Narrativa

La teologia del cinghiale

Némus Gesuino

Descrizione: Luglio 1969. Durante i giorni dello sbarco sulla luna, a Telévras, piccolo paese dell'entroterra sardo, due ragazzini vengono coinvolti in una serie di eventi misteriosi. Il primo è Matteo Trudìnu, talentuoso figlio di un sequestratore latitante; l'altro è Gesuino Némus, un bambino silenzioso e problematico, da tutti considerato poco più che un minus habens. Amici per la pelle, i due godono della protezione di don Cossu, il prete gesuita del paese, che si prende cura di loro come fossero figli suoi. Un giorno il padre di Matteo, scomparso da settimane, viene trovato morto a pochi chilometri di distanza da casa. Il maresciallo dei carabinieri De Stefani, un piemontese che fatica a comprendere le logiche del luogo, inizia a indagare con l'aiuto dell'appuntato Piras e dello stesso don Cossu ma, con l'avanzare dei giorni, le cose si complicano e spunta fuori un altro cadavere... Misteri, colpe antiche, segreti e rivelazioni vengono scanditi a ritmo battente in un romanzo dalle tinte gialle...

Categoria: Narrativa

Editore: Elliott

Collana: Scatti

Anno: 2016

ISBN: 9788861929463

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“La teologia del cinghiale” di Gesuino Némus, premio Campiello 2016 opera prima, è ambientata nel 1969 (“Quel luglio del ’69 era dantesco e il maestrale cambiava in scirocco ogni notte”) in un paesino dell’Ogliastra (“Totale: 62 reati gravi, suicidi compresi. Colpevoli trovati: 0, suicidi a parte. Sospettati: 2.873. A parte don Cossu, praticamente tutto il paese di Telévras”).

Qui un originale parroco, il gesuita Don Cossu (“Avendo confessato in passato i più grandi latitanti, don Cossu all’omertà era tenuto per vincolo professionale…”), ha accolto sotto la sua ala protettiva due dodicenni: Matteo Trudino e il narratore, Gesuino Némus.

Entrambi i ragazzini si caratterizzano per qualità particolari.
Matteo è geniale, intelligente (“Mi diceva a memoria… i nomi di tutti i diavoli presenti sulla terra: erano 333, sottodiavoli compresi”), musicalmente dotato, leonardesco (“A dodici anni era, in ordine d’apparizione: organista, capochierichetto…” e via una serie di incarichi, attribuzioni e abilità).
Gesuino è introverso (“Io ero aspirante chierichetto semplice di seconda fila e lui il mio superiore gerarchico, come aveva stabilito Cossu don Egisto”), soffre di una strana patologia, ma già denota abilità letterarie (“Gli dissi che avrei scritto un libro un bel libro con il titolone grande grande e glielo avrei dedicato…”).

I due bambini sono stati allontanati da un ambiente familiare difficile.
Matteo è figlio di un latitante, Bachisio Trudinu.
Gesuino è orfano (“Ero nato lì. Proprio su quelle montagne. Da un padre sconosciuto e da una madre che era morta di parto”), forse.
Nel loro nome (“Némus… vuol dire Nessuno… non è da tutti chiamarsi così, come il piccolo Gesù e come Ulisse nello stesso tempo”), forse, sta scritto il destino (“Nomen omen… Prendi il mio cognome, Gesui’. Vuol dire piccolo tordo e quella fine farò”).

Tra i due ragazzi si instaura un’amicizia forte, simbiotica, complice (“L’occhio di Polifemo con Matteo mi veniva perfetto”).
Quando Matteo viene doppiamente colpito dalla sorte, Gesuino lo aiuta a fuggire, a nascondersi (“E mi insegnava, mi insegnava, mi insegnava… E allora io gli insegnai, senza volerlo fare, la cosa più bella: a nascondersi”)…

Don Cossu ha una netta preferenza per la genialità di Matteo (“Gesuiti o salesiani?”) e, forse per questo, male interpreta gli eventi.

Il romanzo è un bell’affresco dell’entroterra sardo degli anni sessanta e scolpisce una ricca gamma di personaggi: De Stefani, il maresciallo dei carabinieri ivi giunto da Torino (“Per loro noi puzziamo di pecora e per noi loro sono tonti…”), il veterinario che svolge anche il ruolo di medico e di anatomopatologo, il latitante che tutti sanno dove si trova, il matto del villaggio (“E fu così che Antoni Esulogu si candidò a essere contemporaneamente indiziato, sospettato, testimone, occultatore di cadaveri…”)…

La narrazione è coinvolgente, condotta da diversi punti di vista: quello dello scrittore in erba (“Vi fa una tenerezza infinita quello scrittore bambino, che scrive libri di una pagina”), quello del cronista inviato in Sardegna, che poi diventa psicoterapeuta, quello fantasioso di un gipeto che dall’alto osserva tutto e racconta i fatti (“Essere gipeti è bellissimo. Altrettanto, anche se un po’ meno, esser cuccioli di cinghiale”), quella di don Cossu che tiene un diario intitolato “La teologia del cinghiale”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gesuino

Némus

Libri dallo stesso autore

Intervista a Némus Gesuino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Andrea Campi è un professionista serio. Giovane avvocato nella sede milanese del prestigioso studio legale internazionale Flacker Grunthurst and Kropper, si occupa di importanti operazioni societarie per conto dei più grandi colossi industriali. Aveva ambizioni, aveva amici, aveva una ragazza. Ora ha prospettive. Lavora fino a notte fonda, mangia pizza e sushi sulla scrivania, vive con un bonsai e parla con il muro. Le giornate scorrono tra pause alla macchinetta del caffè, redazione di contratti e riunioni interminabili, fino al giorno in cui Andrea si trova coinvolto in un nuovo progetto particolarmente delicato. Le responsabilità si moltiplicano, come pure le ore di lavoro e i deliri di un capo sempre su di giri. È l’inizio di un turbine di eventi e incontri che investe l’immobile routine di Andrea spazzandone via certezze ed equilibri. Tra una vita privata sempre più a rotoli e la catastrofe lavorativa incombente, Andrea arriverà a fare i conti con la sua vita, l’unica professione per la quale non ha mai sostenuto un colloquio.

Studio illegale

Baccomo Federico

Mauro Assante è, prima di ogni altra cosa, un uomo serio: ha sempre lavorato con scrupolo estremo, guadagnandosi incarichi di crescente responsabilità nell'istituzione in cui presta servizio, l'authority preposta al controllo della trasparenza delle banche italiane. Si è sposato tardi, con la sola donna che sia riuscita ad aprire una breccia nel suo temperamento ombroso, e ha un figlio piccolo, che trascorre i mesi estivi con la madre, in montagna. Questa estate Mauro si trattiene in città perché gli è stato affidato il compito di stilare una relazione particolarmente delicata su di un istituto bancario che con ogni probabilità verrà commissariato in seguito alla sua ispezione. Ma proprio durante queste solitarie giornate di lavoro, nella sua prevedibile esistenza iniziano ad aprirsi minuscole crepe. Dimentica aperta la porta di casa, riceve una telefonata beffarda, si convince di essere seguito da un uomo in motorino. Soprattutto, riceve la visita di una meravigliosa ragazza che evidentemente ha sbagliato indirizzo. Strano, ci dev'essere stato un errore. Ma dalla vita di Mauro Assante gli errori erano sempre stati banditi; così come sarebbe bandito il batticuore che invece lui prova quando, poche sere dopo, rincontra per caso quella stessa ragazza bionda... L'estate avanza, le temperature aumentano, la stesura della relazione si fa più complessa e con essa l'ansia di consegnare tutto senza sbavature, senza condizionamenti.

La relazione

Camilleri Andrea

Una giovane donna va in anni recenti alla ricerca del misterioso passato dei reclusi di un enorme lager in un'isola greca dove il regime dei colonnelli confinò insieme folli, poeti e oppositori politici. E sprofonda, come il coniglio di Alice, seguendo tracce semicancellate archivi polverosi e segni magici, in una catena imprevista di orrori e segreti dove la pazzia sempre più si mostra come eterno segno dell'opposizione e della ribellione e il passato rivive in storie miracolose, in una festa del linguaggio e della parola. Nella seconda parte del romanzo la detection su follia, normalità e violenza della giovane donna si allarga al mondo contemporaneo e finisce col diventare inevitabile, sconvolgente autobiografia dell'autrice, dove il nodo del rapporto con la madre e la scoperta del fantasma della propria follia (e di quella materna) si aprono in immagini di rara forza. Unica salvezza è la parola poetica, la passione di dire e raccontare che unisce i mondi nel gesto individuale di chi ha il coraggio di cercare ancora "la prima verità".

La prima verità

Vinci Simona

Una vasta insurrezione si estende dagli Stati Uniti all’America Centrale a un epicentro maghrebino. Effetto collaterale di un mondo occidentale che “col pretesto del controllo” ha istituito ovunque stati di polizia, i “ragazzi selvaggi” si evolvono presto in una fantasmagorica sottospecie umanoide: ragazzi con pistole-laser, ragazzi-gatto con artigli “curvi e cavi imbottiti di pasta di cianuro”, ragazzi-serpente, ragazzi che si spostano su alianti, su biciclette alate, su pattini a propulsione. In un romanzo che suona oggi di allarmante forza profetica, ancora una volta Burroughs incenerisce processi e mutamenti storici al rogo della sua immaginazione e della sua allucinata, inconfondibile scrittura.

I ragazzi selvaggi

Burroughs William S.