Narrativa

La stanza di Giovanni

Baldwin James

Descrizione: Non proprio un libro sull'omosessualità, ma soprattutto sulla difficoltà di amare. Il protagonista è amato sia da una donna, che da un uomo, Giovanni. Essendo incapace di scegliere, rimarrà solo.

Categoria: Narrativa

Editore: Le Lettere

Collana:

Anno: 2003

ISBN: 9788871665726

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Pubblicato per la prima volta nel 1956, “La stanza di Giovanni” è un romanzo dalla portata universale, incentrato sul difficile rapporto tra la libertà individuale e gli stereotipi sociali ma anche, e forse soprattutto, sul coraggio di amare.

Protagonista e narratore in prima persona è David, americano in fuga da se stesso, che approda a Parigi con la speranza di potersi svincolare dai pregiudizi inculcatigli dalla propria educazione familiare.

Mentre la sua ragazza, Hella, è in Spagna per riflettere sul futuro della loro storia, David conosce Giovanni, bello, sensibile, omosessuale, e ne rimane profondamente colpito e irrimediabilmente attratto. Si ritrova così a rivivere i fantasmi di quello scomodo passato che aveva voluto cancellare, a ripensare a quell’unico, infamante episodio che lo aveva perseguitato, spaventato e ricoperto di vergogna, sia pur segretamente.

Se Hella rappresenta il desiderio di normalità, il sogno di formare una famiglia alla maniera classica, Giovanni è la libertà di vivere alla luce del sole, seguendo il cuore e l’istinto. Entrambi, dunque, non sono che degli strumenti per David: Hella è al servizio del sogno americano; Giovanni è la via della verità, sofferta e inconsapevole.

La difesa della propria identità implica sempre una lotta dolorosa, e così è anche per David, solo che la sua debolezza e la sua indecisione faranno soffrire tutti coloro che lo amano e che lui stesso ama…

Sebbene “La stanza di Giovanni” sia diventato un classico della letteratura gay, come ha dichiarato lo stesso Baldwin in un’intervista del 1984 (cfr. la postfazione di M. Giulia Fabi): “… non è veramente sull’omosessualità (…). È su cosa succede se hai paura di amare un’altra persona“.

L’eleganza della prosa contribuisce a conferire grande profondità ai personaggi, anche a quelli secondari, molto umani e complessi. Il finale commuove e lascia spazio alla riflessione.

“… non era il disordine della stanza che spaventava; era che quando ricominciava a cercare la chiave di quel disordine ci si rendeva conto che non la si poteva trovare in nessuno dei soliti posti. Questa, infatti, non era una questione di abitudini o di circostanze o di carattere; era una questione di punizione e di dolore“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

James

Baldwin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Baldwin James


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Yambo, il protagonista del romanzo, si risveglia dopo un incidente e scopre di aver perso la memoria. Non la memoria che i neurologi chiamano “semantica” (egli ricorda tutto di Giulio Cesare e sa recitare tutte le poesie che ha letto in vita sua), bensì quella “autobiografica”: non sa più il proprio nome, non riconosce la moglie e le figlie, non ricorda nulla della sua infanzia. La moglie lo convince a tornare nella casa di campagna, dove ha conservato i libri e i giornali letti da ragazzo, i quaderni di scuola, i dischi ascoltati allora. Così, in un immenso solaio, l’uomo rivive la storia della propria generazione, arrestandosi soltanto di fronte a due vuoti ancora nebbiosi: le tracce di un’esperienza atroce vissuta negli anni della resistenza e l’immagine vaga di una ragazza amata a sedici anni e poi perduta.

La misteriosa fiamma della regina Loana

Eco Umberto

Pubblicato per la prima volta nel 1959, Una vita violenta venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane. Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Con la prefazione di Vincenzo Cerami.

UNA VITA VIOLENTA

Pasolini Pier Paolo

Piccola Tigre non è una tigre come le altre: è curiosa, fa molte domande, mette in discussione quello che la natura le offre e che i suoi simili semplicemente accettano. Piccola Tigre apre gli occhi e scopre la meraviglia della luce. Tende le orecchie e scopre la vasta gamma dei rumori della Taiga. Quando, molto presto, le si fa chiara la forza che compete a una tigre, inizia a cibarsi di altri animali. Ma con qualche dubbio. Impara a distaccarsi da sua madre, a viaggiare da sola, sino ad avventurarsi fuori dai confini della Taiga, in cui è nata e da cui le altre tigri non usciranno mai. E, così, grazie a questa sua curiosità, infine, scopre anche l'uomo. L'hanno avvertita che dall'uomo bisogna guardarsi. Ma lei vuole conoscerlo. Con l'uomo, Piccola Tigre scopre l'essere più inquietante e mutevole, da amare e da cui difendersi. E da qui in poi la sua vita non sarà più la stessa.

La tigre e l’acrobata

Tamaro Susanna

"Nato a Palermo nel 1896, da una nobile famiglia siciliana, Giuseppe Tomasi di Lampedusa è un bambino solitario, uno di quelli che preferiscono «le cose alle persone» e che rifuggono la compagnia. Un giorno, dal nulla, nella sua vita arriva Antonno: un bambino bizzarro, «tutto al contrario»: se sfoglia un libro comincia dall’ultima pagina, se vuole andare avanti cammina all’indietro e conta al contrario, provando una infinità pietà per gli zeri. Per tutto il tempo della loro convivenza non c’è verso di fargli iniziare la settimana di lunedì o di togliergli dalla testa che si nasce morendo. Eppure Antonno, «l’albatro», come lui stesso si definirà (tenacissimo, l’albatro non abbandona il capitano nemmeno nella disgrazia) è l’unico spiraglio di luce in un’esistenza altrimenti buia e solitaria, l’unica compagnia di un bambino che vede e sente più degli altri, dotato di una sensibilità particolare, che lo porterà un giorno a diventare uno dei più grandi scrittori del Novecento. Ma all’improvviso, così come è arrivato, Antonno svanisce. Divenuto adulto, Giuseppe partecipa alla guerra del 1915-18 come ufficiale, rimanendo nell’esercito fino al 1925; dopodiché si ritira a vita privata, viaggiando e dimorando per lunghi periodi all’estero, dove si dedica alla stesura di saggi e racconti che non darà alle stampe. Sarà solo quando metterà mano a una storia che cova dentro di sé da tempo, e che ha intenzione di intitolare Il Gattopardo, che Antonno tornerà da lui, e con il suo modo di fare al rovescio accenderà in Giuseppe Tomasi la consapevolezza che «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi»."

L’albatro

Lo Iacono Simona