Narrativa

La vita accanto

Veladiano Mariapia

Descrizione: Rebecca è nata irreparabilmente brutta. Sua madre l’ha rifiutata dopo il parto, suo padre è un inetto. A prendersi cura di lei, la zia Erminia, il cui affetto però nasconde qualcosa di terribile, e la tata Maddalena, affettuosa e piangente. Ma Rebecca ha mani bellissime e talento per il piano. Grazie all’anziana signora De Lellis, Rebecca recupera un rapporto con la complessa figura della madre, scoprendo i meccanismi perversi della sua famiglia. E nella musica trova un suo modo singolare di riscatto, una vita forse possibile. La Veladiano racconta senza sconti l’ipocrisia, l’intolleranza, la crudeltà della natura, la prevaricazione degli uomini sulle donne, l’incapacità di accettare e di accettarsi, la potenza delle passioni e del talento. E lo fa con una scrittura limpida, godibilissima, con personaggi buffi, comici, memorabili, e con la sapiente leggerezza di una favola.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero Big

Anno: 2011

ISBN: 9788806205980

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La vita accanto: con curiosità mi accosto alla lettura di questo “pluridecorato” romanzo: premio Calvino 2010 e finalista al premio Strega 2011!

Con queste premesse, ho aspettative davvero sostenute. Sono in Liguria, nel “ponte dei morti”, l’ultima parentesi semi-estiva prima della tragedia che in questi giorni ha colpito Genova. Sfoglio le prime pagine… e già mi catturano.

La storia è avvincente e scorre da sé, pagina dopo pagina.  Senza accorgermi, la mattinata trascorre in riva al mare e io … ho già quasi divorato il romanzo di Mariapia Veladiano. Quando un libro mi appassiona, provo una strana sensazione: voluttà nella lettura e, a ridosso, una sorta di dispiacere, che sperimento sempre più intenso man mano che le pagine procedono  e mi avvicino alla fine. Questo mi è capitato anche vedendo scorrere “La vita accanto”. La passione per la storia ha presto lasciato il posto al rimpianto: ho “consumato” il libro in una sola giornata! Anche se “consumare” è verbo inappropriato: perché un libro può entrarti dentro e divenire una parte di te, proprio come questo…

La vicenda è quella di una bambina straordinariamente brutta e quindi afflitta da “un terribile debito d’origine”, che la mette in condizione naturale “di non avere il diritto di chiedere niente più dell’affetto miracoloso” che il padre e una fin troppo disinvolta zia Erminia riescono ad avere per lei. E proprio  in questi rapporti familiari, forse, si annida “la vita accanto”. Nulla è come sembra: il rifiuto ostinato della madre, che si suicida buttandosi nel fiume, in realtà nasconde un sentimento tormentato e forte, strangolato dal disagio esistenziale e psichico. Invece,  chi sembra nutrire affetto…

Rebecca, il piccolo “mostro” (!!!), affronta con rassegnazione e consapevolezza le sofferenze della sua condizione, dilaniando il lettore con alcune spietate riflessioni: “La bellezza vuole essere visibile. Per me era una grazia l’invisibilità”, nonostante una straordinaria abilità nelle mani. Ma anche “quando suonavo il mio corpo feriva la vista di chi mi ascoltava”.

Pur vittima di una rara sfortuna, la piccola Rebecca intesse rapporti umani importanti. Con l’emotiva tata Maddalena (“Suona qualcosa che ci faccia piangere tutte le lacrime…”), con l’estroversa e comunicativa Lucilla, compagna di sventure ai tempi della scuola elementare, con il maestro di pianoforte De Lellis e la “di lui” madre, anche lei pianista. Gabriella De Lellis é affetta dal morbo di Pick, una forma di demenza senile che la rende smemorata: eppure la diafana anziana sembra saper leggere i pensieri! Proprio grazie a questa figura,  che nasconde un altro terribile segreto, Rebecca riuscirà a completare un doloroso processo di autocoscienza e porterà a galla una realtà sommersa a suon di terribili rivelazioni.

Voglio qui fare una precisazione. Un libro “riuscito” non è soltanto potenza della storia e abilità nella caratterizzazione dei personaggi. Di un romanzo, io apprezzo l’ambientazione. E, anche in questo, “La vita accanto” regala descrizioni di una città di provincia: la Vicenza del Palladio, con i suoi due fiumi (il Retrone, ai bordi del quale sorge la casa di Rebecca, e il Bacchiglione: entrambi ambienti di morti tragiche), con i suoi viali, con il monte Berico. La “santa-cattolica-apostolica-pettegola città dei preti e delle monache”. Una città che “é come il suo fiume … meglio non scavare sul fondo!”

Infine, per completezza, una nota critica anche allo stile: sempre appropriato alle situazioni descritte. Cristallino, lucido nel narrare, sa farsi concitato e impressionistico nel capitolo ove Rebecca si avvicina alla verità sulla madre: quando le parole mimano il battito di un cuore in tumulto, per effetto della vicinanza alla verità…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mariapia

Veladiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veladiano Mariapia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un paparino profondamente materno che prende in contropiede l'incipiente vecchiaia - nonché il figlio - a suon di collant, gonna, rossetto e tacchi a spillo. Un principe azzurro che tenta inutilmente di risvegliare la principessa dal suo sonno profondo con mille prodezze erotiche, e finisce per addormentarsi lui, per sempre. Uno scrittore esordiente pronto a rinnegare il suo idolo - che ha contribuito in modo sostanziale al suo decollo - non appena ne ha preso il posto nel firmamento letterario. Un uomo che decide di sposare l'ex fidanzata perché scopre che è malata terminale, e quando lei guarisce grazie all'amore, non sa proprio che pensare, che pesci pigliare... Che si tratti di vecchi rincretiniti, vitelloni incalliti o Madonne ribelli al destino di future madri di Gesù Cristo, Quim Monzó entra nelle vite dei suoi personaggi con occhio acuto, parole al vetriolo, balsami di tenerezza.

MILLE CRETINI

Monzò Quim

Ad Agrumeta, tranquilla cittadina nella provincia di Bari, da anni non si ricordava un dicembre così caldo. Ma a surriscaldare il clima generale è soprattutto la rivoluzione rosa delle giovani e agguerrite protagoniste di una nuova stagione politica. Nessuno si sarebbe però aspettato che nell’occhio del ciclone finisse anche la questura, dove è da poco stata nominata commissario Lolita Lobosco, detta Lolì: 36 anni di procace femminilità che si sprigiona dagli occhi arabi, dai lunghi capelli e da una quinta di reggiseno, tutto frutto di mamma-natura, che negli uomini evoca la perfezione dei frutti mediterranei. Ma fin dai primi giorni la nuova arrivata dovrà vedersela con maldicenze e avversari influenti. A peggiorare la situazione le viene affidato un caso che mette a rischio anche la sua vita privata: Stefano Benedetto Morelli, rampante dentista quarantenne accusato di violenza sessuale. E a lui basta uno sguardo, e quell’inconfondibile profumo di arancia che emana dal corpo di Lolì, perché si risvegli il ricordo di un imbarazzante passato comune.

LA CIRCONFERENZA DELLE ARANCE

Genisi Gabriella

«Ho sempre pensato che a Milano sto bene, che è un posto da combattenti, da apolidi, una legione straniera. Che non saprei dove altro vivere. Ho fatto tutto qui: università, figli, matrimonio, lavoro. Milano mi somiglia. Parla poco, non ha tempo, sembra che non si affezioni a nessuno, ma non è così. Milano è come me, va di fretta e cerca di fare tutto meglio che può, nonostante se stessa.» Mila è stata una bambina amata e luminosa, una ragazza solitaria: oggi è la moglie di Paolo e la madre di Maddi e dei gemelli, una donna che ha perso il filo del suo destino. Un giorno cede a un impulso segreto, e si ritrova in ospedale. Qui incontra Annamaria, un'insegnante laica che, come le suore, ha fatto voto di povertà, castità e obbedienza. Tramite lei Mila torna in contatto con una figura straordinaria della sua infanzia, santa Rita, la santa degli impossibili, che ha attraversato i secoli con la forza della sua testimonianza: quella di una donna che – a nome di tutte le donne – riuscì a volare oltre ogni ostacolo grazie alla potenza magica di una passione inestinguibile. Attraverso un racconto asciutto e raccolto, Daria Bignardi dà vita a un personaggio inquieto, pieno di contraddizioni, segnato da un bisogno di trascendenza inespresso eppure capace di cogliere l'amore del mondo che silenziosamente ci può salvare.

Santa degli impossibili

Bignardi Daria

Un giorno il mondo si sveglia e scopre che sono finiti il petrolio, il carbone e l'energia elettrica. È pieno inverno, soffia un vento ghiacciato e i denti aguzzi del freddo mordono alle caviglie. Gli uomini si guardano l'un l'altro, hanno occhi smarriti e il terrore stringe i loro cuori. E ora come faranno? La stagione gelida avanza e non ci sono termosifoni a scaldare, il cibo scarseggia, non c'è nemmeno più luce a illuminare le notti. Le città sono diventate un deserto silenzioso, senza traffico e senza gli schiamazzi e la musica dei locali. Rapidamente gli uomini si accorgono che tutto il benessere conquistato, fatto di oggetti meravigliosi e tecnologia all'avanguardia, è perfettamente inutile. Circondati dal superfluo e privi del necessario, intuiscono che una salvezza esiste, ma si nasconde in un sapere antico, da tempo dimenticato. Capiscono che se vogliono arrivare alla fine di quell'inverno di fame e paura,"l'inverno della morte bianca e nera", devono guardare indietro, tornare alla sapienza dei nonni che ancora erano in grado di fare le cose con le mani e ascoltavano la natura per cogliere i suoi insegnamenti. Così, mentre un tempo duro e infame si abbatte sul mondo intero e i più deboli iniziano a cadere, quelli che resistono imparano ad accendere fuochi, cacciare gli animali costruendo trappole con i rami più teneri, riconoscere le erbe che nutrono e quelle che guariscono. Segnati dalla fatica e dalla paura, i superstiti si faranno più forti e insieme anche più saggi. La fine del mondo storto raddrizzerà gli animi, cancellerà la supponenza del ricco e punirà l'arroganza del povero, che si ritiene l'unico depositario di coraggio e resistenza. Resi uguali dalla difficoltà estrema, gli uomini si incammineranno verso la possibilità di un futuro più giusto e pacifico, che arriverà insieme alla tanto attesa primavera. Ma il destino del mondo è incerto, consegnato nelle mani incaute dell'uomo... Facendo un passo indietro per trovare la voce più pura e poetica della natura imperiosa, e balzando in avanti con la forza di un'immaginazione visionaria e insieme intensamente realistica, Mauro Corona ancora una volta stupisce costruendo un romanzo imprevedibile. Un racconto che spaventa, insegna ed emoziona, ma soprattutto lascia senza fiato per la sua implacabile e accorata denuncia di un futuro che ci aspetta.

LA FINE DEL MONDO STORTO

Corona Mauro