Classici

La virtù di Checchina

Serao Matilde

Descrizione: "Nonostante qualche critica iniziale e un certo scetticismo, alimentato dalla stessa autrice in lettere private, La virtù di Checchina è uno dei testi più riusciti di Matilde Serao, un racconto borghese gradevole e coinvolgente, in cui l'innata simpatia della sua protagonista, i suoi ostentati timori, i vorrei ma non posso che ne animano di continuo le azioni e le esitazioni, riescono a creare una naturale empatia con il lettore che pur lasciandosi scappare magari più d'un sorriso dinanzi all'esibita ingenuità della donna, non può che divertirsi a sospirare e cospirare con lei, nella ricercata realizzazione di desideri tanto comuni quanto umani." (dalla prefazione di Aldo Putignano).

Categoria: Classici

Editore: Albus

Collana:

Anno: 2007

ISBN: 9788890294921

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il marchese d’Aragona stava villeggiando a Frascati, dai principi di Altavilla. Un giorno, scendendo da cavallo, si era storto un piede e Toto Primicerio era stato chiamato per curarlo.

Da quel momento, ogni volta che il distinto signore incontrava Checchina Primicerio la inorgogliva rivolgendole un lusinghiero saluto.

Adesso però Toto lo aveva addirittura invitato a pranzo “ed ella non sapeva che dargli da mangiare a questo nobile, avvezzo alle fantasie culinarie dei grandi cuochi”, anche perché quell’avaro di suo marito sbuffava, o peggio sbraitava, quando c’era da tirar fuori una lira.

Alla fine comunque le ansie della padrona di casa si rivelano infondate e il pranzo è un gran successo, nonostante la scortesia della serva Susanna e l’imbarazzante grossolanità di Toto.

Tuttavia Checchina non si sarebbe mai aspettata che il marchese addirittura la invitasse nella sua casa in via dei santi Apostoli…

Un’amante… Sarebbe diventata un’amante proprio come la sua amica Isolina, avrebbe provato anche lei il brivido della passione!

Checchina è spaventata, certo, ma l’eccitazione, la voglia di dare uno scossone alla propria monotona vita, prevale su ogni timore. Il marchese rappresenta la raffinatezza dell’alta società, l’eleganza, la ricchezza, e riesce a risvegliare in Checchina quella femminilità assopita dalle preoccupazioni quotidiane e dalla superficialità del marito. Il problema è che perdere la virtù si rivela impresa assai difficile, molto più che il conservarla…

Il racconto è godibile, scritto con sensibilità in un linguaggio semplice ed efficace. Sullo sfondo, il fascino della Napoli ottocentesca.

La virtù di Checchina” fu pubblicato per la prima volta a puntate nel 1883, poi in volume per l’editore Giannotta di Catania nel 1884 e quindi nel 1906.

Albus Edizioni ce lo propone in un comodo formato tascabile, con la prefazione di Aldo Putignano.

Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matilde

Serao

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serao Matilde


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Opera d'esordio, pubblicata in Giappone nel 1944. Nucleo centrale dei racconti è il desiderio che sottile e struggente si insinua nel cuore dei personaggi, i quali creano in se stessi un mondo onirico e psicologico, alternativo a quello reale.

La foresta in fiore

Mishima Yukio

Tim, diciassette anni, albino, è un outsider, precipitato al prestigioso college di Irving per un solo semestre. Alla vigilia del suo arrivo a scuola conosce in aeroporto la bella Vanessa, ma l'incanto di quella notte si infrange contro il muro della realtà: Vanessa intesse una relazione clandestina con Tim ma non intende lasciare il suo Patrick. La tragedia si consuma durante la festa di fine anno: Tim, annebbiato dalle medicine che sta prendendo senza prescrizione, sale su una slitta trascinando con sé Vanessa, e finisce contro un albero. Lei entra in coma e lui perde la vista. È il materiale di partenza per quella che alla Irving diventerà una tradizione: il Tragedy Paper, la tesi di fine anno.

Io sono la neve

Laban Elizabeth

Ci sono molti modi d'intendere il giallo, genere che ormai ha mille sfaccettature e sa accontentare anche i palati più raffinati. Per Gaia Conventi il giallo ha soprattutto una vena comica, perché di tutto si può ridere, persino in mezzo alla tormenta che costringe un oste, un carabiniere e un curiale a indagare sulla morte di una mummia estense. E non stupitevi di scovare mummie ad Arginario Po, ridente paesino a pochi chilometri da Ferrara, non stupitevi nemmeno di non trovare la località su Google Maps. In "Quarti di vino e mezze verità" l'autrice - ridendo - vi svelerà una strana e cupa storia estense. Arginario Po torna anche nella seconda novella: in "La locanda del Giallo" il morto arriva quando serve e fa più comodo. A parecchia gente. Sarà quindi il caso di far svolgere le indagini alla combriccola di giallisti invitata alla kermesse. Ottima occasione per mettere all'opera gli esperti del settore e per farsi quattro risate ai danni dell'editoria.

Novelle col morto

Conventi Gaia

È stato addestrato dall'FBI negli Stati Uniti, è un esperto in rapimenti e torture, ha ucciso centinaia di persone e per vent'anni ha mantenuto la carica di comandante della polizia dello stato del Chihuahua, lavorando allo stesso tempo al soldo di un cartello messicano della droga. Nel suo mondo di corruzione, mantenere l'ordine significava operare contemporaneamente nell'interesse di entrambi, della polizia e dei narcotrafficanti: quando dirigeva la squadra speciale anti sequestro a Juàrez organizzava rapimenti nella stessa città; quando uccideva sotto ricompensa testava i fucili di precisione che facevano parte dell'equipaggiamento dei federali. Non era un fuorilegge. Non era un ribelle. Era lo Stato. Sembra una storia inventata, la paradossale sceneggiatura di un film d'azione, ma quello che Charles Bowden e Molly Molloy hanno trascritto in questo libro è la nuda verità, le parole ascoltate direttamente dalla bocca di un assassino. Frutto di giorni di colloqui proseguiti per un intero anno, El Sicario è il ritratto di una persona reale, un killer professionista che dopo aver commesso un'impressionante sequela di violenze ed essersi macchiato di terribili atrocità, ha deciso di smettere, uscendone vivo. Ora trascorre un' esistenza da fuggitivo perché sulla sua testa pende una taglia da 250.000 dollari.

El sicario

Bowden Charles