Narrativa

L’AMICA GENIALE

Ferrante Elena

Descrizione: L'amica geniale comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità. L'autrice scava intanto nella natura complessa dell'amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo passo passo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l'Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l'andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l'autrice ci ha abituati... Non vogliamo dirvi altro per non guastare il piacere della lettura. Torniamo invece all'inizio. Dicevamo che L'amica geniale appartiene a quel genere di libro che si vorrebbe non finisse mai. E infatti non finisce. O, per dire meglio, porta compiutamente a termine in questo primo romanzo la narrazione dell'infanzia e dell'adolescenza di Lila e di Elena, ma ci lascia sulla soglia di nuovi grandi mutamenti che stanno per sconvolgere le loro vite e il loro intensissimo rapporto. Altri romanzi arriveranno nel giro di pochi mesi, per raccontarci la giovinezza, la maturità, la vecchiaia incipiente delle due amiche.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788866320326

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

 

L’ultimo libro di Elena Ferrante è una di quelle letture che ti avvolgono e trasportano in un’altra dimensione fin dalle prime righe. Parola dopo parola le vicende narrate travolgono l’attenzione del lettore, lo incantano, avvincono in un mondo periferico e miserabile, che non smette di sprigionare poesia da ogni pagina grazie ai pensieri fosforescenti delle due protagoniste.

Amiche da una vita, rivali e complici in ogni momento della crescita, Lila e Lenuccia raccontano un’amicizia femminile emblematica e fortissima, probabilmente consacrata dall’assoluta mancanza di stimoli e di altre frequentazioni all’altezza delle due donne al centro del romanzo.

Entrambe estremamente intelligenti e ricettive, disperatamente e al contempo inconsciamente alla ricerca della strada per liberarsi dal pantano subculturale di un piccolo rione napoletano con poche luci e con molte ombre superstiziose e oscuramente violente, le due donne attraversano tutte le fasi universali della crescita e della profonda amicizia.

Dai banchi di scuola elementare dove con frustrazione generale Lila umilia facilmente chiunque tenti di uguagliarla alla prima adolescenza, quando solo una delle due ragazze riuscirà a frequentare le scuole superiori, dalla scoperta dell’amore al rifiuto della criminalità, fino all’età adulta e alla resa dei conti di un’intera esistenza, tutte le emozioni di una vita sono raccontate con rara limpidezza e sobrietà.

La voce narrante è di una sola delle due protagoniste, eppure entrambe le figure si stagliano e delineano con sempre maggiore definizione sino alle ultime pagine, quando il lettore è portato a chiudere il romanzo per poi riaprirlo un attimo dopo, per rileggere i primi capitoli, tirare le fila della storia, riflettere e ricostruire l’evoluzione circolare della narrazione.

Un’opera davvero consigliata, sottile, profonda e intelligente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Ferrante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ferrante Elena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Convocata inaspettatamente dall’unità “Casi irrisolti” della polizia di Charlotte, la dottoressa Temperance Brennan si trova davanti a una storia che la sconvolge: due omicidi di bambini, avvenuti a migliaia di chilometri di distanza l’uno dall’altro, hanno una cosa in comune… l’assassina. Anni prima, Anique Pomerleau ha rapito e ucciso numerose ragazze in Canada, scampando per un soffio alla cattura. E' stata una sconfitta devastante per i suoi inseguitori, Brennan e il detective Ryan. E ora la più letale delle psicopatiche è riemersa dai loro incubi. Quando rapisce un altro bambino, Brennan capisce di doverla fermare a ogni costo. E accetta di inseguirla giù negli oscuri abissi della sua follia.

Le ossa non mentono

Reichs Kathy

Attraverso le avventure di Gulliver l'autore si sfogò contro una congiuntura sociale e politica dell'Inghilterra del primo Settecento e soprattutto contro l'intolleranza, la corruzione, l'avidità, l'ipocrisia della cieca fiducia nella scienza.

I viaggi di Gulliver

Swift Jonathan

La neve avvolge in una coltre silenziosa la piccola cittadina di Rumilly, nell’Alta Savoia. Due bambini corrono a perdifiato nel bianco sterminato. Per festeggiare il loro decimo compleanno hanno deciso di sfidare la proibizione paterna e intrufolarsi nella tenuta del Castello. In punta di piedi si avvicinano alla finestra e incollano il naso al vetro. Devono scoprire se quello che si racconta del padrone di casa è la realtà. E quello che vedono è ancora più sorprendete delle voci di paese. Il canarino rinchiuso nell’elegante gabbia dorata è davvero tutto blu, e dello stesso colore è il viso del suo padrone, Jean-Antoine Giobert, che vive isolato in quell’edificio in rovina, circondato da campi di Isatis Tintoria, una pianta che fornice un particolarissimo pigmento blu. Unico superstite di una famiglia massacrata durante la rivoluzione, il ricco signorotto non ha che una passione e ossessione: l’indaco. Lo studia e lo sperimenta in ogni sua sfumatura e gradazione, per poi venderla a peso d’oro. Tutta la sua esistenza è dedicata alla ricerca del blu perfetto, su cui scrive un ponderoso trattato e per la quale partecipa, vincendoli sempre, a bizzarri concorsi per la premiazione del colore più puro. Ma nei giorni che seguono a questi successi vengono scoperti efferati delitti che sono pericolosamente simili ai deliri onirici di cui Giobert è preda ormai da molte notti. Per sfuggire al dubbio scagionarsi, è costretto a intrecciare la sue ricerche con quella dell’assassino, in una spirale cupa e ipnotica. Gérard Roero di Cortanze descrive tutta la crudeltà del nostro essere interiore, fino nei meandri più nascosti e proibiti. Una vera e propria favola del male.

Il colore della paura

Cortanze Gérard Roero di

Ostaggi – 8 aprile 2017, ore 20:45, al Nuovo Teatro Ariberto di Milano