Letteratura colombiana

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García

Descrizione: Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

Categoria: Letteratura colombiana

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788804543152

Recensito da Ornella Lodin

Le Vostre recensioni

L’amore ai tempi del colera di Gabriel Garcia Marquez
Quanto sareste disposti ad aspettare l’amore della vostra vita?

Florentino Ariza ha aspettato per ben cinquantuno anni, nove mesi e quattro giorni la sua Fermina Daza.

Partendo da un incipit che devia il lettore, lasciando pensare a uno sviluppo diverso, con lo scorrere delle pagine diventiamo spettatori di una storia d’amore ambientata a cavallo tra ‘800 e ‘900 nei Caraibi.

Le atmosfere sono nitide e palpabili come il caldo appiccicoso che tormenta i protagonisti nei loro abiti alla moda o desuete palandrane.

I nomi dei personaggi sembrano rievocare la loro indole. Troviamo così il goffo e anacronistico Florentino Ariza, esile come un fuscello e produttore compulsivo di febbrili lettere d’amore per la sua fiamma di una vita: Fermina Daza. Fermina, che arriva poco più che adolescente in città, con un padre arricchitosi con chissà quali commerci e affidata alle cure della zia Escolàstica, con la sua andatura da cerva (che conserverà altera sino ad età avanzata) rivela un carattere deciso e risoluto. Decisa a battersi per il suo amore adolescenziale per Florentino. Con la stessa risolutezza, dopo 6 anni di amore epistolare e platonico, le basterà uno sguardo per rifiutarlo con asprezza e cancellarlo dalla propria vita.

Fermina si unirà in matrimonio al Dottor Juvenal Urbino. All’inizio non sarà nè un matrimonio d’amore nè di interessi. Fermina sa che a 21 anni una donna deve sposarsi. E così è.

Florentino non si da per vinto. Il giorno in cui viene a conoscenza dell’imminente matrimonio di Fermina, promette a sè stesso che farà di tutto per farsi una posizione e rendersi così un uomo degno per la sua donna, alla morte – che spera imminente – del suo rivale.

Ma si può aspettare una persona per cinquantuno anni, nove mesi e quattro giorni? Florentino lo farà a modo suo. Con una pazienza longeva amerà altre donne, sebbene non nel modo in cui idolatra Fermina. Non si priverà di nessuna avventura, avrà relazioni con donne più anziane e poi più giovani di lui. Fino a quel fatale giorno in cui si presenterà in casa di Fermina.

L’amore ha età? Può nascere un amore dove un’unione d’amore non c’è? L’amore che nasce dal vivere insieme, dal conoscersi giorno dopo giorno nelle abitudini?

Un amore può essere così intenso da resistere e risvegliarsi dopo più di mezzo secolo? O l’amore è solo un sentimento legato alla gioventù e risulta sconveniente in età matura?

Tra le pagine di questo romanzo, Márquez prova a spiegarlo in modo così naturale da creare poesia…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

García

Gabriel

Márquez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Márquez Gabriel García

L’UOMO CHE SMISE DI FUMARE

Wodehouse Pelham G.

Firenze, viale dei Colli. Il ricco e potente imprenditore Alfonso Nassi è stato ucciso per un trauma da corpo contundente. Sulla scena del crimine tutto è in per fetto ordine, non ci sono segni di effrazione né di colluttazione: solo il cadavere, rannicchiato in una posa contorta, sembra in contrasto con l'impeccabile arredamento. A indagare sull'omicidio viene chiamata Valeria Bardi, stimata profiler a capo della Squadra Mobile di Firenze: per tutti la "commissaria". Tra interrogatori e alibi da confermare, un inaspettato ritrovamento: il diario di Stefano, da sempre innamorato di Tea, ex moglie della vittima. Ma servirà molto di più alla tenace commissaria per rimettere ordine in questo angolo di mondo sporcato da delitti e vizi inconfessabili.

L’ordine imperfetto

Grossi Maria Letizia

Cartongesso è un'invettiva viscerale e drammatica contro il Veneto attuale e contro un intero paese, l'Italia tutta. Michele Tessari è un avvocato che avvocato non vuole essere, ex necroforo, affetto da un disturbo bipolare, intrappolato nella vita come una cavia isterica ma consenziente, persino complice. Un "complice debole" del mondo in cui è immerso. Il disfacimento della sua terra si rispecchia in quello della sua esistenza, inquinata da un odio "che cammina come l'infezione, dalle caviglie alla bocca", dove si trasforma in grido. Un grido che investe la classe politica, le carceri, la giustizia, il sistema universitario, giù giù fino ai singoli individui, fino al narratore stesso, imbibito degli stessi mali contro cui si scaglia. Non c'è consolazione in queste pagine, nessuna catarsi: solo letteratura. E, in letteratura, "coraggio" è soprattutto raccontare la verità.

Cartongesso di Francesco Maino

Maino Francesco

Toscana, 1911. Adolfo, il folle, il dongiovanni, il cadetto di una nobile famiglia rispettosa delle regole e amante del buon cibo. Ed è proprio dai manicaretti che cucina Finimola, la cuoca di famiglia, e dalla sua corpulenta avvenenza, che inizia la saga dei Martigli. Dalla guerra di Libia, agli amori, dai matrimoni alle piccole pazzie quotidiane, gli episodi familiari si snodano leggeri e profondi conditi dai sapori di una terra sanguigna, vivace e saporita come i suoi personaggi. Adolfo, il cui nome significa "nobile lupo", conduce le danze, più da pecora nera che da capo branco, trascinando in un vortice da tragicommedia perfino i suoi discendenti, come l'autore del romanzo, che porta nascostamente il suo stesso nome.

La follia di Adolfo

Martigli Carlo A.