Giallo - thriller - noir

La versione di Fenoglio

Carofiglio Gianrico

Descrizione: Pietro Fenoglio, un vecchio carabiniere che ha visto di tutto, e Giulio, un ventenne intelligentissimo, sensibile, disorientato, diventano amici nella più inattesa delle situazioni. I loro incontri si dipanano fra confidenze personali e il racconto di una formidabile esperienza investigativa, che a poco a poco si trasforma in riflessione sul metodo della conoscenza, sui concetti sfuggenti di verità e menzogna, sull'idea stessa del potere. "La versione di Fenoglio" è un manuale sull'arte dell'indagine nascosto in un romanzo avvincente, popolato da personaggi di straordinaria autenticità: voci da una penombra in cui si mescolano buoni e cattivi, miserabili e giusti. Il mondo reale ha poco a che fare con le trame dei romanzi polizieschi o delle serie tv. Esiste davvero, ed è un posto pericoloso.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero big

Anno: 2019

ISBN: 9788806240981

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La versione di Fenoglio di Gianrico Carofiglio, romanzo finalista al Premio Dessì 2019 – Pietro Fenoglio e il giovane Giulio (“Crollalanza è la traduzione di Shakespeare”) si incontrano in occasione della terapia che ciascuno dei due deve affrontare per cause differenti: “Severa artrosi dell’anca, con decorso quasi fulmineo” il primo; “un brutto incidente con la macchina” il secondo.

La fisioterapista Bruna concede loro gli spazi per coltivare un’amicizia che sgorga da una simpatia immediata (“Dumas diceva: preferisco i mascalzoni agli imbecilli, perché a volte si concedono una pausa”) e prosegue in discussioni nelle quali Fenoglio illustra le sue teorie (“Gli elementi divergenti erano una delle ossessioni di Fenoglio… assegnare delle etichette e attenersi rigorosamente a esse… Da quando Fenoglio si era reso conto del meccanismo, aveva cercato di contrastarlo andando a caccia delle divergenze”), i postulati (“Implicazione di gerarchia”), le indicazioni di metodo (“Certi errori… fanno passare il gusto della visione o della lettura. Hai mai sentito parlare della sospensione dell’incredulità?”), i principi (“Lasciare una via d’uscita è una regola fondamentale”) e le avvertenze (“La ridondanza dell’ego”).

Con atteggiamento disincantato (“Il mondo delle indagini e dei processi: tutti, in qualche modo, mentono”) e grazie all’esperienza accumulata (“Il criterio, lo schema, può generare una specie di cecità selettiva”), Fenoglio racconta al giovane amico alcuni casi: innanzitutto la prima indagine in occasione della morte di un medico, risolta grazie all’ultima prescrizione (l’Optalidon) rilasciata dal dottore al paziente.

Altri due casi (la confessione di un innocente per l’omicidio di una povera vecchia – Fenoglio dimostrerà che il reo confesso aveva un alibi di ferro! – e la confessione di una prostituta) consentono di riflettere su una circostanza: “Davvero succede che uno confessi una cosa che non ha fatto?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianrico

Carofiglio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carofiglio Gianrico

La sfinge nell'abisso. Pier Paolo Pasolini: il mito, il rito e l'antico - A cura di Maura Locantore

La sfinge nell’abisso

Locantore Maura - Autori vari

Che cos'è la libertà? Difficile dirlo per Emma Bonelli, che sulle colline del Monferrato piemontese nell'aprile del 1935 per la prima volta varca la soglia della casa dei Francesi, come sposa del ciabattino zoppo che le hanno dato per marito. Emma è una contadina che ha la terza elementare. La sua dote è misera. Però è una gran lavoratrice, e per questo i Francesi l'hanno voluta come nuora. Anche per sua figlia Luciana, libertà non è che una parola lontana. Solo una volta l'ha quasi assaporate quando le è stata offerta l'occasione di realizzare il sogno di diventare sarta, ma poi il marito la figlia, la casa, la vita hanno preso il sopravvento. Forse solo Anna, nata negli anni Settanta, l'unica donna nella famiglia a poter proseguir gli studi, spezzerà la catena di rinuncia e sottomissione a cui ha visto piegarsi la madre la nonna. Emma, Luciana, Anna, tre donne diverse, ugualmente legate con la mente e il cuore alla vecchia casa in collina, obbligate a lasciarla dai rivolgimenti della Storia e dalla durezza de rispettivi destini. Tutte, dolorosamente, desiderose di tornarvi. E tutte, in modi diversi, masnà, bambine. In un gioco di sorprendenti rivelazioni, miserie quotidiane e commoventi eroismi, questo romanzo è la storia di una scelta difficile e coraggiosa: romper l'esilio, tornare alla casa dei Francesi, decidere della propria vita, sentirsi libere. Perfino di sbagliare. E smettere, finalmente, di essere masnà.

LA MASNA’

Romagnolo Raffaella

In una Barcellona avvolta nella nebbia, l'architetto e restauratore Gabriel Grieg riceve la visita di una sconosciuta, che gli dà una notizia sconvolgente: entro ventiquattr'ore il suo destino cambierà radicalmente. E in effetti, la sua vita sarà rivoluzionata dalla scoperta dell'oscuro potere della Chartam, un oggetto misterioso che gli esperti definiscono "il segreto meglio custodito degli archivi vaticani". Sulla Chartam, infatti, si fonda da secoli l'ordine gerarchico della Curia, emblematicamente raffigurato nel dipinto "La Torre di Babele" di Pieter Bruegel il vecchio. Grieg e la sua nuova compagna d'avventure si lanceranno così in un'indagine senza sosta, seguendo un tortuoso percorso che li porterà sulle tracce di una setta religiosa e di uno spregiudicato cardinale, fino a perdersi nei vicoli bui della città - dal Barrio Gotico al Montjuïc - e nei misteri iniziatici contenuti nelle opere del massimo rappresentante dell'architettura catalana: Antoni Gaudí.

Il labirinto sepolto di Babele

De Lys Francisco J.

IL PARADISO DEGLI ORCHI

Pennac Daniel