Narrativa

La vita è un romanzo

Musso Guillaume

Descrizione: "Carrie, mia figlia di tre anni, è sparita mentre giocavamo a nascondino nel mio appartamento di Brooklyn." La denuncia di Flora Conway, una famosa scrittrice nota per la sua riservatezza, sembra un enigma senza soluzione. Nonostante il clamoroso successo dei suoi libri, Flora non partecipa mai a eventi pubblici, né rilascia interviste di persona: il suo unico tramite con il mondo esterno è Fantine, la sua editrice. La vita di Flora è avvolta dal mistero come la scomparsa della piccola Carrie. La porta dell'appartamento e le finestre erano chiuse, le telecamere del vecchio edificio di New York non mostrano alcuna intrusione, le indagini della polizia non portano a nulla. Dall'altra parte dell'Atlantico, a Parigi, Romain Ozorski è uno scrittore dal cuore infranto. Vorrebbe che la sua vita privata fosse metodica come i romanzi che scrive di getto, invece la moglie lo sta lasciando e minaccia di portargli via l'adorato figlio Théo. Romain è l'unico che possiede la chiave per risolvere il mistero di Flora, e lei è decisa a trovarlo a tutti i costi.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2020

ISBN: 9788834603567

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La vita è un romanzo di Guillaume Musso si può idealmente scomporre in due parti.

La prima parte ha per protagonista Flora Conway, una sorta di Elena Ferrante (“La scrittrice… continua a rimanere avvolta da un’aura di mistero… non è mai apparsa in televisione… e la sua casa editrice insiste nel diffondere l’unica e identica immagine che si ha di lei”) che nasconde la propria identità dietro a quella dell’editrice-mentore Fantine (“Ritocco dopo ritocco è diventata un’altra versione di me stessa”).

Schiva e sociopatica (“Soffre di fobia sociale e detesta dichiaratamente la folla, i viaggi e il giornalismo”) – ha appena rinunciato a presenziare alla cerimonia di assegnazione del prestigioso premio Kafka – la scrittrice incappa nella tragedia dell’assurda scomparsa (“Mia figlia sembrava essersi volatilizza, prelevata al buio da qualche sanguinario re degli elfi”) dell’amata figlioletta Carrie (“Gli psichiatri ritengono che le parti del gioco a nascondino… sono un modo per far sperimentare al bambino, in una luce positiva, la separazione dall’altro… il gioco deve funzionare come una vera drammaturgia, procurare in un tempo molto breve un ampio ventaglio di emozioni: eccitazione, attesa e un briciolo di timore, per far posto infine alla gioia del ritrovamento”).

Il primo interrogatorio della polizia mette subito in luce le contraddizioni di una personalità disturbata (“Più passava il tempo, più mi rosicchiavo le unghie a sangue”) e di una vita piena di ombre (“Il padre di Carrie si chiama Romeo Filippo Bergomi… Ballerino corifeo… Nella gerarchia della danza ci sono le étoiles, i primi ballerini, i ballerini di fila e i corifei”).

Nella seconda parte, la vicenda che nella prima parte ha i toni del mistero della camera chiusa cede il passo alla figura di Romain Ozorski, scrittore parigino (“Per sfuggire a un mondo… saturo di schermi ma vuoto d’intelligenza… scrive romanzi”) che ha una personalità completamente diversa da Flora Conway (“L’ispirazione finisce per manifestarsi proprio perché lavoro”). Anche se – come lei – Romain vive una tragedia familiare: sta per separarsi dalla bizzosa moglie, che gli toglie l’amato figlioletto Theo (“Mia moglie ha fatto carte false per farmi togliere la tutela e adesso intende portarlo con sé a vivere in una comune ecologica, nello stato di New York”) e lo getta nella disperazione (anche creativa) più profonda.

Sarà proprio Theo, con una trovata degna del film “Mamma ho perso l’aereo”, a restituire la voglia di vivere e di amare a Romain…

Il nuovo romanzo di Musso, per chi gli è affezionato, questa volta non ha nulla di nuovo: i soliti capovolgimenti di fronte (“Esiste un principio drammaturgico noto come il fucile di Cechov. Se nel primo atto… c’è un fucile appeso al muro… diventa inevitabile che nel secondo o terzo atto quel fucile si metta a sparare”) che avvengono nella compenetrazione reciproca di realtà (“È la prima volta che mi trovo dentro una delle mie finzioni”) e immaginazione letteraria (così è l’elencazione dei cimeli di scrittori – “Virginia Woolf (1882-1941) – Stilografica in lacca nera marca Dunhill Namiki decorata con motivi giapponesi. Regalata all’autrice di Mrs Dalloway nel 1929 dall’amica e amante Vita Sackville West, accompagnata da una frase scritta a mano: ‘Per favore, in tutto questo marasma della vita, continua a essere una stella fissa e luminosa’ e da una boccetta del suo inchiostro magico. Virginia se ne servì durante la stesura del romanzo Orlando”), le solite trovate scenografiche tra metafisica (“Come fargli capire che è una delle mie creazioni? Un personaggio secondario di un racconto in corso di stesura che esiste solo nella mia mente?”) e paranormal  (“D’accordo Flora… se io abbandono Almine, lei riavrà Carrie. Se invece salvo mia moglie, lei perderà Carrie per sempre. A lei decidere”), una soluzione deludente tra citazioni d’effetto (“L’uomo è sovente ciò che nasconde, una miserabile manciata di segreti” – Malraux), che ricompone in modo un po’ forzato il mistero della camera chiusa…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Guillaume

Musso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Musso Guillaume

Racconti pregnanti, ambientati nel territorio di Bergamo, città emblema del lavoro, e in Calabria con i suoi paesi di mare e collina e la gente semplice e orgogliosa. Protagonisti di ogni età, in un confronto che è amore per la vita, realtà distanti nella storia e nelle relazioni, con personalità accomunate nei forti sentimenti e negli stupori di fronte al miracolo del divenire. Sono vicende caratterizzate dall'inquietudine e dalla pacatezza, dalla meditazione e dalla vitalità dello spirito. Sono ritratti del cuore e della mente, racconti in cui trovarsi e ritrovarsi. Bergamo e la Calabria, il nord e il sud del Paese, mondi lontani, con tratti comuni e distanze non solo geografiche.

Racconti tra nord e sud

Talarico Olimpio e Mapelli Angelo Maurizio

Un negozio di scarpe in cui scorrono sogni proibiti e aspirazioni segrete. Una festa esclusiva e due sorellastre crudeli. Un fratello combinaguai e una portinaia adorabile come fata madrina. Se Cenerentola vivesse ai giorni nostri, probabilmente dovrebbe scegliere fra il principe dei suoi sogni conosciuto via mail e un vicino molto sexy ma molto meno romantico. E di sicuro non si accontenterebbe di una scarpetta che non abbia almeno un tacco quindici. Una commedia romantica per sorridere, emozionarsi e sognare. Perché andare alla ricerca dell’anima gemella e andare alla ricerca della scarpa giusta non è poi tanto diverso. E Mara Roberti ci insegna che con un paio di scarpe da sogno ai tuoi piedi, nessun desiderio è impossibile.

LE SCARPE SON DESIDERI

Roberti Mara

Giulia, diciotto anni, la passione per il canto a tenerla viva, ha una famiglia spezzata alle spalle e un fratello, Davide, come una piccola luce nelle ore di buio. Roman, diciotto anni anche lui, dopo l’infanzia trascorsa in una terra straniera vive un presente di clandestino, fatto di piccoli furti e giornate senz’amore. I loro mondi, opposti e lontani, finiscono per scontrarsi, poi incontrarsi, tra le corsie di un supermercato: in un pomeriggio cometanti altri sembra possibile dimenticare la solitudine grazie ad un amore pulito, capace di annullare pregiudizi e paure. Mentre, fuori, la tv continua a creare star, mostri, casi di cronaca, e nel bar sotto casa italiani e stranieri paiono decisi a non volersi capire. Matteo De Simone, giovane scrittore torinese, con “I denti guasti”, sua seconda prova, dimostra talento ed uso sapiente della lingua, abile nel raccontare il nostro presente, quello italiano impastato di mass media e scontri di civiltà, per narrarci un’atipica storia d’amore nata in fretta e troppo in fretta svanita nel nulla: sullo sfondo personaggi nudi, crudi, veri, emblemi di una società complicata e qualunquista tratteggiati con intelligenza e passione. “I denti guasti”, romanzo costruito su di affetti complicati e conflitti irrisolti, stupirà per lo sguardo luci do dell’autore, capace di raccontare le fragilità di Giulia e Roman, così come le nostre, senza banali e scontate divisioni tra bene e male.

DENTI GUASTI

De Matteo Simone

Il quartiere Trieste è un posto tranquillo, in apparenza anonimo, e nel 1975 il "San Leone Magno" è il suo fiore all'occhiello: un istituto religioso in cui crescono i figli della nuova borghesia romana. Un mondo innocuo che diventa d'improvviso inquietante, quando alcuni di quei ragazzi diventano protagonisti di uno degli omicidi più tristemente noti della storia italiana, in una villa del Circeo. Intorno a questo evento simbolo, il romanzo ruota e oscilla raccontando decine di fatti, di premesse e di conseguenze che ci svelano, pagina dopo pagina, in una caduta sempre più travolgente, come e quando è nata la nostra anima crudele, quella disposta a tutto pur di sopravvivere.

La scuola cattolica

Albinati Edoardo