Narrativa

LA VOCE INVISIBILE DEL VENTO

Sanchez Clara

Descrizione: Spagna, località di Las Marinas. La luce si è ritirata verso qualche luogo nel cielo. Il buio della notte avvolge le viuzze del paese e il mare è nero come la pece. Julia ha perso la strada di casa: è circondata dal silenzio e sente solo la voce del vento che soffia dal mare, e profuma di sale e di fiori. Non ricorda cosa sia successo: era uscita a prendere il latte per suo figlio, ma sulla strada del ritorno all'improvviso si è ritrovata in macchina senza soldi, documenti e cellulare. In pochi minuti quella che doveva essere una vacanza da sogno si è trasformata in un incubo. Per le strade non c'è nessuno, le case sulla spiaggia sembrano tutte uguali e Julia non riesce a ritrovare l'appartamento nel quale l'attendono il marito Felix e il figlio di pochi mesi. Prova a contattarli da un telefono pubblico, ma la linea è sempre occupata. Tutto, intorno a lei, è così familiare eppure così stranamente irreale. Tra le vie oscure e labirintiche c'è solo una luce, quella di un locale notturno. A Julia non resta altra scelta che raggiungerlo, nella speranza di trovare qualcuno che l'aiuti. Qui, quasi ad aspettarla, c'è un uomo, un tipo affascinante, con la barba incolta e l'accento dell'Est Europa, che sembra sapere tante, troppe cose su di lei. Si chiama Marcus: Julia ha la sensazione di averlo già incontrato da qualche parte. Fidarsi di lui è facile. Eppure Marcus non è quello che sembra e nasconde qualcosa.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2012

ISBN: 9788811684015

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

 

“Uscirono da Madrid alle quattro del pomeriggio prendendo la A3 in direzione est.
Julia aveva trascorso la mattinata a fare le valigie, un’operazione che adesso, con Tito, era diventata straordinariamente complicata. Da quando era nato, sei mesi prima, ogni passo fuori di casa implicava portarsi dietro mille cianfrusaglie. E sembrava che il mondo si sbriciolasse se ne mancava una.”

Ed è proprio una dimenticanza a mandare in briciole il mondo di Julia e Felix, giovani genitori alle prese con il primo figlio e con le inevitabili complicazioni che la nuova vita riserva.

Arrivati a Las Marinas di sera, stanchi per il viaggio e impazienti di iniziare la loro prima vacanza dopo la nascita del figlio, Julia si accorge di aver dimenticato il latte per Tito e così decide di uscire dal Residence Le Ortensie per raggiungere una farmacia aperta. Tuttavia qualcosa impedisce alla donna di ritrovare la strada di casa e all’improvviso si trova immersa in una dimensione nuova, a metà tra il sogno e la realtà. Felix, preoccupato per la lunga assenza di Julie, riceve la telefonata della polizia che lo avvisa che sua moglie ha avuto un incidente ed è ricoverata in ospedale priva di conoscenza.
Per otto giorni Julia si trova immersa in un incubo dal quale non riesce da uscire, alla continua ricerca di elementi o persone che possano farla restare legata alla realtà, mentre Felix, a sua volta, cerca di entrare in contatto con lei attraverso il sogno, accantonando per la prima volta la propria visione razionalista del mondo.

Il romanzo si snoda nell’alternanza tra il racconto di Julia e quello di Felix, attraverso un linguaggio semplice e diretto. Tale espediente narrativo permette al lettore di rimanere attento e curioso sino alla fine della vicenda, spinto dal desiderio di conoscere come entrambi i personaggi abbiano vissuto il medesimo evento chi nel sogno e chi nella realtà, nonostante il bisogno eccessivo di spiegazione di ogni singolo evento, stati d’animo compresi, renda la narrazione, in alcuni tratti, ridondante e noiosa. Dopo il grande successo editoriale de “Il profumo delle foglie di limone“, edito sempre da Garzanti nel 2011, Clara Sanchez (leggi l’intervista) si rivolge ai suoi lettori raccontando una storia di per sé semplice, ma che nasconde al suo interno paure e bisogni che appartengono a ognuno di noi.
A tutti è capitato, almeno una volta nella vita, di perdere la strada di casa e con essa le certezze che l’accompagnano. In quei casi l’unica possibilità che abbiamo per non impazzire è scovare tra la realtà che ci circonda, così estranea e paurosa, qualcosa che ci faccia resistere e ci impedisca di sentirci definitivamente soli.
A volte basta poco: un profumo, un ricordo, un oggetto, possono aiutarci a ritrovare la strada perduta. Altre volte, invece, dobbiamo solo abbandonarci all’istinto e fidarci di noi stessi.
E’ ciò che faranno Julia e Felix, ognuno nella propria improvvisata dimensione, anche grazie all’aiuto del piccolo Tito, capace ancora di sottrarsi alle leggi razionali, per dare al mondo quell’alone di mistero che i protagonisti hanno perduto, ma che pian piano sapranno ritrovare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Clara

Sanchez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sanchez Clara

I tempi cambiano e anche la malavita è costretta a correre ai ripari. Romeo Marconato, ex affiliato alla Mala del Brenta, sa sentire il vento che cambia. Disperatamente sposato, con un figlio un po' matto e il villone padovano, sta costruendo un business al limite della legalità con il suo Zodiaco, un franchising di furgoni per panini lungo la statale che corre tra Padova e Venezia. Il passato irrompe nella sua vita con una succulenta occasione e nuove minacce, mentre lui, re incontrastato dello street food a basso costo, si ritrova a sfidare il più grande chef televisivo in un assurdo reality. Gli eventi si intrecciano e sembrano precipitare, ma lui, Romeo Marconato, è scaltro. Di una scaltrezza tutta di provincia capace di gestire le trame anche quando queste travalicano la laguna e arrivano a Mosca.

Zodiaco Street Food

Zed Heman

Da Il Buono, il Brutto e il Cattivo di Sergio Leone a La città incantata di Hayao Miyazaki, passando per The Elephant Man di David Lynch e Il monello di Charlie Chaplin: 50 film che hanno segnato un epoca. Un libro che farà scoprire ai ragazzi tutta la meraviglia del cinema, sotto la guida di uno dei più grandi maestri italiani della regia. «Se esistesse ancora un me dodicenne, e se avessi qualcuno che mi donasse una lista di cinquanta film da guardare, lo troverei il regalo più bello del mondo.» Quali sono i film da guardare per diventare grandi? Quelli che fanno emozionare, ridere, pensare... e che ogni ragazzo dovrebbe vedere per imparare tutto sul cinema e, perché no, sulla vita? Un libro a cura del regista Giuseppe Tornatore che racconta 50 pellicole imperdibili, dalla saga di Harry Potter, per vivere una grande avventura e scoprire il valore dell'amicizia, a L'attimo fuggente, per capire quanto sia importante affrontare la vita seguendo se stessi. Dai grandi classici che hanno segnato un'epoca fino ai più recenti successi cinematografici, ogni film è presentato da un testo che ne racconta la trama e i temi principali e affiancato da una doppia pagina di approfondimento sul regista e sugli attori, con aneddoti e curiosità sul mondo e sui mestieri del cinema.

50 film per diventare grandi

Tornatore Giuseppe

Depresso, appesantito da una pancia ingombrante, il conto in rosso, i creditori sempre alle porte, tre matrimoni alle spalle, Nick Belane è un detective, "il più dritto detective di Los Angeles". Bukowski gioca con un vecchio stereotipo e vi aggiunge la sua filosofia di lucido beone, il suo esistenzialismo da taverna e un pizzico di cupa, autentica disperazione. I bar, le episodiche considerazioni sul destino, il cinismo, l'ormai sbiadito demone del sesso, il fallimento preofessionale ed esistenziale, insieme alle mere invenzioni narrative, diventano il "pulp" del titolo. Lontano dalle atmosfere tenebrose delle ordinarie follie, il testamento spirituale di uno scrittore che non ha mai esitato a immergersi nel degrado della società contemporanea.

Pulp

Bukowski Charles

Colette ha sempre rifiutato di scrivere deliberatamente sulla sua vita, ma ne La stella del vespro, pubblicato per la prima volta nel 1946 l’esistenza della più grande scrittrice francese del ’900 si svela discretamente, lungo frammenti scritti con la cura e la sofisticatezza a cui ormai ha abituato i suoi lettori e di cui è diventata maestra. Si tratta di una sorta di cronologia frammentata che trascrive gli avvenimenti e le osservazioni della vita quotidiana: i capricci di primavera; i viavai del compagno Maurice Goderek; le visite che riceve – tra cui Truman Capote – le audizioni per la riduzione teatrale de La Seconde; l’impegno a raccogliere tutte le sue opere per il progetto OEuvre complete per l’editore Le Fleuron; l’Académie Française. Ormai immobilizzata dalla vecchiaia, dal peso e dall’artrosi, osserva il cielo, il succedersi al giorno della luna o del vespro nel quadrato ritagliato dalle finestre del suo grande appartamento a Palais–Royal. Leggiamo una Colette malinconica e meditativa, chiusa nel suo appartamento, in cui riceve, mangia, scrive e legge. In questo testo, evoca dei ricordi dai tempi della guerra, medita sulla sua condizione di invalidità e i suoi nuovi rapporti con il mondo da scrittrice “nota e riconosciuta” e, amabilmente, conversa con le sue care presenze, con gli esseri da lei sempre amati – appassionatamente o teneramente – come la madre Sido; la figlia di cui evoca il ricordo della nascita nel 1913; Missy (la contessa Mathilde de Morny); l’ex marito Henry de Jouvenel; Polaire; il migliore amico nonché terzo e ultimo marito Maurice Goderek; il giovane reporter che viene ad intervistarla; la prostituta Renée che le appare nel giardino innevato della sua casa, un giardino dalla cui descrizione si distingue a fatica da quello di Saint–Sauveur.

La stella del vespro

Colette