Narrativa

LA VOCE INVISIBILE DEL VENTO

Sanchez Clara

Descrizione: Spagna, località di Las Marinas. La luce si è ritirata verso qualche luogo nel cielo. Il buio della notte avvolge le viuzze del paese e il mare è nero come la pece. Julia ha perso la strada di casa: è circondata dal silenzio e sente solo la voce del vento che soffia dal mare, e profuma di sale e di fiori. Non ricorda cosa sia successo: era uscita a prendere il latte per suo figlio, ma sulla strada del ritorno all'improvviso si è ritrovata in macchina senza soldi, documenti e cellulare. In pochi minuti quella che doveva essere una vacanza da sogno si è trasformata in un incubo. Per le strade non c'è nessuno, le case sulla spiaggia sembrano tutte uguali e Julia non riesce a ritrovare l'appartamento nel quale l'attendono il marito Felix e il figlio di pochi mesi. Prova a contattarli da un telefono pubblico, ma la linea è sempre occupata. Tutto, intorno a lei, è così familiare eppure così stranamente irreale. Tra le vie oscure e labirintiche c'è solo una luce, quella di un locale notturno. A Julia non resta altra scelta che raggiungerlo, nella speranza di trovare qualcuno che l'aiuti. Qui, quasi ad aspettarla, c'è un uomo, un tipo affascinante, con la barba incolta e l'accento dell'Est Europa, che sembra sapere tante, troppe cose su di lei. Si chiama Marcus: Julia ha la sensazione di averlo già incontrato da qualche parte. Fidarsi di lui è facile. Eppure Marcus non è quello che sembra e nasconde qualcosa.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2012

ISBN: 9788811684015

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

 

“Uscirono da Madrid alle quattro del pomeriggio prendendo la A3 in direzione est.
Julia aveva trascorso la mattinata a fare le valigie, un’operazione che adesso, con Tito, era diventata straordinariamente complicata. Da quando era nato, sei mesi prima, ogni passo fuori di casa implicava portarsi dietro mille cianfrusaglie. E sembrava che il mondo si sbriciolasse se ne mancava una.”

Ed è proprio una dimenticanza a mandare in briciole il mondo di Julia e Felix, giovani genitori alle prese con il primo figlio e con le inevitabili complicazioni che la nuova vita riserva.

Arrivati a Las Marinas di sera, stanchi per il viaggio e impazienti di iniziare la loro prima vacanza dopo la nascita del figlio, Julia si accorge di aver dimenticato il latte per Tito e così decide di uscire dal Residence Le Ortensie per raggiungere una farmacia aperta. Tuttavia qualcosa impedisce alla donna di ritrovare la strada di casa e all’improvviso si trova immersa in una dimensione nuova, a metà tra il sogno e la realtà. Felix, preoccupato per la lunga assenza di Julie, riceve la telefonata della polizia che lo avvisa che sua moglie ha avuto un incidente ed è ricoverata in ospedale priva di conoscenza.
Per otto giorni Julia si trova immersa in un incubo dal quale non riesce da uscire, alla continua ricerca di elementi o persone che possano farla restare legata alla realtà, mentre Felix, a sua volta, cerca di entrare in contatto con lei attraverso il sogno, accantonando per la prima volta la propria visione razionalista del mondo.

Il romanzo si snoda nell’alternanza tra il racconto di Julia e quello di Felix, attraverso un linguaggio semplice e diretto. Tale espediente narrativo permette al lettore di rimanere attento e curioso sino alla fine della vicenda, spinto dal desiderio di conoscere come entrambi i personaggi abbiano vissuto il medesimo evento chi nel sogno e chi nella realtà, nonostante il bisogno eccessivo di spiegazione di ogni singolo evento, stati d’animo compresi, renda la narrazione, in alcuni tratti, ridondante e noiosa. Dopo il grande successo editoriale de “Il profumo delle foglie di limone“, edito sempre da Garzanti nel 2011, Clara Sanchez (leggi l’intervista) si rivolge ai suoi lettori raccontando una storia di per sé semplice, ma che nasconde al suo interno paure e bisogni che appartengono a ognuno di noi.
A tutti è capitato, almeno una volta nella vita, di perdere la strada di casa e con essa le certezze che l’accompagnano. In quei casi l’unica possibilità che abbiamo per non impazzire è scovare tra la realtà che ci circonda, così estranea e paurosa, qualcosa che ci faccia resistere e ci impedisca di sentirci definitivamente soli.
A volte basta poco: un profumo, un ricordo, un oggetto, possono aiutarci a ritrovare la strada perduta. Altre volte, invece, dobbiamo solo abbandonarci all’istinto e fidarci di noi stessi.
E’ ciò che faranno Julia e Felix, ognuno nella propria improvvisata dimensione, anche grazie all’aiuto del piccolo Tito, capace ancora di sottrarsi alle leggi razionali, per dare al mondo quell’alone di mistero che i protagonisti hanno perduto, ma che pian piano sapranno ritrovare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Clara

Sanchez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sanchez Clara

"... La noia implica un'analisi sconsolata dei danni causati all'uomo dalla tecnologia e, sembra, insanabili politicamente e clinicamente..." (dall'introduzione di Michel David) Considerato come il cardine di una ideale trilogia iniziatasi con i memorabili Indifferenti e conclusa con La vita interiore, La noia (1960) ci offre un ritratto profondo e spietato di un individuo senza strutture, senza appoggi, alienato dalla vita sociale. E' una storia di crisi, di fallimenti, di delusioni. Analizzato nei suoi tre aspetti, di artista, di uomo, di amante, il protagonista finisce per scontrarsi inevitabilmente con la realtà; una realtà che in modo tautologico si nega, perche a conclusione di ogni tentativo (ad esempio di raggiungere la donna amata) si erge sempre lo stesso assioma: la realtà è la realtà.

La noia

Moravia Alberto

Nessuno aveva ricordato Olga. Nessuno aveva ricordato Luciano. Si muore in tanti modi. «Elda Lanza intrecciava trame con arguzia e una speciale, sottilissima ironia» – la Repubblica «Elda Lanza ha inaugurato un nuovo modo di interpretare il romanzo giallo attraverso personaggi indimenticabili e pagine ricche di colore atmosfera» – La Stampa Guardò attraverso il parabrezza, che il tergicristallo non riusciva a tenere asciutto, il cielo sopra di loro. Che non era azzurro come "quel giorno". Il cielo non era azzurro sopra Napoli. Aveva soltanto smesso di piovere. Amore e morte: mai, nella vita del brillante avvocato Max Gilardi, sono apparsi tanto strettamente intrecciati come questa volta, andando a toccare i suoi affetti più profondi e mettendo a rischio la sua stessa vita. E quando sembra che questa possa riprendere sui binari di una ritrovata normalità, l'assassinio di un conoscente, seguito da quello della moglie di lui e in seguito della sua giovane amante, lo riportano a fare i conti con un vecchio caso mai dimenticato. Il confronto tra le vicende trascorse, tra i diversi modi di amare e le donne che hanno contato per lui, lo porterà a una profonda maturazione e, forse, a far tacere i propri fantasmi. Tra Napoli e Parigi, quadri rassicuranti di vita domestica e sordidi ambienti malavitosi, si dipana l'avventura definitiva di Gilardi, in cui il passato finirà per dare un senso al presente, e viceversa. In quello che Elda Lanza aveva pensato come il capitolo finale della serie di romanzi dedicati a Max Gilardi, il talento della scrittrice brilla di una luce particolare, quella della nostalgia di ciò che è stato, ma anche di ciò che il futuro porta con sé.

L’amore al tempo delle more

Lanza Elda

Un albergo isolato, tre insegnanti, il problema della gestione della classe. Sono questi gli elementi che danno vita ai dialoghi rappresentati in questo libro, nel quale Tuffanelli immagina tre insegnanti rinchiusi per una settimana in un albergo a discutere su come gestire la classe. Ogni giorno viene affrontato un nuovo argomento: il ruolo e della responsabilità sociale dell’insegnante, i problemi di stress e di autostima, l’autorevolezza dell’insegnante, la programmazione e i diversi modi di fare lezione, le dinamiche di classe e le strategie per governarle, i saperi, le abilità e le competenze, i modi diversi di valutare e i rapporti che intessono la funzione docente. I tre attori — un giovane laureato, un’insegnante di scuola secondaria di primo grado ottimista e fiduciosa e un professore di filosofia che ha perso l’entusiasmo per il suo lavoro — aiuteranno insegnanti e educatori a riflettere su un tema difficile e poco affrontato come la gestione della classe in modo ironico e leggero.

La gestione della classe

Tuffanelli Luigi Ianes Dario

Mario e Cristiana hanno superato i sessant'anni e sono divorziati da quindici. Lui è un ingegnere idraulico che si è appena trasferito a Rio de Janeiro con una giovane moglie e un figlio di poco più di un anno. Lei è rimasta a Roma con i loro due figli ormai grandi e un secondo, felice matrimonio. Un giorno, Cristiana riceve una strana lettera di Mario dal Brasile. Le scrive che si sta sentendo vecchio, che vorrebbe ritrovare un po' della perduta giovinezza scambiandosi delle lettere con lei. Dice che solo così, tornando indietro con chi si è stati giovani davvero, si può esserlo ancora. Ma quali sono, in realtà, le sue intenzioni? Attraverso le risposte di Cristiana, il lettore vedrà sfilare davanti ai suoi occhi, insieme alla storia del loro amore naufragato, i tic e i malesseri di un'intera generazione: le false utopie, la crisi del rapporto tra uomo e donna, le rivoluzioni fallite, il terrorismo, la fede politica, i molti ideali sfumati per non lasciare spazio ad altro che alla banale concretezza. E poi i rancori, i tradimenti reciproci, tutte le cose non dette che finalmente tornano a galla in modo violento, brutale, sempre senza pietà. Fino a una vera e propria resa dei conti nella quale tutte le carte, ormai, sono in tavola.

Ti spiego

Petri Romana