Narrativa

La strada per Los Angeles

Fante John

Descrizione: Arturo Bandini, immigrato, attaccabrighe, ribelle, megalomane, sprezzante, sempre in lite con tutti, è in cerca della donna giusta. "La strada per Los Angeles" è il primo capolavoro di Fante. Arturo Bandini è alle prese per la prima volta con quelli che poi i lettori si abitueranno a riconoscere come i suoi eterni problemi: essere amato dalle donne e diventare un grande scrittore. Ma una cosa è la realtà, un'altra i sogni, e il romanzo, nonostante il tono spassoso, è anche un bruciante documento autobiografico, il resoconto di una difficilissima gavetta artistica e sentimentale. Poco piú che adolescente, è costretto, per sopravvivere, a lavori umilianti e faticosi, Arturo è armato solo della forza dei suoi desideri. Rifiutato dagli editori per i contenuti sessuali che, a metà degli anni Trenta, rendevano rischiosa la pubblicazione, il romanzo rimase sepolto in un cassetto fin dopo la morte di Fante, e venne pubblicato solo nel 1985. Oggi "La strada per Los Angeles" è considerato, dai lettori e dai critici, uno dei vertici dell'arte comica di John Fante, e un tassello indispensabile della saga di Bandini.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero

Anno: 2005

ISBN: 9788806168865

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La strada per Los Angeles fu scritto da John Fante nel 1933, ma – continuamente rifiutato dagli editori (dalla prefazione di Emanuele Trevi: “Nessun editore… se la sentì di mandare alle stampe un esperimento così sconcertante.. trafila di rifiuti… bisognava davvero aspettare … nel 1985…”) – venne pubblicato postumo quando l’astro dello scrittore italo-americano cominciava a brillare grazie agli apprezzamenti di Charles Bukowski.

Trattasi del secondo incontro con l’Arturo Bandini che abbiamo conosciuto in “Aspetta primavera Bandini”, qui divenuto diciottenne, ormai orfano del padre Svevo, con una situazione familiare discontinua rispetto al prequel: là Arturo aveva due fratelli e una madre esaurita, qui vive con la madre dal carattere fragile e con la bigotta sorella Mona in una misera casa di Wilmington, ove il nucleo campa anche grazie all’aiuto dello zio Frank.
E se nel primo episodio Arturo sognava di diventare un campione sportivo, in “Strada per Los Angeles” l’ambizione  conclamata è quella di diventare un grande scrittore (“Al Jim’s Place: Tu leggi un sacco. Hai mai provato a scriverlo, un libro? Quello fu il momento. Decisi allora che volevo diventare uno scrittore”). Intanto il futuro genio letterario si barcamena con lavoretti saltuari e mal pagati, e così approda al conservificio della Soyo Company (“Mio zio… un lavoro, disse. Alla fine mi aveva trovato un lavoro”), che odora di pesce e di povertà.

John Fante descrive l’età tardo-adolescenziale coniugando l’onanismo praticato nello stanzino dei vestiti con i deliri di mitomania (“Io, come dicevo, sono un scrittore. Interpreto la realtà americana. Mi trovo qui per raccogliere materiale per il mio nuovo libro”) del giovane protagonista, attratto da autori che legge più per posa che per interesse reale: “Vacci Arturo. Leggi Nietzsche. Leggi Schopenhauer…”
“… Aveva l’élan vital. Ah, Bergson! Un altro grande scrittore…”

Sono spassosissime le descrizioni del presunto capolavoro composto da Bandini (“Era la storia appassionata degli amori appassionati di Arthur Banning… la mia abilità nell’uso della reticenza sia pure in un climax incandescente”), che poi viene sottoposto al giudizio della madre (“Non mi è piaciuta quella storia con la ragazza cinese….E non mi è piaciuta quella storia con quella eschimese…Il punto in cui va a letto con le ragazze del coro. Non mi è piaciuto nemmeno quello”) e della sorella (“L’eroe era abietto. Commetteva adulterio quasi a ogni pagina”), e suscita la reazione prima adirata poi soffocata di Arturo (“La tua opinione non mi tange punto”).

Il passaggio alla narrazione in prima persona (dalla terza utilizzata in “Aspetta primavera, Bandini”), l’ironia con la quale viene delineata la contrapposizione tra la megalomania di Arturo (“Ah, suonava splendidamente. Arturo Gabriel Bandini. Un nome da includere nella lunga serie degli immortali: un nome per i secoli dei secoli”) e la modestia della vita reale, la sottile critica alle convenzioni del vivere civile sono tutti elementi che trasformano la farneticante interpretazione del protagonista nell’interessante plastico dell’antieroe.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

I rifiuti degli editori e “La strada per Los Angeles” di John Fante – i-LIBRI

[…] atto di questa ricca e frastagliata collezione, dal nostro punto di vista ricordiamo il caso de “La strada per Los Angeles”  di John Fante: scritto nel 1933, venne continuamente rifiutato dagli editori e fu pubblicato […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Primi anni ottanta. Sulla sponda occidentale del Lago di Como, nel triangolo soleggiato compreso fra Menaggio, Bellagio e l’Isola Comacina, dentro il quadro fastoso del turismo internazionale e dei grandi personaggi che vi hannosoggiornato (Liszt, Stendhal, Churchill, Hitchcock e l’ex cancelliere tedesco Konrad Adenauer), vanno in scena le piccole vicende della Tremezzina. In quella provincia italiana dove il tempo sembra essersi fermato el’opulenza degli alberghi di Cadenabbia e di Villa Balbianello sembra lontanissima, irrompe sulla scena il piccolo borgo di Mezzegra. Qui sono in gioco le dispute fra parroco e sindaco, le grazie non ancora onorate di Angela – l’organista –, la moto rombante dell’anarchico Bernasconi che quelle grazie vorrebbe onorare, le feste di paese, i traffici illeciti con la vicinaSvizzera, e poi corriere, biciclette, l’epopea del volo in idrovolante, milanesi e “teroni”, battelli della Navigazione Lago di Como e una galleria di personaggi irresistibili. È proprio questo mondo che viene scosso dalla sparizione della statua della Madonna del Carmine. Chi ha commesso questo atto sacrilego? A che scopo? Che fine ha fatto la statua? Il bravo don Luigi, erede di tutti i curati di campagna che hanno lasciato traccia nella letteratura e nel cinema, non perde le staffe, cerca di capire, indaga, interroga e non dimentica che “il diavolo è nel dettaglio”. Una commedia degli errori che, in forza della macchina dell’indizio, lascia trapelare piccoli segreti, calde passioni, speranze e appetiti inconfessabili. Cocco sonda ritmi e linguaggi da commedia, creando un nuovo luogo geografico-letterario, compreso tra il mondo in dialetto di Davide Van de Sfroos e la memoria di grandi scrittori lacustri come Piero Chiara. Ritmo impeccabile,personaggi incisi con gusto e maestria, un senso inedito della comunità e della narrazione, e un che di amaro, che arriva da più lontano.

Il bacio dell’Assunta

Cocco Giovanni

Un attore famoso, alcolizzato e depresso in privato, ma in pubblico simbolo del "sogno americano", riceve una notizia personale che gli cambierà la vita per sempre. Il più grande artista del mondo, durante l'occupazione nazista, rende immortale la figlia della donna di servizio di un hotel su una spiaggia di Juan-les-Pins, in Francia. Un giovane scrittore newyorchese s'innamora della figlia di un Premio Nobel per la letteratura. Questa relazione lo sconvolgerà a tal punto da pubblicare uno dei libri più venduti al mondo. Un anonimo funzionario di una compagnia di assicurazioni si occupa di sicurezza sul lavoro. Conosce una cameriera in un bordello nel ventre nero di Praga e, grazie a lei, troverà il suo modo per salvare l'umanità. Arrivato alla fine della sua vita, uno dei più grandi scrittori del Novecento si suicida con la canna di un fucile in bocca, mentre una ragazza vitale, chiassosa e ribelle alle regole rigide della sua famiglia, negli anni Quaranta viene sottoposta per volere del padre a un intervento di lobotomia frontale. Un romanzo corale che ci racconta i luoghi oscuri di quella società dello spettacolo diventata un incredibile e pirotecnico "Grande Show".

Quando cadono le stelle

Serino Gian Paolo

Il tenente dei lancieri

Rovetta Gerolamo

L’America come la conosciamo non esiste più. Le macchine si sono fermate, la popolazione è stata decimata da una misteriosa epidemia, il terreno contaminato da tossine, e in questo scenario di morte e dolore è cominciata la grande emigrazione: i sopravvissuti si muovono verso est, verso la speranza e la possibilità di un imbarco per l'Europa. Ferrytown è una stazione di transito, che sopravvive proprio su questo incessante, disperato flusso migratorio. Ed è qui che arrivano Franklin Lopez e suo fratello Jackson, pellegrini verso l'oceano. Franklin ha un dolore a un ginocchio e si ferma sulle colline, mentre il fratello scende a Ferrytown per vedere di guadagnare qualcosa. In una casupola sulle colline Franklin incontra una donna, Margaret, febbricitante e isolata da tutti. Insieme i due intraprenderanno il cammino attraverso quest'America distrutta, aiutandosi a vicenda e trovando anche la forza di un amore inaspettato.

TUTTO CIO’ CHE ABBIAMO AMATO

Crace Jim