Letteratura araba

L’ALBERO DELLA MISERIA – di Taha Hussein

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

tree-of-miseryTitolo: L’albero della miseria
Autore: Taha Hussein
Anno: 1944



Ho sempre pensato che lo scrittore egiziano Taha Hussein fosse un memorialista e un critico, e non un autore di romanzi avvincenti. Infatti ero convinto che la narrativa di Hussein fosse istruita e “interessante”, ma non certo gradevole.

La traduttrice Mona El-Zayyat descrive L’albero della miseria, nella sua premessa, come “il primo tentativo di uno scrittore arabo di adottare lo stile occidentale di seguire la storia di una famiglia per più di una generazione”.

Il romanzo, scritto durante la seconda guerra mondiale, racconta i mutamenti sociali e nello stile di vita avvenuti in Egitto, mediante le storie di Abu Khaled, i suoi figli e i figli dei suoi figli. Condivide quindi l’impalcatura inter-generazionale del capolavoro di Naguib Mahfouz’s, La trilogia del Cairo, scritto 12 anni dopo L’albero della miseria di Hussein.

Nei libri de La trilogia del Cairo, Mahfouz segue El-Sayyid Ahmad Abdel Gawad e la sua famiglia attraverso tre generazioni. Mentre La trilogia del Cairo è maggiormente interessata alle vite dei personaggi maschi – e particolarmente a quella di Kamal – l’opera di Hussein è più interessata alle vite delle sue convincenti ed eclettiche donne.

I personaggi maschili sono quelli che sembrano darci di più nel libro: da Abu Khaled, il vecchio Sceicco, Abu Saleh, Khaled, e Selim. Ma il momento sorprendente, quello della rivelazione, è quando appaiono i personaggi femminili e siamo costretti a rivalutare ciò che abbiamo appreso dagli uomini.

Inizialmente crediamo che “l’albero della miseria” sia stato piantato nella casa di Abu Khaled per via della bruttezza di sua moglie Nefissa.  Simpatizziamo con Khaled per la sua brutta e mentalmente instabile moglie e ci fa piacere quando lo sceicco insiste affinchè divorzi e si sposi ancora.

Dopo tutto, Khaled è un uomo buono e si merita la bellezza e la felicità. La moglie di Selim, Zebeida, ci sorprende con questa sua fantasticheria, sgridandoci ad alta voce, chiedendo a suo marito (ed al lettore) quale sia il destino di Nefissa. Perchè Nefissa non merita di più?

La figlia di Nefissa deve affrontare le stesse tribolazioni della madre – anche se in contesto sociale diverso. Quando la bellissima matrigna incolpa la figlia di Nefissa di tutti i problemi della loro famiglia, del loro “albero della miseria”, la sua figlia maggiore risponde nervosamente:

“Ti giuro, madre, non lo so! Forse sono stata io a commettere un’ingiustizia a me stessa quando mi sono presa ciò che non era mio di diritto!”

L’albero della miseria non è in fin dei conti fertilizzato dalla bruttezza delle donne, ma dalle ingiustizie che noi (uomini e donne) infliggiamo loro. Il critico Raga’ al-Naqqash ha attribuito allo scrittore egiziano Nawal al Saadawi la scrittura del primo romanzo femminista in arabo oltre venti anni dopo “L’albero della miseria”. Personalmente però non esiterei a chiamare quest’ultimo un romanzo femminista.

*     *     *     *

Articolo tradotto dall’inglese, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link http://arablit.wordpress.com/2010/04/15/one-minute-review-taha-husseins-the-tree-of-misery/


...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Gabriele ha lavorato tanto per arrivare in cima, da cameriere a proprietario di una catena di alberghi di lusso. E ora che è a un passo dal traguardo, il matrimonio con una ricca ereditiera, è disposto a tutto, anche a uccidere la donna che ama. Filippo ha solo la sua famiglia, una moglie e una figlia che adora, per cui ha messo finalmente la testa a posto. Ma proprio per garantire loro un futuro migliore è costretto a sporcarsi le mani. Marco è sempre stato un debole, succube di un padre padrone, non ha mai scelto nulla nella sua vita, neanche il lavoro in polizia. Solo l'omicidio di sua sorella riesce a scuoterlo dal torpore, ma lo metterà di fronte a una parte di se stesso che lo terrorizza. Tre uomini, tre destini che si intrecciano lungo la discesa verso un luogo dove non ci sono vincitori: l'inferno.

L’uomo nero

Poldelmengo Luca

Hazel, un'allegra bambina di otto anni, è ospite della terribile zia Eugenia in compagnia del suo antipatico cuginetto Isambard. Basterebbe l'immagine del vecchio maniero dove vìvono i parenti dì Hazel per spaventare qualsiasi visitatore, eppure, dopo la prima inquietante giornata con zia Eugenia, la vita comincia a cambiare. Isambard, intatti, presenta a Hazel la sua collezione di cuccioli terrificanti: un cane con la testa di legno, un gruppo dì paperelle che fumano sigarette nello stagno, due maiali senza zampe... e questo è solo l'inizio! Una notte Hazel decide di esplorare il giardino e, nascosti tra i cespugli, scopre degli strani mostri: il pitonspino (un pitone con la testa di porcospino), il gorillopardo (un gorilla con il corpo da ghepardo) e la ranostrica (un'ostrica con le zampe da rana). Queste tre curiose creature non sono altro che gli incubi di zia Eugenia che, tutte le notti, disturbano i sogni dell'antipatica signora. Quando Hazel capisce che dietro i mostri c'è il suo caro cuginetto, intenzionato a far morire di paura la zia, si troverà a lottare contro Isambard e imparerà che, nelle favole come nella vita, persine le cose più brutte non sono mai così cattive come possono sembrare.

GLI INCUBI DI HAZEL

Deeny Leander

“Ci sono momenti nella vita…” in cui si vorrebbe scomparire, “mandare avanti veloce”, come davanti a un film dell’orrore. E questo per Consolata Bogetto, nome dovuto alla delirante fede di sua madre, è uno di quei momenti. Mentre aspetta l’autobus, sotto una pioggia scrosciante, ovviamente sprovvista di ombrello, in attesa di raggiungere l’odiato ma inevitabile pranzo domenicale dai suoi, incontra l’uomo che le ha spezzato il cuore. E ovviamente lei non è, come in tutti i sogni a occhi aperti che ha fatto nell’ultimo anno (e tre mesi e relativi giorni e ore), accompagnata da un uomo meraviglioso e adorante, fasciata in un abitino sexy, nel privé di un locale trendy. Ma è in mezzo alla strada, con i capelli incollati al volto e il trucco sciolto, mentre lui la saluta da un ombrello formato gigante accanto alla nuova impeccabile compagna e a una carrozzina rosa. Quando si dice “fortuna”. Meno male che nella sua vita ci sono alcuni punti fermi. La famiglia: una madre logorroica che per vederla sposata sarebbe pronta a uccidere e una sorella minore già sistemata da anni. Il lavoro in una libreria che le ha dato grandi soddisfazioni, come passare dal reparto “Hobby e Turismo” a “Gola e Cucina” dopo solo dieci anni. Per non parlare del suo migliore amico che, da quando ha ben pensato di innamorarsi della donna perfetta (cuore di Madre Teresa e corpo di Nicole Kidman), la trascura. Ma forse a tutto questo c’è una soluzione.

QUASI QUASI M’INNAMORO

Mittone Anna

Per fare bene il mestiere di malato bisogna essere sani! È questa la paradossale conclusione a cui giunge la narratrice di questa complessa storia di malattia. Il mestiere di malato richiede infatti "mente lucida, nervi saldi, grande pazienza". Quel "mondo dei sani", che è stato il suo fino a poco tempo prima, diventa ora un territorio nuovo, estraneo, da scoprire, da esplorare. Nulla è più indicativo di questo sconvolgimento relazionale del rapporto con le badanti, e a ragione la narratrice dedica ad esso molte pagine. "Badante" non è una professione né un mestiere; non è in genere neanche una scelta, un progetto di vita. Si tratta di donne costrette ad abbandonare casa e affetti per necessità economica; donne per le quali l'assistito rappresenta più che una persona un'opportunità economica. Denuncia con intenzionale consapevolezza le difficoltà in cui incorre quotidianamente l'ammalato cronico: nella relazione con il sistema sanitario e l'apparato medico, con l'assistenza privata, con il mondo esterno e nella gestione delle vita quotidiana. La malattia diventa veicolo di indagine e di crescita interiore.

YURI E IL MISTERO DELLE SCARPE BLU

Magro Elvira