Letteratura colombiana

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García

Descrizione: Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

Categoria: Letteratura colombiana

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788804543152

Recensito da Ornella Lodin

Le Vostre recensioni

L’amore ai tempi del colera di Gabriel Garcia Marquez
Quanto sareste disposti ad aspettare l’amore della vostra vita?

Florentino Ariza ha aspettato per ben cinquantuno anni, nove mesi e quattro giorni la sua Fermina Daza.

Partendo da un incipit che devia il lettore, lasciando pensare a uno sviluppo diverso, con lo scorrere delle pagine diventiamo spettatori di una storia d’amore ambientata a cavallo tra ‘800 e ‘900 nei Caraibi.

Le atmosfere sono nitide e palpabili come il caldo appiccicoso che tormenta i protagonisti nei loro abiti alla moda o desuete palandrane.

I nomi dei personaggi sembrano rievocare la loro indole. Troviamo così il goffo e anacronistico Florentino Ariza, esile come un fuscello e produttore compulsivo di febbrili lettere d’amore per la sua fiamma di una vita: Fermina Daza. Fermina, che arriva poco più che adolescente in città, con un padre arricchitosi con chissà quali commerci e affidata alle cure della zia Escolàstica, con la sua andatura da cerva (che conserverà altera sino ad età avanzata) rivela un carattere deciso e risoluto. Decisa a battersi per il suo amore adolescenziale per Florentino. Con la stessa risolutezza, dopo 6 anni di amore epistolare e platonico, le basterà uno sguardo per rifiutarlo con asprezza e cancellarlo dalla propria vita.

Fermina si unirà in matrimonio al Dottor Juvenal Urbino. All’inizio non sarà nè un matrimonio d’amore nè di interessi. Fermina sa che a 21 anni una donna deve sposarsi. E così è.

Florentino non si da per vinto. Il giorno in cui viene a conoscenza dell’imminente matrimonio di Fermina, promette a sè stesso che farà di tutto per farsi una posizione e rendersi così un uomo degno per la sua donna, alla morte – che spera imminente – del suo rivale.

Ma si può aspettare una persona per cinquantuno anni, nove mesi e quattro giorni? Florentino lo farà a modo suo. Con una pazienza longeva amerà altre donne, sebbene non nel modo in cui idolatra Fermina. Non si priverà di nessuna avventura, avrà relazioni con donne più anziane e poi più giovani di lui. Fino a quel fatale giorno in cui si presenterà in casa di Fermina.

L’amore ha età? Può nascere un amore dove un’unione d’amore non c’è? L’amore che nasce dal vivere insieme, dal conoscersi giorno dopo giorno nelle abitudini?

Un amore può essere così intenso da resistere e risvegliarsi dopo più di mezzo secolo? O l’amore è solo un sentimento legato alla gioventù e risulta sconveniente in età matura?

Tra le pagine di questo romanzo, Márquez prova a spiegarlo in modo così naturale da creare poesia…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

García

Gabriel

Márquez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Márquez Gabriel García


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Cosa si mangiava nel Medioevo? E perché? Cosa è rimasto di tutto ciò nell'alimentazione di oggi? La storia del cibo è una storia affascinante perché, come quella del pensiero, ricca di scoperte e di imprese anonime, ma non per questo meno importanti. Dall'alimentazione romana alla corale conversione del mondo mediterraneo verso la carne, si rende in questo libro pian piano evidente come gli uomini si adattino spesso e con rapidità a cambiare i loro gusti. Una curiosa e interessante vicenda collettiva che ci trascina fino ad approdare al Medioevo,tra gusti, odori e aspetti del cibo e dell'umanità sempre diversi.

Alighieri passatemi il sale

Pischedda Anna

In una Istanbul labirintica e malinconica, un giovane avvocato scopre improvvisamente che la moglie è svanita nel nulla. Anche il fratellastro di lei, un celebre giornalista, è introvabile. Inizia così un giallo filosofico che porterà l'improvvisato detective a scoprire ciò che non avrebbe mai voluto sapere.

IL LIBRO NERO

Pamuk Ohran

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria

Se l'amore coniugale è il sofferto resoconto di una fedeltà impossibile, "il disprezzo" muove invece da una condizione apparentemente positiva, da una fedeltà matrimoniale quale è prevista dalle moderne istituzione borghesi. Pubblicato per la prima volta nel 1945, questo romanzo costituisce una tappa fondamentale del viaggio di Moravia attraverso le istituzioni borghesi e il loro scacco. Protagonista è uno scrittore di sceneggiature i cui primi rapporti con la moglie si illuminano e si complicano a contatto con il mondo della produzione cinematografica, della carriera e del successo. A differenza de L'amore coniugale che racconta la storia di un tradimento, Il disprezzo muove da un lato positivo, un caso di fedeltà matrimoniale, per chiarirne tutta la natura di illusione, di reale sconfitta e di profonda, modernissima contraddizione.

Il disprezzo

Moravia Alberto