Narrativa

LA VOCAZIONE

De Marchi Cesare

Descrizione: Luigi Martinotti lavora in un fast food. Frigge patatine, ma in realtà la sua vocazione, vivissima malgrado l'interruzione degli studi universitari, è quella dello storico. Su un tavolo della Biblioteca comunale consuma tutte le ore di libertà, ricostruendo e interpretando eventi del passato. Ci sono momenti in cui riesce addirittura a distinguere, quasi fosse una visione, l'incontro fra Attila e papa Leone. È riuscito anche a elaborare una teoria storica, secondo la quale i mutamenti della società sono il prodotto di una terribile "insofferenza dell'insicurezza", che spinge gli uomini, cambiando continuamente, a inchiodare il mondo in un presente immobile e rassicurante. Anche la quiete apparente di Luigi Martinetti obbedisce a questa legge. La sua sensibilità, sospesa tra aspirazioni intellettuali e esposizione al fallimento, si lascia contaminare dall'imprevedibilità dei rapporti umani, ivi comprese l'intensa relazione sessuale con Antonella, cameriera del fast food, e l'inspiegabile tenerezza per il figlio di lei. Solo l'amico Giuseppe estroso insegnante affetto da una malattia genetica che lo getta in ricorrenti crisi depressive - riesce a tenere accesa la sua vocazione e a comunicargli una sorta di profonda serenità. Quando il fallimento come storico è definitivo, la sua mente vacilla.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2010

ISBN: 9788807017940

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Uno sguattero con propensioni storiografiche non lo si incontra tutti i giorni…” e Luigi Martinotti non si rassegna a friggere patatine: legge, legge, legge… Legge anche se non trova appoggio né comprensione intorno a sé.

La vita intellettuale di un ingegnere o di un medico non la chiamavano una fissazione, a quelli non andavano a chiedere ragioni della loro scelta; le ragioni le volevano solo da lui, e cosa si aspettavano che rispondesse?

Dopo la morte del padre, sua madre, “bella, elegante, infastidita”, aveva deciso di lasciare Milano con il nuovo compagno, e Luigi era stato costretto ad abbandonare gli studi.

Il suo dovere di madre lei l’aveva sempre fatto e avrebbe continuato a farlo, per quanto glielo consentiva la pensione di reversibilità molto più bassa del previsto: insomma bisognava che lui si cercasse un lavoro; senza fretta, con calma, un buon lavoro; ma andare all’università no, non era proprio possibile, i soldi non sarebbero mai bastati…”.

Dispiacere e solidarietà dai suoi insegnanti, “…ma muovere un dito, cercare di fargli avere una borsa di studio o almeno di parlare a sua madre, questo no, nessuno si era offerto di farlo”.

E così Luigi si era barcamenato tra vari lavoretti per poi approdare al fast-food.

Nelle prime pagine del romanzo lo vediamo proprio alle prese con la friggitrice, un cappello di panno sulla testa per ripararsi dagli odori e dai vapori e la mente che si sforza di ricostruire le scorribande di Attila…

Da Antonella, cameriera nello stesso fast-food, e dal piccolo Giorgino, riceve affetto, calore umano, ma la sua frustrazione rimane. Solo l’amico Giuseppe, insegnante malato e depresso, lo incoraggia un pochino a seguire la sua “vocazione”, una vocazione che gli costa tanta, tantissima fatica: ore rubate al sonno e studio estenuante senza una guida, una strada da seguire.

Rinunciare? Anche questo gli risulta impossibile…

“…senza il contenuto di quell’attività mentale la vita era senza oggetto, non valeva la pena di essere vissuta”.

E così resiste Luigi, e finalmente qualcuno si accorge di lui. Finalmente un barlume di speranza, di redenzione, di riscatto sociale…

Ma dura poco: all’improvviso lo scenario cambia radicalmente ed il ritmo della narrazione si fa concitato.

Un progetto scellerato, idee slegate, pensieri che si rincorrono, ricordi offuscati…

Quella di Luigi è una vocazione oppure un’ossessione? Cosa c’è di vero? Cosa è realmente accaduto?

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cesare

Marchi

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Marchi Cesare

Il tenente dei lancieri

Rovetta Gerolamo

Il solido matrimonio di Edoardo e Carlotta viene scosso dall’arrivo del Capitano e della giovanissima Ottilia. Ben presto le affinità elettive tendono a unire da una parte Edoardo e Ottilia e dall’altra Carlotta e il Capitano. Se Edoardo si abbandona alla passione, inebriato dai propri sentimenti, Carlotta cerca invece di frenarsi e far vincere la ragione, mentre Ottilia, «la piú dolce figlia della natura che sia uscita dalle mani di un artista» (Thomas Mann), risponde alla legge dell’istinto con un sentimento totale ma rigoroso e castissimo. Con un saggio di Thomas Mann e una nota introduttiva di Massimo Mila

Le affinità elettive

Goethe Johann Wolfgang

«L'amore, mia cara, è un sentimento di lusso!»: questo cerca di spiegare una madre che ha molto vissuto (e che dalla vita ha imparato una grande lezione: «Dare pochissimo e pretendere ancora meno») alla figlia innamorata e infelice. Ma lei, Denise, non lo capisce: quando suo marito glielo ha presentato sulla spiaggia di Hendaye, Yves le è apparso come un giovanotto elegante, raffinato, di bell'aspetto; e poiché alloggiava nel suo stesso albergo, ha creduto che fosse ricco quanto l'uomo che ha sposato, e a cui la lega un affetto tiepido e un po' annoiato. Poi il marito è stato richiamato a Londra da affari urgenti, e quelle giornate di settembre «piene e dorate» sono state come un sogno: la scoperta della reciproca attrazione, le passeggiate, le notti d'amore. Il ritorno a Parigi ha significato anche un brusco ritorno alla realtà: no, Yves non è ricco, tornato dal fronte si è reso conto di aver perduto tutto, ed è stato costretto (lui, cresciuto in un mondo in cui «c'erano ancora persone che potevano permettersi di non fare niente») a trovare un impiego che lo avvilisce e lo mortifica. In questa cronaca di un amore sghembo, in cui si fronteggiano due inconsapevoli egoismi, la giovanissima Irène Némirovsky sfodera già il suo sguardo acuminato e una perfetta padronanza della tecnica narrativa.

Il malinteso

Némirovsky Irène

Cosa fa Angela Merkel quando va in pensione? Risolve casi criminali. «Un intrattenimento meraviglioso per tutti coloro che non prendono troppo sul serio la politica e sono pronti a seguire la signora Merkel sul percorso avvincente ed esilarante che ha preso la sua vita!» – Literaturkurier La cancelliera tedesca Angela Merkel è andata in pensione da poche settimane e si è trasferita con il marito e il cane, un carlino di nome Putin, in una regione della Germania settentrionale. Certo, dopo la vita turbolenta e frenetica trascorsa a Berlino e in giro per il mondo, non è facile adattarsi all'esistenza tranquilla di una località di campagna. Per una donna che ha ricoperto un ruolo di grande potere e ha partecipato ai vertici delle élite mondiali, cucinare e fare escursioni non è il massimo. Non solo, ma con il passare dei giorni le tocca anche scoprire che in quell'idilliaco paesino rurale le persone sono spiacevoli come nel grande mondo della politica. E quando il barone Philipp von Baugenwitz viene trovato avvelenato in un sotterraneo del suo castello, in Angela si risveglia una nuova energia. Finalmente le si presenta un problema da risolvere. Supportata dal suo amorevole marito e dalla guardia del corpo, si mette sulle tracce dell'assassino, affrontando molteplici pericoli. Un giallo sorprendente, appassionante e divertente, una lettura accattivante e piena di ironia.

Miss Merkel e l’omicidio nel castello

Safier David