La vita è una questione di verità

Monsé Maria, Di Matteo Simone

Descrizione: "La vita è una questione di verità", la storia di chiunque abbia ancora qualcosa da raccontare. Uno sguardo alla vita e al mondo dello show-business, dall'interno e dall'esterno, passando per i social network e alla condizione in cui passivamente ci siamo ritrovati: un'epoca di digitali speranze e multimediali illusioni. Attraverso il filtro delle emozioni si pone l'accento su alcuni aspetti della nostra contemporaneità e sulle difficoltà che si possono incontrare lungo il proprio cammino. Una confessione di vita scritta a quattro mani, un raccontarsi senza filtri alla pagina ripercorrendo il proprio iter artistico e le proprie esperienze, televisive e non. Un'esortazione a prendere in mano le redini della propria vita, lottando quotidianamente per ciò in cui si crede. I personaggi diventano così persone e vengono sfatati i miti, perché nessuno è poi così diverso da chiunque altro.

Categoria:

Editore: DiamonD EditricE

Collana: Musica e spettacolo

Anno: 2019

ISBN: 9788896650400

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

La vita è una questione di verità

Comunicato Stampa

La vita è una questione di verità, lo stile lasciamolo a chi crede di intendersene, perché questo lo si può sempre acquisire, o peggio, addirittura comprare. La sobrietà, la sincerità e il rispetto degli altri sono il miglior vestito che possiamo permetterci di indossare, perché il vero, come il nero, sta bene su tutto.”, scrive l’Irriverente Simone Di Matteo nell’introduzione al testo, una raccolta di riflessioni e considerazioni di Maria Monsè. Una confessione di vita scritta a quattro mani, un raccontarsi senza filtri alla pagina ripercorrendo il proprio iter artistico e le proprie esperienze, televisive e non. Un’esortazione a prendere in mano le redini della propria vita, lottando quotidianamente per ciò in cui si crede.  I personaggi diventano così persone e vengono sfatati i miti, perché nessuno è poi così diverso da chiunque altro.

Uno sguardo alla vita e al mondo dello show-business, dall’interno e dall’esterno, passando per i social network e alla condizione in cui passivamente ci siamo ritrovati. Una realtà spietata in cui molti di quei valori che conoscevamo sono andati perduti in “un’epoca di digitali speranze e multimediali illusioni”. La vita è una questione di verità è la storia di chiunque abbia ancora qualcosa da raccontare. Maria Monsè ha raccolto ogni idea, spogliandosi per la prima volta dei suoi ricordi, Simone Di Matteo, con dovizioso e prezioso ausilio, ha messo ordine ad ogni pensiero, sparso o caotico, ma sempre voluto. La trasognante spontaneità di lei si fonde alla multiformità della penna di lui, a tratti poetica, a tratti fortemente ironica e pungente.

Attraverso il filtro delle emozioni, pagina dopo pagina, si pone l’accento su alcuni aspetti della nostra contemporaneità e sulle difficoltà che si possono incontrare lungo il proprio cammino. Molti sono gli ostacoli apparentemente insormontabili, ancor più invincibile è la forza grazie alla quale si riesce a superarli, è sufficiente volerlo, almeno così scrivono.

BIOGRAFIE DEGLI AUTORI 

Maria Monsè showgirl, attrice e presentatrice. Debutta nel 1992 sul piccolo schermo nel programma “Non è la RAI”. Ottiene nel 1995 il suo primo incarico da conduttrice presentando il programma Go-Cart sull’emittente RAI 2, riscuotendo un discreto successo. Presenta, infatti, quasi 400 puntate in diretta a soli 20 anni e ciò le permette di aggiudicarsi un Oscar della TV.  Nel 1998 ricopre il ruolo di attrice principale nel film “Annarè”. Ricopre il ruolo di opinionista in diverse trasmissioni televisive, da “L’Arena” di Massimo Giletti al salotto pomeridiano di Canale 5 “Pomeriggio 5” condotto da Barbara d’Urso, passando per “La Fattoria”. Partecipa in qualità di concorrente in “La Pupa e il Secchione” e alla terza edizione del ‘’Grande Fratello Vip’’. Ha scritto alcuni libri, tra cui il ‘’Il Monsè pensiero. Pensieri sparsi per giorni migliori’’ e “Per avere tutto… E subito!’’.

Simone Di Matteo, scrittore, editore, illustratore grafico. Dopo le divertenti peripezie al fianco di Tina Cipollari in Pechino Express (reality on the road di Rai2), torna ad indossare la sua veste più consona e abituale, quella dello scrittore, uno scrittore più volte prestato alla TV. Curatore editoriale della DiamonD EditricE, molti dei suoi libri sono distribuiti all’interno dei circuiti scolastici italiani. Dal mese di marzo 2017 ha ideato il personaggio de L’irriverente che, oltre ad essere protagonista dell’omonimo libro L’irriverente – Cose di questo e qualche altro mondo (DiamonD EditricE novembre 2017), cura, sulla testata giornalistica on line M Social Magazine e sul quindicinale cartaceo IO SPIO in distribuzione nazionale, una rubrica satirica sul mondo dello spettacolo e i suoi personaggi, le mode e le manie del XXI secolo.

diamond.editrice@libero.it
www.diamondeditrice.com
www.simonedimatteo.com

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Di

Maria,

Monsé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Monsé Maria, Di Matteo Simone


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Orano è colpita da un'epidemia inesorabile e tremenda. Isolata con un cordone sanitario dal resto del mondo, affamata, incapace di fermare la pestilenza, la città diventa il palcoscenico e il vetrino da esperimento per le passioni di un'umanità al limite tra disgregazione e solidarietà. La fede religiosa, l'edonismo di chi non crede alle astrazioni, ma neppure è capace di "essere felice da solo", il semplice sentimento del proprio dovere sono i protagonisti della vicenda; l'indifferenza, il panico, lo spirito burocratico e l'egoismo gretto gli alleati del morbo. Scritto da Camus secondo una dimensione corale e con una scrittura che sfiora e supera la confessione, "La peste" è un romanzo attuale e vivo, una metafora in cui il presente continua a riconoscersi. Cronologia di Annalisa Ponti

La peste

Camus Albert

Nidi di periferia

Tutta giocata di sponda è la partita di biliardo (umano) su cui si impernia questo romanzo giallo: o meglio "antipoliziesco", giacché sin dall'inizio ci esibisce l'assassino. La prima palla a finire in buca, per un colpo a la bande, è la testa calva del professor Winter, esimio germanista: centrato dai proiettili dello squisito consigliere cantonale Kohler, cade con la faccia nel piatto di tournedos Rossini che stava gustando nel ristorante Du théâtre. Quindi, a una a una, rotoleranno in buca le altre palle - un playboy, una squillo d'alto bordo, una perfida nana, un protettore -, delineando un autentico rompicapo: "II comandante era disperato. Un omicidio senza motivo per lui non era un delitto contro la morale, bensì contro la logica". Kohler, poi, in galera è l'uomo più felice del mondo: trova giusta la pena, meravigliosi i carcerieri, e intreccia serafico ceste di vimini. Ha un unico desiderio: che l'avvocato Spät, squattrinato difensore di prostitute, si dedichi finalmente a un'impresa seria (ma a lui sembrerà pazzesca) e riesamini il caso partendo dall'ipotesi che non sia Kohler l'omicida: "Deve solo montare una finzione. Come apparirebbe la realtà, se l'assassino non fossi io ma un altro? Chi sarebbe quest'altro?". Accettata la sfida, Spät precipiterà ben presto in un gorgo, in una surreale commedia umana e filosofica che tiene tutti - lettori in primis - col fiato sospeso: per quale ragione Kohler è di umore tanto allegro? E perché mai ha ucciso Winter?

Giustizia

Durrenmatt Friedrick

Il tormento di Pedì

Roberto Dal Molin