Narrativa

LA VEDOVA, IL SANTO E IL SEGRETO DEL PACCHERO ESTREMO

Cappelli Gaetano

Descrizione: Dario Villalta ha due grandi passioni nella vita: le vedove e i maestri del Rinascimento. Finito in una galleria d'arte milanese dov'è costretto a vendere opere contemporanee che disprezza incontrando inoltre grandi difficoltà nel reperire l'oggetto della sua stravagante passione amorosa, langue finché dal Sud arriva Vera Gallo, che è non solo una vedova devota, ma anche - parrebbe proprietaria di una inestimabile scultura di santo di Mantegna. Vera sembra dunque in grado di appagare al massimo grado entrambe le passioni del gallerista; ma non è tutto oro quel che luccica, e avremo modo di accertarcene nella girandola dì avvenimenti che si origina dalle ristrettezze in cui precipita la polputa vedova, ormai ridotta sul lastrico. Nel frattempo incontreremo una variopinta galleria di irresistibili personaggi, dal trance-psicanalista Aaron Kaminsky al padre di lui Shloime, mago e guaritore; dallo stravagante inventore Carmine Palomino alla languida pasticcerà Ritarosa Latella; dall'oligarca russo Viktor Aleksandrovic Dudorov all'esuberante Maria Sofia Madrasca, chef misconosciuta benché detentrice del segreto del pacchero estremo.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana:

Anno: 2008

ISBN: 9788831712460

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Vera Gallo è la vedova del titolo: originaria di Busto Arsizio, “la Manchester italiana”, dopo un matrimonio a Irsina, paese lucano che domina la valle del Bradano al confine tra le province di Potenza e Matera, seppellisce il marito e, prima, l’odiata suocera e ritorna – ereditiera e possidente – a Milano. Nella solita Milano con “amici … più che simpatici: tutti in partenza o di ritorno da qualche viaggio, tutti più o meno abbronzati, ridanciani coi loro sorrisi a pianoforte, brillanti per i loro gioielli le donne, per le loro cravatte dalle sete preziose gli uomini”.

In breve tempo la vedova allegra dilapida il suo patrimonio.

La ritroviamo in analisi dallo psicoterapeuta Aaron Kaminsky, inventore della psicanalisi trascendentale, conscio che per avere successo “Tocca Bisogna E’ Necessario: spararla grossa!” E lui la spara grossa con la … metempsicosi. Considerati anche i “tempi di grande narcisismo, d’infinita smisurata egolatria, dove ognuno si sente talmente importante e unico … da non accontentarsi di una sola, irripetibile e, d’altro canto, spesso meschina vita.”

Dario Villalta è un “art dealer”, che lavora in una Galleria di Milano. Ed è “l’uomo che amava le vedove”, forse grazie a una precoce esperienza adolescenziale con una di loro. Oltre che per una lucida constatazione, che gli suggerisce di inserirsi, avvantaggiandosene, nella legge economica della domanda e dell’offerta: “.. nel nostro paese ben 185.000 vedove nuove di zecca si immettono ogni anno sul mercato contro gli appena 60.000 equivalenti sparuti maschi …”

Esilaranti le pagine nelle quali l’autore fa risalire al peccato originale il potere eccitante della lingerie in pizzo o descrive il sito hot “Inserzioni molto ma molto particolari”; e quelle nelle quali la scure della narrativa satirica si abbatte sul “commercio delle reliquie religiose” prima e sui palestrati poi.

Nella storia i personaggi si susseguono al ritmo pirotecnico dei fuochi d’artificio: il gallerista Carmine Palomino, i membri di una compagnia di scambisti/orgiasti, il misterioso magnate russo Mr. Dudorf “re di nichel, re di tungsteno e … di acciaio”, la chef Mariasofia Madrasca depositaria del segreto culinario del “pacchero estremo” … Tutti convergono, insieme a Dario Villalta e a Vera Gallo nella splendida Capri, per partecipare all’asta clandestina nella quale dovrà essere aggiudicato per la modica cifra di sessanta milioni di euro … il Santo del titolo: una scultura di Andrea Mantegna!, recuperata in modo rocambolesco nella villa lucana di campagna ereditata da Vera e sequestrata dalle banche creditrici.

La prosa di Gaetano Cappelli è scoppiettante e doviziosa, il suo stile sardonico e coinvolgente. Gli espedienti narrativi sono intriganti e spesso scaltri: i paragrafi rigorosamente vietati ai minori sono contrassegnati da asterischi, per avvertire il lettore che la storia si fa “very hot” … Spesso l’autore abbandona le vesti del narratore, ridicolizza il suo ruolo di tenutario della storia e si appaia al lettore … quindi anche a …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaetano

Cappelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cappelli Gaetano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Mara Abbiati, scultrice italiana, e suo marito Craig Nolan, famoso antropologo inglese, hanno una piccola casa di vacanza vicino a Canciale, paesino ligure arrampicato tra il mare e l’Appennino. Un mattino d’estate Craig sale sul tetto per controllare da dove sia entrata la pioggia di un temporale estivo, e la vecchia copertura gli cede sotto i piedi. I Nolan, alla ricerca di qualcuno che gli aggiusti la casa, vengono in contatto con Ivo Zanovelli, un costruttore dall’aspetto ribelle e con molte ombre nella vita. Nel corso di pochi giorni di un luglio incandescente l’equilibrio già precario di ognuno dei tre si rompe, facendo emergere con violenza dubbi, desideri, contraddizioni fino a quel momento dormienti.

Cuore primitivo

De Carlo Andrea

Satira della società, specchio di un’infanzia che osserva l’assurdo mondo dei “grandi”, storia di un sogno e bibbia del bizzarro. “Alice” è un magico gioco di intelletto e parole, che affascina da 150 anni i lettori di tutto il mondo. Con le eccentriche e argute annotazioni del matematico americano Gardner, le illustrazioni del più noto incisore di epoca vittoriana e la traduzione di un raffinato scrittore italiano, questa edizione, completa di entrambi i libri di Carroll, “Alice nel paese delle meraviglie” e “Dietro lo specchio”, riesce a rivelare tutte le curiosità e gli enigmi di un capolavoro letterario senza tempo.

Alice nel paese delle meraviglie

Carroll Lewis

«Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell'orrido che conduce al torrente, tra le pozze d'acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde. Me lo dicono le tracce di sangue, me lo dice l'esperienza: è successo, ma potrebbe risuccedere. Questo è solo l'inizio. Qualcosa di sconvolgente è accaduto, tra queste montagne. Qualcosa che richiede tutta la mia abilità investigativa. Sono un commissario di polizia specializzato in profiling, e ogni giorno cammino sopra l'inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma. Ma proprio lei mi sta tradendo. Non il corpo acciaccato dall'età che avanza, non il mio cuore tormentato. La mia lucidità è a rischio, e questo significa che lo è anche l'indagine. Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura».66

Fiori sopra l’inferno

Tuti Ilaria

A Parigi, in una scuola internazionale per i rampolli di famiglie facoltose, si incrociano e si compiono i destini di William Silver, professore di letteratura, Gilad Fisher, alunno di un suo seminario, e Marie de Cléry, un'altra giovane studentessa. E il lettore assiste a questo affascinante processo guardando attraverso il caleidoscopio delle loro tre visioni gli eventi che lo determinano. Le lezioni del prof, adorato dagli studenti e profondamente innamorato del proprio mestiere nonché di se stesso nell'atto di svolgerlo. La difficile vita del giovane Gilad, alle prese con una famiglia disfunzionale e con l'assoluta difficoltà a integrarsi nei contesti sempre diversi dove la carriera diplomatica del padre lo porta di volta in volta a trasferirsi. Il rapporto di Marie con se stessa, col proprio e l'altrui sesso e con la mescolanza di invidia, odio e insofferenza che la lega alla sua "migliore amica" Ariel. L'amore tanto totalitario quanto impossibile che Gilad finirà col provare per Will, quello più titubante ma vissuto anche nella sua componente fisica che legherà la diciassettenne Marie al professore, il modo in cui quest'ultimo finisce per svilire l'eroe coraggioso e anticonformista che interpreta nelle aule di scuola sono tutte bombe silenziose. Esplodono senza fragore pagina dopo pagina sbriciolando le illusioni, le ipocrisie, i sogni e gli incubi dei personaggi e restituendo al lettore il vivido squarcio della vita di un ragazzo, di un uomo e di una giovane nell'atto di farsi donna.

NON TI MERITI NULLA

Maksik Alexander