Giallo - thriller - noir

LA TESTIMONE DEL FUOCO

Kepler Lars

Descrizione: Flora ha visto tutto, ma nessuno le crede. La ragazza è morta, qualcuno l’ha uccisa. Aveva solo quattordici anni, si chiamava Miranda ed è stata ritrovata nella sua camera a Birgittågarden, la casa di recupero per ragazze in difficoltà a Sundsvall, a nord di Stoccolma. Le pareti sono schizzate di sangue, le lenzuola ne sono intrise. Nessuna delle altre ragazze sa che cosa sia successo, ma una di loro è fuggita nella notte. Flora non sa chi indagherà sull’omicidio, non sa che l’ispettore Joona Linna sta per ispezionare la peggiore e più indecifrabile scena del crimine della sua carriera, non sa che solo Joona può sperare di scovare qualche indizio. Flora sa soltanto di aver visto la ragazza. Sa di aver visto l’arma del crimine che nessuno riesce a trovare. Sa che cosa è successo. Ma la polizia non le crede, per una semplice ragione. Al momento dell’omicidio, Flora era a centinaia di chilometri di distanza. Eppure Flora è certa di aver ragione. Lei ha visto. Perché lei è una medium.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2012

ISBN: 9788830432963

Trama

Le Vostre recensioni

Dopo L’ipnotista, romanzo d’esordio pubblicato in Italia nel 2010, e L’esecutore, in libreria nel 2011, eccoci al terzo capitolo delle indagini di Joona Linna, commissario operativo della polizia criminale scandinava.

Durante la notte in una casa d’accoglienza per adolescenti disadattate, Miranda, una delle giovani ospiti,viene trovata barbaramente assassinata. Con lei viene uccisa anche Elisabet l’infermiera di turno, mentre un’altra delle ospiti, la quindicenne Vicky, sparisce nel nulla ed è immediatamente sospettata del duplice efferato omicidio. Mentre Linna, inquisito dalla disciplinare, è coinvolto come osservatore nelle indagini, una sedicente Medium, la quarantenne Flora, inizia ad avere realmente delle visioni sulla morte della giovane Miranda.

Vicky fugge accusata anche del rapimento di un bambino di quattro anni. Joona segue le sue tracce, cerca prove concrete che gli indichino il colpevole degli omicidi e ascolta, seppur con scetticismo, le dichiarazioni di Flora che è convinta di poter supportare le indagini con la verità delle sue visioni medianiche.

Tutto in un ritmo altalenante, reso veloce dalla scelta di dividere la storia in brevi capitoli e al contempo rallentato sia da una notevole dispersività delle situazioni che dalla scelta di ricapitolare di tanto in tanto gli eventi, come nel timore che il lettore non riesca a tenere il filo del racconto.

Il finale del thriller arriva senza troppa sorpresa, quasi fosse stato appena velato fino a quel momento mentre la sofferta storia personale del detective protagonista lascia lo spiraglio aperto per un quarto capitolo delle sue indagini.

La testimone del fuoco è un thriller che ha buoni sprazzi di suspense e diversi momenti in cui avvince, ma è anche un giallo che lascia intravedere troppo presto la sua soluzione, che appare, alla fine, piuttosto prevedibile, soprattutto al lettore più smaliziato.

Lars Kepler è lo pseudonimo scelto dai coniugi svedesi Alexandra e Alexander Ahndoril che, dopo una carriera letteraria separata, hanno scelto di unire le loro menti per mettere alla luce il personaggio di Joona Linna.

Quasi coetanei e genitori di tre figli, i coniugi Ahndoril-Kepler hanno dichiarato di scrivere fianco a fianco nel loro studio, digitando su due portatili ciascuno di loro un’azione diversa che poi si scambiano via e-mail per continuare l’uno il lavoro dell’altro secondo la propria ispirazione. Sostengono così di riuscire a tenere alta la tensione narrativa poiché questa viene continuamente rinnovata.

Voto i-LIBRI:

3stelle

.

button acquista feltrinelli

.

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lars

Kepler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kepler Lars


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un inno alla vita, tra fiction e realtà. Il romanzo più disperato e divertito di Franz Krauspenhaar, pericolosamente in bilico tra il coronarico e l’esoterico. Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni ’60 – che compra e distrugge in furiose scorribande notturne – è convinto di essere uno scrittore dal talento incompreso. Il riconoscimento economico arriva quando, sotto pseudonimo, crea il personaggio di Stan Dolero e comincia a pubblicare thriller di bassa lega che affollano gli autogrill dell’intera Penisola. Potrebbe finalmente scappare da Milano, da una madre apprensiva e dal fratello saggio e alienato con cui vive, ma un infarto arriva a stravolgere ogni piano. Da un ospedale di periferia, Franco si trova a dover ripensare la propria vita. A fargli da spalla, un agguerrito gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione sociale con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della transitorietà umana. “Se la noia di vivere avesse un prezzo sarebbe quello di una mutanda di Bulgari. Bulgari non tratta mutande? Beh, per ora.”

Grandi momenti

Frank Krauspenhaar

Sulle sedia sbagliata

Sara Rattaro

Delfina è una ragazza in coma a seguito di un incidente, chiusa in quello stato che i medici definiscono minimal responsive. Attorno a lei i personaggi che fanno parte della sua esistenza: la madre, donna ingombrante e perfezionista; un padre lontano, mite e un po' egoista; un fidanzato inconsistente che nasconde una colpa terribile; la fisioterapista; le amiche. Una girandola di amici e parenti che si affolla sul guscio apparentemente vuoto della protagonista e, nel bene e nel male, porta avanti la sua vita. Eppure ognuno di loro è prima di tutto a se stesso che parla, mettendo a nudo le meschinerie e le paure che stanno a fondamento di ogni relazione, in una rappresentazione della normalità che sconfina pericolosamente con il suo opposto, quella sottile e banale follia del quotidiano in cui è immersa la nostra vita. Fuori Delfina, un succedersi di storie e di colpi di scena. Dentro, l'inquieto vaneggiare di Delfina in attesa del risveglio. Ma se fosse proprio lei a non voler aprire gli occhi?

NUDA VITA

Frascati Daniela

Che cos’è la vita? Una scalata verso la salvezza da se stessa, risponde Silvia, trentacinquenne più che carina, ragazza che non si sente né donna né bimba, scrittrice o forse scrittora, crisalide che magari, un giorno, sarà farfalla, ma con i suoi tempi e i suoi modi. Vi riuscirà? Non è detto, forse non è così importante il risultato finale, ma la ricerca di sé che Silvia conduce tra amiche e presunti uomini della vita, fra situazioni ai limiti del grottesco e lo scodinzolio del suo pelosissimo cane, riempie il libro di una fresca essenza vitale, questa sì irrinunciabile. Una Bridget Jones all’italiana? Solo in parte, anche se non mancano ossessioni personali, manie e stranezze della vita, e una buona dose di sarcasmo nell’osservarle. Più di Bridget, Silvia rappresenta le eterne ragazze di oggi, dà spessore ai loro pensieri, mette in piazza le ansie e i propositi. In fondo, si può restare crisalidi per tutta la vita, se non si ha la sicurezza di diventare una farfalla speciale.

CRISALIDE ROSA

Pivari Cristiana