E quanto stravolgerà la loro vita questa caccia all'uomo, questa guerra contro il tempo e contro la distruzione? Un libro duro e cupo dal ritmo incalzante, un thriller che spicca in un panorama letterario nordico ricco di autori di bestseller come Stieg Larsson e Lars Kepler. Un esordio che è diventato un caso editoriale nel Nord Europa, che ha stupito la critica e che è balzato in vetta alle classifiche. Un romanzo sul male che trasforma la vittima in carnefice, che si insinua nel lettore e che non lo abbandona più...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Corbaccio

Collana: Narratori Corbaccio

Anno: 2011

ISBN: 9788863802986

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

Dopo aver bevuto il caffè, sparecchiò e tornò in soggiorno. Spostò la lampada a stelo, sollevò il gancio e aprì la porta dietro la libreria. Vide che il ragazzino dormiva profondamente. […] Il fatto che nessuno lo stesse cercando significava che poteva prendersi cura di lui fino a quando avrebbe soddisfatto i suoi bisogno più elementari. […] Avrebbe fatto molto di più che soddisfarli. Avrebbe raffinato i suoi desideri fino a farli coincidere con i propri e loro due insieme sarebbero diventatiuna persona sola. […] In quel momento, lì dove se ne stava rannicchiato sul materasso, non era nient’altro che un embrione. […]Quando gli avrebbe insegnato cosa significa essere al contempo vittima e carnefice, avrebbe capito.[…]Insieme avrebbero dato vita all’uomo perfetto, in cui il libero arbitrio è comandato da una coscienza e gli impulsi vitali da un’altra. […] Il corpo dovrebbe essere composto da due esseri, un animale e un uomo. Una vittima e un carnefice. Un carnefice e una vittima“.

Delirante, incalzante, sconcertate: la trama di questo libro conduce il lettore in una dimensione surreale introducendolo, suo malgrado, nel luogo in cui l’orrore prende forma.

Si insinua in lui la paura di rimanere intrappolato nella pazzia del male, a pochi passi dalla realtà rassicurante del lavoro, della casa, della famiglia. Il limite è sottile, è una libreria che si apre su una stanza bunker, dove le vittime inconsapevoli vengono rinchiuse, drogate, torturate.

Il corpo straziato e perfettamente mummificato di un ragazzino viene trovato in un quartiere periferico di Stoccolma. E’ solo il primo di una serie di macabri ritrovamenti che metteranno l’ispettore Jeanette Kihlberg sulle tracce dell’omicida seriale.

Il romanzo si snoda tra le vite complesse dei tre protagonisti: l’ispettore Kihlberg, la psicologa Sofia Zettelund ed il serial killer, passando attraverso i racconti di pedofili, padri violenti e vittime segnate dalla crudeltà di infanzie rubate e gettate via, come Victoria Bergman, la cui esistenza in caduta libera èintollerabile nella sua spietata realtà.
E’ nella vita di tutti i giorni, tra le mura domestiche di famiglieinsospettabili che si consuma la violenza più oscena, la stessa cheforse anche il serial killer ha dovuto subire.

Quanto deve soffrire una persona per trasformarsi in un mostro?E quanto orrore può arrivare a concepire la mente umana devastata dal male?
Domande che forse non troveranno risposte certe in questo romanzo, ma che accompagneranno il lettore in un agghiacciante viaggio all’inferno, verso la scoperta di una verità sconvolgente. Solo allora il disegno criminoso del serial killer – agli occhi del lettore – prenderà drammaticamente forma.

Se l’intento dei due autori svedesi, Jerker Eriksson e Hakan Axlander Sundquist, era quello di trascinare il lettore fin dentro l’orrore più feroce, credo che questo romanzo d’esordio sia ben riuscito.

La stanza del male” ha conquistato il Nord Europa diventando nel 2011 un vero e proprio caso editoriale, forte del successo che il thriller psicologico riscuote ormai tra il grande pubblico.

Consigliato ai cultori del genere. 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jerker

Eriksson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sundquist Hakan Axlander

Axlander

Hakan

Sundquist

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sundquist Hakan Axlander


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

IO NICHI MORETTI

Legni Franco

All'inizio della storia Penelope, a Roma nel novembre del 1978, ha diciassette anni, figlia unica di una famiglia borghese. Tre traumi in lancinante sequenza squassano la sua vita. Per sopravvivere, per proteggersi dal male, Penelope deve autoescludersi dal mondo. Molti anni dopo, quando la sua esistenza sembra finalmente aprirsi grazie all'amore e alla dedizione di Edoardo, Penelope torna al più misterioso tra gli eventi drammatici che hanno segnato la sua adolescenza, l'unico che sia ancora possibile affrontare: la scomparsa di Margherita, la sua amica del cuore, inghiottita nel gorgo della lotta armata dopo aver chiesto un aiuto che Penelope ha rifiutato di darle. Ma nessuno sa più nulla di lei. Il solo che potrebbe riportare Penelope sulle sue tracce è Riccardo Serventi, terrorista che sta scontando vent'anni nel carcere di Rebibbia. Il suo fratello gemello Emanuele era stato fidanzato con Margherita, ma anche lui pare essersi inabissato nel nulla, da quando si è pentito e ha cambiato identità. Sembra già una vicenda intricata e viscerale per tutti gli elementi emotivi che mette in gioco, ma il romanzo è appena cominciato e l'avventura di Penelope, il suo percorso attraverso il passato e il presente, la fedeltà e il tradimento, il delitto e il castigo, il bene e il male è ancora lungo e aperto a ogni colpo di scena, fino all'ultima pagina. È veramente difficile non riconoscersi in questa Penelope che è piuttosto un Ulisse al femminile, un'eroina al contrario che sembra sbagliarle tutte, come una farfalla irresistibilmente attratta dalla luce che le brucerà le ali, eppure riesce a non perdere mai di vista l'approdo salvifico dopo tanto strazio. È difficile non emozionarsi leggendo queste pagine, che danno vita a tanti personaggi memorabili e riaccendono l'immaginario del nostro passato recente, con i suoi sogni cattivi e le sue mitologie - come una motocicletta Norton Commando lanciata nel vuoto…

IL SOGNO CATTIVO

D’Aloja Francesca

In una terra selvaggia e primordiale, ammantata di storia e superstizione, un vomere traccia il solco di una città: nessuno immagina che è appena nata Roma, la Città Eterna. La storia dietro quell'attimo fatale è però molto diversa dalla leggenda che tutti conosciamo, perché avviene in un tempo di fame, freddo e carestie, dove la sopravvivenza è spesso sinonimo di sopraffazione. E la lupa non è affatto quella che i miti ci hanno tramandato. Perché la fondazione di Roma è un'avventura cruda e disperata, un'epopea di resilienza, un solco di sangue tracciato nel nostro passato che racconta la sfida primordiale fra due gemelli consacrati dagli dèi, e il suo doloroso esito, che ne ha proclamato il vincitore: Romolo, il bambino sopravvissuto alla morte, il ragazzo che ha combattuto nel fango e nel dolore, l'uomo che per realizzare il suo sogno ha piegato un mondo ostile, brutale e dominato dalla violenza, dando così inizio alla più gloriosa potenza antica che la storia ricordi. Romolo, il primo re.

Romolo

Forte Franco

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard

Text selection is disabled by content protection wordpress plugin