Classici

La virtù di Checchina

Serao Matilde

Descrizione: "Nonostante qualche critica iniziale e un certo scetticismo, alimentato dalla stessa autrice in lettere private, La virtù di Checchina è uno dei testi più riusciti di Matilde Serao, un racconto borghese gradevole e coinvolgente, in cui l'innata simpatia della sua protagonista, i suoi ostentati timori, i vorrei ma non posso che ne animano di continuo le azioni e le esitazioni, riescono a creare una naturale empatia con il lettore che pur lasciandosi scappare magari più d'un sorriso dinanzi all'esibita ingenuità della donna, non può che divertirsi a sospirare e cospirare con lei, nella ricercata realizzazione di desideri tanto comuni quanto umani." (dalla prefazione di Aldo Putignano).

Categoria: Classici

Editore: Albus

Collana:

Anno: 2007

ISBN: 9788890294921

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il marchese d’Aragona stava villeggiando a Frascati, dai principi di Altavilla. Un giorno, scendendo da cavallo, si era storto un piede e Toto Primicerio era stato chiamato per curarlo.

Da quel momento, ogni volta che il distinto signore incontrava Checchina Primicerio la inorgogliva rivolgendole un lusinghiero saluto.

Adesso però Toto lo aveva addirittura invitato a pranzo “ed ella non sapeva che dargli da mangiare a questo nobile, avvezzo alle fantasie culinarie dei grandi cuochi”, anche perché quell’avaro di suo marito sbuffava, o peggio sbraitava, quando c’era da tirar fuori una lira.

Alla fine comunque le ansie della padrona di casa si rivelano infondate e il pranzo è un gran successo, nonostante la scortesia della serva Susanna e l’imbarazzante grossolanità di Toto.

Tuttavia Checchina non si sarebbe mai aspettata che il marchese addirittura la invitasse nella sua casa in via dei santi Apostoli…

Un’amante… Sarebbe diventata un’amante proprio come la sua amica Isolina, avrebbe provato anche lei il brivido della passione!

Checchina è spaventata, certo, ma l’eccitazione, la voglia di dare uno scossone alla propria monotona vita, prevale su ogni timore. Il marchese rappresenta la raffinatezza dell’alta società, l’eleganza, la ricchezza, e riesce a risvegliare in Checchina quella femminilità assopita dalle preoccupazioni quotidiane e dalla superficialità del marito. Il problema è che perdere la virtù si rivela impresa assai difficile, molto più che il conservarla…

Il racconto è godibile, scritto con sensibilità in un linguaggio semplice ed efficace. Sullo sfondo, il fascino della Napoli ottocentesca.

La virtù di Checchina” fu pubblicato per la prima volta a puntate nel 1883, poi in volume per l’editore Giannotta di Catania nel 1884 e quindi nel 1906.

Albus Edizioni ce lo propone in un comodo formato tascabile, con la prefazione di Aldo Putignano.

Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matilde

Serao

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serao Matilde


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Finalista al Booker Prize 2010, “In una stanza sconosciuta” prende il titolo da una frase di William Faulkner: "In una stanza sconosciuta ti devi svuotare per il sonno. E prima che tu sia svuotato per il sonno, che cosa sei." Il protagonista del romanzo legge questo passaggio mentre riposa sulla riva di un fiume durante uno dei suoi viaggi tra Europa, Africa, Asia e tra ricerca, irrequietezza e passione. Il protagonista è lui, il giovane Damon, che strada facendo resta segnato nel profondo dalle intense vicende che vive. Cambiano gli ambienti e i paesaggi, ma al centro resta la persona, i rapporti umani che nascono e muoiono, il tentativo di stabilire un contatto e lo sforzo contro le condizioni, le circostanze avverse, le persone stesse che lo ostacolano. I sentimenti sono forti, ma nello stesso tempo c'è il distacco, che consente al protagonista narratore di raccontare fatti e moti dell'anima da due punti di vista differenti, da dentro e da fuori. E il racconto si divide in due, e segue in parallelo viaggio fisico e viaggio dello spirito con una lingua tersa, asciutta, essenziale che è stata paragonata a quella di John M. Coetzee e dello stesso William F aulkner. “In una stanza sconosciuta” esalta la grande intelligenza e l'acuta sensibilità di uno scrittore straordinario e straordinariamente umano.

IN UNA STANZA SCONOSCIUTA

Galgut Damon

Mandragola

Machiavelli Niccolò

I due terzi delle malattie croniche - come cancro, infarto cardiaco, angina, ictus, diabete, ipertensione, osteoporosi e obesità - che flagellano la società occidentale dipendono dalla dieta: possiamo ammalarci e morire non solo per l’insufficienza ma anche per il troppo cibo. Poiché la nostra salute dipende da ciò che mangiamo, è importante conoscere i principali nutrienti, le calorie e i gruppi di cibi vegetali, e le raccomandazioni particolari per garantire l’adeguatezza nutrizionale della dieta. Ogni ricetta è corredata da un breve commento introduttivo con gli abbinamenti più adatti e da tabelle con i valori nutrizionali, per venire incontro alle esigenze di mangiare bene, tenendo sotto controllo il peso e la propria salute. Ricette gustose e per tutte le esigenze e un intero capitolo dedicato alle pizze e ai «calzoni» vegan.

La cucina diet_etica

Barbero Emanuela