Narrativa

La stanza di Giovanni

Baldwin James

Descrizione: Non proprio un libro sull'omosessualità, ma soprattutto sulla difficoltà di amare. Il protagonista è amato sia da una donna, che da un uomo, Giovanni. Essendo incapace di scegliere, rimarrà solo.

Categoria: Narrativa

Editore: Le Lettere

Collana:

Anno: 2003

ISBN: 9788871665726

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Pubblicato per la prima volta nel 1956, “La stanza di Giovanni” è un romanzo dalla portata universale, incentrato sul difficile rapporto tra la libertà individuale e gli stereotipi sociali ma anche, e forse soprattutto, sul coraggio di amare.

Protagonista e narratore in prima persona è David, americano in fuga da se stesso, che approda a Parigi con la speranza di potersi svincolare dai pregiudizi inculcatigli dalla propria educazione familiare.

Mentre la sua ragazza, Hella, è in Spagna per riflettere sul futuro della loro storia, David conosce Giovanni, bello, sensibile, omosessuale, e ne rimane profondamente colpito e irrimediabilmente attratto. Si ritrova così a rivivere i fantasmi di quello scomodo passato che aveva voluto cancellare, a ripensare a quell’unico, infamante episodio che lo aveva perseguitato, spaventato e ricoperto di vergogna, sia pur segretamente.

Se Hella rappresenta il desiderio di normalità, il sogno di formare una famiglia alla maniera classica, Giovanni è la libertà di vivere alla luce del sole, seguendo il cuore e l’istinto. Entrambi, dunque, non sono che degli strumenti per David: Hella è al servizio del sogno americano; Giovanni è la via della verità, sofferta e inconsapevole.

La difesa della propria identità implica sempre una lotta dolorosa, e così è anche per David, solo che la sua debolezza e la sua indecisione faranno soffrire tutti coloro che lo amano e che lui stesso ama…

Sebbene “La stanza di Giovanni” sia diventato un classico della letteratura gay, come ha dichiarato lo stesso Baldwin in un’intervista del 1984 (cfr. la postfazione di M. Giulia Fabi): “… non è veramente sull’omosessualità (…). È su cosa succede se hai paura di amare un’altra persona“.

L’eleganza della prosa contribuisce a conferire grande profondità ai personaggi, anche a quelli secondari, molto umani e complessi. Il finale commuove e lascia spazio alla riflessione.

“… non era il disordine della stanza che spaventava; era che quando ricominciava a cercare la chiave di quel disordine ci si rendeva conto che non la si poteva trovare in nessuno dei soliti posti. Questa, infatti, non era una questione di abitudini o di circostanze o di carattere; era una questione di punizione e di dolore“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

James

Baldwin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Baldwin James


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un'organizzazione nascente, spietata e sanguinaria, dalle periferie cerca la conquista del cielo. Tre giovani eroi maledetti, che hanno un sogno ingenuo e terribile. Un poliziotto molto deciso, un coro di malavitosi, giocatori d'azzardo, criminologi, giornalisti, giudici, cantanti, mafiosi, insieme a pezzi deviati del potere e terroristi neri. E il piú esclusivo bordello in città. Un romanzo epico di straordinaria potenza, il cuore occulto della Storia d'Italia messo a nudo.

ROMANZO CRIMINALE

De Cataldo Giancarlo

In seguito a un terribile lutto famigliare e allo scopo di superare il suo dolore, il dottor Kurt Krausmann accetta di accompagnare un amico in un viaggio alle isole Comore. La loro barca viene attaccata dai pirati al largo della Somalia, e il viaggio "terapeutico" del medico si trasforma in un incubo. Preso in ostaggio, picchiato, umiliato, Kurt scopre un'Africa traboccante di violenza e intollerabile miseria, dove "gli dèi non hanno più pelle sulle dita a furia di lavarsene le mani". Insieme al suo amico Hans e a un compagno di sventura francese, Kurt troverà la forza per superare questa prova? Guidandoci in un viaggio sorprendentemente vivido e realistico che, dalla Somalia al Sudan, ci mostra un'Africa orientale di volta in volta selvaggia, irrazionale, saggia, fiera e infinitamente coraggiosa, Yasmina Khadra conferma ancora una volta il suo immenso talento di narratore. Magistralmente costruito e condotto, L'equazione africana descrive la trasformazione lenta e irreversibile di un europeo i cui occhi si apriranno a poco a poco alla realtà di un mondo fino ad allora sconosciuto.

L’equazione africana

Khadra Yasmina

Scritto tra Capri e Sorrento nel 1938, Il colpo di grazia evoca un episodio di guerra civile avvenuto in Curlandia all'epoca dei putsch tedeschi contro il regime bolscevico, intorno al 1919-21. E' una vicenda autentica, riferita all'autrice da un intimo amico del protagonista maschile. Romanzo di sottile, sconcertante ambiguità, Il colpo di grazia chiama il lettore a collaborare per sottrarre gli avvenimenti narrati da Eric von Lhomond, e specialmente l'immagine che egli propone di sé, a una deformazione che s'inscrive interamente nei rapporti complicati dell'amore e dell'odio. Eric è un aristocratico che patisce la sconfitta della Germania come il crollo del mondo materiale e ideologico in cui si è formato: non gli resta che difendere il castello in cui vive con un amico, Conrad de Reval, e la sorella di questi, Sophie. Il dramma che si svolge fra i tre personaggi, e che si concluderà con un evento tragico dovuto alla ferocia delle guerre partigiane, ricalca l'aneddoto della donna che si offre e dell'uomo che si nega per attaccamento all'amico. Ma il tema centrale del libro è la solidarietà di destino tra esseri sottoposti alle stesse privazioni e agli stessi pericoli, un'intimità e somiglianza più forti dei conflitti della passione carnale o della fedeltà politiche, più forti persino dei rancori del desiderio frustrato o della vanità ferita.

Il colpo di grazia

Yourcenar Marguerite

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Il mercante di libri maledetti

Simoni Marcello