Letteratura colombiana

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García

Descrizione: Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

Categoria: Letteratura colombiana

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788804543152

Recensito da Ornella Lodin

Le Vostre recensioni

Quanto sareste disposti ad aspettare l’amore della vostra vita?

Florentino Ariza ha aspettato per ben cinquantuno anni, nove mesi e quattro giorni la sua Fermina Daza.

Partendo da un incipit che devia il lettore, lasciando pensare a uno sviluppo diverso, con lo scorrere delle pagine diventiamo spettatori di una storia d’amore ambientata a cavallo tra ‘800 e ‘900 nei Caraibi.

Le atmosfere sono nitide e palpabili come il caldo appiccicoso che tormenta i protagonisti nei loro abiti alla moda o desuete palandrane.

I nomi dei personaggi sembrano rievocare la loro indole. Troviamo così il goffo e anacronistico Florentino Ariza, esile come un fuscello e produttore compulsivo di febbrili lettere d’amore per la sua fiamma di una vita: Fermina Daza. Fermina, che arriva poco più che adolescente in città, con un padre arricchitosi con chissà quali commerci e affidata alle cure della zia Escolàstica, con la sua andatura da cerva (che conserverà altera sino ad età avanzata) rivela un carattere deciso e risoluto. Decisa a battersi per il suo amore adolescenziale per Florentino. Con la stessa risolutezza, dopo 6 anni di amore epistolare e platonico, le basterà uno sguardo per rifiutarlo con asprezza e cancellarlo dalla propria vita.

Fermina si unirà in matrimonio al Dottor Juvenal Urbino. All’inizio non sarà nè un matrimonio d’amore nè di interessi. Fermina sa che a 21 anni una donna deve sposarsi. E così è.

Florentino non si da per vinto. Il giorno in cui viene a conoscenza dell’imminente matrimonio di Fermina, promette a sè stesso che farà di tutto per farsi una posizione e rendersi così un uomo degno per la sua donna, alla morte – che spera imminente – del suo rivale.

Ma si può aspettare una persona per cinquantuno anni, nove mesi e quattro giorni? Florentino lo farà a modo suo. Con una pazienza longeva amerà altre donne, sebbene non nel modo in cui idolatra Fermina. Non si priverà di nessuna avventura, avrà relazioni con donne più anziane e poi più giovani di lui. Fino a quel fatale giorno in cui si presenterà in casa di Fermina.

L’amore ha età? Può nascere un amore dove un’unione d’amore non c’è? L’amore che nasce dal vivere insieme, dal conoscersi giorno dopo giorno nelle abitudini?

Un amore può essere così intenso da resistere e risvegliarsi dopo più di mezzo secolo? O l’amore è solo un sentimento legato alla gioventù e risulta sconveniente in età matura?

Tra le pagine di questo romanzo, Márquez prova a spiegarlo in modo così naturale da creare poesia…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

García

Gabriel

Márquez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Márquez Gabriel García


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Vuoi sposarmi?" Abby non ha dubbi: è Travis l'uomo che vuole accanto a sé per tutta la vita. Lui è l'unico in grado di leggerle dentro, l'unico a conoscere cosa si nasconde nella sua anima. "Sì". La risposta di Travis arriva direttamente dal suo cuore. Quel cuore che ha cercato di proteggere dall'amore per tanto tempo costruendo intorno delle barriere. Fino all'arrivo di Abby a cui è bastato uno sguardo per sciogliere quella corazza. Qualcosa di speciale li unisce. Ma lei sa bene che i guai non sono mai troppo lontani con un ragazzo come Travis nei paraggi. Per questo hanno davanti una sola scelta per realizzare il loro sogno: volare a Las Vegas. Quando il fatidico momento si avvicina Abby e Travis inaspettatamente sono nervosi. I loro dubbi si risvegliano all'improvviso: hanno diciannove anni e si conoscono da pochi mesi. E soprattutto lui è il ragazzo sbagliato per eccellenza e lei una ragazza in fuga da sé stessa e da un segreto difficile da confessare. Eppure davanti all'altare, mano nella mano, occhi negli occhi, non c'è più nulla da temere. Ci sono solamente loro e tutto quello che li ha portati fin lì: quella scommessa da cui ogni cosa è cominciata, i tentativi di stare lontani l'uno dall'altro, il primo infinito bacio, le promesse disattese, la scoperta di essere perdutamente innamorati. Finalmente sono marito e moglie, per sempre. Sono una cosa sola. Ma ora che il passato tormentato di Travis arriva a chiedere il conto, insieme sanno come affrontarlo.

Un disastro è per sempre

McGuire Jamie

Una raccolta di poesie per addentrarsi nel roveto dell'esistenza contemporanea, laddove le certezze sono barbagli, riflessi impalpabili e ingannatori ai quali non è più possibile credere. La metafora della vita come viaggio, pur solida nella propria tradizione plurimillenaria, scricchiola qui sotto il peso del nonsenso odierno. Partire, restare, ostinarsi nel cammino sono forse cose vane; persino l'amore è defraudato dell'assoluto, è un soffione raggiunto dal vento e privato dei semi, una ruota impazzita che si incaglia tra i sassi e che non sa fermarsi. Ivanoe Privitera porta alle estreme conseguenze la lirica del secolo appena trascorso, rivelandosi attento osservatore dei nostri giorni e raffinato cantore del sentimento. Ed ecco che la muraglia di montaliana memoria si fa profilo seghettato di montagne che restituisce avaro l'eco di un vuoto esistenziale incolmabile, il passato è uno spettro di cui si perdono i contorni, il futuro un intrico di frasche che serra i polsi e nel quale ci ostiniamo a cercare il germoglio nuovo e fruttifero: anche il tempo, ormai crocifisso alla propria relatività, è pura illusione. Ma qualcosa è ancora possibile salvare: l'abbraccio di un fratello, la voglia del ritorno e l'ostinata guerra di ognuno di noi contro la solitudine; addirittura la morte, sempre uguale a se stessa, placida e rassicurante nella propria assolutezza.

L’istante violento

Privitera Ivanoe

Pierluigi Cappello

Il tenente dei lancieri

Rovetta Gerolamo