Recensioni

La tregua di Mario Benedetti

Benedetti Mario

Descrizione: Questa è la storia di una solitudine individuale e collettiva scritta sotto forma di diario. Protagonista è Santomè, inpiegato in una grossa azienda di Montevideo, schiacciato dalla monotonia della vita di ogni giorno. Vedovo, vicino alla pensione, Santomè ha difficoltà a stabilire un rapporto con i suoi figli. Ma quando nell'azienda viene assunta la giovane Laura, Santomè sente nascere un amore insperato che lo porterà a vivere una relazione clandestina, che sembra illuminare il suo futuro.

Categoria: Recensioni

Editore: Nottetempo

Collana: Narrativa

Anno:

Traduttore: Saba Sardi Francesco

ISBN: 9788874525188

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

La tregua di Mario Benedetti è un intenso inno alle seconde occasioni e agli squarci di luce in mezzo alla tempesta. Martín Santomé è a un passo dalla pensione e sogna il mitico riposo dopo una vita dedicata al lavoro. Non sa bene ancora cosa farà, ma è sicuro che finalmente potrà invertire la rotta e non sarà più tiranneggiato dal tempo. La vita con lui è stata generosa perché gli ha fatto incontrare Isabel, sua moglie, una donna sensuale da cui ha avuto tre figli. Ma la felicità si è spezzata il giorno della sua morte, quando è diventato vedovo: da allora si è dedicato esclusivamente alla famiglia e al suo impiego, con poche fugaci avventure.

Il futuro non riserva sorprese per Martín, che con grande ironia descrive la sua disillusione; ma proprio quando sta per entrare nell’ultima fase, quella dell’oblio e dell’ozio, arriva una semplice storia d’amore che lo coinvolge e gli dimostra quanto la vita possa cambiare e stupire, concedendo una tregua nel combattimento quotidiano contro il non senso.

Questa giornata con Avellaneda non è l’eternità, è solo una giornata, una delle povere, indegne, limitate giornate alle quali tutti, da Dio in giù, siamo condannati. Non è l’eternità, ma è l’istante che, in fin dei conti, ne costituisce l’unico vero succedaneo. Non mi resta, dunque, che serrare i pugni, gustare questa pienezza senza alcuna riserva, senza prospettiva alcuna.”

La vicenda è narrata in prima persona sotto forma di diario e stabilisce una dolce intimità che trasporta il lettore nell’anima del protagonista e lo commuove con la sua meravigliosa chiarezza. “La tregua” è l’opera che ha consacrato lo scrittore uruguaiano Mario Benedetti, facendolo conoscere ai lettori di tutto il mondo. Pubblicato nel 1960 è stato tradotto in venti lingue ed è universalmente considerato un classico della letteratura sudamericana, da leggere con gli occhi, con la mente e con il cuore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mario

Benedetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Benedetti Mario


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Mandragola

Machiavelli Niccolò

ALMENO IL CAPPELLO – di Andrea Vitali

Fatti mangiare dalla mamma è un libro corale. Nell'estate del 2012 lanciamo un'iniziativa su Facebook per Fabrizio Pittalis, poeta e scrittore di Porto Torres, un gruppo come tanti su social, Cuori da Venere, il pianeta dove lui si è trasferito nel 2007 a causa di un tumore-sarcoma di Ewing. Da lì l'idea di un libro fatto con le ricette date dalle mamme, ricette della tradizione o anche semplice frutto della loro creatività, quelle dei loro quaderni, quelle che i figli ricordano."

Fatti mangiare dalla mamma

AA.VV.

Protagonisti sono Mosè e suo fratello Enrico, lo scatenato Vanni (appassionato di pesca subacquea) e Pedro, immigrato dall'Argentina. Hanno trentanni, sono amici da sempre e hanno molta voglia di divertirsi. Hanno anche tutti i problemi che può avere oggi un giovane cresciuto in una delle tante periferie italiane: il lavoro, i soldi, i rapporti di coppia (Viviana ha appena lasciato Enrico...). Vite qualunque e però piene di avventure sgangherate e divertenti, finché Enrico, improvvisato infermiere e badante, non inizia a occuparsi di Adelaide, un'anziana che, dopo essere stata rinchiusa per trentanni in manicomio, può finalmente tornare a casa propria. Quando entra nell'appartamento di Adelaide, resta sbalordito: la donna ha inciso tutte le pareti con scritte quasi illeggibili, fitte fitte: è il racconto di una vita, forse la traccia di un tesoro.

Poco più di niente

Calamini Cosimo