Narrativa

La teologia del cinghiale

Némus Gesuino

Descrizione: Luglio 1969. Durante i giorni dello sbarco sulla luna, a Telévras, piccolo paese dell'entroterra sardo, due ragazzini vengono coinvolti in una serie di eventi misteriosi. Il primo è Matteo Trudìnu, talentuoso figlio di un sequestratore latitante; l'altro è Gesuino Némus, un bambino silenzioso e problematico, da tutti considerato poco più che un minus habens. Amici per la pelle, i due godono della protezione di don Cossu, il prete gesuita del paese, che si prende cura di loro come fossero figli suoi. Un giorno il padre di Matteo, scomparso da settimane, viene trovato morto a pochi chilometri di distanza da casa. Il maresciallo dei carabinieri De Stefani, un piemontese che fatica a comprendere le logiche del luogo, inizia a indagare con l'aiuto dell'appuntato Piras e dello stesso don Cossu ma, con l'avanzare dei giorni, le cose si complicano e spunta fuori un altro cadavere... Misteri, colpe antiche, segreti e rivelazioni vengono scanditi a ritmo battente in un romanzo dalle tinte gialle...

Categoria: Narrativa

Editore: Elliott

Collana: Scatti

Anno: 2016

ISBN: 9788861929463

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“La teologia del cinghiale” di Gesuino Némus, premio Campiello 2016 opera prima, è ambientata nel 1969 (“Quel luglio del ’69 era dantesco e il maestrale cambiava in scirocco ogni notte”) in un paesino dell’Ogliastra (“Totale: 62 reati gravi, suicidi compresi. Colpevoli trovati: 0, suicidi a parte. Sospettati: 2.873. A parte don Cossu, praticamente tutto il paese di Telévras”).

Qui un originale parroco, il gesuita Don Cossu (“Avendo confessato in passato i più grandi latitanti, don Cossu all’omertà era tenuto per vincolo professionale…”), ha accolto sotto la sua ala protettiva due dodicenni: Matteo Trudino e il narratore, Gesuino Némus.

Entrambi i ragazzini si caratterizzano per qualità particolari.
Matteo è geniale, intelligente (“Mi diceva a memoria… i nomi di tutti i diavoli presenti sulla terra: erano 333, sottodiavoli compresi”), musicalmente dotato, leonardesco (“A dodici anni era, in ordine d’apparizione: organista, capochierichetto…” e via una serie di incarichi, attribuzioni e abilità).
Gesuino è introverso (“Io ero aspirante chierichetto semplice di seconda fila e lui il mio superiore gerarchico, come aveva stabilito Cossu don Egisto”), soffre di una strana patologia, ma già denota abilità letterarie (“Gli dissi che avrei scritto un libro un bel libro con il titolone grande grande e glielo avrei dedicato…”).

I due bambini sono stati allontanati da un ambiente familiare difficile.
Matteo è figlio di un latitante, Bachisio Trudinu.
Gesuino è orfano (“Ero nato lì. Proprio su quelle montagne. Da un padre sconosciuto e da una madre che era morta di parto”), forse.
Nel loro nome (“Némus… vuol dire Nessuno… non è da tutti chiamarsi così, come il piccolo Gesù e come Ulisse nello stesso tempo”), forse, sta scritto il destino (“Nomen omen… Prendi il mio cognome, Gesui’. Vuol dire piccolo tordo e quella fine farò”).

Tra i due ragazzi si instaura un’amicizia forte, simbiotica, complice (“L’occhio di Polifemo con Matteo mi veniva perfetto”).
Quando Matteo viene doppiamente colpito dalla sorte, Gesuino lo aiuta a fuggire, a nascondersi (“E mi insegnava, mi insegnava, mi insegnava… E allora io gli insegnai, senza volerlo fare, la cosa più bella: a nascondersi”)…

Don Cossu ha una netta preferenza per la genialità di Matteo (“Gesuiti o salesiani?”) e, forse per questo, male interpreta gli eventi.

Il romanzo è un bell’affresco dell’entroterra sardo degli anni sessanta e scolpisce una ricca gamma di personaggi: De Stefani, il maresciallo dei carabinieri ivi giunto da Torino (“Per loro noi puzziamo di pecora e per noi loro sono tonti…”), il veterinario che svolge anche il ruolo di medico e di anatomopatologo, il latitante che tutti sanno dove si trova, il matto del villaggio (“E fu così che Antoni Esulogu si candidò a essere contemporaneamente indiziato, sospettato, testimone, occultatore di cadaveri…”)…

La narrazione è coinvolgente, condotta da diversi punti di vista: quello dello scrittore in erba (“Vi fa una tenerezza infinita quello scrittore bambino, che scrive libri di una pagina”), quello del cronista inviato in Sardegna, che poi diventa psicoterapeuta, quello fantasioso di un gipeto che dall’alto osserva tutto e racconta i fatti (“Essere gipeti è bellissimo. Altrettanto, anche se un po’ meno, esser cuccioli di cinghiale”), quella di don Cossu che tiene un diario intitolato “La teologia del cinghiale”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gesuino

Némus

Libri dallo stesso autore

Intervista a Némus Gesuino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il mercante di Venezia

Shakespeare William

Due sconosciuti in attesa di sparare durante un safari umano. Un giovane sacerdote, ignaro del suo futuro di papa, in un corpo a corpo con il desiderio. Gli attentati compiuti nei supermercati da un tranquillo padre di famiglia con la passione per gli esplosivi. Le peripezie di un cuore espiantato, in corsa verso la seconda vita. Un uomo deciso a condividere la casa con un branco di lupi. Fatti realmente accaduti che si fondono a invenzioni folgoranti.

La sposa

Covacich Mauro

Città reali scomposte e trasformate in chiave onirica, e città simboliche e surreali che diventano archetipi moderni in un testo narrativo che raggiunge i vertici della poeticità.

Le città invisibili

Calvino Italo

Venezia 1604. Una gondola fende l’acqua nera come il petrolio. La lanterna dell’imbarcazione illumina fiocamente il volto pensieroso di Paul Pindar, mercante dell’onorevole Compagnia del Levante. L’uomo si trova ormai a Venezia da diversi mesi e consuma le sue notti e il suo denaro tra gioco d’azzardo e cortigiane. Ma niente riesce a fargli dimenticare Celia, la sua promessa sposa, rapita dai turchi per la sua pelle di luna e i biondi capelli. La sua bellezza l’ha resa una delle favorite del sultano. Ma ora il suo destino è sconosciuto. Nessuno sa se sia ancora rinchiusa tra i cancelli dorati dell’harem di Costantinopoli, un mondo proibito e impenetrabile, o se sia scomparsa per sempre. Eppure, proprio quando Paul ha quasi perso la speranza di rincontrarla, ecco che fra le calli veneziane inizia a serpeggiare una voce sempre più insistente. Si dice che in città sia nascosta una misteriosa pietra, “L’Azzurro” del sultano, un diamante blu dal valore inestimabile appartenuto al sovrano di Costantinopoli. Pindar non ha dubbi: deve impossessarsene a tutti i costi. E’ convinto che il gioiello lo ricondurrà in qualche modo a celia. Ma la strada è irta di pericoli. Perché molti altri sono disposti a uccidere pur di averlo. L’unica in grado di aiutarlo è Annetta, una monaca che si trovain un convento di clausura nella laguna veneziana. Il suo è un passato oscuro, indissolubilmente legato al’harem. Pindar deve incontrarla e parlarle, almeno una volta. Niente è come sembra tra gli intricati corridoi del convento e dietro le grate delle celle monacali, che nascondono pericoli, rame silenziose e lotte di potere. E mentre l’ossessione del mercante per il misterioso diamante aumenta sempre più, diventa chiaro che ci sono altre forze segrete in gioco. Il diamante è reale o si tratta solo di un tranello per trascinarlo verso la rovina?

Il diamante dell’harem

Hickman Katie