Racconti

La tempesta

Moravia Alberto

Descrizione:

Categoria: Racconti

Editore: Pellicanolibri

Collana:

Anno: 1984

ISBN:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Come anche il nome lascia intendere, la breve storia narrata da Moravia si svolge durante una tempesta.

Tutto ha inizio all’ingresso di un cinema, dove Luca Sebastiani, un giovane architetto, sostava immobile, “incerto se entrare o no“.

L’autore comincia in quest’occasione col tratteggiare lo stato d’animo del protagonista. “Egli si sentiva in quelle condizioni di inappetenza e di oppressione, dalle quali, similmente alla tetra nuvolaglia che da più giorni pesava sulla città e soltanto la violenza di un temporale avrebbe potuto dissipare, intuiva che sarebbe stato vano sperare di uscire se non con qualche eccesso o qualche crisi violenta e salutare; e intanto il meglio da fare era non far nulla e cercare di distrarsi in attesa della catastrofe incombente“.

E proprio di catastrofe si tratterà.

Presa coscienza della sua tristezza, e convintosi dell’inutilità di guardare un film che non avrebbe cambiato il suo stato d’animo, Luca si decise a lasciare la sala. Fu in quel momento che si scontrò violentemente con Marta, la donna che fino a due anni prima avrebbe sposato, se questa non lo avesse lasciato per un altro, uno ricco, ma che non amava.

Simpatica la reazione di Luca. Prima sorpreso, tenta poi di mascherare il piacere di rivederla, mostrandosi più che mai scontroso. Il destino però aveva già deciso cosa sarebbe successo, ed aveva attentamente pianificato quell’incontro proprio nel giorno in cui l’uomo per il quale Marta aveva lasciato Luca era stato arrestato.

Il resto della storia si svolge a casa di Marta, e vi prenderanno parte altri due personaggi, Nora e Bosso, oltre all’innocente partecipazione del figlio di Marta (nato dalla relazione con l’uomo arrestato) e quelle insignificanti della tata e della cameriera.

Nora, la sorella di Marta, attaccata alla vita agiata che la relazione di Marta le aveva garantito, fa di tutto per far fidanzare la sorella con Bosso, un ricco costruttore.
Una figura molto forte, quella di Nora, che tenta in ogni modo di decidere per la vita della sorella, la quale invece dà l’impressione di essere totalmente incapace di autodeterminarsi.

Molto pieno di sé Bosso; entra in gioco a metà racconto, e dà sfoggio della sua ricchezza, l’arma in più rispetto a Luca, abilmente usata per far colpo su Marta, o forse più su Nora. “Rivedendolo [Bosso], Luca si convinse subito che un uomo simile, anche se non ci fosse stata in mezzo la rivalità per Marta, egli non avrebbe potuto mai che odiarlo. Bosso aveva una grossa testa posata sopra un corpo mezzano e tozzo, una fronte calva ma di una calvizie incerta e come sudicia, che si perdeva sulla nuca in un folto strato di riccioli brizzolati, sopracciglia tenebrose, arruffate e dotate di una loro pensosa e scimmiesca mobilità, occhi piccoli, naso grosso e fiorito tra due guance sanguigne, bocca molto larga ma senza labbra, sottile come il taglio di un coltello, un po’ sporgente a modo di muso, anch’essa, come le sopracciglia, singolarmente mobile“.

Divertenti le scenette descritte da Moravia che vedono Nora e Bosso contrapporsi a Luca, mentre Marta oscilla inerme tra i due contendenti.

A Luca pareva di sognare, ché, per quanto amante di un altro uomo, egli continuava a figurarsi Marta qual era stata quando erano stati fidanzati, una ragazza, ossia una persona in certo modo incompleta e che forse non si sarebbe completata mai. Ma ora dopo questa straordinaria notizia del bambino capiva quel non so che di donnesco e di adulto che aveva presentito sia quando l’aveva incontrata sulla soglia del cinema, sia poco avanti stringendola disfatta e piangente tra le sue braccia“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La fanfara di Bellano è nei guai. Evelindo Gavazzi – cui è affidato il delicato compito di suonare il bombardino nella fanfara che sul molo accoglie i viaggiatori che sbarcano a Bellano – non fa più parte dell’organico: è bloccato in casa a suon di sberle dalla novella sposa Noemi, che non sopporta che faccia tardi e torni a casa ubriaco. Almeno il cappello racconta le avventure della banda orfana di bombardino e della sua gloriosa rinascita. Protagonista del nuovo romanzo di Andrea Vitali è un’improbabile congrega di musicisti: il suonatore di cornetta Zaccaria Vergottini e la seconda cornetta Eumeo Vergottini, il clarino Guzzin (al secolo Augusto Boldoni), il basso Aurelio Leoni. E soprattutto Onorato Geminazzi, giunto nel borgo come in esilio dalla natía Menaggio: sarà proprio il Geminazzi – in seguito a un imprevisto intreccio di circostanze – l’artefice e protagonista della rinascita della banda e della sua trasformazione nel glorioso Corpo Musicale Bellanese. Tra gli altri protagonisti, oltre alla signora Estenuata, consorte del Geminazzi, ci sono il traghetto Patria, l’Amaro Grona, l'oste Bormida Pinìn, il paese di Bellano e le sue frazioni Obriaco, Lezzeno, Bonzeno, Biosio e Oro, il signor podestà e i Regi Carabinieri. C'è naturalmente anche il cappello, quello dell'uniforme della banda, al centro di mille e uno equivoci.

ALMENO IL CAPPELLO

Vitali Andrea

Tutti i racconti dell'incubo, del mistero e del terrore nella straordinaria versione di Giorgio Manganelli. Inventore del racconto poliziesco e del thriller psicologico, nella sua sterminata produzione Edgar Allan Poe ha affrontato atmosfere torbide e terrificanti, trame allucinanti e bizzarre, intrecci misteriosi decifrabili solo con l'utilizzo di una lucida logica, mondi inquietanti e anche grotteschi, riuscendo sempre a penetrare a fondo nell'anima delle situazioni fino alle più estreme conseguenze. Questo volume che raccoglie i suoi racconti restituisce tutta la sua suprema intelligenza, la sua visionaria lucidità, la sua acuta percezione della realtà. Il lungo saggio introduttivo di Julio Cortázar aiuta a leggere la vita e l'opera di Poe sotto una luce spogliata di quei riflessi che a partire dalla sua morte hanno così spesso fuorviato i lettori di uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi.

I racconti

Poe Edgar Allan

Il secondo regno dantesco "dove l'umano spirito si purga / e di salire al ciel diventa degno", è, dei tre, quello che porta nella sua struttura, sia fisica sia morale, la maggiore novità d'invenzione, tanto da poter dire che esso è un mondo, nel suo aspetto e nel suo spirito, soltanto dantesco. Circola per tutto il Purgatorio un'atmosfera difficilmente definibile, come di raccolto incanto, che coglie il lettore fin dall'inizio e l'accompagna fino alle soglie del Paradiso: attingere lo spirito di quella delicatissima aura che tutto avvolge è la via per intendere il Purgatorio dantesco nella profonda bellezza che lo distingue.

La divina commedia

Alighieri Dante

La storia del poeta Harry Peake, di come ha perso sua moglie Grace in un tragico incendio che lo ha lasciato orribilmente deformato, di come si guadagnava da vivere nelle birrerie londinesi del XVIII secolo, del suo unico conforto, la devota figlia Martha, che temendo per la sua vita decide di fuggire nelle colonie americane.

Martha Peake

McGrath Patrick