Narrativa

L’addio

Moresco Antonio

Descrizione: "Mi chiamo D'Arco e sono uno sbirro morto." Comincia così questo romanzo, metafisico e d'azione. Il protagonista è un uomo pieno di dolore, delicatezza e furore, chiamato a compiere una missione impossibile. La città dei vivi e quella dei morti sono vicine, comunicanti, e si assomigliano molto. La polizia dei vivi e la polizia dei morti sono in contatto e collaborano, quando devono risolvere i casi più difficili. Dispongono di cellulari tarati per la comunicazione tra vivi e morti, e di e-mail criptate. Ma c'è un'altra cosa, che però nessuno sa dire: quale dei due mondi venga prima. Ora D'Arco deve tornare nel mondo dei vivi, nel quale fu ucciso, per fermare un massacro di vittime innocenti. Ma, se la morte venisse davvero prima della vita e il male prima del bene, come si potrà invertire la spirale? D'Arco ci proverà perché è uno che non si arrende, perché ha una formidabile guida e un alleato: un bambino dal cranio rasato, gli occhi spalancati e i denti serrati, una creatura senza più voce e con il collo percorso da una cicatrice prodotta da una collana di filo spinato, ma con la volontà attraversata dalla stessa indomabile sete di giustizia. Una coppia di eroi fragili e indistruttibili, individui solitari e disillusi ma disposti a mettere in gioco tutto per difendere chi sia stato umiliato e offeso: un uomo che si è gettato alle spalle le speranze e un bambino muto ma capace di guardare.

Categoria: Narrativa

Editore: Giunti

Collana: Scrittori Giunti

Anno: 2016

ISBN: 9788809828025

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Con il suo nuovo romanzo Antonio Moresco sembra dare L’addio al registro delle sue precedenti opere.

La storia de L’addio è surreale, vorrebbe – credo – affrontare il difficile tema del male (inteso anche come morte) nel mondo e, per fare questo, viene scelto un genere ibrido tra metafisica e horror.
La città della morte e la città della vita sono un continuum pressoché indifferenziato, un binomio di vasi comunicanti percorribili in modo bidirezionale, senza che ben si sappia quale dei due mondi sia l’antecedente dell’altro.
Narrativamente si parte dalla città dei morti per il tramite di un poliziotto defunto, D’Arco, il protagonista che si carica di un’improba missione: stabilire perché “i bambini della città dei morti si sono messi improvvisamente a cantare”.
Con il suo aspetto da zombie (“Ho gli occhi bianchi. L’iride e la pupilla non si distinguono quasi dalla cornea”), assistito e guidato da un bimbo muto (“Aveva il piccolo cranio rasato, gli occhi spalancati, i denti serrati. Gli circondava il collo una cicatrice che sembrava prodotta da una collana di filo spinato”) che si esprime tracciando scritte (“Io ti porterò là”), D’Arco – in veste di castigamatti – si sposta nella città dei vivi (“Cantano ogni volta che viene ucciso un bambino nella città dei vivi”) e trascorre tre nottate in spedizione punitiva, con epilogo violento nella reggia della luce, che sembra essere il covo del male (“Tutti i tormentatori, i profanatori e i massacratori di bambini si sono dati appuntamento qui, in questa reggia…”).

Tra descrizioni suburbane (“Torri ancora in costruzione da cui spuntavano armature nude di ferro”), atmosfere spettrali e personaggi per lo più senza nome (“Quella”, “il bambino”, “lo Sparviero), con stile cronachistico al limite dell’elencazione nuda e cruda degli atti (“Ho guardato le armi… ho messo le pistole nelle due tasche del giubbotto e ho chiuso le cerniere, ho fissato il coltello…”), diffondendo angoscia (ma anche un po’ di noia) sul lettore, ne L’addio Antonio Moresco declina la sua poetica in polemica con i romanzi d’intrattenimento (“Libri che parlano di queste cose per divertirvi e per intrattenervi, per catturarvi in una rete di complicità…”), sotto i colpi dei dubbi filosofici  (“Io credevo che si potesse andare solo dalla vita alla morte e non dalla morte alla vita!”) e dei postulati esistenziali (“Perché la città dei morti viene prima, perché la morte viene prima”).

Un vero peccato per un autore che aveva regalato romanzi interessanti (La lucina), prima di cimentarsi in questo ardito e ardimentoso salto nel vuoto filosofico che il male spalanca.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Moresco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moresco Antonio

Apologia di uomini inutili affronta la caduta nel vortice della pazzia di un uomo qualunque. Un uomo come tanti, la cui unica vera azione attiva della sua vita, uccidere uno stupratore di bambine, lo porta a uno stravolgimento del suo equilibrio psichico. Il romanzo, ambientato fra lo Yemen e l'Egitto, indaga nelle piaghe della società e si nutre di atti e pensieri folli e disumani. Tra atmosfere cupe, violenze, terrorismo e interessi di politica internazionale, Lorenzo Mazzoni ci offre una storia senza pietà, ignorando completamente l'ipotesi di un lieto fine standard, immergendosi in un viaggio senza ritorno nelle fragilità umane. Apologia di uomini inutili non è dunque una lettura d’evasione. È una lettura di liberazione, anche se dolorosa, perché pensare a tutto ciò che lasciamo accadere sotto i nostri occhi di occidentali può far male.

Apologia di uomini inutili

Mazzoni Lorenzo

Un giovane italiano si trasferisce a Londra, lavora in un museo e sogna di scrivere un romanzo mentre scrive brevi ritratti dei personaggi che incontra. Ma l'esperienza di vita si fa dirompente e l'arte sembra passare in secondo piano. Un lungo percorso fuori e dentro se stesso, accompagnato da una moglie idealizzata e platonica, da amici, amanti e pseudo-fidanzati che lo porteranno a rivelazioni circa se stesso, la sua sfera sentimentale e sessuale, e il suo rapporto con l'arte. Londra equivale a mille possibilità: di una storia d'amore tanto cercata, di solitudine produttiva o lacerante, di estasi e profonda malinconia, di violenza omofobica e razziale.

Segmenti di coscienza

Sabatini Federico

In questo libro Jesper Juul condensa numerosi spunti di riflessione e indirizza il lettore verso possibili soluzioni relative alle questioni che più di frequente caratterizzano i rapporti nelle famiglie ricostituite, sostitutive, patchwork o, nelle parole dell'autore, famiglie bonus, quelle cioè in cui si intrecciano le relazioni dei figli con i nuovi partner dei propri genitori. Il bonus è il vantaggio dato dall'ingresso di un nuovo adulto in un nucleo familiare dopo una separazione. Il loro ruolo non è semplice: Jesper Juul propone alcuni accorgimenti per coglierne le migliori opportunità e non cadere nelle trappole più comuni, illustrando le une e le altre con interessanti esempi tratti dalla sua esperienza di terapeuta della famiglia. Rivolgendosi ai nuovi adulti che si introducono nella famiglia del partner, Juul invita a riflettere su alcuni temi basilari: l'importanza di scegliere con cura quando e come introdurre un nuovo adulto nella vita familiare; la necessità di un buon contatto, nel rispetto dei limiti altrui e dei propri; l'inutilità di recitare la parte degli educatori e l'invito a divenire amici adulti; il ruolo degli ex partner, ma non ex genitori; la necessità di condividere la responsabilità dei loro precedenti insuccessi nelle relazioni di coppia; la necessaria consapevolezza che nessun consiglio potrà servire, se l'amore e la disponibilità verso gli altri, i figli, non andranno di pari passo con la voglia di maturare e di crescere insieme con loro.

Un genitore in più

Juul Jesper

In un punto preciso dello spaziotempo Raffaele, satiro irrequieto, inciampa da una storia all'altra in cerca di successo e Fabio, misantropo nerd, insegue se stesso e la fortuna in un agone digitale di improbabili social. L'incrocio sbilenco delle loro vite innesca un romanzo selvaggio, labirintico, possente. Cometa è l'epopea disastrata, erotica e lisergica degli eroi senza motivo. Archetipi di una generazione fuori fuoco, il cui centro è dappertutto ma sempre altrove. L'odissea senza approdo di una stirpe di eletti a niente che cavalca il progresso come una pulce su un cavallo imbizzarrito, traghettata da sogni frenetici e deliri tecnologici. Gregorio Magini celebra il dispiegarsi incerto dell'epoca che viviamo e approda a una visione del futuro a cui tutti, volenti o impotenti, siamo destinati.

Cometa

Magini Gregorio