Letteratura femminile

L’AMANTE

Duras Marguerite

Descrizione: Il ritratto di una famiglia francese nell'Indocina degli anni trenta e una storia d'amore fra una adolescente francese e un uomo cinese.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 1988

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Il corpo di Hélène Lagonelle è pesante, ancora innocente, la morbidezza della pelle è quella di certi frutti, quasi al di là della percezione, illusoria, sconvolgente. Hélène Lagonelle fa venire voglia di ucciderla, fa balenare il sogno meraviglioso di darle la morte con le proprie mani. Porta inconsapevolmente quelle forme di fior di farina, le esibisce per mani che le impastino, per bocche che le mordano, senza trattenerle, senza conoscerle, senza conoscerne il favoloso potere. Vorrei mordere i seni di Hélène Lagonelle, come lui morde i miei, nella camera della città cinese dove ogni giorno vado ad approfondire la conoscenza di Dio. Esser divorata da quei suoi seni di fior di farina“.

Le parole di Marguerite Duras si spalmano sulla pagina come fossero cibo da gustare. Assaporare gli attimi di erotismo tra la ragazzina “bianca” di Saigon e il suo amante cinese è quasi inevitabile. Momenti rubati alla vita e consumati nell’intimità claustrofobica di una garconnière. In quel luogo di amore e perversione si prendono i loro corpi risucchiati dal desiderio disperante, per lasciarsi sfiniti e sanguinanti.

Fuori, il rumore della città è vicino, “si strofina contro il legno delle persiane. Sembra che la gente attraversi la stanza“. Oltre quelle persiane e quegli incontri clandestini, al di là dei loro corpi, ci sono due vite tanto distanti quanto egualmente infelici, dove l’indigenza imbarazza almeno quanto la ricchezza, dove il diverso colore della pelle invita a tenere le distanze. Due mondi che si incontrano ma non si confondono, in una società dove ciascuno occupa, dalla nascita, il proprio posto.

Di fronte ad un destino che procede ineluttabile verso la fine, i due amanti consumano il loro desiderio con lentezza, rispettando un rituale di gesti e silenzi, necessari ad ingannare il tempo della loro separazione.

Guardavo quel che faceva di me, come si serviva di me, non avevo mai pensato che si potesse farlo in quel modo,andava oltre le mie aspettative, assecondava il destino del mio corpo. Così ero diventata la sua bambina. Anche per lui ero diventata qualcosa di diverso“.

Non c’è spazio per sentimentalismi, per frasi d’amore o per promesse. Non c’è tempo neppure per la sofferenza, solo pianti vani, strozzati, rabbiosi.

Marguerite Duras tratteggia il suo passato come fosse un album di scatti sbiaditi, lontani. Alcune immagini suscitano nella scrittrice ricordi vivi e dolorosi, altre appaiono volutamente più sfumate, per la paura – sembra – di essere travolta dalla violenza di emozioni riposte, superate, dimenticate. Talvolta guarda dall’esterno quella ragazzina bianca, provando compassione e tenerezza per la sua umana fragilità, incapace – nonostante le apparenze – di affrontare con distacco il suo amante, fino a piangere di rabbia “all’idea di non poter cambiare la sorte“. Quando invece il ricordo si fa vivo, ritroviamo passi di un erotismo delicato e sapiente, come nelle descrizioni dei corpi dell’amante o della compagna Hélène o quando il piacere crescente dell’orgasmo diventa un “mare, sconfinato, semplicemente incomparabile“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marguerite

Duras

Libri dallo stesso autore

Intervista a Duras Marguerite


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Genova. Una famiglia ebrea negli anni delle leggi razziali. Un figlio genio mancato, una madre delusa e rancorosa, un padre saggio ma non abbastanza determinato, un nonno bizzarro, zii incombenti, cugini che scompaiono e riappaiono. Quanto possono incidere i risvolti personali nel momento in cui è la Storia a sottoporti i suoi inesorabili dilemmi? E’ giusto cercare di restare comunque nella terra dove ti stanno perseguitando o è meglio fuggire? Se sì, dove? Ci sarà un paese realmente disposto ad accoglierti? Ma alla tragedia che muove dall’alto i fili dei diversi destini si vengono a intrecciare i dubbi, le passioni, le debolezze, gli slanci e i tradimenti dell’eterno dispiegarsi della commedia umana. Una vicenda di disperazione e coraggio realmente accaduta, ma completamente reinventata, che attraverso il filtro delle misteriose pieghe dell’anima ci riporta a un tragico recente passato.

Questa sera è già domani

levi Lia

L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina la storia di Lou, una giovane donna che vede il corso della propria vita assurdamente deviato e stravolto allorché s'imbatte per caso in un evento molto più grande di lei. Una straordinaria prova di immaginazione letteraria a partire da un fatto realmente accaduto. Coinvolta per caso in una famosa vicenda di cronaca nera, la giovane Lou si allontana velocemente dalla scena dell'incidente. Per lei all'inizio non sembrano profilarsi conseguenze gravi. Pure quando all'indomani la notizia esplode su TV e giornali per via delle vittime illustri, Lou non si sente responsabile e nessun testimone l'ha vista. Poco alla volta però i sensi di colpa l'assalgono e teme di essere rintracciata, denunciata, data in pasto alla voracità dei media, arrestata. La sua vita precipita inesorabilmente in un gorgo di paure, sospetti e rimorsi. Con un ritmo magistrale, una tensione che toglie il fiato, Laurence Cossé riesce a calare il lettore nei panni di una donna che si sente braccata e che deve quindi trasformare in maniera radicale la propria vita fino ad allora tranquilla e appagata. L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina con un'efficacia stupefacente il destino di una persona coinvolta in un "grande evento della Storia", ma che la Storia stessa, la cronaca e la polizia non sono riuscite mai a identificare.

L’incidente

Cossé Laurence

Quando fa il suo ingresso nell’aula di tribunale in cui verrà giudicata per l’omicidio del suo giovanissimo amante, Gladys Eysenach viene accolta dai mormorii di un pubblico sovreccitato, impaziente di conoscere ogni più sordido dettaglio di quello che promette di essere l’affaire più succulento di quanti il bel mondo parigino abbia visto da anni. Nel suo pallore, Gladys evoca davvero l’ombra di Jezabel, quell’ombra che nell’Athalie di Racine compare in sogno alla figlia, che così la descrive: «Non ne aveva, il dolore, smorzato la fierezza; / aveva anzi, ancora, quella finta bellezza / mantenuta con cure, con espedienti labili, / per riparar degli anni le sfide irreparabili». Sì, è ancora molto, molto bella, Gladys Eysenach: il tempo sembra averla «sfiorata come a malincuore, con mano cauta e gentile», quasi si fosse limitato ad accarezzarla teneramente, e le donne presenti nell’aula si sussurrano con invidia i nomi dei suoi innumerevoli amanti. Ma pochi giorni dopo, allorché vengono pronunciate le arringhe, tutta la sua bellezza pare averla abbandonata, e Gladys è ormai soltanto una donna vecchia e sfinita, che a mani giunte supplica i giudici di infliggerle la pena che merita. La condanna sarà lieve, invece, solo cinque anni: il movente passionale ha fatto sì che le venissero concesse le attenuanti previste dalla legge. Ma qual è la verità – quella verità che Gladys Eysenach ha cercato ad ogni costo di occultare? Qual è il vero movente dell’omicidio da lei commesso? Capace come pochi altri scrittori di scavare nel cuore femminile con implacabile, chirurgica precisione, Irène Némirovsky ci svela a poco a poco il segreto di questa donna che ha desiderato più di ogni altra cosa di sconfiggere il tempo, di rimanere immutabilmente bella, di essere amata per sempre – e che per questo è arrivata a uccidere.

Jezabel

Némirovsky Irene

Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García