Letteratura femminile

La stella del vespro

Colette

Descrizione: Colette ha sempre rifiutato di scrivere deliberatamente sulla sua vita, ma ne La stella del vespro, pubblicato per la prima volta nel 1946 l’esistenza della più grande scrittrice francese del ’900 si svela discretamente, lungo frammenti scritti con la cura e la sofisticatezza a cui ormai ha abituato i suoi lettori e di cui è diventata maestra. Si tratta di una sorta di cronologia frammentata che trascrive gli avvenimenti e le osservazioni della vita quotidiana: i capricci di primavera; i viavai del compagno Maurice Goderek; le visite che riceve – tra cui Truman Capote – le audizioni per la riduzione teatrale de La Seconde; l’impegno a raccogliere tutte le sue opere per il progetto OEuvre complete per l’editore Le Fleuron; l’Académie Française. Ormai immobilizzata dalla vecchiaia, dal peso e dall’artrosi, osserva il cielo, il succedersi al giorno della luna o del vespro nel quadrato ritagliato dalle finestre del suo grande appartamento a Palais–Royal. Leggiamo una Colette malinconica e meditativa, chiusa nel suo appartamento, in cui riceve, mangia, scrive e legge. In questo testo, evoca dei ricordi dai tempi della guerra, medita sulla sua condizione di invalidità e i suoi nuovi rapporti con il mondo da scrittrice “nota e riconosciuta” e, amabilmente, conversa con le sue care presenze, con gli esseri da lei sempre amati – appassionatamente o teneramente – come la madre Sido; la figlia di cui evoca il ricordo della nascita nel 1913; Missy (la contessa Mathilde de Morny); l’ex marito Henry de Jouvenel; Polaire; il migliore amico nonché terzo e ultimo marito Maurice Goderek; il giovane reporter che viene ad intervistarla; la prostituta Renée che le appare nel giardino innevato della sua casa, un giardino dalla cui descrizione si distingue a fatica da quello di Saint–Sauveur.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Del Vecchio

Collana: Formebrevi

Anno: 2015

ISBN: 9788861101302

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

“Ormai io non posso più lasciare quest’angolo di finestra, nel bel mezzo, nel bellissimo mezzo di Parigi. E’ solo da qui che ho potuto vedere Parigi sprofondare nel dolore, rabbuiarsi di pianto e umiliazione, ma anche sottrarsi ogni giorno di più.”

E’ cambiata la città ed è cambiato lo sguardo di Sidonie-Gabrielle Colette sul mondo. Ormai settantenne, la famosa autrice di romanzi e articoli su diverse testate giornalistiche, attrice e critica teatrale, deve ora fare i conti con l’immobilismo imposto dall’età e dalla malattia, un’artrite che non le dà tregua, neppure di notte.

Gli scritti raccolti in La stella del vespro appaiono come intime riflessioni e confessioni sulla propria e l’altrui esistenza, sui lavori di una vita, sugli incontri più o meno graditi nella casa a Palais-Royal. Non c’è amarezza nelle parole di Colette per ciò che è stato e che non è più, ma troviamo la sicurezza e la consapevolezza raggiunta in anni vissuti sotto i riflettori del tempo e del successo. Così ricorda l’esperienza professionale nella redazione de Le Matin o le audizioni per la riduzione teatrale de La Seconde. Colette ci appare sempre come protagonista della scena come della vita: abituata a solcare palcoscenici e buttarsi a capofitto nella mondanità, i suoi racconti non possono non liberare quella magia e quel fascino che avvolsero sempre la sua figura.

Personaggi, reali e meno reali, rivivono nel racconto di Colette come fantasmi del passato che tornano a riempire i ricordi, diventano protagonisti poetici nel presente della scrittrice: come Renée, la donna appoggiata al cancello di Palais-Royal sia d’inverno che d’estate o l’amica Hélène Picard, con la sua poesia che “invadeva tutto, e tutto rendeva nobile.” Ancor più surreale la schiera di veggenti a cui anche la scettica Colette affidò il proprio futuro, alla ricerca di segnali o presagi.

Ora ci sono la malinconia dolce per i giorni trascorsi nel silenzio dei propri pensieri, illuminati dall’artiglio bianco della luna e la voglia, poca, di vedere solo alcuni volti necessari e “sentire un ristretto numero di voci.”
Tuttavia non posso confessare al mio migliore amico che aspetto la primavera. E cosa potrei aspettare, se non la primavera?

In questa solitudine forzata ma inevitabile, Colette tenta di decifrare e rivivere i protagonisti dei propri romanzi, senza l’aiuto di appunti di cui, confessa l’autrice, non si è mai servita per scrivere. Quei volti e quei nomi che riempiono i suoi scritti non hanno lasciato impronte in taccuini o fogli sparsi, ma sono rimasti lì, fissati nelle opere che l’hanno resa famosa. Dal Maxime de La vagabonda al giovane Chéri, Colette ci racconta i retroscena della loro nascita e i riflessi sul pubblico e sulla critica.

Ci sono, a tratti, consigli per tutti, com’è nel suo stile. Non manca l’ironia pungente a cui Colette ha abituato i suoi lettori, come anche lo sguardo dissacrante sul mondo. Ci sono ritagli di passato e frammenti di vita immortalati in scatti indimenticabili, come le fotografie risalenti “alla silenziosa carriera da mimo.

Non rimane che leggere queste pagine autentiche e irriverenti, a cui Del Vecchio Editore ha riservato una edizione raffinata e accattivante, nello stile di questa straordinaria artista.
Lascio quindi la parola a Colette: “Basta con la dolcezza. Mangerei volentieri un’aringa affumicata.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Colette

Libri dallo stesso autore

Intervista a Colette


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una donna, ormai anziana, mostra i primi segni della malattia che le toglie i ricordi, l’identità, il senso stesso dell’esistenza. È tempo per la figlia di prendersi cura di lei e aiutarla a ricostruire la sua storia, la loro storia. Inizia così il racconto quotidiano di piccoli e grandi avvenimenti, a partire dalla nascita della mamma, Esperia, e delle sue cinque sorelle, nate da un reduce tornato comunista dalla Grande Guerra e da una contadina dritta ed elegante, malgrado le fatiche della campagna, degli animali e della casa. I fili delle loro esistenze si svolgono dagli anni Quaranta fino ai nostri giorni, in un Abruzzo “luminoso e aspro”, che affiora tra le pagine quasi fosse una terra mitologica e lontana. Giorno dopo giorno sfilano i personaggi della famiglia, gli abitanti del piccolo paesino ancora senza acqua né luce; personaggi talmente legati a una terra avara, da tollerare a malapena trasferimenti a breve distanza – la ricerca di un lavoro, l’occasione di poter frequentare una scuola “in città” – partenze che si trasformano in vere emigrazioni con il solo scopo del ritorno. Sono ricordi dolcissimi e crudeli, pieni di vita e di verità, che ricostruiscono la storia di un rapporto e di un’Italia apparentemente così lontana eppure ancora presente nella storia di ognuno di noi.

MIA MADRE E’ UN FIUME

Di Pietrantonio Donatella

Roma, primi anni Novanta. Mentre i sogni del Novecento volgono a una fine inesorabile e Berlusconi si avvia a prendere il potere, uno scrittore trentenne cinico e ingenuo, sbadato e profondo assieme trova lavoro in un archivio, il Fondo Pier Paolo Pasolini. Su quel dedalo di carte racchiuso in un palazzone del quartiere Prati, regna una bisbetica Laura Betti sul viale del tramonto: ma l'incontro con la folle eroina di questo libro, sedicente eppure autentica erede spirituale del poeta friulano, equivale per il giovane a un incontro con Pasolini stesso, come se l'attrice di "Teorema" fosse plasmata, posseduta dalla sua presenza viva, dal suo itinerario privato di indefesso sperimentatore sessuale e dalla sua vicenda pubblica d'arte, eresia e provocazione. "Qualcosa di scritto" racconta la linea d'ombra di questo contagio e l'inevitabile congedo da esso - un congedo dall'adolescenza e da un'intera epoca; ma racconta anche un'altra vicenda, quella di un'iniziazione ai misteri, di un accesso ai più riposti ed eterni segreti della vita. Una storia nascosta in "Petrolio", il romanzo incompiuto di Pasolini che vide la luce nel 1992 e che rivive qui in un'interpretazione radicale e illuminante. Una storia che condurrà il lettore per due volte in Grecia, alla sacra Eleusi: come guida, prima il libro postumo di Pier Paolo Pasolini, poi il disincanto della nostra epoca - in cui può tuttavia brillare ancora il paradossale lampo del mistero.

Qualcosa di scritto

Trevi Emanuele

Uno scrittore senza nome è nella sua vecchia casa di Ferrara, alle prese con gli appunti di storie che non ha mai pubblicato. Utilizzando libri, canzoni e ricordi cerca di comporre innumerevoli tessere in un mosaico unitario, utilizzando i mondiali di calcio come innesco narrativo...

In un cielo di stelle rotte

Mazzoni Lorenzo

Lynda e Robert Graham possono dirsi soddisfatti della vita che si sono costruiti. Una bella casa in un quartiere benestante di Dublino, la sicurezza economica, due figli invidiabili, Katie e Ciaràn. Nonostante qualche nuvola passeggera e qualche preoccupazione legata al comportamento un po' aggressivo del figlio adolescente, i Graham vedono scorrere la loro esistenza placidamente, riflessa nel giardino giapponese che ogni mattina all'alba Lynda si ferma qualche attimo a contemplare con l'orgoglio dell'artista. C'è solo un neo in questo perfetto quadro famigliare: si tratta di Danny, il fratello minore di Robert, uno scapestrato che periodicamente sconvolge la loro routine con le sue pretese e i suoi modi prepotenti. Per fortuna, nella casa dei Graham arriva una persona che porta un po' di serenità. Ciaràn infatti presenta ai suoi Jon, un amico bello, educato e sensibile, che presto diventa una presenza fissa al punto da trasferirsi da loro. Agli occhi di tutti Jon sembra l'ospite perfetto, forse troppo: l'istinto di Lynda le suggerisce che qualcosa non va... Chi è veramente il dolce e disponibile Jon?

DONNA ALLA FINESTRA

Dunne Catherine