Narrativa

Lacci

Starnone Domenico

Descrizione: «Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie». Si apre cosí la lettera che Vanda scrive al marito che se n’è andato di casa, lasciandola in preda a una tempesta di rabbia impotente e domande che non trovano risposta. Si sono sposati giovani all’inizio degli anni Sessanta, per desiderio di indipendenza, ma poi attorno a loro il mondo è cambiato, e ritrovarsi a trent’anni con una famiglia a carico è diventato un segno di arretratezza piú che di autonomia. Perciò adesso lui se ne sta a Roma, innamorato della grazia lieve di una sconosciuta con cui i giorni sono sempre gioiosi, e lei a Napoli con i fi gli, a misurare l’estensione del silenzio e il crescere dell’estraneità. Che cosa siamo disposti a sacrifi care, pur di non sentirci in trappola? E che cosa perdiamo, quando scegliamo di tornare sui nostri passi? Perché niente è piú radicale dell’abbandono, ma niente è piú tenace di quei lacci invisibili che legano le persone le une alle altre. E a volte basta un gesto minimo per far riaffi orare quello che abbiamo provato a mettere da parte.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2016

ISBN: 9788806228989

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

Lacci di Starnone nella magistrale interpretazione di Silvio Orlando

Molto fedele al testo di Domenico Starnone, la realizzazione teatrale di Lacci, con Silvio Orlando protagonista, è un atto unico molto intenso, ricco di pathos ma non privo di quel senso dell’umorismo che alleggerisce di tanto in tanto la tensione della rappresentazione e della storia.

Una coppia entra in crisi dopo dodici anni di un matrimonio contratto in età molto giovane. La passione per una diciottenne allontana Aldo da Vanda che si lascia trasportare dalla rabbia e dal rancore. I due rivelano in questa circostanza la loro vera natura: razionale, ordinata, risparmiatrice lei,  ha messo da parte i sogni per dedicarsi ai figli, al marito,  alla casa. Vanda è la personificazione della casalinga frustrata, che appartiene a quella generazione di donne che ha represso e rinunciato a qualsiasi possibilità di emancipazione per aderire al modello borghese di moglie e di madre così funzionale alla società del suo tempo. Il tradimentola umilia e la mortifica. La conseguente perdita di autostima inasprisce il carattere di Vanda ed è la causa del suo crescente disprezzo per il marito.

Aldo, al contrario, è la personificazione della spontaneità, dell’indole passionale, che si lascia trasportare dal sentimento. Ragione contro sentimento, dunque. Una lotta lunga e dolorosa con due figli testimoni, una coppia che si lacera tra accuse e vili defezioni. Aldo è consapevole del dolore che ha provocato a Vanda e ai figli, Sandro e Anna, con la sua fuga e il tentativo di liberarsi di quei lacci che lo hanno legato per tanto tempo col rischio di spegnere in lui ogni ambizione. Il senso di colpa lo riporta a casa tra le mura domestiche dove ha una speranza di mettere a tacere la coscienza, con il suo sacrificio, ma la pace è ormai compromessa. Eppure Aldo, con le sue viltà ei suoi peccati, con le sue debolezze trasmette tutta la sua umanità al punto da suscitare tanto nel lettore del romanzo, quanto nello spettatore del dramma, indulgenza e partecipazione.

 Ai figli Sandro e Annaè affidato il compito di concludere la storia con la propria versione dei fatti. Con questo espediente del triplice punto di vista, quello di Vanda attraverso le sue lettere nella parte iniziale, quello di Aldo che si racconta e racconta la sua passione al lettore nel romanzo, a Nadar, il vicino ingombrante, nel dramma, e quello dei figli nella parte finale,Starnoneintende dimostrare come la realtà possa essere diversa per ogni individuo, a seconda di come essa sia vissuta e percepita.

Un dramma familiare, in definitiva, assai amaro, che non vuole essere un’accusa o una condanna della istituzione del matrimonio, ma che denuncia i pericoli e le insidie che in esso possono nascondersi, qualora  sia fondato su basi impari, e soprattutto se il rapporto si appiattisce su una routine quotidiana che spegne ogni fantasia e ogni iniziativa. Un dramma che ha al centro l’uomo con le sue debolezze, con le sue insicurezze e con quei desideri e quelle aspirazioni di cui egli stesso sovente ha paura di prendere coscienza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Domenico

Starnone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Starnone Domenico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

Dall’incipit del libro: Una dedicatoria a un becchino? — E perchè no? Non è egli forse un uomo come un altro e — non ve l’abbiate a male — non può egli essere un galantuomo par vostro e mio? Anzi — e sarei pronto a giurarlo sul Vangelo —, ei valeva assai più di tanti e tanti che han titolo di baccelliere, e magari di dottore, i quali col nastrino all’occhiello dell’abito, sono saliti tant’alto da credere che gli onesti non li ravvisino più per quel ch’e’sono: barattieri solenni. Dico perciò che, se aveste conosciuto quel povero becchino, lo avreste, come me, amato e, aggiungo anche, onorato. Io, allora, ero quasi fanciullo; ma quando il brav’uomo morì, portavo già i peli del labbro superiore arricciati dispettosamente all’insù con quella boria de’ vent’anni, che sarebbe molto ridicola, se non fosse altrettanto innocente. Di quel tempo certi fumi si guardan con occhio benevolo, avvegnachè, più o meno, li abbiamo avuti tutti, quei fumi; e, invero, quella è proprio l’età delle leggerezze e delle scappatelle, le quali — ove non passino la misura o il segno — meritano sempre benevolo perdono. A quei giorni io credo che Tomaso Giona, soprannominato il Griso, andasse oltre i sessant’anni; e tuttavia quel numero di pasque se le portava bene.

La leggenda del Buranco

Maineri Baccio Emanuele

New York City, 1926. I vetri dei grattacieli risplendono dei bagliori di mille feste animate da balli sfrenati a ritmo di charleston e dal tintinnio delle perle sui vestiti luccicanti. L'alcol scorre a fiumi nonostante i divieti e, a giudicare dall'effervescenza di Manhattan, il mondo sembra destinato a un futuro radioso. È qui che in seguito all'ennesima eccentricità viene spedita dai genitori l'irriverente Evie O'Neill, una ragazza dell'Ohio che non aspetta altro che tuffarsi tra le infinite possibilità offerte dalla metropoli. A ospitarla è lo zio Will, un professore, parente dei Fitzgerald, che dirige il Museo Americano del Folklore, delle Superstizioni e dell'Occulto, detto anche Musco del Brivido: un luogo magico dal fascino decadente, che custodisce nelle sue teche e tra i suoi bui corridoi le tracce del retroterra misterioso dell'America. Ma quando lo sfolgorio della città viene oscurato da una serie di delitti a sfondo esoterico, New York precipita in un vortice di paura ed Evie, che da subito assiste lo zio nella consulenza alla polizia, è chiamata a collaborare alle indagini, anche per quel suo dono di vedere il passato delle persone toccando un oggetto a loro appartenuto. Muovendosi tra fumosi jazz club e bassifondi urbani, scintillanti negozi e sale spettrali, la ragazza s'inoltrerà insieme a molti compagni di strada in un gorgo di eventi evocato dal passato, e che nel passato dovrà essere ricacciato, pena il sopravvento di un antico male oscuro.

La stella nera di New York

Bray Libba

C'è una donna che lo cerca: è una biologa russa, affascinante. In un'osteria affacciata sulla laguna di Venezia dichiara di voler clonare un cavallo portentoso, quello del monumento a Bartolomeo Colleoni in campo San Zanipolo. Alvise Pàvari dal Canal ne ha sentite tante nella vita, ma questa le batte tutte. Clonare una statua? Certo che no, gli spiega dolcemente la russa. Lei allude a tessuti organici di cinquecento anni fa, perfettamente conservati. Alvise finge di non capire, ma pensa alla teca con due sfere di vetro ambrato custodita nel palazzo avito sul Canal Grande. E una leggenda di famiglia ci trascina indietro nel tempo: al banchetto di cento portate in cui il Colleoni, capitano generale della Serenissima, conquista una donna troppo piena di vita per accontentarsi del vecchio marito mercante; alla frenesia di amorosi sensi che Leonardo da Vinci, giunto in laguna da Firenze, scatena a Ca' Pàvari, seminando nostalgia inguaribile e un capolavoro sorprendente.

DUE BELLE SFERE DI VETRO AMBRATO

Caponetti Giorgio