Narrativa

La vita finora

Montanari Raul

Descrizione: Marco Laurenti, professore in una media inferiore, con un passato di sofferenze famigliari, accetta un incarico in un paesino fuori dal mondo dove la natura è prepotente, e gli uomini ancora di più. Ammette di essere un cattivo insegnante e un uomo pieno di ombre ma, quando arriva al dunque, sa battersi davvero come un eroe contro il Male. E il Male, nel suo caso, ha i tratti della sua incarnazione più spaventosa: un allievo, figlio dei nostri tempi devastati dall’idiozia tecnologica, che manipola i compagni, plagia due ragazzine fino a farne schiave sessuali, bullizza e cyberbullizza, usa i social per realizzare una supremazia fredda, terribile, disumana. Fra le figure che popolano questa storia c’è anche un vecchio ex criminale di guerra, ma a confronto con il ragazzino, con il “nuovo”, pare un retaggio del passato, più doloroso che minaccioso. Come in tutti i grandi conflitti con il Male, anche qui, non c’è una vera “vittoria” eppure, dopo il crescendo asfissiante di tensione, e a fronte di nodi irrisolti, la fuga del protagonista verso il futuro che lo aspetta, come un secolo fa, nel Nuovo Mondo, suona liberatoria come un happy end.

Categoria: Narrativa

Editore: Baldini + Castoldi

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2018

ISBN: 9788893880749

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La vita finora di Raul Montanari 

Spesso diciamo che gli artisti prevengono i tempi, sanno vedere più lontano grazie all’ immaginazione, intuiscono il futuro con la creatività. In altre parole, per dirla con Oscar Wilde, “ogni singola opera d’arte è l’adempimento di una profezia”.

La pubblicazione de La vita finora di Raul Montanari nei primi mesi del 2018 ha anticipato con inquietante tempismo il florilegio di eventi della turpe cronaca (v. Social-cyber-bullismo e La vita finora di Raul Montanari) che ha avuto come protagonisti ragazzi violenti e genitori ottusi nel loro spregevole difensivismo ad oltranza della prole (“Il genitore convinto che il mondo sia un deposito di orrori e nefandezze che però, miracolosamente hanno risparmiato la sua prole”).

In un contesto ove si respirano le atmosfere reali degli anni duemila, l’anginofobo Marco Laurenti (“La cicatrice era ammiratissima”) – un trentenne che, nella sua infanzia, con l’amata sorella ha subito il paternalismo di genitori “vecchia maniera” (“Loro due si spalleggiavano a vicenda nel punirci, nessuno schiaffo veniva contestato, nessun insulto contraddetto”) – accetta l’incarico d’insegnante in una scuola media di un paesino montano.

Qui affronta una classe che patisce le dinamiche di un gruppo di bulli, soggiogati dall’egemonia malefica del leader Rudi Nestani (“Un tanghero simile, così intelligente, lucido, cattivo; e aveva un piccolo esercito ai suoi comandi”).
Gli altri del gruppo procedevano per inerzia, ciascuno dedito alla propria specialità: i fratelli (scherzi crudeli), il ciccione Nadir (dire stupidaggini e portarsi addosso l’ingombro del corpo), il vampiro Visigalli (morsicature e follia). Cristina (muovere le spalle, i seni, accavallare le gambe, gettare indietro la testa, toccarsi la testa, produrre sorrisi in apparenza consapevoli, in realtà vacui). Quanto a Chiara a me sembrava che cercasse solo di tenersi a galla”.

Incuriosito dai misteri che nasconde il maggiore Novak (“Un tipo strano”), il vicino di casa con un ingombrante passato nella ex Jugoslavia dilaniata dalla guerra civile, con il supporto a distanza (da Minneapolis) della sorella Sara e con la collaborazione dell’irrituale parroco del paesino montano, Marco è deciso a combattere le logiche spregevoli del branco (“Le risate del branco: la gioia bestiale della preda catturata, della vittoria facile di tanti contro uno”), per dominarle, domarle  e finalmente  “capire fino a che punto quella storia grottesca di riti satanici e orge avesse un fondamento…”

Dopo altri due romanzi (Il tempo dell’innocenza e Il regno degli amici) che affrontano le strutture individuali e aggregative di gruppi adolescenziali e giovanili, La vita finora di Raul Montanari approfondisce i meccanismi psicologici (“Mi venivano i brividi a ricordare cos’ero stato io a quell’età: sballottato fra voragini  e spazi siderali che trovavano la loro sintesi  nel brufolo da schiacciare o nei pomeriggi passati ad ascoltare dischi con la tapparella abbassata”) e le logiche collettive che alimentano i comportamenti violenti e crudeli nelle declinazioni di ultima generazione a matrice social-mediatica, ne fornisce un’interpretazione in chiave artistica (“Mai sazi di padre”) e regala momenti di riflessione che giungono come tregue per consentire al lettore di riprendere il fiato nell’incalzare degli eventi:

Ci deve esser una svolta nel tempo, un angolo superato il quale tutto il passato comincia ad apparirti pericolosamente desiderabile. Non sei più selettivo. Sfumano davanti ai tuoi occhi i confini netti, i contrasti di colore fra le stagioni di gioia e pienezza e quelle in cui invece ti sentivi schiacciato da un’infelicità senza scampo. Cominci a rimpiangere tutto, a provare tenerezza per quel te stesso fragile e vulnerabile che fino a poco tempo fa contemplavi con fastidio, come fosse stato l’incarnazione di una tua identità minore, un incidente di percorso nel cammino che doveva sfociare nel lungo altopiano dell’età matura, con le sue certezze e la sua stabilità illusoria.” 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Raul

Montanari

Libri dallo stesso autore

Intervista a Montanari Raul


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Full of life

Fante John

1 – Introduzione alle sezione letteratura erotica

Sono le cinque meno dieci esatte. Il lago s'intravede all'orizzonte: è una lunga linea di grafite, nera e argento. L'uomo che pulisce sta per iniziare una giornata scandita dalla raccolta della spazzatura. Non prova ribrezzo per il suo lavoro, anzi: sa che è necessario. E sa che è proprio in ciò che le persone gettano via che si celano i più profondi segreti. E lui sa interpretarli. E sa come usarli. Perché anche lui nasconde un segreto. L'uomo che pulisce vive seguendo abitudini e ritmi ormai consolidati, con l'eccezione di rare ma memorabili serate speciali. Quello che non sa è che entro poche ore la sua vita ordinata sarà stravolta dall'incontro con la ragazzina col ciuffo viola. Lui, che ha scelto di essere invisibile, un'ombra appena percepita ai margini del mondo, si troverà coinvolto nella realtà inconfessabile della ragazzina. Il rischio non è solo quello che qualcuno scopra chi è o cosa fa realmente. Il vero rischio è, ed è sempre stato, sin da quando era bambino, quello di contrariare l'uomo che si nasconde dietro la porta verde. Ma c'è un'altra cosa che l'uomo che pulisce non può sapere: là fuori c'è già qualcuno che lo cerca. La cacciatrice di mosche si è data una missione: fermare la violenza, salvare il maggior numero possibile di donne. Niente può impedirglielo: né la sua pessima forma fisica, né l'oscura fama che la accompagna. E quando il fondo del lago restituisce una traccia, la cacciatrice sa che è un messaggio che solo lei può capire. C'è soltanto una cosa che può, anzi, deve fare: stanare l'ombra invisibile che si trova al centro dell'abisso.

Io sono l’abisso

Carrisi Donato

Nel luglio 1845, Henry Thoreau lasciava la sua cittadina natale per andare a vivere in una capanna nei boschi del vicino lago di Walden. Il suo voleva essere un esperimento, che assumeva però risvolti politici e sociali insieme: era una scelta di "disobbedienza civile" verso una società di cui non condivideva gli ideali mercantili. Nell'introduzione Piero Sanavio spiega come il vagabondo di Walden, nel suo solitario rapporto con la natura, ricercasse un alfabeto segreto: quello del mitico New England di due secoli prima, dimensione morale, estetica e metafisica, prima ancora che semplice territorio geografico.

Walden. Vita nei boschi

Thoreau Henry D.