Guide

La webpolitica

Mosca Lorenzo

Descrizione: Il libro presenta una riflessione sulla politica online in Italia, interrogandosi sul se e sul come internet contribuisca a ridefinire i confini, i processi e gli attori dell'arena politica. Proponendo il termine webpolitica, ci si focalizza sull'uso di internet da parte di alcuni dei principali attori del sistema politico italiano, presentando i risultati di una serie di ricerche effettuate dall'autore nel corso degli ultimi anni. In particolare, si guarda a come internet influenza i rapporti fra cittadini e istituzioni nelle fasi di governo, a come interviene nelle relazioni fra candidati ed elettori durante le campagne elettorali, alle modalità con cui esso è utilizzato da soggetti esterni all'arena politica istituzionale, come i movimenti sociali.Questo volume è indirizzato a tutti coloro che si interessano di comunicazione politica online e intende proporsi come un'introduzione al tema per studenti e studiosi di scienze della comunicazione, sociologia e scienza politica.

Categoria: Guide

Editore: Le Lettere

Collana: Le Lettere università

Anno: 2013

ISBN: 9788860876812

Recensito da Giulia

Le Vostre recensioni

L’analisi che Lorenzo Mosca affronta nel suo libro è avvolta tutt’intorno al concetto di webpolitica, parola-chiave che lega tra loro i vari capitoli e che, non a caso, dà anche il titolo al testo.

In una società ipermediatizzata, quale la nostra, l’informazione circola istantaneamente da un angolo all’altro della Terra, e dunque la comunicazione diventa un elemento fondamentale dei processi politici. Con il termine webpolitica s’intende perciò la comunicazione politica online.

Internet e l’utilizzo degli strumenti di pubblicazione in Rete costituiscono un atto di ribellione nei confronti dei media mainstream non sempre ritenuti all’altezza del loro compito di distinguere la realtà dalla manipolazione, e quindi di fare informazione (con la i maiuscola) perché assoggettati alle logiche del potere. La fiducia nel governo e nelle istituzioni politiche è calata in misura sostanziale negli ultimi trent’anni; la maggioranza dei cittadini del mondo non si fida più né dei politici né dei partiti. Tuttavia, dalle ricerche degli ultimi anni sembra proprio che il Web sia diventato lo strumento capace di riavvicinare cittadini disillusi e apatici nuovamente alla politica, in quanto i nuovi media consentono di organizzarsi senza organizzazioni e di poter esprimersi in modi che prima erano del tutto inimmaginabili.

Questo fenomeno è nato – come si può credere – inizialmente negli Stati Uniti, mentre in Italia è arrivato con netto ritardo. Attualmente i social network più utilizzati dai candidati politici sono Facebook e Youtube. In particolare il successo della piattaforma di Zuckerberg si spiega con la facilità d’uso e il feedback che s’instaura con gli altri utenti, oltre che per l’economicità dello strumento rispetto ad un sito web che richiede sicuramente maggiori risorse.

Analizzando più attentamente la situazione italiana, è facile rendersi conto del ruolo egemone che continua ad avere il mezzo televisivo, soprattutto per quanto riguarda i politici “vecchio stampo”: «in Italia la principale fonte di informazione è rappresentata dalla televisione che, anche in prospettiva comparata, ha una penetrazione sociale elevatissima rispetto ad altre fonti di informazione».

Le regioni italiane, infatti, sono tutte accomunate da una sostanziale lentezza nell’adottare le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, e in particolare le regioni del Centro e del Sud risultano essere in una posizione di maggior svantaggio rispetto a quelle del Nord.

È importante notare, tra l’altro, che l’Emilia Romagna detiene il primato numerico delle città digitali e degli Enti locali in rete.

Il Web appare quindi una risorsa preziosa soprattutto per quei gruppi sociali e politici che altrimenti non avrebbero la possibilità di farsi conoscere; si parla a tal proposito di mediattivisti. Un esempio lampante, per quanto riguarda gruppi politici debolmente strutturati, è il Partito Pirata. Si tratta di un movimento politico internazionale nato in Svezia nel 2006, ma diffusosi in numerosi altri paesi, si batte per la libertà di espressione su Internet, per la riforma del diritto d’autore (copyright) e dei brevetti, per la protezione dei dati personali e per una maggior trasparenza dei governi.

Esprimersi in Rete attraverso forum, social network, blog, e così via, però non significa poter cambiare realmente le cose, come difatti lo stesso autore afferma: «il fatto che oggi molte più persone esprimano il proprio punto di vista su fatti di attualità politica non significa che siano ascoltati e che le loro opinioni influenzano effettivamente la politica».

In conclusione risulta che nel sistema mediale italiano, caratterizzato da un modello di pluralismo polarizzato, la penetrazione di Internet si colloca comunque su tassi medio-bassi. A ciò bisogna aggiungere poi che questo medium più che neutrale rischia di essere auto-referenziale, in grado cioè di intercettare complessivamente persone già attive ed informate.

Soltanto con lo sviluppo delle nuove realtà politiche si potranno formulare ulteriori ed interessanti punti di vista. A tal proposito mi sembra opportuno prestare attenzione al Partito Pirata; in Italia, ma anche altrove, è ancora all’inizio dell’avventura, tuttavia in un futuro non troppo lontano potrebbe rivelarsi il movimento iniziatore di una nuova politica nata in Rete, ma sviluppatasi anche offline.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Mosca

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mosca Lorenzo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ci sono onde che arrivano e travolgono per sempre la superficie calma della vita. Succede a Luna, bimba albina dagli occhi così chiari che per vedere ha bisogno dell'immaginazione, eppure ogni giorno sfida il sole della Versilia cercando le mille cose straordinarie che il mare porta a riva per lei. Succede a suo fratello Luca, che solca le onde con il surf rubando il cuore alle ragazze del paese. Succede a Serena, la loro mamma stupenda ma vestita come un soldato, che li ha cresciuti da sola perché la vita le ha insegnato che non è fatta per l'amore. E quando questo tsunami del destino li manda alla deriva, intorno a loro si raccolgono altri naufraghi, strambi e spersi e insieme pieni di vita: ecco Sandro, che ha quarant'anni ma vive ancora con i suoi, e insieme a Marino e Rambo vive di espedienti improvvisandosi supplente al liceo, cercando tesori in spiaggia col metal detector, raccogliendo funghi e pinoli da vendere ai ristoranti del centro. E poi c'è Zot, bimbo misterioso arrivato da Chernobyl con la sua fisarmonica stonata, che parla come un anziano e passa il tempo con Ferro, astioso bagnino in pensione sempre di guardia per respingere l'attacco dei miliardari russi che vogliono comprarsi la Versilia. Luna, Luca, Serena, Sandro, Ferro e Zot, da un lato il mare a perdita d'occhio, dall'altro il profilo aguzzo e boscoso delle Alpi Apuane. Quando il dolore arriva a schiacciarli lì in mezzo, sarà la vita stessa a scuoterli con i suoi prodigi, sarà proprio il mare che misteriosamente comincerà a parlare. E questa armata sbilenca si troverà buttata all'avventura, a stringersi e resistere in un on the road tra leggende antiche, fantasmi del passato, amori impossibili e fantasie a occhi aperti, diventando così una stranissima, splendida famiglia. _____________________________________ Fabio Genovesi ha scritto un romanzo traboccante di personaggi e di storie, sospeso come un sogno, amaro ed esilarante, commovente e scatenato come la vita vera. Un romanzo che parla la lingua calda e diretta dei suoi personaggi, che scava dentro esistenze minime e laterali per trovarci un disegno: spesso lo chiamiamo "caso", ma la sua magia è così scintillante che per non vederla bisogna proprio tenere gli occhi stretti.

Chi manda le onde

Genovesi Fabio

William ha poco più di vent'anni e le frustrazioni di tanti giovani: odia il suo lavoro (commesso in un negozio di dischi), la città in cui vive (Londra), e la ragazza con cui sta è molto restia a concedersi. Candido e complicato come il giovane Holden, gran tiratardi nel capire le cose del mondo, ha solo un paio di amici e divide la casa con una tipa che non incontra mai e che comunica con lui attraverso bigliettini. Il suo unico conforto è fare musica. In realtà il suo vero talento sembra essere un altro: perdere gli autobus, dire la cosa sbagliata al momento sbagliato e, soprattutto, trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Una sera, infatti, assiste involontariamente a un delitto. La caccia agli assassini lo porterà a una sorprendente scoperta!

QUESTA NOTTE MI HA APERTO GLI OCCHI

Coe Jonathan

In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan

Come si fa ad andare avanti dopo aver perso chi ami? Come puoi ricostruire la tua vita? Tutti perdiamo qualcuno, ma c'è sempre un "dopo" e questo è il messaggio molto forte e positivo che Jojo Moyes dà alle sue lettrici, un sequel non scontato e pieno di colpi di scena.

Dopo di te

Moyes Jojo