Narrativa

La vita accanto

Veladiano Mariapia

Descrizione: Rebecca è nata irreparabilmente brutta. Sua madre l’ha rifiutata dopo il parto, suo padre è un inetto. A prendersi cura di lei, la zia Erminia, il cui affetto però nasconde qualcosa di terribile, e la tata Maddalena, affettuosa e piangente. Ma Rebecca ha mani bellissime e talento per il piano. Grazie all’anziana signora De Lellis, Rebecca recupera un rapporto con la complessa figura della madre, scoprendo i meccanismi perversi della sua famiglia. E nella musica trova un suo modo singolare di riscatto, una vita forse possibile. La Veladiano racconta senza sconti l’ipocrisia, l’intolleranza, la crudeltà della natura, la prevaricazione degli uomini sulle donne, l’incapacità di accettare e di accettarsi, la potenza delle passioni e del talento. E lo fa con una scrittura limpida, godibilissima, con personaggi buffi, comici, memorabili, e con la sapiente leggerezza di una favola.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero Big

Anno: 2011

ISBN: 9788806205980

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La vita accanto: con curiosità mi accosto alla lettura di questo “pluridecorato” romanzo: premio Calvino 2010 e finalista al premio Strega 2011!

Con queste premesse, ho aspettative davvero sostenute. Sono in Liguria, nel “ponte dei morti”, l’ultima parentesi semi-estiva prima della tragedia che in questi giorni ha colpito Genova. Sfoglio le prime pagine… e già mi catturano.

La storia è avvincente e scorre da sé, pagina dopo pagina.  Senza accorgermi, la mattinata trascorre in riva al mare e io … ho già quasi divorato il romanzo di Mariapia Veladiano. Quando un libro mi appassiona, provo una strana sensazione: voluttà nella lettura e, a ridosso, una sorta di dispiacere, che sperimento sempre più intenso man mano che le pagine procedono  e mi avvicino alla fine. Questo mi è capitato anche vedendo scorrere “La vita accanto”. La passione per la storia ha presto lasciato il posto al rimpianto: ho “consumato” il libro in una sola giornata! Anche se “consumare” è verbo inappropriato: perché un libro può entrarti dentro e divenire una parte di te, proprio come questo…

La vicenda è quella di una bambina straordinariamente brutta e quindi afflitta da “un terribile debito d’origine”, che la mette in condizione naturale “di non avere il diritto di chiedere niente più dell’affetto miracoloso” che il padre e una fin troppo disinvolta zia Erminia riescono ad avere per lei. E proprio  in questi rapporti familiari, forse, si annida “la vita accanto”. Nulla è come sembra: il rifiuto ostinato della madre, che si suicida buttandosi nel fiume, in realtà nasconde un sentimento tormentato e forte, strangolato dal disagio esistenziale e psichico. Invece,  chi sembra nutrire affetto…

Rebecca, il piccolo “mostro” (!!!), affronta con rassegnazione e consapevolezza le sofferenze della sua condizione, dilaniando il lettore con alcune spietate riflessioni: “La bellezza vuole essere visibile. Per me era una grazia l’invisibilità”, nonostante una straordinaria abilità nelle mani. Ma anche “quando suonavo il mio corpo feriva la vista di chi mi ascoltava”.

Pur vittima di una rara sfortuna, la piccola Rebecca intesse rapporti umani importanti. Con l’emotiva tata Maddalena (“Suona qualcosa che ci faccia piangere tutte le lacrime…”), con l’estroversa e comunicativa Lucilla, compagna di sventure ai tempi della scuola elementare, con il maestro di pianoforte De Lellis e la “di lui” madre, anche lei pianista. Gabriella De Lellis é affetta dal morbo di Pick, una forma di demenza senile che la rende smemorata: eppure la diafana anziana sembra saper leggere i pensieri! Proprio grazie a questa figura,  che nasconde un altro terribile segreto, Rebecca riuscirà a completare un doloroso processo di autocoscienza e porterà a galla una realtà sommersa a suon di terribili rivelazioni.

Voglio qui fare una precisazione. Un libro “riuscito” non è soltanto potenza della storia e abilità nella caratterizzazione dei personaggi. Di un romanzo, io apprezzo l’ambientazione. E, anche in questo, “La vita accanto” regala descrizioni di una città di provincia: la Vicenza del Palladio, con i suoi due fiumi (il Retrone, ai bordi del quale sorge la casa di Rebecca, e il Bacchiglione: entrambi ambienti di morti tragiche), con i suoi viali, con il monte Berico. La “santa-cattolica-apostolica-pettegola città dei preti e delle monache”. Una città che “é come il suo fiume … meglio non scavare sul fondo!”

Infine, per completezza, una nota critica anche allo stile: sempre appropriato alle situazioni descritte. Cristallino, lucido nel narrare, sa farsi concitato e impressionistico nel capitolo ove Rebecca si avvicina alla verità sulla madre: quando le parole mimano il battito di un cuore in tumulto, per effetto della vicinanza alla verità…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mariapia

Veladiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veladiano Mariapia

Questa è la quarta avventura per l'investigatrice Stella Spada, apparsa sulla scena con "L'Ombra della Stella", ritrovata poi in "Terra alla Terra" e nel più recente "Grigio come il Sangue". Stella chiude alcuni casi sul territorio bolognese e per la prima volta esce dalla sua città. Non va molto lontano ma per lei è come emigrare. Si reca a Duemondi, un paese dell'entroterra Comacchiese, dove il sindaco Elisa Onofri la ingaggia per cercare il figlio che a otto anni, mentre stava giocando a nascondino con alcuni amici nei pressi di un rudere, è sparito senza lasciare traccia. Sono passati due anni da allora e la Polizia sta ancora indagando, il Sindaco però spera che Stella abbia qualche intuizione in più rispetto quelle degli inquirenti. E Stella come sempre finirà per avere l'intuizione giusta, investigando con il suo sistema così personale. Nel romanzo ritroviamo personaggi vecchi e nuovi, tutti però contribuiscono a creare l'atmosfera, sempre un po' surreale e grottesca, in cui si muove Stella Spada.

L’orecchio del diavolo

Lusetti Lorena

Tony Tormenta ha 16 anni, una madre che lo ha tirato su da sola e una grande passione per i libri di medicina. Due soli veri amici, il cane Boa e la sua bicicletta. Giù in città, a Mammoth Rock, si dice che accadano cose strane quando Tony è nei paraggi. Secondo alcuni è un menagramo attaccabrighe. A detta di altri è una specie di genio. La verità è che Tony nasconde un segreto. Dietro il suo apparente distacco si cela un potere magnifico quanto terrificante. Un giorno Tony fa l'incontro della vita. Quello capace di segnare per sempre un'esistenza. Marla è una ragazzina albina. Una teenager sui generis. Si è trasferita in città da poco e vive a casa della nonna. I due s'innamorano. Sarà la vita a separarli e farli incontrare di nuovo. Le cose, però, non stanno come sembra, in un crescendo di eventi sino al colpo di scena finale.

TONY TORMENTA

Rubino Rosanna

Tamara nasce in una ricca famiglia di Varsavia – nel 1898, dicono i suoi biografi, ma le date non sono fatte per le signore: Tamara è sempre giovane e sempre moderna, sempre bella e spregiudicata. A nove anni, crea dei fiori finti che vende fuori dalla porta di casa perchè è decisa a mantenersi da sola. Il giorno dopo le nozze con un nobile playboy, si lascia corteggiare da un diplomatico siamese. Incontra Marinetti e decide di andare a bruciare il Louvre. Questi e altri brillanti episodi hanno fatto di Tamara un’icona straordinaria dei ruggenti anni Venti, armata di fascino, pennelli e sigarette: la matita e gli acquarelli di Vanna Vinci ne restituiscono perfettamente l’eleganza sfrontata, la sensualità irrequieta, il talento precoce e inesausto. Una graphic novel interamente dedicata alla romanzesca vicenda di Tamara de Lempicka, protagonista del bel mondo di San Pietroburgo, Parigi, Hollywood, New York, e pittrice talentuosa di inconfondibili figure di donne, ricche, emancipate e malinconiche come lei.

Tamara De Lempicka

Vinci Vanna

Una donna, ormai anziana, mostra i primi segni della malattia che le toglie i ricordi, l’identità, il senso stesso dell’esistenza. È tempo per la figlia di prendersi cura di lei e aiutarla a ricostruire la sua storia, la loro storia. Inizia così il racconto quotidiano di piccoli e grandi avvenimenti, a partire dalla nascita della mamma, Esperia, e delle sue cinque sorelle, nate da un reduce tornato comunista dalla Grande Guerra e da una contadina dritta ed elegante, malgrado le fatiche della campagna, degli animali e della casa. I fili delle loro esistenze si svolgono dagli anni Quaranta fino ai nostri giorni, in un Abruzzo “luminoso e aspro”, che affiora tra le pagine quasi fosse una terra mitologica e lontana. Giorno dopo giorno sfilano i personaggi della famiglia, gli abitanti del piccolo paesino ancora senza acqua né luce; personaggi talmente legati a una terra avara, da tollerare a malapena trasferimenti a breve distanza – la ricerca di un lavoro, l’occasione di poter frequentare una scuola “in città” – partenze che si trasformano in vere emigrazioni con il solo scopo del ritorno. Sono ricordi dolcissimi e crudeli, pieni di vita e di verità, che ricostruiscono la storia di un rapporto e di un’Italia apparentemente così lontana eppure ancora presente nella storia di ognuno di noi.

MIA MADRE E’ UN FIUME

Di Pietrantonio Donatella