Letteratura colombiana

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García

Descrizione: Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

Categoria: Letteratura colombiana

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2005

ISBN: 9788804543152

Recensito da Ornella Lodin

Le Vostre recensioni

L’amore ai tempi del colera di Gabriel Garcia Marquez
Quanto sareste disposti ad aspettare l’amore della vostra vita?

Florentino Ariza ha aspettato per ben cinquantuno anni, nove mesi e quattro giorni la sua Fermina Daza.

Partendo da un incipit che devia il lettore, lasciando pensare a uno sviluppo diverso, con lo scorrere delle pagine diventiamo spettatori di una storia d’amore ambientata a cavallo tra ‘800 e ‘900 nei Caraibi.

Le atmosfere sono nitide e palpabili come il caldo appiccicoso che tormenta i protagonisti nei loro abiti alla moda o desuete palandrane.

I nomi dei personaggi sembrano rievocare la loro indole. Troviamo così il goffo e anacronistico Florentino Ariza, esile come un fuscello e produttore compulsivo di febbrili lettere d’amore per la sua fiamma di una vita: Fermina Daza. Fermina, che arriva poco più che adolescente in città, con un padre arricchitosi con chissà quali commerci e affidata alle cure della zia Escolàstica, con la sua andatura da cerva (che conserverà altera sino ad età avanzata) rivela un carattere deciso e risoluto. Decisa a battersi per il suo amore adolescenziale per Florentino. Con la stessa risolutezza, dopo 6 anni di amore epistolare e platonico, le basterà uno sguardo per rifiutarlo con asprezza e cancellarlo dalla propria vita.

Fermina si unirà in matrimonio al Dottor Juvenal Urbino. All’inizio non sarà nè un matrimonio d’amore nè di interessi. Fermina sa che a 21 anni una donna deve sposarsi. E così è.

Florentino non si da per vinto. Il giorno in cui viene a conoscenza dell’imminente matrimonio di Fermina, promette a sè stesso che farà di tutto per farsi una posizione e rendersi così un uomo degno per la sua donna, alla morte – che spera imminente – del suo rivale.

Ma si può aspettare una persona per cinquantuno anni, nove mesi e quattro giorni? Florentino lo farà a modo suo. Con una pazienza longeva amerà altre donne, sebbene non nel modo in cui idolatra Fermina. Non si priverà di nessuna avventura, avrà relazioni con donne più anziane e poi più giovani di lui. Fino a quel fatale giorno in cui si presenterà in casa di Fermina.

L’amore ha età? Può nascere un amore dove un’unione d’amore non c’è? L’amore che nasce dal vivere insieme, dal conoscersi giorno dopo giorno nelle abitudini?

Un amore può essere così intenso da resistere e risvegliarsi dopo più di mezzo secolo? O l’amore è solo un sentimento legato alla gioventù e risulta sconveniente in età matura?

Tra le pagine di questo romanzo, Márquez prova a spiegarlo in modo così naturale da creare poesia…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

García

Gabriel

Márquez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Márquez Gabriel García


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La rivoluzione del prosciutto

Un amore che scompare, silenzioso come la nebbia sul lago di Léman, un'avventura umana che si accende come il sole che albeggia sul deserto del Wadi Rum. Un ingegnere nucleare che perde la strada e una guida giordana che la ritrova. Un protagonista che si muove fra le diverse latitudini del sentimento umano, alla ricerca di qualcosa che ha perso e forse vale la pena ritrovare. Sul filo teso tra prologo ed epilogo - due storie di devozione che non potrebbero essere più diverse - un intrico di sante, vergini, serpi e cani. Sogni, ricordi e racconti evocano le tragedie del secolo passato e di quello presente, tragedie che né un lago né un deserto possono davvero contenere.

La sabbia di Léman

Sorrentino Carmine

«Un Julien Sorel all’epoca della crisi»: così venne presentato, alla sua comparsa nelle librerie francesi, il protagonista di questo romanzo. Come l’eroe di Stendhal, Jean-Luc Daguerne non ha che un desiderio: «afferrare il mondo a piene mani», diventare uno di quelli che gestiscono il potere e gli affari. Per riuscirci accetterà di essere umiliato, di mentire, di adulare, di fare il doppio gioco, e persino di tradire il suo unico vero amico. Fino al giorno in cui ritroverà dentro di sé, con stupore e sgomento, «quel desiderio di tenerezza, quel disperato bisogno di amore» che per anni ha dovuto negare e soffocare. Allora cercherà, con una sorta di furioso accanimento, di farsi amare dalla sola donna tra le cui braccia abbia sentito riemergere la propria fragilità di bambino, e si chiederà che senso abbia avuto quella lotta convulsa, rabbiosa, per sottrarsi a un destino di miseria, per intrufolarsi negli ambienti giusti, per avere in mano le carte vincenti. Alla fine, il patto faustiano si rivela una beffa: «Il successo, quando è lontano, ha la bellezza del sogno, ma non appena si trasferisce su un piano di realtà appare sordido e meschino».

La preda

Némirovsky Irène

Reykjavik, estate 1976. L'agente Erlendur, ventottenne, presta servizio nella polizia stradale e passa le notti di pattuglia. La routine è sempre la stessa: incidenti stradali, piccoli furti, schiamazzi davanti ai locali, risse tra barboni. Ed è proprio in queste notti di lavoro che nel giovane Erlendur inizia a delinearsi l'interesse per le persone scomparse, per chi misteriosamente viene inghiottito dal nulla. Poi una notte, un caso diverso: alcuni ragazzini trovano il corpo senza vita di un barbone, annegato nelle acque basse di un canale. Erlendur è il primo a presentarsi sul posto e riconosce nel senzatetto una sua vecchia conoscenza, Hannibal, che aveva incontrato più volte durante i giri di pattuglia in centro e che l'aveva particolarmente colpito per la profonda disperazione. Ma quella stessa notte scompare anche una donna dei quartieri alti, una giovane moglie infelice. Due casi assolutamente diversi, senza nessun punto di contatto, se non per la cocciutaggine di Erlendur che inizia una sua indagine privata...

Le notti di Reykjavik

Indridason Arnaldur