Letteratura femminile

L’AMANTE

Duras Marguerite

Descrizione: Il ritratto di una famiglia francese nell'Indocina degli anni trenta e una storia d'amore fra una adolescente francese e un uomo cinese.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 1988

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Il corpo di Hélène Lagonelle è pesante, ancora innocente, la morbidezza della pelle è quella di certi frutti, quasi al di là della percezione, illusoria, sconvolgente. Hélène Lagonelle fa venire voglia di ucciderla, fa balenare il sogno meraviglioso di darle la morte con le proprie mani. Porta inconsapevolmente quelle forme di fior di farina, le esibisce per mani che le impastino, per bocche che le mordano, senza trattenerle, senza conoscerle, senza conoscerne il favoloso potere. Vorrei mordere i seni di Hélène Lagonelle, come lui morde i miei, nella camera della città cinese dove ogni giorno vado ad approfondire la conoscenza di Dio. Esser divorata da quei suoi seni di fior di farina“.

Le parole di Marguerite Duras si spalmano sulla pagina come fossero cibo da gustare. Assaporare gli attimi di erotismo tra la ragazzina “bianca” di Saigon e il suo amante cinese è quasi inevitabile. Momenti rubati alla vita e consumati nell’intimità claustrofobica di una garconnière. In quel luogo di amore e perversione si prendono i loro corpi risucchiati dal desiderio disperante, per lasciarsi sfiniti e sanguinanti.

Fuori, il rumore della città è vicino, “si strofina contro il legno delle persiane. Sembra che la gente attraversi la stanza“. Oltre quelle persiane e quegli incontri clandestini, al di là dei loro corpi, ci sono due vite tanto distanti quanto egualmente infelici, dove l’indigenza imbarazza almeno quanto la ricchezza, dove il diverso colore della pelle invita a tenere le distanze. Due mondi che si incontrano ma non si confondono, in una società dove ciascuno occupa, dalla nascita, il proprio posto.

Di fronte ad un destino che procede ineluttabile verso la fine, i due amanti consumano il loro desiderio con lentezza, rispettando un rituale di gesti e silenzi, necessari ad ingannare il tempo della loro separazione.

Guardavo quel che faceva di me, come si serviva di me, non avevo mai pensato che si potesse farlo in quel modo,andava oltre le mie aspettative, assecondava il destino del mio corpo. Così ero diventata la sua bambina. Anche per lui ero diventata qualcosa di diverso“.

Non c’è spazio per sentimentalismi, per frasi d’amore o per promesse. Non c’è tempo neppure per la sofferenza, solo pianti vani, strozzati, rabbiosi.

Marguerite Duras tratteggia il suo passato come fosse un album di scatti sbiaditi, lontani. Alcune immagini suscitano nella scrittrice ricordi vivi e dolorosi, altre appaiono volutamente più sfumate, per la paura – sembra – di essere travolta dalla violenza di emozioni riposte, superate, dimenticate. Talvolta guarda dall’esterno quella ragazzina bianca, provando compassione e tenerezza per la sua umana fragilità, incapace – nonostante le apparenze – di affrontare con distacco il suo amante, fino a piangere di rabbia “all’idea di non poter cambiare la sorte“. Quando invece il ricordo si fa vivo, ritroviamo passi di un erotismo delicato e sapiente, come nelle descrizioni dei corpi dell’amante o della compagna Hélène o quando il piacere crescente dell’orgasmo diventa un “mare, sconfinato, semplicemente incomparabile“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marguerite

Duras

Libri dallo stesso autore

Intervista a Duras Marguerite


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un’Aurora di poesia alle Parole di Lilly

Questa è una storia inedita, in parte realmente accaduta. Dal 1971 al 1989 sono state uccise a Udine e dintorni 15 donne, la maggior parte prostitute. Soltanto nel 1995, tramite un'analisi del medico legale, si è arrivati a ipotizzare che 4 di questi delitti siano stati effettuati da un'unica mano. Le vittime erano donne dimenticate dalla società, abbandonate a se stesse. Questa vicenda è rimasta sepolta per anni, perché non è facile avere a che fare con il male come vicino di casa. A guidare le operazioni di investigazione c'è Agata Est, personaggio di fantasia, che ci conduce, come fosse un moderno - e dubbioso - Virgilio, nei meandri di questo mistero irrisolto.

Femmine un giorno

Commessatti Elena

Firenze, 1497. Pico della Mirandola è morto e con lui il suo sogno di unificare le religioni monoteistiche. Restano soltanto i roghi: a bruciare beni terreni e a incendiare le coscienze è Girolamo Savonarola, che ora governa la repubblica fiorentina col ferro e con il fuoco perché il sogno di Pico soffochi e scompaia per sempre. Ed è ciò che vogliono anche i Borgia, che dal soglio papale di una Roma affogata nel vizio e nei delitti muovono oscure trame di congiura e di conquista. Il sogno di papa Alessandro VI e di Cesare, figlio prediletto e maledetto, è di rendere il papato una dinastia. E perché ciò avvenga, l’autorità della religione cristiana non può essere minata in alcun modo. Nel cuore di questi conflitti, l’erede del pensiero di Pico, Ferruccio de Mola, è costretto a combattere ancora una volta, per salvare ciò che gli è più caro: la moglie Leonora. Soltanto lui, anche contro la propria volontà, può impedire che un mondo intero crolli su se stesso. Perché dal lontano Oriente, un anziano monaco e una giovane donna hanno intrapreso un viaggio che li condurrà nel cuore della città eterna. E portano con loro anche un libro misterioso, antico e potente. Un libro che contiene una parola dimenticata, una verità da sempre nascosta con la forza. La verità dell’uomo più importante dell’intera storia umana.

L’ERETICO

Martigli Carlo A.

Tasso è un uomo con un piolo conficcato in testa, un po' lento (direbbe sua madre), ma molto sensibile alle attenzioni della signora Pilar. Anchise è disposto a pagare di tasca propria per poter continuare a suonare ogni sabato con la sua band, e scambiare quello sguardo di profondissima intesa con Diana, la bassista, prima che lei torni dal marito. E poi c'è una Polaroid che a un certo punto comincia a catturare non solo le immagini ma anche i pensieri, e una sala d'attesa in cui perdere la cognizione del tempo mentre aspetti invano che l'Assegnatore chiami il tuo numero. Insomma, questi racconti - cosi diversi fra loro e cosi inseparabili, quasi una classe scolastica eterogenea ma affiatata - sono un tripudio di fantasia e vividezza. E soprattutto irrompono sulla scena due elementi nuovissimi nella scrittura di Ligabue: la cornice surreale e la musica. La musica in tutte le sue declinazioni. La musica che, come il sesso e l'amore, sfugge fortunatamente a ogni tentativo di imbrigliarla. Perché solo nell'abbandono, nell'accettazione del mistero, nello stupore che ci afferra ogni volta come fosse la prima, possiamo sperimentare la loro - e la nostra - quotidiana spettacolare magia.

Scusate il disordine

Ligabue, Luciano