Narrativa

LA VOCE INVISIBILE DEL VENTO

Sanchez Clara

Descrizione: Spagna, località di Las Marinas. La luce si è ritirata verso qualche luogo nel cielo. Il buio della notte avvolge le viuzze del paese e il mare è nero come la pece. Julia ha perso la strada di casa: è circondata dal silenzio e sente solo la voce del vento che soffia dal mare, e profuma di sale e di fiori. Non ricorda cosa sia successo: era uscita a prendere il latte per suo figlio, ma sulla strada del ritorno all'improvviso si è ritrovata in macchina senza soldi, documenti e cellulare. In pochi minuti quella che doveva essere una vacanza da sogno si è trasformata in un incubo. Per le strade non c'è nessuno, le case sulla spiaggia sembrano tutte uguali e Julia non riesce a ritrovare l'appartamento nel quale l'attendono il marito Felix e il figlio di pochi mesi. Prova a contattarli da un telefono pubblico, ma la linea è sempre occupata. Tutto, intorno a lei, è così familiare eppure così stranamente irreale. Tra le vie oscure e labirintiche c'è solo una luce, quella di un locale notturno. A Julia non resta altra scelta che raggiungerlo, nella speranza di trovare qualcuno che l'aiuti. Qui, quasi ad aspettarla, c'è un uomo, un tipo affascinante, con la barba incolta e l'accento dell'Est Europa, che sembra sapere tante, troppe cose su di lei. Si chiama Marcus: Julia ha la sensazione di averlo già incontrato da qualche parte. Fidarsi di lui è facile. Eppure Marcus non è quello che sembra e nasconde qualcosa.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2012

ISBN: 9788811684015

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

 

“Uscirono da Madrid alle quattro del pomeriggio prendendo la A3 in direzione est.
Julia aveva trascorso la mattinata a fare le valigie, un’operazione che adesso, con Tito, era diventata straordinariamente complicata. Da quando era nato, sei mesi prima, ogni passo fuori di casa implicava portarsi dietro mille cianfrusaglie. E sembrava che il mondo si sbriciolasse se ne mancava una.”

Ed è proprio una dimenticanza a mandare in briciole il mondo di Julia e Felix, giovani genitori alle prese con il primo figlio e con le inevitabili complicazioni che la nuova vita riserva.

Arrivati a Las Marinas di sera, stanchi per il viaggio e impazienti di iniziare la loro prima vacanza dopo la nascita del figlio, Julia si accorge di aver dimenticato il latte per Tito e così decide di uscire dal Residence Le Ortensie per raggiungere una farmacia aperta. Tuttavia qualcosa impedisce alla donna di ritrovare la strada di casa e all’improvviso si trova immersa in una dimensione nuova, a metà tra il sogno e la realtà. Felix, preoccupato per la lunga assenza di Julie, riceve la telefonata della polizia che lo avvisa che sua moglie ha avuto un incidente ed è ricoverata in ospedale priva di conoscenza.
Per otto giorni Julia si trova immersa in un incubo dal quale non riesce da uscire, alla continua ricerca di elementi o persone che possano farla restare legata alla realtà, mentre Felix, a sua volta, cerca di entrare in contatto con lei attraverso il sogno, accantonando per la prima volta la propria visione razionalista del mondo.

Il romanzo si snoda nell’alternanza tra il racconto di Julia e quello di Felix, attraverso un linguaggio semplice e diretto. Tale espediente narrativo permette al lettore di rimanere attento e curioso sino alla fine della vicenda, spinto dal desiderio di conoscere come entrambi i personaggi abbiano vissuto il medesimo evento chi nel sogno e chi nella realtà, nonostante il bisogno eccessivo di spiegazione di ogni singolo evento, stati d’animo compresi, renda la narrazione, in alcuni tratti, ridondante e noiosa. Dopo il grande successo editoriale de “Il profumo delle foglie di limone“, edito sempre da Garzanti nel 2011, Clara Sanchez (leggi l’intervista) si rivolge ai suoi lettori raccontando una storia di per sé semplice, ma che nasconde al suo interno paure e bisogni che appartengono a ognuno di noi.
A tutti è capitato, almeno una volta nella vita, di perdere la strada di casa e con essa le certezze che l’accompagnano. In quei casi l’unica possibilità che abbiamo per non impazzire è scovare tra la realtà che ci circonda, così estranea e paurosa, qualcosa che ci faccia resistere e ci impedisca di sentirci definitivamente soli.
A volte basta poco: un profumo, un ricordo, un oggetto, possono aiutarci a ritrovare la strada perduta. Altre volte, invece, dobbiamo solo abbandonarci all’istinto e fidarci di noi stessi.
E’ ciò che faranno Julia e Felix, ognuno nella propria improvvisata dimensione, anche grazie all’aiuto del piccolo Tito, capace ancora di sottrarsi alle leggi razionali, per dare al mondo quell’alone di mistero che i protagonisti hanno perduto, ma che pian piano sapranno ritrovare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Clara

Sanchez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sanchez Clara

È possibile che le vite di una manciata di estranei si sfiorino e si influenzino a vicenda senza mai davvero incontrarsi? John e Stella, Charlie e Beth: due coppie, quattro personaggi le cui storie - ora drammatiche, ora ordinarie, ora leggere e scintillanti come le particelle di polvere che volteggiano in un raggio di sole - nascondono punti di contatto e legami inaspettati. Perché in quella "soglia di inizi e di addii" che è Paddington Station, in quel calderone di solitudini e incontri che è la città di Londra, il destino è sempre in agguato. Amori, disamori, morti improvvise, sconfitte brucianti e clamorosi rivincite si alternano in questo affresco narrativo che si dispiega lungo tre decenni. Per raccontare, in un raffinato e incalzante gioco di specchi, due famiglie ostaggio dei sentimenti e dell'inesorabile scorrere del tempo.

La città dei destini intrecciati

«Penso a tutti i libri che non sono stati scritti, alla grande storia della letteratura invisibile, rimasta ferma e muta in una morsa di stomaco, in uno struggimento che di colpo si fa paura, e poi solitudine, e poi corpi da abbracciare senza dire nemmeno niente». Un diario intimo, tanto più personale quanto condiviso e universale. Un memoriale nel quale lo scrittore lucano mette a nudo, senza veli, i suoi drammi e le sue gioie. Frammenti di una vita vissuta ad alta intensità emotiva che si ricompongono in un bilancio umano in cui la letteratura spinge il dito nella piaga dell'esistenza e diviene rivelazione del mondo.

Diario dello smarrimento

Di Consoli Andrea

Nel 1855 Walt Whitman, il grande poeta dell'anima americana, dava alla luce le prime "Foglie d'erba", ovvero le prime poesie che comporranno la raccolta di una vita. Il grande edificio delle Foglie d'erba crescerà, una zolla dopo l'altra, una poesia dopo l'altra, un'edizione dopo l'altra, per tutta la vita di Whitman. Solo sul letto di morte il poeta mise la parola "fine" a questa raccolta, ricca come una vita umana e sconfinata come la natura che tanto amava. La prima edizione resta tuttavia la testimonianza più viva della novità della poesia di Whitman, di quella superiore indifferenza alle rigidità della metrica classica, di quello slancio, che lo renderanno unico e ne garantiranno l'immortalità artistica.

Foglie d’erba

Whitman Walt

In un sobborgo di Tokyo il giovane Okada Toru ha appena lasciato volontariamente il suo lavoro e si dedica alle faccende di casa. Due episodi apparentemente insignificanti riescono tuttavia a rovesciare la sua vita tranquilla: la scomparsa del suo gatto e la telefonata anonima di una donna dalla voce sensuale. Toru si accorgerà presto che oltre al gatto, a cui la moglie Kumiko è molto affezionata, dovrà cercare Kumiko stessa. Lo spazio limitato del suo quotidiano diventerà il teatro di una ricerca in cui sogni, ricordi e realtà si confondono e che lo porterà a incontrare personaggi sempre più strani: dalla prostituta psicotica alla sedicenne morbosa, dal politico diabolico al vecchio e misterioso veterano di guerra. A poco a poco Toru dovrà risolvere i conflitti della sua vita passata di cui nemmeno sospettava l'esistenza. Un intrigante romanzo che illumina quelle zone d'ombra in cui ognuno nasconde segreti e fragilità.

L’UCCELLO CHE GIRAVA LE VITI DEL MONDO