Narrativa

LA VITA OSCENA

Nove Aldo

Descrizione: Un bambino osserva il mondo degli adulti con la sua voce tersa e visionaria. Il padre che guida velocissimo cantando jingle di Carosello, ma da quando la moglie si è ammalata spesso ferma l'auto di colpo e «fa la faccia della morte». La madre che era una hippy ma da quando ha perso i capelli usa parrucche che la fanno sembrare un'astronauta. Rimasto solo, ormai adolescente, il protagonista sprofonda nell'alcol e negli psicofarmaci finché non manda a fuoco la casa. E comincia la sua iniziazione all'abisso, dove droga e irrefrenabile desiderio sessuale ricalcano il meccanismo dell'attesa e del consumo che riempie le nostre esistenze.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero Big

Anno: 2010

ISBN: 9788806200015

Trama

Le Vostre recensioni

A vederlo nell’intervista alla tv con la sua aria serafica e paciosa, mai avrei immaginato che dietro il sipario di quella faccia si nascondessero tragedie ed eventi inenarrabili. Narrati invece ne “La vita oscena”.

Di Aldo Nove si conosceva Superwoobinda, Mi chiamo Roberta, e il suo appartenere ai Cannibali Italiani insieme a Brizzi, Ammaniti, Santacroce, Scarpa.

Leggendo “La vita oscena” la domanda che sale spontanea è: ma questo, chi cazz’è?

Il protagonista è un ragazzo rimasto orfano dei  genitori, con dei vuoti nell’anima che prova a coprire con alcool, droghe, tranquillanti e compagnie eterogenee.

Mio padre morì all’improvviso, di ictus.
Gli sopravvisse mia madre, malata da anni di cancro.
Sarebbe dovuta morire prima lei”.

Viene da pensare che questo sventurato si cali nella tomba con i suoi genitori, pur di non rimanere da solo su questa Terra crudele e distratta. Invece?

Mia madre si chiamava Gianna.
Al suo funerale non ci andai“.

Però vive male, tremendamente male, al punto da pensare al suicidio di frequente. A tentarlo addirittura.

Provai dolore pensando a mia zia che mi avrebbe cucinato da mangiare per nulla, perché io mi sarei ucciso“.

A tratti la prosa scivola nella poesia. Righi su righi di frasi senza punteggiatura, come usano i blogger moderni, o i grandi scrittori che mettono su carta un flusso di pensieri sciolti.

In un vuoto esistenziale simile non poteva mancare il sesso: rapporti etero, rapporti omo, orge, perversioni e schifezze di varia natura. E noi che si sta quasi con una mano sulla sua spalla ad accompagnarlo in questa sua discesa all’inferno.

Si avverte continuamente la tristezza e la pena per il protagonista, tra lampi di poesia e pagine di considerazioni emotive condivisibili.

La rinascita arriva.

Passarono gli anni. Iniziai a lavorare. Lavoravo di giorno e studiavo di notte. Mi laureai. Incominciai a scrivere poesie. E poi romanzi, racconti. Scelsi un nome d’arte. Il mio nome vero era troppo difficile da dire. Ma una storia la dovevo raccontare. Questa.
Quella che avrei dovuto, voluto dimenticare“.

Un grande scrittore, di quelli che ti costringono a ripensare ai fatti narrati anche a distanza di tempo, di tanto tempo. Con uno stile unico, suo, soltanto suo. Uno stile plasmato dagli schiaffoni che ha ricevuto su quella faccia tranquilla. Apparentemente.

Un consiglio viene da darglielo, però: perché una sera non ti metti davanti alla televisione con il plaid sulle ginocchia e ti guardi Bonolis mentre ti scoli una lattina di Coca Cola con la cannuccia? Ti viene un rutto liberatorio che non puoi capire.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Nove

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nove Aldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«David Golder è un libro che gronda odio, soprattutto verso il denaro e tutto ciò che può essere trasformato in denaro, oggetti e sentimenti, e verso le forme infinite che il denaro può assumere. Oggi, non ci rendiamo conto di cosa sia stato il denaro nel diciannovesimo secolo, o nella prima parte del ventesimo: una fiamma ardentissima, una colata di sangue disseccata, sbarre d’oro sciolte e di nuovo pietrificate. Diventava eros, pensiero, sensazioni, sentimenti, fango, abisso, potere, violenza, furore, come nella Comédie humaine ... David Golder è un libro durissimo e secchissimo, che incide di continuo terribili ritratti, che in parte ricordano la memorialistica e la tradizione aforistica francese».

DAVID GOLDER

Némirovsky Irène

Il professor David Lurie è allontanato dalla sua professione per aver sedotto una studentessa. Rifugiatosi in campagna dalla figlia, deve affrontare la violenza carnale che tre uomini esercitano sulla ragazza e il pericoloso prezzo che i bianchi devono pagare in cambio del diritto alla terra. Vincitore del Booker Prize 1999, Vergogna mette in scena la trasformazione del Sud Africa post-apartheid: un mondo ancora irrisolto e indeterminato come i personaggi di Coetzee, come il loro destino.

Vergogna

Coetzee John Maxwell

Quando la vita va troppo veloce e quasi ti sfugge di mano, non è facile conservare un’identità precisa. Ci sei tu e c’è il personaggio che hai costruito per raggiungere i tuoi obiettivi.Carmen è una giovane donna divisa tra apparenza e verità. Da un lato, si crede fredda e sprezzante, e così si mostra agli altri; dall’altro, si scopre fragile e insicura, eppure continua ostinatamente a nascondere ciò che sente davvero.Anche la narrazione asseconda questa doppia natura. Azioni e pensieri sembrano appartenere a persone diverse, per ciascun evento le emozioni sono sdoppiate e contrastanti.Ma chi è veramente Carmen? Quando anche lei l’ha ormai dimenticato, ci pensa la vita a riscuoterla dal suo torpore e metterla davanti a uno specchio. E allora anche la narrazione abbandona il duplice punto di vista per seguire la rinascita di chi ha finalmente capito di essersi smarrito e decide di ritrovare la sua unità, il suo accento mancante…

LA E SENZA ACCENTO

Geena

La vita sembra sorridere a Caterina. Ha finalmente una trasmissione televisiva tutta sua, si è lasciata alle spalle una relazione ormai stanca a Roma e finalmente può tornare nella sua amata Milano. Solo una cosa la turba: ritrovare la sua ingombrante famiglia. Caterina è sempre stata determinata a non farsi coinvolgere negli affari familiari, ma la morte della madre rimescola tutte le carte. Resta incredula quando – assieme ai suoi fratelli – scopre che la madre ha lasciato in eredità la vicepresidenza dell’azienda di famiglia all’amante del marito. Di fronte a una decisione così inspiegabile, prende il via un’indagine nei “misteri” di casa che si intreccia ai grandi e piccoli drammi personali dei cinque rampolli, tra gelosie, complicità e passioni improvvise. Un frizzante ritratto familiare in cui il gusto per la narrazione si alterna alla passione per il cibo (e per i tacchi alti); un romanzo sapido e piccante come possono essere solo la vita e l’amore.

RICETTE DI FAMIGLIA

Alagi Anna