Giallo - thriller - noir

La valle dei cadaveri

Invernici Antonio

Descrizione: Lago di Como, primi giorni d'estate. Benedetta, diciassettenne appartenente a una famiglia influente e facoltosa, scompare nel nulla. Il suo motorino viene ritrovato sul fondo di una scarpata, in una zona isolata e impervia, tra le montagne. Il commissario Gropello e la sua squadra, a cui è stato assegnato il caso, devono perciò scartare l'ipotesi di una fuga volontaria e cercare un'altra pista, ma gli indizi sono davvero pochi. A mettersi sulle tracce del vero responsabile del rapimento, anche se all'inizio solo per gioco, sono invece Federico e Massimo, due ragazzi che stanno trascorrendo le vacanze a Nisio, un paesino abbarbicato sulle pendici della tetra Valle dei Cani, vicino al bosco dov'è stato abbandonato lo scooter. La polizia riuscirà a risolvere il caso prima di loro e a ritrovare Benedetta sana e salva? Quella che sembrava una tranquilla realtà di provincia si trasforma in un paesaggio inquietante, intriso di violenza. Lo sciabordio sinistro delle onde del lago e il cupo silenzio dei boschi diventano il palcoscenico di uno spettacolo perverso, in cui tutti gli attori, sia gli adulti che gli adolescenti, risulteranno colpevoli.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova narrativa

Anno: 2016

ISBN: 9788854187252

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ambientato su “quel ramo del lago di Como” denominato lecchese, il romanzo “La valle dei cadaveri” di Antonio Invernici è collocabile nel genere profondo noir, ma presenta incursioni nell’horror e pertanto si rivolge a un pubblico consapevole di prediligere queste connotazioni del romanzo.

Cosa si nasconde sotto l’amenità illusoria dei paesaggi (“La Valle dei Cani era costituita da una serie di scenografiche cascatelle che, dalle falde dell’alpe fino alla confluenza con il fiume Pioverna, mille metri più in basso, si alternavano a pozze di acqua gelida e trasparente”)?
Perché perfino le lucciole (“il fiume di luce”) sembrano atterrite?
Qual è il sottofondo reale di località ove benessere e rispettabilità prevalgono soltanto nelle apparenze (“quel substrato nero che stava sotto la cartolina”)?

La prima smagliatura al quieto vivere della zona è rappresentata dalla scomparsa di Benedetta, adolescente rampolla di una famiglia facoltosa di industriali.
Della sparizione si occupa ufficialmente il pool investigativo del commissario Gropello, già messo a dura prova da un precedente odioso crimine di pedofilia.
Ma, artigianalmente, anche i giovani amici Federico e Massimo, con la graziosa Metz della quale sono entrambi innamorati, si propongono di fare luce sul mistero, nel quale sembra avere un ruolo determinante Vittorino, un montanaro violento e rude, che vive ai margini di Nisio, il paesino ove Benedetta è scomparsa (“Il paesello dove non succedeva mai niente…”), e si destreggia in modo losco tra le cascine (“il quadrilatero maledetto in cui si muoveva Vittorino… un’altra catapecchia… dove tiene un branco di cani disperati e alla fame”) e un mulino abbandonato (“Con il passare del tempo il mulino era divenuto la casa delle fate. Posto misterioso per i più romantici e sede di messe nere per satanisti in erba”).
I primi indizi convergono su alcuni compagni di Benedetta, poi conducono a uno stalker che in chat aveva minacciato la ragazza. Infine le indagini si allargano a un’organizzazione criminale che sulla perversione fonda la propria orrenda attività…

Il romanzo è caratterizzato da un ritmo sostenuto, con continui cambiamenti di azione e di prospettiva. Lo stile talvolta adotta la parlata greve dei ragazzi e, realisticamente, le espressioni violente dei criminali. La narrazione è intervallata da periodi in corsivo che materializzano i pensieri dei protagonisti. I capitoli scorrono rapidi, con l’intersezione di capitoli “bis” che raccontano la prigionia di Benedetta, dal buio dell’antro nel quale è stata segregata (“Il buio è totale e non riesce a capire dove si trovi”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Invernici

Libri dallo stesso autore

Intervista a Invernici Antonio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Racconti pregnanti, ambientati nel territorio di Bergamo, città emblema del lavoro, e in Calabria con i suoi paesi di mare e collina e la gente semplice e orgogliosa. Protagonisti di ogni età, in un confronto che è amore per la vita, realtà distanti nella storia e nelle relazioni, con personalità accomunate nei forti sentimenti e negli stupori di fronte al miracolo del divenire. Sono vicende caratterizzate dall'inquietudine e dalla pacatezza, dalla meditazione e dalla vitalità dello spirito. Sono ritratti del cuore e della mente, racconti in cui trovarsi e ritrovarsi. Bergamo e la Calabria, il nord e il sud del Paese, mondi lontani, con tratti comuni e distanze non solo geografiche.

Racconti tra nord e sud

Talarico Olimpio e Mapelli Angelo Maurizio

Joseph Mengele è il famigerato medico di Auschwitz autore di terribili esperimenti pseudo-scientifici sui bambini, forse il più feroce criminale nazista. Alla caduta di Hitler (che gli aveva affidato il compito di scoprire il meccanismo genetico che portava alla nascita dei gemelli), riuscì a far perdere le sue tracce. Jorge Camarasa, il giornalista argentino che ha indagato a lungo sui criminali nazisti in fuga, prima dagli alleati e poi braccati dal Mossad, ha scoperto le diverse identità assunte da Mengele in Argentina e in Brasile, fino alla morte avvenuta nel 1979. L’aspetto forse più agghiacciante è che molto probabilmente il dottor Mengele continuò a lungo i suoi esperimenti. In particolare a Candido Godoi, in Brasile, la «città dei gemelli», dove vivono un centinaio di coppie di gemelli omozigoti, biondi e con gli occhi azzurri. Una misteriosa anomalia genetica che forse oggi ha una terribile spiegazione.

Mengele

Camarasa Jorge

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

Enon

Harding Paul

Protagonista di questo romanzo a quattro mani è Salim Mohammed Salah. Ha 29 anni, una laurea in economia e più di centomila euro in contanti, ottenuti tramite una truffa. In fuga dalla Tunisia si è rifugiato in Italia, ma qui viene arrestato per detenzione di stupefacenti (che non gli appartengono). I soldi, però, sono al sicuro, nascosti in un posto che lui solo conosce. In carcere, Mohammed conosce Cattaneo, un impiegato amministrativo con il quale stringe un accordo: Mohammed gli rivelerà dove sono i soldi, indirizzandolo sugli investimenti; i profitti saranno divisi a metà. E così i due, nel giro di alcuni mesi, cominciano a vedere dei soldi. Di questo intrigo finanziario dietro le sbarre si accorge Gaetano Quarello, un boss al 41 bis che decide di affidare a Mohammed la gestione dei suoi risparmi, un’offerta che non si può rifiutare considerato da chi proviene... Gli affari finanziari vanno bene fino a quando uno dei compagni di cella, Buscaino, non rivela a Mohammed di essere un agente sotto copertura infiltrato in carcere per distruggere la rete di Quarello; con l’aiuto di Mohammed, potrebbe riuscire a seguire il flusso di denaro del boss e sgominare l’organizzazione. Mohammed si trova così di fronte a un dilemma: perdere tutti i suoi soldi e guadagnare la libertà in quanto collaboratore di giustizia, oppure rimanere in galera.

Vento in scatola

Malvaldi Marco