Giallo - thriller - noir

La versione di Fenoglio

Carofiglio Gianrico

Descrizione: Pietro Fenoglio, un vecchio carabiniere che ha visto di tutto, e Giulio, un ventenne intelligentissimo, sensibile, disorientato, diventano amici nella più inattesa delle situazioni. I loro incontri si dipanano fra confidenze personali e il racconto di una formidabile esperienza investigativa, che a poco a poco si trasforma in riflessione sul metodo della conoscenza, sui concetti sfuggenti di verità e menzogna, sull'idea stessa del potere. "La versione di Fenoglio" è un manuale sull'arte dell'indagine nascosto in un romanzo avvincente, popolato da personaggi di straordinaria autenticità: voci da una penombra in cui si mescolano buoni e cattivi, miserabili e giusti. Il mondo reale ha poco a che fare con le trame dei romanzi polizieschi o delle serie tv. Esiste davvero, ed è un posto pericoloso.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero big

Anno: 2019

ISBN: 9788806240981

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La versione di Fenoglio di Gianrico Carofiglio, romanzo finalista al Premio Dessì 2019 – Pietro Fenoglio e il giovane Giulio (“Crollalanza è la traduzione di Shakespeare”) si incontrano in occasione della terapia che ciascuno dei due deve affrontare per cause differenti: “Severa artrosi dell’anca, con decorso quasi fulmineo” il primo; “un brutto incidente con la macchina” il secondo.

La fisioterapista Bruna concede loro gli spazi per coltivare un’amicizia che sgorga da una simpatia immediata (“Dumas diceva: preferisco i mascalzoni agli imbecilli, perché a volte si concedono una pausa”) e prosegue in discussioni nelle quali Fenoglio illustra le sue teorie (“Gli elementi divergenti erano una delle ossessioni di Fenoglio… assegnare delle etichette e attenersi rigorosamente a esse… Da quando Fenoglio si era reso conto del meccanismo, aveva cercato di contrastarlo andando a caccia delle divergenze”), i postulati (“Implicazione di gerarchia”), le indicazioni di metodo (“Certi errori… fanno passare il gusto della visione o della lettura. Hai mai sentito parlare della sospensione dell’incredulità?”), i principi (“Lasciare una via d’uscita è una regola fondamentale”) e le avvertenze (“La ridondanza dell’ego”).

Con atteggiamento disincantato (“Il mondo delle indagini e dei processi: tutti, in qualche modo, mentono”) e grazie all’esperienza accumulata (“Il criterio, lo schema, può generare una specie di cecità selettiva”), Fenoglio racconta al giovane amico alcuni casi: innanzitutto la prima indagine in occasione della morte di un medico, risolta grazie all’ultima prescrizione (l’Optalidon) rilasciata dal dottore al paziente.

Altri due casi (la confessione di un innocente per l’omicidio di una povera vecchia – Fenoglio dimostrerà che il reo confesso aveva un alibi di ferro! – e la confessione di una prostituta) consentono di riflettere su una circostanza: “Davvero succede che uno confessi una cosa che non ha fatto?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianrico

Carofiglio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carofiglio Gianrico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Torino 1821. Nel clima turbolento del primo Ottocento, due fratelli di famiglia aristocratica, entrambi ufficiali dei carabinieri, compiono scelte radicalmente opposte: uno si schiera con i liberali, l'altro con i conservatori favorevoli alla restaurazione. Ventotto anni dopo i loro figli si incontreranno sul campo di battaglia di Novara, e in nome del sogno di unità nazionale ricomporranno una frattura che pareva insanabile.

Nell’ombra e nella luce

De Cataldo Giancarlo

Una casa di famiglia, sull'Appennino bolognese. Una vecchia casa. Gli animali sono una presenza nota. Non si tratta sempre di animali domestici, o quantomeno la loro domesticità è lontana dalla nozione tradizionale. Se nell'annus mirabilis 1992 quella di topi, arvicole e ratti era stata una vera e propria invasione, il dibattito si riapre quando arrivano i piccioni con il vaiolo: la sorella del narratore, dolce animalista, si fa in quattro per curarli, e nondimeno cura, almeno idealmente, i topi, anzi i ratti che turbano la quiete della magione. Uno in particolare, piuttosto abitudinario, compare sempre sullo stesso ripiano della libreria, dal che sorge spontaneo il sospetto che il topo sia un osservatore consapevole delle cose umane. Ugo Cornia parte da qui per una scorribanda dentro tutte le convivenze che hanno a che fare con figure animali. Alle derattizzazioni e alle stragi di volatili innocenti fan seguito storie di gatti (il cacciatore di prede Cito, l'avventuroso Cionci, la depressa Pinzia), e di cani (il setter cieco Billo e Tobi, il cane pazzo della sorella). Attraverso gli animali Cornia ricostruisce la storia di famiglia, dove con le bestie si parla, si confligge, si fanno patti, si stabiliscono confini, dove attraverso le bestie si dispiegano il labirinto emotivo degli affetti, le stagioni di un'esistenza, lo spazio delle assenze e la sequenza delle morti.

Animali (topi gatti cani e mia sorella)

Cornia Ugo

Piccolo blu e piccolo giallo adorano giocare insieme. Ma quando si abbracciano diventano tutti verdi.

Piccolo blu e piccolo giallo

Lionni Leo

Jonathan Livingston è un gabbiano che abbandona la massa dei comuni gabbiani per i quali volare non è che un semplice e goffo mezzo per procurarsi il cibo e impara a eseguire il volo come atto di perizia e intelligenza, fonte di perfezione e di gioia. Diventa così un simbolo, la guida ideale di chi ha la forza di ubbidire alla propria legge interiore; di chi prova un piacere particolare nel far bene le cose a cui si dedica. E con Jonathan il lettore viene trascinato in un'entusiasmante avventura di volo, di aria pura, di libertà.

IL GABBIANO JONATHAN LIVINGSTON

Bach Richard