Narrativa

L’altro lato dei sogni

Spampinato Lorena

Descrizione: Alcune storie riescono a intrecciarsi alla nascita disegnando un percorso unico che le rende complementari. È il caso di Sofia e Luca che si incontrano e non si abbandonano più. Lei vive in un mondo di violenza e sopraffazione accanto a un orco dalle mani grandi che le fa da padre. La donna che le ha dato la vita non è abbastanza forte per proteggerla, e Sofia deve riuscirci da sola. Deve cambiare la sua storia come fa con i colori dei suoi quadri, passando dalle foglie ingiallite ai boccioli appena nati. Luca custodisce il segreto di un amore dai tratti drammatici che si scontra con la realtà brutale della malattia della madre. Ma da una frase che lei gli ripeteva da bambino, troverà il coraggio di cambiare gli eventi seguendo le indicazioni di un vecchio diario di sogni e memorie. Sbattuti in una vita che non riserva loro nessun sorriso, trovano il modo di evadere dalla realtà in cui abitano. Il mondo contorto di violenza e dolore che conoscono li insegue fino alla fine, senza dare loro il tempo di prendere il respiro per un ultimo pensiero. Per un’ultima fantasia. Per un ricordo, forse. Una storia di attese e illusioni. Una storia che cresce poco alla volta, insieme ai suoi personaggi, e non si ferma di fronte a un sogno inespresso. Ma va oltre.

Categoria: Narrativa

Editore: Fanucci

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788834716946

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Non mi ero ancora imbattuta in Lorena Spampinato, giovanissima autrice classe ’90, e devo dire che L’altro lato dei sogni è una storia tenera e ben costruita.

I protagonisti li conosciamo da bambini: Sofia vive in balia di un padre-padrone burbero e violento, e Luca deve affrontare una situazione familiare altrettanto difficile per via della malattia di sua madre, che vorrebbe stargli vicino eppure spesso stenta persino a riconoscerlo…

Solo quando sono insieme, a piedi nudi sul pontile silenzioso, lontano dalle urla e dall’inevitabile senso di impotenza, Luca e Sofia riescono a ridere e sognare.

Tuttavia, come in ogni favola d’amore che si rispetti, la vita li separerà prima ancora che possano acquisire una piena consapevolezza dei propri sentimenti, facendoli crescere in luoghi diversi l’uno senza il conforto dell’altra.

Li ritroveremo dieci anni dopo, su quello stesso pontile, forse un po’ più stanchi e disincantati, ma ancora capaci di ballare sulle note di un pianoforte e di un violino col sottofondo di un coro di cicale. Perché il vero amore non ha tempo e non ha età…

L’attesa è un’emozione in bilico, esattamente a metà tra la paura e l’estasi. Cammina su un ponte eretto su un rivolo d’ansia. Un fiumiciattolo mosso da correnti nervose, inadatte a evitare quei detriti esitanti. Era un serpente violento, quell’emozione che gli strisciava in corpo. Era uno di quei momenti che bloccano le articolazioni. I muscoli. I pensieri. In cui gli occhi non fanno che fissare il vuoto, come se riuscissero realmente a scorgere un’immagine in grado di catturare il loro interesse.
Era uno di quei momenti sordi. Non c’era alcun rumore a disturbare quella quiete. E, allo stesso tempo, era impossibile sentire il silenzio“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorena

Spampinato

Libri dallo stesso autore

Intervista a Spampinato Lorena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Non ti voglio più

Così scrive Maria, la protagonista del nuovo, sorprendente romanzo di Paulo Coelho, all’inizio del suo diario. Maria è una ragazza del sertão brasiliano che, dopo aver incontrato un impresario teatrale sulla spiaggia di Rio de Janeiro, si lascia sedurre dal miraggio di una vita diversa. Trasferitasi a Ginevra, sfumato rapidamente il sogno di lavorare come ballerina di samba, la ragazza, con l’ingenuo cinismo di chi non ha ancora conosciuto il vero amore, affronterà la vita come un’avventura, cercando di conoscere il mondo e l’anima delle persone attraverso la lente dei fugaci incontri che la sua attività le impone, finché un pittore non saprà aprirle le porte di una nuova consapevolezza. Dall’autore di L’Alchimista, una sconvolgente meditazione sul sesso come strumento di conoscenza e di esplorazione di sé, un meraviglioso percorso di risveglio sensuale, emotivo e spirituale.

UNDICI MINUTI

Coelho Paulo

Venezia, 1981. Una giovane coppia, appartata su una panchina dei giardini della Biennale, a Sant'Elena, viene aggredita. Il ragazzo resta ucciso, la ragazza precipita in un silenzio al limite della follia, che rende impossibile risalire al colpevole. Alla Polizia non rimane che archiviare il caso. Venezia, oggi. Dalle acque della laguna affiora un cadavere. Si tratta di Mirco Albrizzi, immobiliarista molto conosciuto e vittima troppo illustre per passare inosservata. Se le autorità vorrebbero archiviare la faccenda come suicidio, il commissario Nicola Aldani, incaricato delle indagini, riconosce inequivocabili i segni dell'omicidio. È un caso scomodo, e a complicarlo ci si mette anche quel commissario Zennari, da tempo in pensione, che pretende aiuto per chiudere una storia ormai dimenticata, risalente a molti anni prima, l'aggressione ai giardini della Biennale... Ma nulla avviene per caso, e ben presto le due piste si confondono, le acque si intorbidano, gli indizi si inquinano... Sullo sfondo della vicenda, vivida e inconfondibile, Venezia: l'altana sul tetto, dove Aldani ama rifugiarsi; la laguna davanti alle fondamente Nove, dove il pilota del commissario fa sfrecciare il vecchio Toni, la lancia in dotazione alla Polizia; il dialetto, che risuona nelle calli e lungo i rii; le acque e le foschie, complici di misteri e custodi di verità.

Acqua morta

Catozzi Michele

Una vita ricostruita attraverso le storie d'amore. Dodici ritratti femminili, dodici donne diversissime luna dall'altra ma accomunate dal forte e immarcescibile sentimento amoroso. Frammenti di vita che si incastrano per formare un puzzle caleidoscopico il cui risultato è sicuramente un inno all'amore, al sesso, alle donne. C'è Campy, la ragazza di campagna, che ama le moto e i motociclisti. C'è Vacuy, la perfetta groupie armata di macchina fotografica per immortalare tutti i concerti. C'è Soldy, conosciuta sui social e che presto si rivela un vero e proprio incubo. Ci sono loro e c'è il protagonista. E anche un finale insolito, inaspettato, originale. È tutta finzione o è tutta verità?

Ho smesso tutto

Il Cile