Saggi

La voce verticale

Siti Walter

Descrizione: La poesia è un bisogno universale, com’è universale il bisogno di scoprire sfumature inedite dei sentimenti, per dare più profondità a quelli che ci portiamo dentro. Questo volume di Walter Siti – nato da una serie di 52 articoli scritti per “la Repubblica” nel 2014 – è un percorso tra autori e testi di tutti i Paesi e di ogni epoca, raccontati senza timori reverenziali o accademici, alla ricerca di emozioni, ossessioni, paure e virtù che attraversano i secoli e ci appartengono ancora oggi. Dante, Petrarca, Shakespeare, Whitman, Szymborska e molti altri autori in cui qualunque tipo di lettore, anche quello non specializzato, troverà qualcosa che parla di lui.

Categoria: Saggi

Editore: Rizzoli

Collana: Scala italiani

Anno: 2015

ISBN: 9788817083294

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Walter Siti eleva “La voce verticale” della poesia e della critica letteraria in quest’opera che include cinquantadue poesie, idealmente una per ogni settimana dell’anno, più qualche accessione.

Viene proposto il testo poetico, al quale segue il commento di Walter Siti che conferma la propria vocazione per l’analisi critica: ogni testo riporta considerazioni stilistiche e metriche, i riferimenti biografici del poeta (Rimbaud – “Il cuore rubato”: “Arriva a Parigi nel mese che precede lo scoppio rivoluzionario della Comune, per dormire si rifugia in una caserma. È un biondino curioso di tutto, i soldati sono eccitati e alticci, succede l’irreparabile… in francese volé è a un passo da violé…)”, l’esegesi del testo e dei contenuti (Giovanni Pascoli – “Sogno” da Myricae: “Il macchinario onirico è bloccato da un’inesplicabile quanto indiscutibile censura inconscia: non sei ancora pronto, vedere mamma ti è vietato”).

Le scelte ricadono su molti classici e spaziano dai padri (Dante Alighieri, Paradiso XXXIII, vv. 115-145: “Si è discusso a lungo se il viaggio della Commedia sia… finzione poetica o… visione mistica… Io sono tra chi ritiene che la Commedia sia una visione in sonno…”) e dalle madri (Saffo, “sacerdotessa del Tiaso” – frammento 31) della poesia, sino ai contemporanei (Pasolini -“Supplica a mia madre”: “1966, anno di Sofocle al cinema e di quel dramma rovente che è Affabulazione. Là il complesso edipico è ribaltato e omosessualizzato”… “Un coming out straziante… Il figlio le dice: la mia infelicità dipende da te, ma glielo dice con rime da fidanzato…”), attraversando epoche (Torquato Tasso – madrigale 324 dalle Rime: “Non so se questo madrigale di Tasso sia mai stato messo in musica. Sembrerebbe fatto apposta e comunque non importa, perché la musica se la porta dietro… Artigianato strepitoso per un argomento esilissimo, il semplice lamento per … la partenza della donna amata”) e correnti poetiche: il simbolismo (Baudelaire – “Canto d’autunno”: “L’autunno non è che una precipitosa discesa verso l’inverno. Tomber, cadere, è il verbo privilegiato”), il romanticismo, il decadentismo (Gabriele D’Annunzio – “L’ultimo disprezzo… quasi certamente l’ultima poesia…” “L’autodenigrazione non è che l’altra faccia dell’autocelebrazione”), l’ermetismo, ecc. (Montale – “Ti libero la fronte dai ghiaccioli”: Irma Brandeis “nel 1938 era tornata in America a causa delle leggi razziali, lui non aveva avuto il coraggio di raggiungerla”).

La selezione non conosce confini geografici e contempla neolatini (Federico Garcia Lorca – “Qasida delle colombe oscure”: “A prima vista sembra un nonsense infantile… I sonetti dell’amore oscuro… il sole e la luna, principio maschile e femminile”), anglofoni (Shakespeare, dai sonetti, 88: “Le peripezie di quel doppio amore, per un uomo e per una donna con inganni incrociati, sono degne della tragedia – o della commedia – sull’ambivalenza erotica che Shakespeare non ha mai scritto”), fino ai russi.
Praticamente ce n’è per tutti i gusti.

La nostra preferenza?
La decisione è davvero difficile.
Privilegiamo l’armonia e la musicalità immaginifica, che traduce in poesia l’idealismo di Holderlin (“è stato compagno di collegio di Hegel, a Jena abitava accanto a Fichte, era molto amico di Schelling: nel cuore dell’idealismo tedesco”):

Metà della vita

Con gialle pere si curva
E folto di rose selvatiche
il paese nel lago,
voi cigni amati,,
E  ubriachi di baci
voi tuffate il capo
Nell’acqua sacra-sobria.

Ahimè, dove prendo, quando
E’ inverno, i fiori, e dove
la chiarità del sole,
E l’ombra della terra?
I muri stanno
Afoni e freddi, nel vento
Stridono le banderuole.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Walter

Siti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Siti Walter

Nessun pregiudizio personale, meschinità o moralismo contro la carriera e i format della famosa conduttrice. Ma una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell'intrattenimento "facile" che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all'anonimato dilagante. "Maria De Filippi ti odio" è il tentativo di scardinare, con il grimaldello della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo "ecologico" di pensare l'uso e l'impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.

Maria De Filippi ti odio

Castoro Carmine

Un raccapricciante delitto si è consumato nella città di Metz. Il dottor Valadier, medico legale in pensione, si trova inspiegabilmente coinvolto nelle indagini e si mette sulle tracce degli assassini. Più le sue ricerche procedono, più una complicata trama viene alla luce, intessuta da menti sottili e diaboliche. All'insaputa dell'intera umanità, è in corso una guerra combattuta da forze occulte che si muovono nell'oscuro universo dell'Esoterismo. Le origini di due antichi popoli, gli Ebrei e gli Zingari, legati da un comune destino di sofferenza e di persecuzione, sono la chiave per comprendere l'incredibile vicenda che sta per compiersi. La protagonista è una giovane e bellissima zingara, che si dibatte tra la sottomissione al suo Dio e la passione per un uomo. Un dilemma che riflette quello dell'intera umanità, alla vigilia di un eccezionale cambiamento. La Zingara fa le carte al mondo, e scopre l'Angelo del Giudizio, mentre un'epoca spirituale sta per tramontare e un'altra completamente nuova, sta per sorgere.

La zingara di Metz

Rosaci Domenico

Puglia, soleggiata e mite giornata di fine febbraio. Il fisioterapista e appassionato cicloamatore Roberto si appresta a uscire con la sua inseparabile bici per l'ennesimo piacevole allenamento domenicale, ma il destino gli gioca un brutto scherzo, tendendogli un'insidiosa trappola dietro un incrocio a Porto Cesareo. In seguito al grave incidente, decide di iniziare a scrivere un diario, con l'intento di riempire le lunghe giornate della sua convalescenza e di aiutarsi a ritrovare la serenità perduta nel drammatico momento dell'impatto. L'opera si presenta come una guida ricca di spunti di riflessione, soprattutto per i professionisti sanitari, per gli appassionati di ciclismo, ma anche per chiunque abbia voglia di soffermarsi a pensare alla propria vita.

Diario di un fisioterapista (in)fortunato

Pichero Roberto

Come puoi amare qualcuno che non puoi nemmeno sfiorare? A Stella piace avere il controllo su tutto, il che è piuttosto ironico, visto che da quando è bambina è costretta a entrare e uscire dall'ospedale per colpa dei suoi polmoni totalmente fuori controllo. Lei però è determinata a tenere testa alla sua malattia, il che significa stare rigorosamente alla larga da chiunque o qualunque cosa possa passarle un'infezione e vanificare così la possibilità di un trapianto di polmoni. Una sola regola tra lei e il mondo: mantenere la "distanza di sicurezza". Nessuna eccezione. L'unica cosa che Will vorrebbe poter controllare è la possibilità di uscire una volta per tutte dalla gabbia in cui è costretto praticamente da sempre. Non potrebbe essere meno interessato a curarsi o a provare la più recente e innovativa terapia sperimentale. L'importante, per lui, è che presto compirà diciotto anni e a quel punto nessuno potrà più impedirgli di voltare le spalle a quella vita vuota e non vissuta, un viaggio estenuante da una città all'altra, da un ospedale all'altro, e di andare finalmente a conoscerlo, il mondo. Will è esattamente tutto ciò da cui Stella dovrebbe stare alla larga. Se solo lui le si avvicinasse troppo, infatti, lei potrebbe veder sfumare la possibilità di ricevere dei polmoni nuovi. Anzi, potrebbero rischiare la vita entrambi. L'unica soluzione per non correre rischi sarebbe rispettare la regola e stare lontani, troppo lontani, uno dall'altra. Però, più imparano a conoscersi, più quella "distanza di sicurezza" inizia ad assomigliare a "una punizione"...

A un metro da te

Lippincott Rachael