Giallo - thriller - noir

LA TESTIMONE DEL FUOCO

Kepler Lars

Descrizione: Flora ha visto tutto, ma nessuno le crede. La ragazza è morta, qualcuno l’ha uccisa. Aveva solo quattordici anni, si chiamava Miranda ed è stata ritrovata nella sua camera a Birgittågarden, la casa di recupero per ragazze in difficoltà a Sundsvall, a nord di Stoccolma. Le pareti sono schizzate di sangue, le lenzuola ne sono intrise. Nessuna delle altre ragazze sa che cosa sia successo, ma una di loro è fuggita nella notte. Flora non sa chi indagherà sull’omicidio, non sa che l’ispettore Joona Linna sta per ispezionare la peggiore e più indecifrabile scena del crimine della sua carriera, non sa che solo Joona può sperare di scovare qualche indizio. Flora sa soltanto di aver visto la ragazza. Sa di aver visto l’arma del crimine che nessuno riesce a trovare. Sa che cosa è successo. Ma la polizia non le crede, per una semplice ragione. Al momento dell’omicidio, Flora era a centinaia di chilometri di distanza. Eppure Flora è certa di aver ragione. Lei ha visto. Perché lei è una medium.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2012

ISBN: 9788830432963

Trama

Le Vostre recensioni

Dopo L’ipnotista, romanzo d’esordio pubblicato in Italia nel 2010, e L’esecutore, in libreria nel 2011, eccoci al terzo capitolo delle indagini di Joona Linna, commissario operativo della polizia criminale scandinava.

Durante la notte in una casa d’accoglienza per adolescenti disadattate, Miranda, una delle giovani ospiti,viene trovata barbaramente assassinata. Con lei viene uccisa anche Elisabet l’infermiera di turno, mentre un’altra delle ospiti, la quindicenne Vicky, sparisce nel nulla ed è immediatamente sospettata del duplice efferato omicidio. Mentre Linna, inquisito dalla disciplinare, è coinvolto come osservatore nelle indagini, una sedicente Medium, la quarantenne Flora, inizia ad avere realmente delle visioni sulla morte della giovane Miranda.

Vicky fugge accusata anche del rapimento di un bambino di quattro anni. Joona segue le sue tracce, cerca prove concrete che gli indichino il colpevole degli omicidi e ascolta, seppur con scetticismo, le dichiarazioni di Flora che è convinta di poter supportare le indagini con la verità delle sue visioni medianiche.

Tutto in un ritmo altalenante, reso veloce dalla scelta di dividere la storia in brevi capitoli e al contempo rallentato sia da una notevole dispersività delle situazioni che dalla scelta di ricapitolare di tanto in tanto gli eventi, come nel timore che il lettore non riesca a tenere il filo del racconto.

Il finale del thriller arriva senza troppa sorpresa, quasi fosse stato appena velato fino a quel momento mentre la sofferta storia personale del detective protagonista lascia lo spiraglio aperto per un quarto capitolo delle sue indagini.

La testimone del fuoco è un thriller che ha buoni sprazzi di suspense e diversi momenti in cui avvince, ma è anche un giallo che lascia intravedere troppo presto la sua soluzione, che appare, alla fine, piuttosto prevedibile, soprattutto al lettore più smaliziato.

Lars Kepler è lo pseudonimo scelto dai coniugi svedesi Alexandra e Alexander Ahndoril che, dopo una carriera letteraria separata, hanno scelto di unire le loro menti per mettere alla luce il personaggio di Joona Linna.

Quasi coetanei e genitori di tre figli, i coniugi Ahndoril-Kepler hanno dichiarato di scrivere fianco a fianco nel loro studio, digitando su due portatili ciascuno di loro un’azione diversa che poi si scambiano via e-mail per continuare l’uno il lavoro dell’altro secondo la propria ispirazione. Sostengono così di riuscire a tenere alta la tensione narrativa poiché questa viene continuamente rinnovata.

Voto i-LIBRI:

3stelle

.

button acquista feltrinelli

.

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lars

Kepler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kepler Lars


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

LA TESTA FRA LE NUVOLE

Tamaro Susanna

La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel?

La ragazza del treno

Hawkins Paula

La «società eccitata», estrema propaggine della «società dello spettacolo» di cui parlavano Guy Debord e i situazionisti, ha trasformato il sensazionale in regime di vita, oltre che in industria. La sovraesposizione agli stimoli, producendo assuefazione a ciò che impressiona, magnetizza e sconvolge, ha inciso profondamente sull’assetto antropologico, e la lingua ha registrato lo smottamento sociale: la sensazione, da fenomeno percettivo, si è intensificata, ed è ormai sinonimo di shock, emozione al limite del tollerabile. Proprio al «far sensazione», al fenomeno del sensazionale, è dedicato il saggio di Christoph Türcke, che tuttavia non si spinge a predicare l’astinenza mediatica, l’ascetismo emotivo. Il suo sguardo si volge piuttosto all’indietro, risale la modernità dal Rinascimento all’Illuminismo a oggi, per mostrare come la situazione odierna sia la conseguenza di una evoluzione secolare.

La società eccitata

Türcke Christoph

C'è chi guarda le vetrine desiderando cose che non potrà mai permettersi, chi invece ammira le foto di alberghi di lusso in cui non andrà mai. Io invece mi sono spesso immaginata di aver incontrato un ragazzo carinissimo e perfetto quando invece non esisteva. Come quel giorno in cui avrei preferito restarmene a casa invece di partecipare a un matrimonio. Non era tanto la cerimonia a disturbarmi, quanto il fatto che ci sarebbe stato quel bastardo del mio ex, al braccio di mia sorella, per giunta, mentre io sarei arrivata da sola. L'unica soluzione era inventarsi un fidanzato, un tipo meraviglioso e affascinante con sex appeal da vendere e un tagliente senso dell'umorismo. Uno di quelli per cui le altre sbavano di invidia e sarebbero disposte a tutto pur di rubartelo... Di sicuro uno così non è l'uomo della porta accanto, sarebbe troppo bello per essere vero.

TROPPO BELLO PER ESSERE VERO

Higgins Kristan