Racconti

La tempesta

Moravia Alberto

Descrizione:

Categoria: Racconti

Editore: Pellicanolibri

Collana:

Anno: 1984

ISBN:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Come anche il nome lascia intendere, la breve storia narrata da Moravia si svolge durante una tempesta.

Tutto ha inizio all’ingresso di un cinema, dove Luca Sebastiani, un giovane architetto, sostava immobile, “incerto se entrare o no“.

L’autore comincia in quest’occasione col tratteggiare lo stato d’animo del protagonista. “Egli si sentiva in quelle condizioni di inappetenza e di oppressione, dalle quali, similmente alla tetra nuvolaglia che da più giorni pesava sulla città e soltanto la violenza di un temporale avrebbe potuto dissipare, intuiva che sarebbe stato vano sperare di uscire se non con qualche eccesso o qualche crisi violenta e salutare; e intanto il meglio da fare era non far nulla e cercare di distrarsi in attesa della catastrofe incombente“.

E proprio di catastrofe si tratterà.

Presa coscienza della sua tristezza, e convintosi dell’inutilità di guardare un film che non avrebbe cambiato il suo stato d’animo, Luca si decise a lasciare la sala. Fu in quel momento che si scontrò violentemente con Marta, la donna che fino a due anni prima avrebbe sposato, se questa non lo avesse lasciato per un altro, uno ricco, ma che non amava.

Simpatica la reazione di Luca. Prima sorpreso, tenta poi di mascherare il piacere di rivederla, mostrandosi più che mai scontroso. Il destino però aveva già deciso cosa sarebbe successo, ed aveva attentamente pianificato quell’incontro proprio nel giorno in cui l’uomo per il quale Marta aveva lasciato Luca era stato arrestato.

Il resto della storia si svolge a casa di Marta, e vi prenderanno parte altri due personaggi, Nora e Bosso, oltre all’innocente partecipazione del figlio di Marta (nato dalla relazione con l’uomo arrestato) e quelle insignificanti della tata e della cameriera.

Nora, la sorella di Marta, attaccata alla vita agiata che la relazione di Marta le aveva garantito, fa di tutto per far fidanzare la sorella con Bosso, un ricco costruttore.
Una figura molto forte, quella di Nora, che tenta in ogni modo di decidere per la vita della sorella, la quale invece dà l’impressione di essere totalmente incapace di autodeterminarsi.

Molto pieno di sé Bosso; entra in gioco a metà racconto, e dà sfoggio della sua ricchezza, l’arma in più rispetto a Luca, abilmente usata per far colpo su Marta, o forse più su Nora. “Rivedendolo [Bosso], Luca si convinse subito che un uomo simile, anche se non ci fosse stata in mezzo la rivalità per Marta, egli non avrebbe potuto mai che odiarlo. Bosso aveva una grossa testa posata sopra un corpo mezzano e tozzo, una fronte calva ma di una calvizie incerta e come sudicia, che si perdeva sulla nuca in un folto strato di riccioli brizzolati, sopracciglia tenebrose, arruffate e dotate di una loro pensosa e scimmiesca mobilità, occhi piccoli, naso grosso e fiorito tra due guance sanguigne, bocca molto larga ma senza labbra, sottile come il taglio di un coltello, un po’ sporgente a modo di muso, anch’essa, come le sopracciglia, singolarmente mobile“.

Divertenti le scenette descritte da Moravia che vedono Nora e Bosso contrapporsi a Luca, mentre Marta oscilla inerme tra i due contendenti.

A Luca pareva di sognare, ché, per quanto amante di un altro uomo, egli continuava a figurarsi Marta qual era stata quando erano stati fidanzati, una ragazza, ossia una persona in certo modo incompleta e che forse non si sarebbe completata mai. Ma ora dopo questa straordinaria notizia del bambino capiva quel non so che di donnesco e di adulto che aveva presentito sia quando l’aveva incontrata sulla soglia del cinema, sia poco avanti stringendola disfatta e piangente tra le sue braccia“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Madame Bovary, apparso a puntare sulla "Revue de Paris" nel 1856 e integralmente un anno dopo, incontrò subito un grande successo di pubblico - dovuto anche al clamore del processo a cui il suo autore, incriminato per oltraggio alla morale e alla religione, fu sottoposto -, imponendosi all'attenzione della critica come il capolavoro assoluto del romanzo moderno. Incentrato sulla superba figura di Madame Bovary - donna inquieta, insoddisfatta, simbolo di un'insanabile frustrazione sentimentale e sociale - e giocato su un antiromanticismo ideologico e formale di fondo, Madame Bovary, come ha scritto Vladimir Nabokov, "dal punto di vista stilistico è prosa che fa ciò che si suppone faccia la poesia. Senza Flaubert non ci sarebbe stato Marcel Proust in Francia, né un James Joyce in Irlanda. In Russia, Cechov non sarebbe stato Checov".

Madame Bovary

Flaubert Gustave

Ellie è la migliore cacciatrice di vampiri di New York, perché possiede il dono innato di «fiutare» la brama di sangue. Ma ora persino lei si trova in difficoltà: deve infatti neutralizzare Uram, un arcangelo che si è trasformato in un efferato assassino. Una missione praticamente impossibile, cui lei però non può sfuggire. Perché le è stato affidato da Raphael, l’affascinante arcangelo della città, uno degli immortali più potenti della Terra. Che vuole Ellie anche come sua nuova amante…

IL PROFUMO DEL SANGUE

Singh Nalini

Un uomo e una donna si incontrano per caso mentre tornano al loro paese natale, che hanno abbandonato vent’anni prima scegliendo la via dell’esilio. Riusciranno a riannodare i fili di una strana storia d’amore, appena iniziata e subito inghiottita dalla storia? Il fatto è che dopo una così lunga assenza «i loro ricordi non si somigliano». La nostra memoria è flebile: viviamo sprofondati in un immenso oblio, e ci rifiutiamo di saperlo. Solo coloro che, come Ulisse, tornano dopo vent’anni a Itaca possono contemplare, attoniti e abbagliati, la dea dell’ignoranza.

L’ignoranza

Kundera Milan

Tratto dal diario non censurato di Anaïs Nin, questo ritratto autobiografico copre il periodo trascorso dall’autrice a Parigi tra il 1931 e il 1932. A quell’epoca risale l’incontro con Henry Miller e sua moglie June: un incontro che segnerà una svolta importantissima nell’evoluzione sentimentale e letteraria della scrittrice. Attratta dal fascino geniale di Miller e turbata dalla fisicità di June, la giovane Anaïs Nin inizia una sorta di educazione erotico-sentimentale che la condurrà alla completa maturazione emotiva e personale. Da questo gioco a tre, sotto la magistrale “regia” di Miller, sullo sfondo della Parigi negli anni trenta, si sviluppa un libro dai risvolti morbosi che completa l’immagine provocatoria di una scrittrice ormai consacrata tra i nomi più illustri della letteratura contemporanea.

Henry & June

Nin Anais