Classici

La virtù di Checchina

Serao Matilde

Descrizione: "Nonostante qualche critica iniziale e un certo scetticismo, alimentato dalla stessa autrice in lettere private, La virtù di Checchina è uno dei testi più riusciti di Matilde Serao, un racconto borghese gradevole e coinvolgente, in cui l'innata simpatia della sua protagonista, i suoi ostentati timori, i vorrei ma non posso che ne animano di continuo le azioni e le esitazioni, riescono a creare una naturale empatia con il lettore che pur lasciandosi scappare magari più d'un sorriso dinanzi all'esibita ingenuità della donna, non può che divertirsi a sospirare e cospirare con lei, nella ricercata realizzazione di desideri tanto comuni quanto umani." (dalla prefazione di Aldo Putignano).

Categoria: Classici

Editore: Albus

Collana:

Anno: 2007

ISBN: 9788890294921

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il marchese d’Aragona stava villeggiando a Frascati, dai principi di Altavilla. Un giorno, scendendo da cavallo, si era storto un piede e Toto Primicerio era stato chiamato per curarlo.

Da quel momento, ogni volta che il distinto signore incontrava Checchina Primicerio la inorgogliva rivolgendole un lusinghiero saluto.

Adesso però Toto lo aveva addirittura invitato a pranzo “ed ella non sapeva che dargli da mangiare a questo nobile, avvezzo alle fantasie culinarie dei grandi cuochi”, anche perché quell’avaro di suo marito sbuffava, o peggio sbraitava, quando c’era da tirar fuori una lira.

Alla fine comunque le ansie della padrona di casa si rivelano infondate e il pranzo è un gran successo, nonostante la scortesia della serva Susanna e l’imbarazzante grossolanità di Toto.

Tuttavia Checchina non si sarebbe mai aspettata che il marchese addirittura la invitasse nella sua casa in via dei santi Apostoli…

Un’amante… Sarebbe diventata un’amante proprio come la sua amica Isolina, avrebbe provato anche lei il brivido della passione!

Checchina è spaventata, certo, ma l’eccitazione, la voglia di dare uno scossone alla propria monotona vita, prevale su ogni timore. Il marchese rappresenta la raffinatezza dell’alta società, l’eleganza, la ricchezza, e riesce a risvegliare in Checchina quella femminilità assopita dalle preoccupazioni quotidiane e dalla superficialità del marito. Il problema è che perdere la virtù si rivela impresa assai difficile, molto più che il conservarla…

Il racconto è godibile, scritto con sensibilità in un linguaggio semplice ed efficace. Sullo sfondo, il fascino della Napoli ottocentesca.

La virtù di Checchina” fu pubblicato per la prima volta a puntate nel 1883, poi in volume per l’editore Giannotta di Catania nel 1884 e quindi nel 1906.

Albus Edizioni ce lo propone in un comodo formato tascabile, con la prefazione di Aldo Putignano.

Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matilde

Serao

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serao Matilde

Break the Silence ITA è un progetto formato da quattro ragazze: Mariachiara Cataldo, fondatrice e project manager di Break The Silence ITA e studentessa presso l'Università di Torino del corso di laurea magistrale in Economia e Management, Francesca Valentina Penotti, social media manager di Break The Silence ITA e studentessa presso l'Università di Torino del corso di laurea magistrale in Economia e Management, Giulia Chinigò, event manager di Break The Silence ITA e studentessa presso l'Università di Torino del corso di laurea in Beni Culturali, e Francesca Sapey, content manager di Break The Silence ITA e studentessa presso l'Università di Torino del corso di laurea magistrale CAM. Il progetto nasce a Torino il 7 giugno 2020 sulla pagina Instagram @breakthesilence_ ITA e in seguito sulla pagina Facebook Break The Silence ITA e si propone di operare insieme all'aiuto di esperti nel campo verso una maggior sensibilizzazione ed educazione riguardo alla violenza sessuale e di genere. Il nostro artista è Tommaso Sgrizzi che si propone di raccontare l'intimità e le relazioni tramite illustrazioni

Break the silence

AA. VV.

Dove fanno il nido i ragni? L'unico a saperlo è Pin, che ha dieci anni, è orfano di entrambi i genitori e conosce molto bene la radura nei boschi in cui si rifugiano i piccoli insetti. È lo stesso posto in cui si rifugia lui, per stare lontano dalla guerra e dallo sbando in cui si ritrova il suo piccolo paese tra le colline della Liguria, dopo l'8 settembre 1943. Ma nessuno può davvero sfuggire a ciò che sta succedendo qui e nel resto d'Italia. Neppure Pin. Ben presto viene coinvolto nella Resistenza e nelle lotte dei partigiani, sempre alla ricerca di un grande amico che sia diverso da tutte le altre persone che ha conosciuto. Ma esisterà davvero qualcuno a cui rivelare il suo segreto? Il romanzo che ha segnato l'esordio di Italo Calvino, in edizione illustrata da Gianni De Conno. Età di lettura: da 13 anni.

Il sentiero dei nidi di ragno

Calvino Italo

Nel dicembre 1988, un violentissimo terremoto colpì la Repubblica Armena. Una intera regione fu rasa al suolo. Leggere questo testo porta a riflettere sull’entità incalcolabile delle catastrofi così lontane da noi spazialmente ed emotivamente, a considerare i popoli altri non come una massa indistinta, ma come un insieme di volti e di voci. Gli eventi di quei lunghi mesi hanno cambiato per sempre il corso della vita di molti protagonisti, mentre il mondo intorno a loro era in profonda trasformazione. Questa è la storia di una rinascita. Quest’opera è finalista al concorso letterario “Mangiaparole” (2012) e vincitrice della XI edizione del premio letterario diaristico “La Lanterna Bianca” (2012).

IL LUNGO INVERNO DI SPITAK

Simonelli Mario Massimo

«Chi nasce il 29 febbraio vive il tempo in un modo davvero strano: salta da 4 a 8, da 8 a 12, e così via». Hassinu, il protagonista del romanzo, è un impiegato alle poste di Algeri. Ha 40 anni ma non lo sa, perché è nato il 29 febbraio: senza preavviso passa da 36 a 40 anni e si sente in qualche modo scippato della propria vita, come molti della sua generazione cui hanno rubato gli anni migliori. Amara Lakhous racconta una generazione, un paese che ha anticipato, in qualche modo, quello che sta succedendo oggi in tutto il mondo arabo. Hassinu vuole il pane e la libertà, come i giovani arabi di oggi che si stanno ribellando alle dittature.

UN PIRATA PICCOLO PICCOLO

Lakhous Amara