Recensioni

La tregua di Mario Benedetti

Benedetti Mario

Descrizione: Questa è la storia di una solitudine individuale e collettiva scritta sotto forma di diario. Protagonista è Santomè, inpiegato in una grossa azienda di Montevideo, schiacciato dalla monotonia della vita di ogni giorno. Vedovo, vicino alla pensione, Santomè ha difficoltà a stabilire un rapporto con i suoi figli. Ma quando nell'azienda viene assunta la giovane Laura, Santomè sente nascere un amore insperato che lo porterà a vivere una relazione clandestina, che sembra illuminare il suo futuro.

Categoria: Recensioni

Editore: Nottetempo

Collana: Narrativa

Anno:

Traduttore: Saba Sardi Francesco

ISBN: 9788874525188

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

La tregua di Mario Benedetti è un intenso inno alle seconde occasioni e agli squarci di luce in mezzo alla tempesta. Martín Santomé è a un passo dalla pensione e sogna il mitico riposo dopo una vita dedicata al lavoro. Non sa bene ancora cosa farà, ma è sicuro che finalmente potrà invertire la rotta e non sarà più tiranneggiato dal tempo. La vita con lui è stata generosa perché gli ha fatto incontrare Isabel, sua moglie, una donna sensuale da cui ha avuto tre figli. Ma la felicità si è spezzata il giorno della sua morte, quando è diventato vedovo: da allora si è dedicato esclusivamente alla famiglia e al suo impiego, con poche fugaci avventure.

Il futuro non riserva sorprese per Martín, che con grande ironia descrive la sua disillusione; ma proprio quando sta per entrare nell’ultima fase, quella dell’oblio e dell’ozio, arriva una semplice storia d’amore che lo coinvolge e gli dimostra quanto la vita possa cambiare e stupire, concedendo una tregua nel combattimento quotidiano contro il non senso.

Questa giornata con Avellaneda non è l’eternità, è solo una giornata, una delle povere, indegne, limitate giornate alle quali tutti, da Dio in giù, siamo condannati. Non è l’eternità, ma è l’istante che, in fin dei conti, ne costituisce l’unico vero succedaneo. Non mi resta, dunque, che serrare i pugni, gustare questa pienezza senza alcuna riserva, senza prospettiva alcuna.”

La vicenda è narrata in prima persona sotto forma di diario e stabilisce una dolce intimità che trasporta il lettore nell’anima del protagonista e lo commuove con la sua meravigliosa chiarezza. “La tregua” è l’opera che ha consacrato lo scrittore uruguaiano Mario Benedetti, facendolo conoscere ai lettori di tutto il mondo. Pubblicato nel 1960 è stato tradotto in venti lingue ed è universalmente considerato un classico della letteratura sudamericana, da leggere con gli occhi, con la mente e con il cuore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mario

Benedetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Benedetti Mario


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Colin è un giovane parigino ricco e annoiato. Passa il tempo dedicandosi a ricette inverosimili, strimpellando bizzarri strumenti di sua invenzione, bighellonando con Chick – il suo migliore amico – un ingegnere spiantato e sperperone che ha uno strano pallino: collezionare le opere di Jean-Sol Partre. Poi, nella vita del signorino entra, in modo esplosivo, l'amore. L'incontro con la bella Chloé è un colpo di fulmine: decidono di sposarsi nel giro di pochi giorni. Per la cerimonia nuziale, Colin non bada a spese: ingaggia un Arcivettovo, settantatré musicisti, quattordici Figli della Fede e due pederasti d'onore. Nella chiesa, ridipinta di fresco a strisce gialle e viola, entrano anche le nuvole, profumate di coriandolo e di erbe di montagna. Gli sposini si imbarcano in un lungo e stralunato viaggio di nozze nel Sud della Francia, scortati dal cuoco di Colin, Nicolas. Al ritorno dal viaggio, Chloè si ammala. Nei suoi polmoni si annida un male terribile, fatica a respirare. Mentre il tempo va sempre più veloce, e l'appartamento dove vivono, inizialmente di dimensioni faraoniche, si fa sempre più stretto... Romanzo dolce e pirotecnico, surreale fiaba d'amore e feroce denuncia del conformismo, piena di invenzioni che fanno ridere e piangere, La schiuma dei giorni è il capolavoro di un genio ventisettenne: Boris Vian. Prefazione di Ivano Fossati. Con un'intervista a Daniel Pennac.

LA SCHIUMA DEI GIORNI

Vian Boris

Questo romanzo di Sibilla Aleramo è del 1906. La sua immediata fortuna in Italia e nei paesi in cui fu tradotto segnalò una nuova scrittrice, che in seguito avrebbe fornito altre prove di valore, segnatamente nella poesia. Ma soprattutto esso richiamò l'attenzione per il suo tema: si tratta infatti di uno dei primi libri 'femmisti' apparsi da noi.

Una donna

Aleramo Sibilla

Le voci di Nike

Silvia M. Damiani

Peter, assiduo lettore di annunci matrimoniali, Davide, disincantato osservatore della realtà, Matteo, ostinato maniaco della pulizia, e Diego, inetto slacciatore di reggiseni, sono compagni d'appartamento. Vivono gli anni universitari barcamenandosi tra imprese goliardiche, crucci esistenziali e amori tormentati. “Cassonetti” racconta la loro storia, descrivendo tre giornate della loro vita esattamente a distanza di un anno, le une dalle altre. Ma il tempo non scorre lineare, stravolge gli eventi, portandoli a incontrare se stessi, senza riconoscersi, mentre compiono le stesse azioni. Come se la loro vita fosse un interminabile fermo immagine, sospesa nel tempo, fino al finale.

CASSONETTI

Antoni Gianluca