Racconti

La vita che si ama

Vecchioni Roberto

Descrizione: "'Qui sono proprio io', scrive Roberto Vecchioni: e questo è davvero il suo libro piú intimo, piú autobiografico e urgente. Il libro in cui l'idea stessa della vita e della felicità, il senso del rotolare dei giorni, trova forma di racconto. Perché i momenti piú belli o piú intensi della nostra esistenza brillano nella memoria: sono luci che abbiamo dentro e che a un tratto sentiamo il bisogno di portare fuori. Magari per i nostri figli, e per tutti quelli che hanno voglia di ascoltare".

Categoria: Racconti

Editore: Einaudi

Collana: I coralli

Anno: 2016

ISBN: 9788806230753

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Dedicata da Roberto Vecchioni ai figli, La vita che si ama è un collage di ricordi in racconti e poesie.

Dopo un’introduzione che indugia sulle definizioni informali di felicità (“Il boato, il picco d’intensità, non è che uno sgraffio…”), serenità (“È un’imitazione scadente… un effetto placebo che confina pericolosamente con la noia”), euforia ed entusiasmo (“Gli entusiasmi inutili sono sbronze dell’anima e il giorno dopo lasciano secchi e aridi”), la memoria spazia dall’affetto per la Casa – sul lago di Garda (“Non c’è vista lago”) – alla genesi (“Mi ritorni in mente”) della canzone cult “Luci a San Siro” (“Sto tornando a Linate dopo una licenza breve”) raccontata con dovizia di particolari (“Capii che la morte si ferma anche un metro più in là”) e aforismi (“Si maschera da dolore a volte, la felicità”).

Dal guazzabuglio dei ricordi esce l’affresco di un uomo che si sente incompleto come padre (“Ai miei figli ho dato poco o niente”) e come marito (“E la mia donna l’ho fatta morire mille volte…”), pur nell’orgoglio esplicito (“Ai miei figli non ho insegnato a difendersi, a distinguere il falso dal vero, il sogno dalla realtà”) dell’egocentrismo artistico: “Non ho mai rinunciato a niente, non mi sono mai messo per secondo, in fila: li ho convinti a restare nella mia ombra, a credermi un poeta, e che ai poeti altro non interessi se non che la vita è poesia. E devo averli colpiti, feriti, raggirati così bene che veramente mi credono un poeta, che veramente sono stati felici nella Casa”.

Inevitabili i riferimenti alla professione di docente di liceo classico: nel racconto “Frammento 94” (di Saffo) si narra della follia montante di un bizzarro professore del Beccaria (“Perché mai un professore di greco gioca a poker e vince sempre?”) che abbina le strategie del gioco d’azzardo (“Dopo l’ultimo poker di primavera che, finiti i soldi, pagammo con cambi d’orario, sostituzioni, deleghe ai colleghi…”) ai tempi verbali (“L’aoristo come tu sai è un tempo che non puoi calcolare”) e s’incaponisce sulla traduzione di un plurale nel frammento della poetessa del tiaso.

Non mancano i ricordi relativi alla vita del cantautore (“Perché io quando canto sono felice. Quando canto abito le canzoni come una casa, casa mia”) in un racconto (“Two meglio che one”) che parte dalla Rimini e dalla Corinaldo di Paolo e Francesca per finire a un infelice dopo-concerto ove sacrifica  (“Ero stato io a spezzare quell’incantesimo”) l’amicizia con due donne, Grazia e Tatiana (“E scelsi Grazia”).

“La vita che si ama” è il nuovo capitolo vitale di un artista composito che ha regalato tante emozioni musicali e che, forse anche grazie al costante rapporto con le nuove generazioni, ha mantenuto nel tempo attualità e freschezza di contenuti ideali.

Bruno Elpis

Si veda il nostro precedente articolo intitolato Il ritorno di Roberto Vecchioni (clicca qui)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Vecchioni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vecchioni Roberto

Una donna, Trudy, suo marito John Cairncross, editore e poeta, e l'amante di lei, Claude, agente immobiliare senza troppi scrupoli. Un triangolo destinato a concludersi nel sangue quando Trudy e Claude decidono di uccidere John, per impadronirsi della sua prestigiosa e decadente casa di famiglia. L'unico testimone del loro crimine è il narratore della storia, il bambino che Trudy sta per mettere al mondo; che non può vedere eppure è in grado di sentire ogni cosa. Attraverso le sue sensazioni, le sue ipotesi e i suoi dubbi scopriamo che Claude è il fratello di John; comprendiamo i dettagli del delitto e soprattutto i passi falsi dei due complici. Perché anche il crimine che sembra perfetto rivela qualche crepa. E sarà proprio quel testimone improbabile che, come un detective o un novello Amleto, si farà giustizia facendo emergere il dettaglio che incastra gli assassini.

Nel guscio

McEwan Ian

È l'estate del 1982. L'Italia ha appena vinto i mondiali di Spagna e Milano è deserta. Demo, Elia e Fabiano trovano una casa abbandonata sul naviglio Martesana e decidono di farne il loro Regno. Un posto segreto dove è possibile fumare, ascoltare i Led Zeppelin, sfogliare i giornaletti porno, scoprire il confine sottile tra complicità e gelosia, tra emulazione e rivalità. Un posto, anche, dove accogliere i nuovi amici, come Ric. Poi incontrano Valli, ed è un'apparizione. Lei è selvatica, ha gli occhi verdi, i capelli lunghi, un corpo esile chiuso in una salopette; vive in un camper con la madre e ogni giorno pesca nel canale. Senza volerlo la ragazza rompe il goffo equilibrio maschile del Regno, insinuando nel gruppo quella tensione erotica che è per tutti la grande scoperta e il grande dolore dell'adolescenza. Ma che qui genera un danno capace, in una sola notte, di cambiare il destino dei protagonisti. Mentre la pioggia si porta via l'ultima estate della loro giovinezza.

Il regno degli amici

Montanari Raul

Le abitudini della felicità

Colbert Brian

Wes cammina per le strade di una New York notturna. Sta tornando a casa e dovrebbe essere felice perché ha appena compiuto il grande passo che tutti i suoi coetanei sognano, il rito di iniziazione per eccellenza. Wes, 17 anni, ha fatto sesso per la prima volta. Eppure è triste, indicibilmente, profondamente triste. Perché è successo tutto nel momento sbagliato, con la ragazza sbagliata, per i motivi sbagliati. È tutto fuori dal rigido e assai articolato copione che in ogni istante della sua vita Wes struttura mentalmente. Un copione che ingloba in sé tutti gli aspetti della sua esistenza, dalla madre gravemente malata e costretta a letto al padre scrittore fallito, dalle pagine di "Guerra e pace" a quelle del "Maestro e Margherita", dall'amore idealizzato e impossibile per la bella Delia a quello più protettivo per la sorellina Nora. Un ritratto commovente. Un romanzo tenero e affettuoso. Grazie alle sempre avvincenti e intriganti elucubrazioni del giovane Wes, le pagine di questo romanzo ci restituiscono i sentimenti e le emozioni di un'età in cui ancor più della vita in sé è importante il modo in cui la percepiamo, ancor più di ciò che siamo è importante il modo in cui ci crediamo percepiti dagli altri, un'età in cui nella mente scorre un interminabile flusso di pensieri, considerazioni e sensazioni che può trasformare ogni banale momento quotidiano nella pagina di un infinito romanzo che ci vede come unici protagonisti.

TUTTO ACCADE OGGI

Browner Jesse