Letteratura araba

L’ALBERO DELLA MISERIA – di Taha Hussein

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

tree-of-miseryTitolo: L’albero della miseria
Autore: Taha Hussein
Anno: 1944



Ho sempre pensato che lo scrittore egiziano Taha Hussein fosse un memorialista e un critico, e non un autore di romanzi avvincenti. Infatti ero convinto che la narrativa di Hussein fosse istruita e “interessante”, ma non certo gradevole.

La traduttrice Mona El-Zayyat descrive L’albero della miseria, nella sua premessa, come “il primo tentativo di uno scrittore arabo di adottare lo stile occidentale di seguire la storia di una famiglia per più di una generazione”.

Il romanzo, scritto durante la seconda guerra mondiale, racconta i mutamenti sociali e nello stile di vita avvenuti in Egitto, mediante le storie di Abu Khaled, i suoi figli e i figli dei suoi figli. Condivide quindi l’impalcatura inter-generazionale del capolavoro di Naguib Mahfouz’s, La trilogia del Cairo, scritto 12 anni dopo L’albero della miseria di Hussein.

Nei libri de La trilogia del Cairo, Mahfouz segue El-Sayyid Ahmad Abdel Gawad e la sua famiglia attraverso tre generazioni. Mentre La trilogia del Cairo è maggiormente interessata alle vite dei personaggi maschi – e particolarmente a quella di Kamal – l’opera di Hussein è più interessata alle vite delle sue convincenti ed eclettiche donne.

I personaggi maschili sono quelli che sembrano darci di più nel libro: da Abu Khaled, il vecchio Sceicco, Abu Saleh, Khaled, e Selim. Ma il momento sorprendente, quello della rivelazione, è quando appaiono i personaggi femminili e siamo costretti a rivalutare ciò che abbiamo appreso dagli uomini.

Inizialmente crediamo che “l’albero della miseria” sia stato piantato nella casa di Abu Khaled per via della bruttezza di sua moglie Nefissa.  Simpatizziamo con Khaled per la sua brutta e mentalmente instabile moglie e ci fa piacere quando lo sceicco insiste affinchè divorzi e si sposi ancora.

Dopo tutto, Khaled è un uomo buono e si merita la bellezza e la felicità. La moglie di Selim, Zebeida, ci sorprende con questa sua fantasticheria, sgridandoci ad alta voce, chiedendo a suo marito (ed al lettore) quale sia il destino di Nefissa. Perchè Nefissa non merita di più?

La figlia di Nefissa deve affrontare le stesse tribolazioni della madre – anche se in contesto sociale diverso. Quando la bellissima matrigna incolpa la figlia di Nefissa di tutti i problemi della loro famiglia, del loro “albero della miseria”, la sua figlia maggiore risponde nervosamente:

“Ti giuro, madre, non lo so! Forse sono stata io a commettere un’ingiustizia a me stessa quando mi sono presa ciò che non era mio di diritto!”

L’albero della miseria non è in fin dei conti fertilizzato dalla bruttezza delle donne, ma dalle ingiustizie che noi (uomini e donne) infliggiamo loro. Il critico Raga’ al-Naqqash ha attribuito allo scrittore egiziano Nawal al Saadawi la scrittura del primo romanzo femminista in arabo oltre venti anni dopo “L’albero della miseria”. Personalmente però non esiterei a chiamare quest’ultimo un romanzo femminista.

*     *     *     *

Articolo tradotto dall’inglese, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link http://arablit.wordpress.com/2010/04/15/one-minute-review-taha-husseins-the-tree-of-misery/


...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dalla tragica morte della moglie, A. J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A. J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all'infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A. J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l'esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri, per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell'affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all'interno e, grazie a lei, A. J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore.

La misura della felicità

Zevin Gabrielle

Il volume raccoglie due dei più importanti romanzi di Joseph Roth. Nella Leggenda del santo bevitore Andreas, un clochard, vive sotto i ponti di Parigi. Quando un misterioso passante gli dona una piccola somma di denaro, egli la accetta promettendo di restituirla la domenica successiva con un'offerta in chiesa. Ogni volta che ha in tasca il denaro sufficiente per saldare il suo debito, però, Andreas non resiste alla tentazione di usarlo per rincorrere vizi e piaceri e la restituzione di quei duecento franchi diventa la sua tormentata ragione di esistere. Da questo racconto, tradotto in tutto il mondo e considerato il testamento letterario di Roth, è tratto l'omonimo film di Ermanno Olmi. In Fuga senza fine, Franz Tunda, tenente dell'esercito austriaco, viene fatto prigioniero dai russi e riesce a salvarsi grazie all'aiuto di un mercante di pellicce siberiano, che lo nasconde in casa sua. A guerra finita, Franz, dopo molte peripezie e avventure sentimentali, ritorna finalmente in Austria, ma ormai non è più lo stesso. Metafora del disincanto e dello smarrimento che ha colpito la generazione vissuta in Europa tra le due guerre, questo breve e intenso romanzo è considerato il più autobiografico tra quelli di Roth.

La leggenda del santo bevitore

Roth Joseph

Dopo il dolore causato dalla fine della sua storia con Gabriel, Ayleen ha finalmente ricominciato ad amare: si tratta di un ragazzo misterioso del quale non conosce neppure il nome, ma le è bastato sedere al suo fianco sulla riva del lago per capire che il suo posto è dov'è lui. Ma perché ha la sensazione di potersi fidare ciecamente di un uomo del quale non sa nulla mentre Tamara, la sua migliore amica, le intima di stare alla larga da lui? E se di giorno i dubbi la tormentano, la notte porta con sé incubi dai quali si risveglia immemore con un solo nome a fior di labbra: "Nathan". Gabriel e Nathan, il Bene e il Male e, nel mezzo, una maledizione che attraversa i secoli. Dalla Roma degli intrighi al naufragio del Titanic passando attraverso il Quattrocento di Caterina Sforza, Ayleen viaggerà nella Storia per compiere la scelta più dolorosa, e capirà che il segreto dell'amore riposa nel tempo che scorre sulle cose, travolgendole. Perché l'amore, esattamente come il tempo, non può essere misurato che da un metro soltanto: l'eterno.

Il gioco dei ricordi

Bellini Laura

Con l'inedito Dove tutto ebbe inizio, un testamento letterario. In questo splendido romanzo autobiografico, Vitaliano Trevisan racconta gli anni Settanta schiacciati tra politica ed eroina, cui sembra essere sopravvissuto quasi per caso, la storia di un matrimonio e della sua fine, le contraddizioni del mondo della cultura e la sofferenza psichica, il percorso pieno di deragliamenti di un ragazzo destinato a fare lo scrittore. Perché trovo sempre un lavoro?, mi dicevo, Perché non mi lasciano andare alla deriva in pace? Diventare un barbone. Una delle possibilità che contemplavo. Che contemplo tuttora. Poi non ho coraggio. Mi viene in mente mio padre, il poliziotto Arturo, e la sua divisa, sempre impeccabile; e mio nonno, la dignità con cui indossava il suo vestito da festa. Assurdità che sempre mi ritornano. L’origine è un vestito che uno non smette mai. Il lavoro come condanna e perdizione, il lavoro come cellula primordiale dell’organismo umano, il lavoro che marchia anima e corpo di un’intera vita. Con una scrittura originale come un classico pezzo di jazz, che ne ha fatto uno degli autori italiani piú importanti della sua generazione, in questo romanzo autobiografico Vitaliano Trevisan racconta il lavoro nel luogo in cui è una religione, il Nordest, dagli anni Settanta fino agli anni Zero. E attraverso questa lente scandaglia non solo le mutazioni del nostro Paese, ma la sua stessa vita: il fallimento dell’amore, i meccanismi di potere nascosti in qualunque relazione, la storia della propria e di ogni famiglia, che è sempre «una storia di soldi».

Works

Trevisan Vitaliano