Letteratura araba

L’ALBERO DELLA MISERIA – di Taha Hussein

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

tree-of-miseryTitolo: L’albero della miseria
Autore: Taha Hussein
Anno: 1944



Ho sempre pensato che lo scrittore egiziano Taha Hussein fosse un memorialista e un critico, e non un autore di romanzi avvincenti. Infatti ero convinto che la narrativa di Hussein fosse istruita e “interessante”, ma non certo gradevole.

La traduttrice Mona El-Zayyat descrive L’albero della miseria, nella sua premessa, come “il primo tentativo di uno scrittore arabo di adottare lo stile occidentale di seguire la storia di una famiglia per più di una generazione”.

Il romanzo, scritto durante la seconda guerra mondiale, racconta i mutamenti sociali e nello stile di vita avvenuti in Egitto, mediante le storie di Abu Khaled, i suoi figli e i figli dei suoi figli. Condivide quindi l’impalcatura inter-generazionale del capolavoro di Naguib Mahfouz’s, La trilogia del Cairo, scritto 12 anni dopo L’albero della miseria di Hussein.

Nei libri de La trilogia del Cairo, Mahfouz segue El-Sayyid Ahmad Abdel Gawad e la sua famiglia attraverso tre generazioni. Mentre La trilogia del Cairo è maggiormente interessata alle vite dei personaggi maschi – e particolarmente a quella di Kamal – l’opera di Hussein è più interessata alle vite delle sue convincenti ed eclettiche donne.

I personaggi maschili sono quelli che sembrano darci di più nel libro: da Abu Khaled, il vecchio Sceicco, Abu Saleh, Khaled, e Selim. Ma il momento sorprendente, quello della rivelazione, è quando appaiono i personaggi femminili e siamo costretti a rivalutare ciò che abbiamo appreso dagli uomini.

Inizialmente crediamo che “l’albero della miseria” sia stato piantato nella casa di Abu Khaled per via della bruttezza di sua moglie Nefissa.  Simpatizziamo con Khaled per la sua brutta e mentalmente instabile moglie e ci fa piacere quando lo sceicco insiste affinchè divorzi e si sposi ancora.

Dopo tutto, Khaled è un uomo buono e si merita la bellezza e la felicità. La moglie di Selim, Zebeida, ci sorprende con questa sua fantasticheria, sgridandoci ad alta voce, chiedendo a suo marito (ed al lettore) quale sia il destino di Nefissa. Perchè Nefissa non merita di più?

La figlia di Nefissa deve affrontare le stesse tribolazioni della madre – anche se in contesto sociale diverso. Quando la bellissima matrigna incolpa la figlia di Nefissa di tutti i problemi della loro famiglia, del loro “albero della miseria”, la sua figlia maggiore risponde nervosamente:

“Ti giuro, madre, non lo so! Forse sono stata io a commettere un’ingiustizia a me stessa quando mi sono presa ciò che non era mio di diritto!”

L’albero della miseria non è in fin dei conti fertilizzato dalla bruttezza delle donne, ma dalle ingiustizie che noi (uomini e donne) infliggiamo loro. Il critico Raga’ al-Naqqash ha attribuito allo scrittore egiziano Nawal al Saadawi la scrittura del primo romanzo femminista in arabo oltre venti anni dopo “L’albero della miseria”. Personalmente però non esiterei a chiamare quest’ultimo un romanzo femminista.

*     *     *     *

Articolo tradotto dall’inglese, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link http://arablit.wordpress.com/2010/04/15/one-minute-review-taha-husseins-the-tree-of-misery/


...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le streghe di Lenzavacche vennero chiamate nel 1600 in Sicilia un gruppo di mogli abbandonate, spose gravide, figlie reiette o semplicemente sfuggite a situazioni di emarginazione, che si riunirono in una casa ai margini dell' abitato e iniziarono a condividere una vera esperienza comunitaria e anche letteraria. Furono però fraintese, bollate come folli, viste come corruttrici e istigatrici del demonio. Secoli dopo, durante il fascismo, una strana famiglia composta dal piccolo Felice, sua madre Rosalba e la nonna Tilde rivendica una misteriosa discendenza da quelle streghe perseguitate. Assieme al giovane maestro Mancuso si batteranno contro l'oscurantismo fascista per far valere i diritti di Felice, bambino sfortunato e vivacissimo.

Le streghe di Lenzavacche

Lo Iacono Simona

Il ventiseienne Garnet Montrose (“Mi chiamo Garnet Montrose. È un nome che sconcerta la gente… ero un gran ballerino… il nome non lega con il cognome… è un nome da donna mentre il cognome suona troppo storico”) vive Come in una tomba, nel romanzo omonimo di James Purdy...

Come in una tomba

Purdy James

Un maschio eterno, del tutto privo di moralità, molto avido, un po' vile, anche sentimentale (solo con se stesso). Sullo sfondo della Francia della Terza Repubblica, Bel-Ami è l'arrampicatore sociale per eccellenza con un'unico obiettivo: il successo e il profitto a qualunque costo

Bel-Ami

De Maupassant Guy

In un mondo alternativo terribilmente bello e malinconico, Jack Kerouac si prepara a passare nove settimane nello spazio per conto della Coca-Cola Enterprise. Marilyn Monroe fa la commessa in una libreria. Il tirannico Arthur Miller si è comprato una casa sulla cascata... Dopo un'assenza di molti anni, torna il libro culto di Tommaso Pincio. Ambientato durante gli anni Cinquanta - reinventati in modo da diventare tra i più veri e struggenti mai raccontati – “Lo spazio sfinito” è popolato dai personaggi del nostro immaginario collettivo (oltre a Kerouac, Marilyn e Miller c'è il Dean Moriarty di “Sulla strada”, e il giovane Holden...), i quali però, attraverso le loro vicende di solitudine, desiderio, amicizie infrante, cuori spezzati e vite da riscattare, si rivelano maledettamente simili a noi. Quando il libro uscì la prima volta, alcuni critici gridarono al capolavoro e solo pochi fortunati lettori fecero in tempo ad amarlo: a causa di una complicata questione editoriale, il romanzo scomparve molto presto dalle librerie. Ora è ritornato, ed è pronto a occupare il posto che merita tra i classici contemporanei della nostra narrativa.

LO SPAZIO SFINITO

Pincio Tommaso