Racconti

La tempesta

Moravia Alberto

Descrizione:

Categoria: Racconti

Editore: Pellicanolibri

Collana:

Anno: 1984

ISBN:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Come anche il nome lascia intendere, la breve storia narrata da Moravia si svolge durante una tempesta.

Tutto ha inizio all’ingresso di un cinema, dove Luca Sebastiani, un giovane architetto, sostava immobile, “incerto se entrare o no“.

L’autore comincia in quest’occasione col tratteggiare lo stato d’animo del protagonista. “Egli si sentiva in quelle condizioni di inappetenza e di oppressione, dalle quali, similmente alla tetra nuvolaglia che da più giorni pesava sulla città e soltanto la violenza di un temporale avrebbe potuto dissipare, intuiva che sarebbe stato vano sperare di uscire se non con qualche eccesso o qualche crisi violenta e salutare; e intanto il meglio da fare era non far nulla e cercare di distrarsi in attesa della catastrofe incombente“.

E proprio di catastrofe si tratterà.

Presa coscienza della sua tristezza, e convintosi dell’inutilità di guardare un film che non avrebbe cambiato il suo stato d’animo, Luca si decise a lasciare la sala. Fu in quel momento che si scontrò violentemente con Marta, la donna che fino a due anni prima avrebbe sposato, se questa non lo avesse lasciato per un altro, uno ricco, ma che non amava.

Simpatica la reazione di Luca. Prima sorpreso, tenta poi di mascherare il piacere di rivederla, mostrandosi più che mai scontroso. Il destino però aveva già deciso cosa sarebbe successo, ed aveva attentamente pianificato quell’incontro proprio nel giorno in cui l’uomo per il quale Marta aveva lasciato Luca era stato arrestato.

Il resto della storia si svolge a casa di Marta, e vi prenderanno parte altri due personaggi, Nora e Bosso, oltre all’innocente partecipazione del figlio di Marta (nato dalla relazione con l’uomo arrestato) e quelle insignificanti della tata e della cameriera.

Nora, la sorella di Marta, attaccata alla vita agiata che la relazione di Marta le aveva garantito, fa di tutto per far fidanzare la sorella con Bosso, un ricco costruttore.
Una figura molto forte, quella di Nora, che tenta in ogni modo di decidere per la vita della sorella, la quale invece dà l’impressione di essere totalmente incapace di autodeterminarsi.

Molto pieno di sé Bosso; entra in gioco a metà racconto, e dà sfoggio della sua ricchezza, l’arma in più rispetto a Luca, abilmente usata per far colpo su Marta, o forse più su Nora. “Rivedendolo [Bosso], Luca si convinse subito che un uomo simile, anche se non ci fosse stata in mezzo la rivalità per Marta, egli non avrebbe potuto mai che odiarlo. Bosso aveva una grossa testa posata sopra un corpo mezzano e tozzo, una fronte calva ma di una calvizie incerta e come sudicia, che si perdeva sulla nuca in un folto strato di riccioli brizzolati, sopracciglia tenebrose, arruffate e dotate di una loro pensosa e scimmiesca mobilità, occhi piccoli, naso grosso e fiorito tra due guance sanguigne, bocca molto larga ma senza labbra, sottile come il taglio di un coltello, un po’ sporgente a modo di muso, anch’essa, come le sopracciglia, singolarmente mobile“.

Divertenti le scenette descritte da Moravia che vedono Nora e Bosso contrapporsi a Luca, mentre Marta oscilla inerme tra i due contendenti.

A Luca pareva di sognare, ché, per quanto amante di un altro uomo, egli continuava a figurarsi Marta qual era stata quando erano stati fidanzati, una ragazza, ossia una persona in certo modo incompleta e che forse non si sarebbe completata mai. Ma ora dopo questa straordinaria notizia del bambino capiva quel non so che di donnesco e di adulto che aveva presentito sia quando l’aveva incontrata sulla soglia del cinema, sia poco avanti stringendola disfatta e piangente tra le sue braccia“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto

Opera finalista al Premio letterario Marchesato di Ceva 2020

Il sole che non c’è

Persiani Maurizio

È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l'intera vita, da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'uno accanto all'altra, nell'alba di una vita nuova. Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell'industria dello spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. Ma ogni 15 luglio c'è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme...

UN GIORNO

Nicholls David

1970. Due capolavori rubati, il mistero di un furto mai indagato e perseguito svelato a distanza di anni. Un furfante che sono due, due commissari che non fanno per uno; una vecchia che presta soldi a strozzo e un gatto nero vendicatore. Tutto in un giallo un po' hard boiled ironico e divertente.

Una storia disonesta di furfanti, gatti, commissari e altro ancora

Frascati Daniela

Stephen Hawking, Arianna Huffington, Coco Chanel, Brunello Cucinelli, Temple Grandin, Malala Yousafzai, Muhammad Yunus, Christopher Reeve, Giusy Versace, Franco Baresi, Christopher Gardner, Alessandro Zanardi: questi sono solo alcuni dei protagonisti delle 50 storie che compongono il nuovo volume di Roberto Cerè, autore best seller e coach i cui corsi sono seguiti da oltre centomila partecipanti ogni anno. Le "Storie Impossibili" raccontano di persone che si sono trovate in situazioni estreme: nate con invalidità o costrette dalla vita ad affrontare un trauma improvviso, hanno conosciuto la tragedia, il dolore, sono state gettate al tappeto. Ma si sono rialzate, grazie alla forza di volontà, alla tenacia, alla fiducia in se stesse, alla loro incrollabile voglia di vivere. Laddove altri si sarebbero lasciati andare, sprofondando nella disperazione, all'incrocio decisivo queste persone sono riuscite a trovare la giusta direzione. Sostenute anche dalla fede, l'arma in più di chi vuole reagire a una sorte avversa, cambiare e trasformarsi. "Storie Impossibili" è una guida al cambiamento e alla trasformazione, un libro per chi sta cercando la propria direzione nella vita, attraverso l'esempio di chi ha saputo rispondere - con successo - alla sfida degli eventi. Alla fine di ogni storia un protocollo di coaching da usare per se stessi o per aiutare gli altri.

Storie impossibili

Cerè Roberto