Narrativa

Lacci

Starnone Domenico

Descrizione: «Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie». Si apre cosí la lettera che Vanda scrive al marito che se n’è andato di casa, lasciandola in preda a una tempesta di rabbia impotente e domande che non trovano risposta. Si sono sposati giovani all’inizio degli anni Sessanta, per desiderio di indipendenza, ma poi attorno a loro il mondo è cambiato, e ritrovarsi a trent’anni con una famiglia a carico è diventato un segno di arretratezza piú che di autonomia. Perciò adesso lui se ne sta a Roma, innamorato della grazia lieve di una sconosciuta con cui i giorni sono sempre gioiosi, e lei a Napoli con i fi gli, a misurare l’estensione del silenzio e il crescere dell’estraneità. Che cosa siamo disposti a sacrifi care, pur di non sentirci in trappola? E che cosa perdiamo, quando scegliamo di tornare sui nostri passi? Perché niente è piú radicale dell’abbandono, ma niente è piú tenace di quei lacci invisibili che legano le persone le une alle altre. E a volte basta un gesto minimo per far riaffi orare quello che abbiamo provato a mettere da parte.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2016

ISBN: 9788806228989

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

Lacci di Starnone nella magistrale interpretazione di Silvio Orlando

Molto fedele al testo di Domenico Starnone, la realizzazione teatrale di Lacci, con Silvio Orlando protagonista, è un atto unico molto intenso, ricco di pathos ma non privo di quel senso dell’umorismo che alleggerisce di tanto in tanto la tensione della rappresentazione e della storia.

Una coppia entra in crisi dopo dodici anni di un matrimonio contratto in età molto giovane. La passione per una diciottenne allontana Aldo da Vanda che si lascia trasportare dalla rabbia e dal rancore. I due rivelano in questa circostanza la loro vera natura: razionale, ordinata, risparmiatrice lei,  ha messo da parte i sogni per dedicarsi ai figli, al marito,  alla casa. Vanda è la personificazione della casalinga frustrata, che appartiene a quella generazione di donne che ha represso e rinunciato a qualsiasi possibilità di emancipazione per aderire al modello borghese di moglie e di madre così funzionale alla società del suo tempo. Il tradimentola umilia e la mortifica. La conseguente perdita di autostima inasprisce il carattere di Vanda ed è la causa del suo crescente disprezzo per il marito.

Aldo, al contrario, è la personificazione della spontaneità, dell’indole passionale, che si lascia trasportare dal sentimento. Ragione contro sentimento, dunque. Una lotta lunga e dolorosa con due figli testimoni, una coppia che si lacera tra accuse e vili defezioni. Aldo è consapevole del dolore che ha provocato a Vanda e ai figli, Sandro e Anna, con la sua fuga e il tentativo di liberarsi di quei lacci che lo hanno legato per tanto tempo col rischio di spegnere in lui ogni ambizione. Il senso di colpa lo riporta a casa tra le mura domestiche dove ha una speranza di mettere a tacere la coscienza, con il suo sacrificio, ma la pace è ormai compromessa. Eppure Aldo, con le sue viltà ei suoi peccati, con le sue debolezze trasmette tutta la sua umanità al punto da suscitare tanto nel lettore del romanzo, quanto nello spettatore del dramma, indulgenza e partecipazione.

 Ai figli Sandro e Annaè affidato il compito di concludere la storia con la propria versione dei fatti. Con questo espediente del triplice punto di vista, quello di Vanda attraverso le sue lettere nella parte iniziale, quello di Aldo che si racconta e racconta la sua passione al lettore nel romanzo, a Nadar, il vicino ingombrante, nel dramma, e quello dei figli nella parte finale,Starnoneintende dimostrare come la realtà possa essere diversa per ogni individuo, a seconda di come essa sia vissuta e percepita.

Un dramma familiare, in definitiva, assai amaro, che non vuole essere un’accusa o una condanna della istituzione del matrimonio, ma che denuncia i pericoli e le insidie che in esso possono nascondersi, qualora  sia fondato su basi impari, e soprattutto se il rapporto si appiattisce su una routine quotidiana che spegne ogni fantasia e ogni iniziativa. Un dramma che ha al centro l’uomo con le sue debolezze, con le sue insicurezze e con quei desideri e quelle aspirazioni di cui egli stesso sovente ha paura di prendere coscienza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Domenico

Starnone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Starnone Domenico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Berlino nel 1933 è in subbuglio. L'undicenne Carla von Ulrich, figlia di Lady Maud Fitzherbert, cerca con tutte le forze di comprendere le tensioni che stanno lacerando la sua famiglia, nei giorni in cui Hitler inizia l'inesorabile ascesa al potere. Insieme a lei, tanti altri personaggi, Ethel Leckwith e suo figlio Lloyd, Volodja Peskov, destinato a un brillante futuro nei servizi segreti sovietici, e sua cugina Daisy, brillante frequentatrice dell'alta società, i due fratelli americani Woody e Chuck Dewar... Il destino li metterà a dura prova, così come le vite e le speranze di tanti altri verranno annientate dalla più grande e crudele guerra nella storia dell'umanità, che si scatenerà con violenza da Londra a Berlino, dalla Spagna a Mosca, da Pearl Harbor a Hiroshima, dalle residenze private alla polvere e al sangue delle battaglie che hanno segnato l'intero secolo.

L’inverno del mondo

Follett Ken

Camuffato, Juan Cabrillo si introduce in una prigione siberiana per cercare di salvare il suo amico russo Yuri Borodin. Purtroppo l'operazione si conclude con la morte di Borodin, che riesce solo a lasciare un ultimo, oscuro messaggio all'amico, un messaggio che contiene un nome, Tesla... Per Cabrillo è l'inizio di una convulsa avventura che lo porterà sulle tracce di un mistero iniziato nel 1943, con la scomparsa di un cacciatorpediniere americano, sul quale si diceva che si stessero facendo esperimenti con le radiazioni elettromagnetiche per la realizzazione di una nuova potentissima arma. Cabrillo e i suoi scopriranno che in effetti le voci avevano un fondamento e che il rischio per l'America è molto alto.

Miraggio

Cussler Clive

Tre viaggi nel corso di un anno. Turchia, Iraq, Siria, per documentare la vita della resistenza curda in una delle zone calde meno spiegate dai media mainstream. Zerocalcare realizza un lungo racconto, a tratti intimo, a tratti corale, nel quale l'esistenza degli abitanti del Rojava (una regione il cui nome non si sente mai ai telegiornali) emerge come un baluardo di estrema speranza per tutta l'umanità.

Kobane calling

Zerocalcare

Come si fa a diventare buoni? E, soprattutto, che cosa significa essere buoni? Katie Carr non se l'è mai chiesto: una donna che ha scelto di diventare medico per aiutare gli altri e che ha cresciuto i figli ai valori morali più profondi non ha nemmeno bisogno di porsi la questione. Finché quella donna non tradisce il marito. E allora il marito, David, decide di dare una svolta alla sua vita. Abbandona le arguzie sarcastiche con le quali non risparmiava nessuno, nemmeno la moglie e i figli, e rinuncia a versare veleno su tutto e tutti nella rubrica che firmava regolarmente su un quotidiano locale; insomma, smette di essere «l'uomo più arrabbiato di Holloway» per diventare buono. Ma buono sul serio. Niente di più azzeccato, a questo punto, dell' entrata in scena di BuoneNuove. Con tanto di piercing alle sopracciglia, una storia di droga alle spalle e tecniche di guarigione dello spirito e del corpo capaci di sfidare tutta la scienza medica, BuoneNuove aiuta David a mettere a punto strategie di bontà e varare progetti piccoli e grandi per contribuire a risolvere il problema della sofferenza umana: lasagne prese dal congelatore di casa per sfamare i barboni del parco, giocattoli e computer sottratti ai figli per intrattenere i bambini meno fortunati, esortazioni agli abitanti della via perché ciascuna famiglia metta a disposizione una stanza per un senzatetto e infine un bel manuale di istruzioni su come redistribuire equamente le ricchezze mondiali. Com'è prevedibile, Katie perde ogni punto di riferimento: il marito è irriconoscibile, i due figli si schierano l'uno con la madre e l'altra col padre, e lei deve sopportare la convivenza coatta con BuoneNuove e un senzatetto che si fa chiamare Scimmia. E, catapultata in una realtà tutta nuova, è costretta a riflettere anche sulla crisi del suo matrimonio.

COME DIVENTARE BUONI

Hornby Nick