Narrativa

La strana biblioteca

Haruki Murakami

Descrizione: Tornando a casa dopo la scuola, uno studente si ferma in una strana biblioteca. Certo, anche la sua richiesta è un po' strana. Chiede alla bibliotecaria qualche libro che possa soddisfare la sua ultima curiosità (è un bambino curioso, il nostro protagonista): la riscossione delle tasse nell'impero ottomano. La bibliotecaria lo manda alla stanza 107. Qui l'aspetta un altro bibliotecario, ancora più bizzarro della prima: "aveva la faccia coperta di piccole macchie nere, come tanti moscerini. Era calvo e portava occhiali dalle lenti spesse. La sua calvizie non era uniforme. Tutt'intorno al cranio gli restavano ciuffi di capelli bianchi ritorti, come in un bosco dopo un incendio". E davvero una ben strana biblioteca, questa! Il bibliotecario accompagna il bambino attraverso un labirinto di corridoi e stanze, finché non arrivano in una stanza dove riposa un piccolo uomo vestito con una pelle di pecora. E qui le cose si fanno brutte: il bibliotecario e l'uomo-pecora spingono il piccolo in una cella. Il bambino rischia di fare una fine terribile se non arrivasse in suo soccorso una ragazza sconosciuta...

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2015

ISBN: 9788806225889

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La strana biblioteca è un racconto lungo di Murakami Haruki, illustrato da Lorenzo Ceccotti.

Già quando il protagonista si rivolge alla bibliotecaria con la sua richiesta un poco insolita e l’impiegata lo conduce nell’interrato (“Come poteva la nostra biblioteca cittadina avere nel sottosuolo un labirinto di tali dimensioni?”), è subito chiaro che il giovane sta varcando la dimensione della veglia per entrare in un sogno-incubo con tanto di persecutore (“Il vecchio… sotto le lunghe sopracciglia bianche, i suoi occhi brillarono come quelli di una capra al tramonto”) e contenuto latente da ricercare sotto il contenuto manifesto.

Del sogno, la narrazione di La strana biblioteca mutua i meccanismi di condensazione, spostamento (“Era lo stesso cane che mi aveva morso tanti anni prima”), drammatizzazione (“Signor Uomo pecora – gli chiesi, – perché quel vecchio vuole mangiare il mio cervello?”), simbolizzazione (su tutte, il labirinto: “La fregatura, con i labirinti, è che soltanto alla fine sai se hai preso la strada giusta”) e rappresentazione per l’opposto (“Perché finisco sempre col dire e col fare quello che non mi va?”).

Dopo aver percorso il labirinto, il giovane viene imprigionato: nel carcere riceve le visite di una giovane diafana, poi di un uomo-pecora che lo aiuta a fuggire e a ripercorrere a ritroso il labirinto, mentre sulla rappresentazione onirica aleggia la paura della perdita della madre (“Potrebbe dirmi se mia madre e il mio storno stanno bene?”).

Che il labirinto in La strana biblioteca rappresenti semplicemente la complessità della psiche e il tentativo dell’uomo di affrontarne i grovigli,  che sia il luogo costruito dalla ragione per annientare e mettere in scacco se stessa o che alluda – come insegna Jung – al Minotauro e all’archetipo dell’immagine materna divorante e del percorso dell’anima verso l’equilibrio del proprio sé, Murakami si dimostra scrittore astuto e punta un occhio a Freud, l’altro al business e agli impegni editoriali…

Bruno Elpis

Segnaliamo qui un sito italiano dedicato allo scrittore  giapponese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Murakami

Haruki

Libri dallo stesso autore

Intervista a Haruki Murakami

Capolavoro di inesprimibili e struggenti stati d'animo, Il paese delle nevi può essere considerato un piccolo poema in prosa, dove amore e morte si intrecciano in un'atmosfera di diffusa malinconia e di incombente tragedia.

Il paese delle nevi

Kawabata Yasunari

Milano, 1973. Sono gli anni della grande industria cinematografica italiana, dell'Austerity, della cronaca nera prestata alla politica, della criminalità da far west, della Polizia con le mani legate, dell'imprenditoria gangster, delle grandi penne del giornalismo. Travolti da questi sconvolgimenti epocali e dalla sfortuna del quotidiano, un funambolo della pubblicità col vizio del gioco contrae un debito di troppo, un oste milanese dalle mani grandi fronteggia lo sfratto della bocciofila che gestisce, un fiorista ciociaro raccoglie i frantumi del proprio chiosco devastato dagli stuntmen di un film con Alain Delon. La morte di un loro vecchio collega, di quando scavavano i tunnel della metropolitana, li riunisce al cimitero. Da qui in poi, il terzetto ne penserà di ogni per risolvere i guai di ciascuno, fino a scegliere di mettere in pratica la più assurda delle idee: rubare il simbolo più alto di Milano, per riscattare i soldi e se stessi. Da un'idea di Luca Crovi, un noir a tre penne, una commedia che al sorriso combina la tensione drammatica ed emotiva dell'Italia degli anni Settanta, gli anni che ci hanno insegnato che l'assurdo non è una sciocchezza, ma l'impossibile che si fa reale.

OPERAZIONE MADONNINA

Ferrari Andrea

IL SILENZIO IMPERFETTO

Penna Aldo

Amy e Nick si incontrano a una festa in una gelida sera di gennaio. Uno scambio di sguardi ed è subito amore. Lui la conquista con il sorriso sornione, l'accento ondulato del Missouri, il fisico statuario. Lei è la ragazza perfetta, bella, spigliata, battuta pronta, il tipo che non si preoccupa se bevi una birra di troppo con gli amici. Sono felici, innamorati, pieni di futuro. Qualche anno dopo però tutto è cambiato. Da Brooklyn a North Carthage, Missouri. Da giovani professionisti in carriera a coppia alla deriva. Amy e Nick hanno perso il lavoro e sono stati costretti a reinventarsi: lui proprietario del bar di quartiere accanto alla sorella Margo, lei casalinga in una città di provincia anonima e sperduta. Fino a che, la mattina del loro quinto anniversario, Amy scompare. È in quel momento, con le tracce di sangue e i segni di colluttazione a sfregiare la simmetria del salotto, che la vera storia del matrimonio di Amy e Nick ha inizio. Che fine ha fatto Amy? Quale segreto nasconde il diario che teneva con tanta cura? Chi è davvero Nick Dunne? Un marito devoto schiacciato dall'angoscia, o un cinico mentitore e violento, forse addirittura un assassino? Raccontato dalle voci alternate di Nick e Amy, "L'amore bugiardo" è una incursione nel lato oscuro del matrimonio. Un thriller costruito su una serie di rovesciamenti e colpi di scena che costringerà il lettore a chiedersi se davvero sia possibile conoscere la persona che gli dorme accanto.

L’amore bugiardo

Flynn Gillian