Letteratura femminile

L’AMANTE

Duras Marguerite

Descrizione: Il ritratto di una famiglia francese nell'Indocina degli anni trenta e una storia d'amore fra una adolescente francese e un uomo cinese.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 1988

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Il corpo di Hélène Lagonelle è pesante, ancora innocente, la morbidezza della pelle è quella di certi frutti, quasi al di là della percezione, illusoria, sconvolgente. Hélène Lagonelle fa venire voglia di ucciderla, fa balenare il sogno meraviglioso di darle la morte con le proprie mani. Porta inconsapevolmente quelle forme di fior di farina, le esibisce per mani che le impastino, per bocche che le mordano, senza trattenerle, senza conoscerle, senza conoscerne il favoloso potere. Vorrei mordere i seni di Hélène Lagonelle, come lui morde i miei, nella camera della città cinese dove ogni giorno vado ad approfondire la conoscenza di Dio. Esser divorata da quei suoi seni di fior di farina“.

Le parole di Marguerite Duras si spalmano sulla pagina come fossero cibo da gustare. Assaporare gli attimi di erotismo tra la ragazzina “bianca” di Saigon e il suo amante cinese è quasi inevitabile. Momenti rubati alla vita e consumati nell’intimità claustrofobica di una garconnière. In quel luogo di amore e perversione si prendono i loro corpi risucchiati dal desiderio disperante, per lasciarsi sfiniti e sanguinanti.

Fuori, il rumore della città è vicino, “si strofina contro il legno delle persiane. Sembra che la gente attraversi la stanza“. Oltre quelle persiane e quegli incontri clandestini, al di là dei loro corpi, ci sono due vite tanto distanti quanto egualmente infelici, dove l’indigenza imbarazza almeno quanto la ricchezza, dove il diverso colore della pelle invita a tenere le distanze. Due mondi che si incontrano ma non si confondono, in una società dove ciascuno occupa, dalla nascita, il proprio posto.

Di fronte ad un destino che procede ineluttabile verso la fine, i due amanti consumano il loro desiderio con lentezza, rispettando un rituale di gesti e silenzi, necessari ad ingannare il tempo della loro separazione.

Guardavo quel che faceva di me, come si serviva di me, non avevo mai pensato che si potesse farlo in quel modo,andava oltre le mie aspettative, assecondava il destino del mio corpo. Così ero diventata la sua bambina. Anche per lui ero diventata qualcosa di diverso“.

Non c’è spazio per sentimentalismi, per frasi d’amore o per promesse. Non c’è tempo neppure per la sofferenza, solo pianti vani, strozzati, rabbiosi.

Marguerite Duras tratteggia il suo passato come fosse un album di scatti sbiaditi, lontani. Alcune immagini suscitano nella scrittrice ricordi vivi e dolorosi, altre appaiono volutamente più sfumate, per la paura – sembra – di essere travolta dalla violenza di emozioni riposte, superate, dimenticate. Talvolta guarda dall’esterno quella ragazzina bianca, provando compassione e tenerezza per la sua umana fragilità, incapace – nonostante le apparenze – di affrontare con distacco il suo amante, fino a piangere di rabbia “all’idea di non poter cambiare la sorte“. Quando invece il ricordo si fa vivo, ritroviamo passi di un erotismo delicato e sapiente, come nelle descrizioni dei corpi dell’amante o della compagna Hélène o quando il piacere crescente dell’orgasmo diventa un “mare, sconfinato, semplicemente incomparabile“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marguerite

Duras

Libri dallo stesso autore

Intervista a Duras Marguerite


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'amica geniale comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità. L'autrice scava intanto nella natura complessa dell'amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo passo passo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l'Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l'andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l'autrice ci ha abituati... Non vogliamo dirvi altro per non guastare il piacere della lettura. Torniamo invece all'inizio. Dicevamo che L'amica geniale appartiene a quel genere di libro che si vorrebbe non finisse mai. E infatti non finisce. O, per dire meglio, porta compiutamente a termine in questo primo romanzo la narrazione dell'infanzia e dell'adolescenza di Lila e di Elena, ma ci lascia sulla soglia di nuovi grandi mutamenti che stanno per sconvolgere le loro vite e il loro intensissimo rapporto. Altri romanzi arriveranno nel giro di pochi mesi, per raccontarci la giovinezza, la maturità, la vecchiaia incipiente delle due amiche.

L’AMICA GENIALE

Ferrante Elena

Una rivisitazione in chiave femminile dell’antica fiaba che indaga il cannibalismo sentimentale per tentare una risposta originale e netta all’annoso quesito: che cos’è l’amore?

Barbablù

Nothomb Amélie

IL CICLISTA IMPENITENTE – di Giancarlo Pauletto

Fabio ha sei anni, due genitori e una decina di nonni. Sì, perché è l'unico bimbo della famiglia Mancini, e i tanti fratelli del suo vero nonno - uomini impetuosi e pericolosamente eccentrici - se lo contendono per trascinarlo nelle loro mille imprese, tra caccia, pesca e altre attività assai poco fanciullesche. Così Fabio cresce senza frequentare i suoi coetanei, e il primo giorno di scuola sarà per lui un concentrato di sorprese sconvolgenti: è incredibile, ma nel mondo esistono altri bambini della sua età, che hanno tanti amici e pochissimi nonni, e si divertono tra loro con giochi misteriosi dai nomi assurdi - nascondino, rubabandiera, moscacieca. Ma la scoperta più allarmante è che sulla sua famiglia grava una terribile maledizione: tutti i maschi che arrivano a quarant'anni senza sposarsi impazziscono. I suoi tanti nonni strambi sono lì a testimoniarlo. Per fortuna accanto a lui c'è anche un padre affettuoso, che non parla mai ma con le mani sa aggiustare le cose rotte del mondo. E poi la mamma, intenzionata a proteggere Fabio dalle delusioni della vita, una nonna che comanda tutti e una ragazzina molto saggia che va in giro travestita da coccinella. Una famiglia caotica e gigantesca che pare invincibile, finché qualcosa di totalmente inatteso la travolge. Giorno dopo giorno, dalle scuole elementari fino alle medie, il protagonista cerca di crescere nel precario equilibrio tra un mondo privato pieno di avventure e smisurato come l'immaginazione, e il mondo là fuori, stretto da troppe regole e dominato dalla legge del più forte...

Il mare dove non si tocca

Genovesi Fabio