Letteratura tedesca

L’amico ritrovato

Uhlman Fred

Descrizione: Due ragazzi sedicenni frequentano la stessa scuola esclusiva. L'uno è figlio di un medico ebreo, l'altro è di ricca famiglia aristocratica. Tra loro nasce un'amicizia del cuore, un'intesa perfetta e magica. Un anno dopo, il loro legame è spezzato. Questo accade in Germania, nel 1933... Racconto di straordinaria finezza e suggestione, L'amico ritrovato è apparso nel 1971 negli Stati Uniti ed è poi stato pubblicato in Inghilterra, Francia, Olanda, Svezia, Norvegia, Danimarca, Spagna, Germania, Israele, Portogallo. Ovunque lo stesso entusiasmo della critica. "Un'opera letteraria rara", l'ha definito George Steiner sul New Yorker, "Un capolavoro", ha scritto Arthur Koestler nell'introduzione all'edizione inglese del 1976. "Un libro che assilla la memoria... una gemma", "Un racconto magistrale", hanno fatto eco The Sunday Express e The Financial Times di Londra. E infine Le Monde di Parigi: "Uno dei testi più densi e più puri sugli anni del nazismo in Germania... Tra i romanzi più belli che si possano raccomandare ai lettori, dai dodici anni in su. Senza esitazione."

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 1998

ISBN: 9788807810541

Recensito da Alessandra Voto

Le Vostre recensioni

Stoccarda. Germania, 1933. In un clima di crescente tensione politica, di boicottaggi ed abusi nei confronti della popolazione di origine ebraica, Konradin von Hohenfels e Hans Schwarz fanno amicizia tra i banchi di scuola. Il primo, Konradin, proviene da una ricca famiglia aristocratica; mentre Hans è un ragazzo di origini ebraiche. Dapprima i due, impacciati ed incerti, non parlano molto fra loro, ma si osservano con curiosità. In un secondo momento i due sedicenni iniziano a scambiarsi opinioni su vari argomenti e passioni comuni.

Da una semplice collezione di monete nascerà un forte legame tra i due ragazzi, noncuranti del fatto che fuori dalle mura scolastiche le leggi razziali e l’antisemitismo stanno devastando un intero Paese.

Hans e Konradin scopriranno di avere molte cose in comune: la passione per i libri e la lettura, l’amore per l’arte e per la poesia. La loro amicizia si fa sempre più forte e sincera. Arriva così il momento in cui i due decidono di invitarsi reciprocamente a casa per studiare e giocare insieme fuori dall’ambito scolastico. Hans invita più volte l’amico a casa e spera un giorno di venire a sua volta invitato a casa di Konradin, ma questo invito tarda ad arrivare. Solo più tardi Hans capirà che la ragione sta nel fatto che i genitori di Konradin odiano gli ebrei. Il rapporto tra i due ragazzi andrà inevitabilmente ad incrinarsi. Ma il loro legame, ben più forte di leggi ed ingiurie, non andrà mai a rompersi definitivamente.

Questo libricino che si legge in poche ore ha tanto, anzi tantissimo da dare e da insegnare; fa parte di quella categoria di libri che ti rimangono nel cuore per il forte e chiaro messaggio che racchiudono. E’ un libro che fa riflettere su un periodo storico importante, sulle differenze, sul rispetto dell’altro. I due protagonisti nella loro ingenuità dovuta alla giovane età danno vita a qualcosa di grande: l’amicizia, una delle esperienze più preziose della vita, sebbene si porteranno dietro per sempre il segno di “ferite” impossibili da rimarginare.

L’amico ritrovato” è un classico della letteratura per ragazzi ma non solo. Si tratta infatti di un libro da leggere (e rileggere) ad ogni età, universale, ricco di spunti di riflessione. In ciascuna riga è condensato un insegnamento importante.

Forse non tutti sanno che “L’amico ritrovato“, scritto dall’autore tedesco Fred Uhlman, fa parte di una trilogia. Gli altri due libri sono : “Un’anima non vile” e “Niente resurrezioni, per favore

Frase tratta dal libro (incipit):

Entrò nella mia vita nel febbraio del 1932 per non uscirne più. Da allora è passato più di un quarto di secolo, più di novemila giorni tediosi e senza scopo, che l’assenza della speranza ha reso tutti ugualmente vuoti – giorni e anni, molti dei quali morti come le foglie secche su un albero inaridito.
Ricordo il giorno e l’ora in cui il mio sguardo si posò per la prima volta sul ragazzo che doveva diventare la fonte della mia più grande felicità e della mia più totale disperazione.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fred

Uhlman

Libri dallo stesso autore

Intervista a Uhlman Fred


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dove fanno il nido i ragni? L'unico a saperlo è Pin, che ha dieci anni, è orfano di entrambi i genitori e conosce molto bene la radura nei boschi in cui si rifugiano i piccoli insetti. È lo stesso posto in cui si rifugia lui, per stare lontano dalla guerra e dallo sbando in cui si ritrova il suo piccolo paese tra le colline della Liguria, dopo l'8 settembre 1943. Ma nessuno può davvero sfuggire a ciò che sta succedendo qui e nel resto d'Italia. Neppure Pin. Ben presto viene coinvolto nella Resistenza e nelle lotte dei partigiani, sempre alla ricerca di un grande amico che sia diverso da tutte le altre persone che ha conosciuto. Ma esisterà davvero qualcuno a cui rivelare il suo segreto? Il romanzo che ha segnato l'esordio di Italo Calvino, in edizione illustrata da Gianni De Conno. Età di lettura: da 13 anni.

Il sentiero dei nidi di ragno

Calvino Italo

Nell’anno del Signore 1364, stritolata dal terribile morbo della Peste Nera, l’intera Europa appare come una landa desolata: una terra senza speranza in cui, simili agli spettri, si aggirano i corpi scheletrici di chi è sopravvissuto alla catastrofe. In questo regno di fame e paura, dove il prossimo non è altro che un nemico da tenere a bada con la forza delle armi, il terrore è tenuto vivo da storie che parlano di streghe e di demoni, creature malvagie sempre pronte a gettarsi sui vivi per consegnare nuove anime al mondo dei dannati. Hegel e Manfried Grossbart, però, non temono nessuna maledizione. E, convinti di godere della protezione della Vergine Maria a cui sono devoti, sbarcano il lunario svaligiando cimiteri. Guai a chi, per troppo coraggio o semplice ignavia, dovesse incrociare la strada dei due ladri di tombe. Fedeli a un solo desiderio – raggiungere l’Egitto per depredare le necropoli dei faraoni – Manfried ed Hegel, oltre che ladri, sono anche assassini senza scrupoli. I protagonisti di un viaggio che, in un romanzo in bilico tra il folklore dei fratelli Grimm e la vena dissacrante di Quentin Tarantino, saprà parlare di fattucchiere passionali e di morti viventi, di crociate e di eresie, di mostri assetati di sangue e di preti reietti. Un medioevo spaventoso ma vivo, in grado di trascinare il lettore in una storia dove i colpi di scena rappresentano la regola e i lati oscuri delle antiche leggende escono dai libri per impossessarsi della realtà.

La banda del cimitero

Bullington Jesse

Tre racconti, una sola storia. 1944. I nazisti occupano Parigi. Edifici crollati, i corpi delle vittime campeggiano come vessilli nei luoghi degli scontri. Fame, disperazione e rassegnazione riempiono gli animi avviliti dei parigini. Ma c'è ancora speranza nei cuori di chi non si è mai arreso, di chi combatte, di chi ogni giorno ravviva la fiamma del ricordo e di una promessa. C'è bisogno di lotta nel cuore di Vincent, che ha perso tutto ma vuole difendere il futuro di sua figlia. C'è entusiasmo, voglia di vivere e di riconquistare la libertà, nei cuori di un gruppo di operai che non sanno nulla di guerra, di odio, di armi, ma scelgono di ribellarsi al nazismo e di riscrivere il finale ad una insulsa pagina di storia, per la loro città occupata.

La gatta che suonava il piano

Nicodemo Nicola

Il romanzo è ambientato in Germania, nella Foresta Nera. Da qui il titolo, “Darkland”, terra oscura, ovvero la Foresta Nera, ma al tempo stesso la Germania. Karl Jerzyck, un professore di criminologia di Monaco, scopre casualmente delle ossa in un bosco vicino a Karlsruhe. I resti appartengono a delle persone scomparse 25 anni prima in circostanze mai chiarite. Il criminologo e Arno Schulze, l’ispettore della Kripo che aveva seguito il caso all’epoca, riprendono a indagare. Nel corso delle indagini, i due protagonisti si trovano coinvolti nelle trame di gruppi neonazisti collegati a sette esoteriche e occulte. Un viaggio che il riporterà indietro nel tempo. Un viaggio che li riporterà ai campi di sterminio nazisti. La ripresa delle indagini coincide con una serie di nuove sparizioni, questa volta a Friburgo. Perché sono riprese? Cosa sta succedendo nella Foresta Nera? Perché è stata scelta proprio questa zona della Germania? Jerzyck e Schulze scopriranno che qualcuno ha deciso di riprendere gli esperimenti mai conclusi ad Auschwitz da Joseph Mengele, l’angelo della morte. A che scopo? Perché il mondo del neonazismo è in fermento? Chi c’è veramente dietro gli omicidi? Per arrivare a capirlo dovranno richiedere l’aiuto del Bundesverfassungschutz, i servizi segreti. E cosa dovrà essere annunciato di sconvolgente dai neonazisti il 30 aprile del 2015, in occasione del 70° anniversario della morte di Adolf Hitler?

Darkland

Grugni Paolo